VENEZIA 63: "Koorogi" (Crickets), di Aoyama Shinji (Orizzonti)

Il quarantenne regista non sarebbe certo una sorpresa per il pubblico di Cannes, lo è probabilmente per il Lido, dove ha presentato un film "deviato", che certamente non si discosta più di tanto dai suoi precedenti lavori. Chiudere gli occhi poco prima di entrare nel quadro rivoltante e sinistro al di qua, puro e ingenuo al di là.

Assistente di Kurosawa Kijoshi ed ex corrispondente dal Giappone per "Cahiers du Cinéma", il quarantenne regista non sarebbe certo una sorpresa per il pubblico di Cannes, lo è probabilmente per il Lido, dove ha presentato un film "deviato", che certamente non si discosta più di tanto dai suoi precedenti lavori. Autore nel 2000 di Eureka, di Desert Moon nel 2001 e soprattutto nel 2005 di Eli Eli, Lema sabachtani? (tutti presentati alla Croisette e l'ultimo vincitore della sezione Un Certain Regard), si muove contorcendo la commedia romantica con il sapore decadente del minimalismo visivo e sprazzi di immaginario horror. Kaoru è una donna ricca abbandona la città e si trasferisce in un cottage ad ovest del Giappone, dove trascorre una vita tranquilla. Qui si prende cura di un uomo anziano, cieco e muto, e lo tratta come se fosse un animale domestico, un bambino. La donna crede di aver raggiunto la pace dei sensi e la perfetta realizzazione della propria vita, sentendosi utile e indispensabile per quell'uomo. È naturalmente solo un rifugio dal mondo che lentamente si trasforma in patologica dipendenza, anche fisica. Il limite tra realtà e sogno salta definitivamente quando compare una strana coppia di ragazzi pronta a farle credere ad un misterioso caso di genocidio religioso inflitto ai cattolici giunti in quei luoghi molti secoli prima. Poco lontano dal cottage sembra esserci una grotta misteriosa in cui sembrano essere stati seppelliti tutti i morti di quella tragedia e dove ancora si verificherebbero strani fenomeni paranormali. Anche l'anziano uomo comincia a mostrare un ambiguo attaccamento morboso con Kaoru e lo spettatore a poco a poco perde ogni certezza narrativa, come pure quella l'iniziale e sicura cecità. Aoyama destabilizza suoni e immagini, combina apparizioni e sparizioni senza soluzione di continuità e soprattutto lavora audacemente sulle arcaiche e sulfuree paure per sfuggire da catalogazioni di genere. Come De Oliveira che cerca disperatamente al Lido il presidente di giuria Catherine Deneuve per mostrarle la sua "nuova" Severine di Belle de Jour in Belle Toujours, materializzatasi in un altro corpo, forse quello di Bunuel e il suo "paradossale" pudore, al cospetto di Michel Piccoli, mefistofelico/cattolico, quale anima del regista portoghese, lo stesso Aoyama cattura rari flash di razionalità di Koorogi, per un cinema che invita a chiuderli gli occhi poco prima di entrare nel quadro rivoltante e sinistro al di qua, puro e ingenuo al di là.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Incasso "favoloso" per il film su Leopardi di Mario Martone
Il giovane favoloso di Elio Germano sfiora i 100 mila euro di incassi
Fine riprese per Un Natale stupefacente
Le riprese della commedia di Natale di Lillo e Greg, in uscita il 18 dicembre
NInfomaniac di Umberto Baccolo al BP FilmFest di Berlino
per un dibattito sul sesso esplicito nel cinema d'autore
FESTIVAL DI ROMA 2014 - Jean-Pierre Jeunet critico verso la sala Sinopoli
Ieri, prima della proiezione delle 11.30
Maleficent arriva in Blu-Ray
Dopo un incasso di 740 milioni di dollari, approda in home video
Christian Bale sarà Steve Jobs nel nuovo biopic
Nuovo protagonista per il film di Boyle dopo il rifiuto di Di Caprio
Parte la rassegna The B-Side of the Movie
Tre appuntamenti a San Giovanni Valdano a partire da stasera
Oscar 2015: condurrà l'attore Neil Harris
 Ha già condotto 4 volte i Tony Awards 
In arrivo Diplomacy - Una notte per salvare Parigi
In sala dal 21 novembre
Sasha Grey ospite al TRIESTE SCIENCE+FICTION 2014
Presenterà Open Windows di Nacho Vigalondo
Omar Sy e Charlotte Gainsbourg per Samba
Diretto dalla coppia Nakache-Toledano, ora nelle sale francesi
Daredevil: le novità dal NYCC 2014 per la serie Netflix
Nel cast arriverà anche Rosario Dawson
Festival di Roma - 18 ottobre: CineCocktail si fa in tre
incontro pubblico con Andrea Bosca, Paola Minaccioni e Giorgio Colangeli
Il collettivo pratese Snellinberg a Pechino per Sogni di gloria
Unico film italiano selezionato all'European Union Film Festival.
Jeffery Deaver riceverà il Raymond Chandler Award al Courmayeur Noir in Festival
Premio alla carriera per il celebrato scrittore americano
Good Short Films con Huffington Post per il "cinema breve"
 I migliori cortometraggi dei Festival direttamente sul web
Saviano, anche ZeroZeroZero diventa una serie Tv
Mantenuto lo stesso team creativo di Gomorra-La serie
FESTIVAL DI ROMA 2014 - Salta il cinese Dead End
Il film di Cao Baoping non ha passato il visto della censura
I guardiani della galassia su Film Tv
Interviste a Mario Martone, Marco Müller e Richard Gere
Jennifer Jason Leigh nel prossimo Tarantino
Primo nome ufficiale nel cast di The Hateful Eight.
Spostato l'Inferno di Ron Howard
Il film uscirà nel 2016, con quasi un anno di ritardo.
Léa Seydoux al fianco di James Bond.
L’attrice francese protagonista di Bond 24.
Ultimi 3 giorni per la campagna di crowdfunding per Audrey
Diretto da Ferruccio Gibellini
Liberate Oleg Sentsov!
L’appello di oltre 300 professionisti del mondo del cinema.
Last Summer in uscita il 30 ottobre
Bolero Film lo distribuisce dopo l’anteprima al Festival di Roma.