VENEZIA 63: "Koorogi" (Crickets), di Aoyama Shinji (Orizzonti)

Il quarantenne regista non sarebbe certo una sorpresa per il pubblico di Cannes, lo è probabilmente per il Lido, dove ha presentato un film "deviato", che certamente non si discosta più di tanto dai suoi precedenti lavori. Chiudere gli occhi poco prima di entrare nel quadro rivoltante e sinistro al di qua, puro e ingenuo al di là.

Assistente di Kurosawa Kijoshi ed ex corrispondente dal Giappone per "Cahiers du Cinéma", il quarantenne regista non sarebbe certo una sorpresa per il pubblico di Cannes, lo è probabilmente per il Lido, dove ha presentato un film "deviato", che certamente non si discosta più di tanto dai suoi precedenti lavori. Autore nel 2000 di Eureka, di Desert Moon nel 2001 e soprattutto nel 2005 di Eli Eli, Lema sabachtani? (tutti presentati alla Croisette e l'ultimo vincitore della sezione Un Certain Regard), si muove contorcendo la commedia romantica con il sapore decadente del minimalismo visivo e sprazzi di immaginario horror. Kaoru è una donna ricca abbandona la città e si trasferisce in un cottage ad ovest del Giappone, dove trascorre una vita tranquilla. Qui si prende cura di un uomo anziano, cieco e muto, e lo tratta come se fosse un animale domestico, un bambino. La donna crede di aver raggiunto la pace dei sensi e la perfetta realizzazione della propria vita, sentendosi utile e indispensabile per quell'uomo. È naturalmente solo un rifugio dal mondo che lentamente si trasforma in patologica dipendenza, anche fisica. Il limite tra realtà e sogno salta definitivamente quando compare una strana coppia di ragazzi pronta a farle credere ad un misterioso caso di genocidio religioso inflitto ai cattolici giunti in quei luoghi molti secoli prima. Poco lontano dal cottage sembra esserci una grotta misteriosa in cui sembrano essere stati seppelliti tutti i morti di quella tragedia e dove ancora si verificherebbero strani fenomeni paranormali. Anche l'anziano uomo comincia a mostrare un ambiguo attaccamento morboso con Kaoru e lo spettatore a poco a poco perde ogni certezza narrativa, come pure quella l'iniziale e sicura cecità. Aoyama destabilizza suoni e immagini, combina apparizioni e sparizioni senza soluzione di continuità e soprattutto lavora audacemente sulle arcaiche e sulfuree paure per sfuggire da catalogazioni di genere. Come De Oliveira che cerca disperatamente al Lido il presidente di giuria Catherine Deneuve per mostrarle la sua "nuova" Severine di Belle de Jour in Belle Toujours, materializzatasi in un altro corpo, forse quello di Bunuel e il suo "paradossale" pudore, al cospetto di Michel Piccoli, mefistofelico/cattolico, quale anima del regista portoghese, lo stesso Aoyama cattura rari flash di razionalità di Koorogi, per un cinema che invita a chiuderli gli occhi poco prima di entrare nel quadro rivoltante e sinistro al di qua, puro e ingenuo al di là.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Elena Cotta legge "Bizzarrie musicali" di Gianfranco Plenizio
Stasera a Roma alla libreria Feltrinelli in Piazza Colonna alle 18.30
Il n. 21 di Diari di Cineclub di ottobre 2014
In download gratuito
I 'fratelli unici' Luca Argentero e Raoul Bova su "Film Tv"
Interviste ai due attori, Nic Pizzolato e i creatori di BoxTrolls
Spazio Oberdan: Focus su Marlene Dietrich
A Milano dall'8 al 19 ottobre
Luci dalla Cina sbarca al Cinema Trevi
A Roma dopo il successo parigino
Anche Gabriele Salvatores a favore del cinema America
Minaccia di restituire l'Oscar vinto per Mediterraneo se non si riapre il cinema
Lucy subito in testa al botteghino al box office italiano
Con 2,5 milioni di euro
Winter Sleep e Class Enemy Film della Critica
Designati dal SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani)
A dicembre poche copie in sala per Inherent Vice
Attesa per il nuovo film scritto e diretto da Paul Thomas Anderson
Finta minaccia per Emma Watson
Tra campagne di sensibilizzazione e virali
Steve McQueen premiato dall'EFA
Contributo europeo al cinema mondiale
Esce in sala il documentario su Robert Altman
Di Ron Mann, dal 16 ottobre
Mercato Internazionale del Film di Roma
Dal 17 al 21 ottobre
Successo d'incassi per The Equalizer negli Usa
In vetta al box office, seguito da Maze Runner
11/22/’63, la nuova serie di Stephen King e J. J. Abrams
Salti spazio-temporali ed omicidi sventati per un romanzo tradotto in serie-tv.
All'ovest niente di nuovo: remake in produzione
Sarà diretto da Roger Donaldson
Alec Baldwin è sul set di Andròn, The Black Labyrinth
Iniziate le riprese per l’attore statunitense arrivato a Roma.
Rachel McAdams sarà la protagonista della 2° stagione di True Detective
Per la parte del duro sceriffo di Monterey
Virna Lisi contro "La grande bellezza"
"L'ho trovato un film orrendo", ha detto l'attrice
Matt Damon a Montalcino.
La ‘Montalcinonews’ rivela indiscrezioni sulla presenza del divo in Toscana.
Pif, Edoardo Leo e Fabrizio Gifuni all’Italian Film Festival
Dal 3 al 5 ottobre 2014 a Berlino
Marco Müller condannato a pagare 40.000 euro a Paolo Mereghetti
Per un'intervista rilasciata a Variety nel 2010
Sorrentino solidale col cinema America di Roma
Lo ha detto alla trasmissione di Rai Radio Due di Serena Dandini
Aleksej Fedorčenko Marco Aurelio del futuro al Festival di Roma.
Angeli della rivoluzione sarà presentato in anteprima mondiale al Festival.
I ritratti di John Malkovich in mostra a Chicago
l'attore reinterpreta le foto più celebri da Hitchcock a Marilyn