TELEFILM - Ridere in tv

Chuck, Greek, My Name is Earl, Big Bang Theory si allunga la lista di comedy in televisione in questa calda estate... Ma dove sta andando la risata in tv? Come e dove si ride nei telefilm? Scopriamolo insieme... A cura di TelefilmMagazine

2 uomini e mezzodi Giorgio Baracco

 

Responsabile di Rete: Dunque di che cosa parla il telefilm?

Creatore: Di una famiglia normale, c'è un medico con una moglie avvocato e cinque bellissimi figli.

Responsabile di Rete: La moglie è tipo la governatrice dell'Alaska o qualcosa del genere?

Creatore: In realtà no, è uno show completamente apolitico che parla di una normale, dolce famiglia che ha a che fare con i problemi di ogni giorno...

Responsabile di Rete: Ma almeno una delle figlie teenager rimane incinta?

Creatore: No, nulla di così serio: si parla di quello che fanno i ragazzi a scuola, di come si vestono e così via. Ma è tutto molto, molto divertente.

Responsabile di Rete: Divertente? Spero tu stia scherzando...

 

Quello che avete appena letto è tratto da un articolo comparso alcune settimane fa su Variety dove uno dei giornalisti di spicco della rivista, Brian Lowry, provava ad immaginare cosa accadrebbe se i creatori de I Robinson, il programma televisivo più visto degli anni '80 non proprio “pizza e fichi”, proponessero oggi la stessa idea agli attuali direttori di rete (che, per inciso, con tutta probabilità, sono cresciuti guardando I Robinson). Il risultato? Un dialogo tra sordi. Le cronache di una famiglia tradizionale non interessano più. La normalità non paga.

E' vero sono passati venticinque anni, una generazione a conti fatti, è caduto il Muro di Berlino, sono crollate le Torri Gemelle, Internet e i cellulari sono diventati parte integrante della nostra vita, ma nulla di tutto questo può eguagliare la profondità dei cambiamenti che hanno investito il panorama televisivo. Soprattutto se consideriamo il mondo delle risate a puntate: se un tempo per far ridere bastava un salotto ed una famiglia come tante (al massimo quella “allargata” e “di fatto” di Friends), adesso le cose si sono fatte decisamente più complicate. Se prima bastavano infatti le traversie amorose di un Ross o il conflitto intergenerazionale tra lo yuppie in erba Michael J. Fox e il padre (ex) hippie per scatenare le risate, ora ci vogliono eterni Peter Pan come JD di Scrubs, ex farabutti in cerca di redenzione come Earl, capiufficio del “calibro” di Michael Scott di The Office o nerd-spie, o spie-nerd come preferite, come Chuck... (senza contare il fecondissimo filone delle sitcom animate che dai Simpson ad American Dad passando per I Griffin ha sdoganato sul I Robinsontubo catodico un certo tipo di umorismo fuori di testa e politicamente scorretto). Personaggi più complessi, più tridimensionali si potrebbe anche dire, hanno significato trame più elaborate con l'abbandono delle puntate autoconclusive tipiche della situation comedy in favore di una trama orizzontale più complessa e corposa. Modifiche anche per lo stile di regia che in molti casi si accomiata dalla classica multicamera per una più moderna ed ”intrigante” single camera. Ma il nuovo corso significa fare i conti anche con il crollo delle tradizionali categorie drama da una parte e sitcom dall'altra: i due mondi si contaminano, si sovrappongono mettendo in discussione concetti di teoria (e pratica) televisiva in auge da diversi anni. Come classificare, per esempio, un prodotto come Arrested Development (infaustamente tradotto dalle nostre parti in Ti presento i miei)? E che dire di Scrubs? Ed Eli Stone? Il moderno in televisione, come il mondo reale che ci circonda, vive di contaminazioni, di ibridi, di crossover.

 

Eppure...

Eppure, nonostante tutto andando a guardare i numeri degli ascolti, attività imprescindibile in questo campo altrimenti si finisce per discutere di sesso degli angeli, ci si accorge che la realtà è un pochino diversa e che tra i top 20 dei programmi più visti negli USA non ci sta il “nuovo che avanza” ma una classica sitcom come Due uomini e mezzo, seguita da una altrettanto classica Big Bang Theory. Che magari non saranno i cocchi del reparto marketing, ma che fanno ascolti e raccolgono premi. Che il segreto del successo stia, a prescindere dalle formule, in bravi attori e in storie convincenti ?

 

A cura di www.telefilmmagazine.com

 

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito

News

Uscito il n. 26 di Diari di Cineclub
In download gratuito
Chris Hemsworth in copertina su Film Tv
Interviste a Jasmine Trinca, Chris Hemsworth e Paolo e Vittorio Taviani
'I Paranoidi' con Fabio Testi e Enzo G. Castellari
Diretti da Camillo Brena e Matteo Mercanti
Nastri d'Argento per il miglior documentario a Costanza Quatriglio e Giorgio Treves
Per le due sezioni Cinema del reale e Cinema e spettacolo
Aperta la prevendita dell'anteprima di Fast & Furious 7
In sala il 1 aprile
Arriva in sala 'smoKings' di Michele Fornasero
Un documentario gangster sul mondo del tabacco
Rocco Tanica per il corto musical Maria P.
Scritto e diretto da Alessandro Corradi
Valentina Carnelutti e il lavoro del regista con l'attore
nel workshop Dirigimi, gli ultimi due week end di marzo
Studio Universal omaggia Alfred Hitchcock
Per il 55° Anniversario dall’uscita di Psycho
Denis Villeneuve alla regia del sequel di Blade Runner
Harrison Ford sarà ancora Rick Deckard
Record al box-office per Zanetti Story
Il film che ha incassato di più nella giornata di ieri
"Lunga vita e prosperità" - Addio a Leonard Nimoy
Muore Spok, icona di Star Trek
Legends - Le 10 identità di Sean Bean
Su Fox ogni giovedì alle 23.15
L'altra Heimat - continua la saga di Edgar Reitz
Dal cinema il 31 marzo e il 1 aprile
La vedova Monicelli protesta: «No al Premio grossetano».
Avrebbe preferito Pif a Verdone.
In sala con Coppola, Scorsese, De Palma e Hitchcock al Cinema Trevi di Roma
Una serie di grandi classici restaurati
Noi e la Giulia parte bene al box office
Già 190.000 spettatori e 1.300.000 € d'incasso
Joaquin Phoenix in copertina su Film Tv
SpongeBob, Paul Thomas Anderson, Ryan Murphy e Javier Zanetti
Terzo film per Michelle Williams e Kelly Reichardt
Dopo Wendy and Lucy e Meek's Cutoff
Antonio Monda è il nuovo Direttore Artistico del Festival di Roma
Direzione Generale a Lucio Argano
L'Oscar al miglior documentario 'Citizenfour' in sala
Dall'11 giugno
OSCAR 2015 - Vincono Redmayne e Julianne Moore
Miglior attore e miglior attrice
OSCAR 2015 - Alexandre Desplat vince il suo primo Academy
Per le musiche di Grand Budapest Hotel
OSCAR 2015 - Patricia Arquette premiata
Attrice non protagonista per Boyhood
OSCAR 2015 - Vince Ida
Il polacco è il miglior film straniero