VENEZIA 63: "Koorogi" (Crickets), di Aoyama Shinji (Orizzonti)

Il quarantenne regista non sarebbe certo una sorpresa per il pubblico di Cannes, lo è probabilmente per il Lido, dove ha presentato un film "deviato", che certamente non si discosta più di tanto dai suoi precedenti lavori. Chiudere gli occhi poco prima di entrare nel quadro rivoltante e sinistro al di qua, puro e ingenuo al di là.

Assistente di Kurosawa Kijoshi ed ex corrispondente dal Giappone per "Cahiers du Cinéma", il quarantenne regista non sarebbe certo una sorpresa per il pubblico di Cannes, lo è probabilmente per il Lido, dove ha presentato un film "deviato", che certamente non si discosta più di tanto dai suoi precedenti lavori. Autore nel 2000 di Eureka, di Desert Moon nel 2001 e soprattutto nel 2005 di Eli Eli, Lema sabachtani? (tutti presentati alla Croisette e l'ultimo vincitore della sezione Un Certain Regard), si muove contorcendo la commedia romantica con il sapore decadente del minimalismo visivo e sprazzi di immaginario horror. Kaoru è una donna ricca abbandona la città e si trasferisce in un cottage ad ovest del Giappone, dove trascorre una vita tranquilla. Qui si prende cura di un uomo anziano, cieco e muto, e lo tratta come se fosse un animale domestico, un bambino. La donna crede di aver raggiunto la pace dei sensi e la perfetta realizzazione della propria vita, sentendosi utile e indispensabile per quell'uomo. È naturalmente solo un rifugio dal mondo che lentamente si trasforma in patologica dipendenza, anche fisica. Il limite tra realtà e sogno salta definitivamente quando compare una strana coppia di ragazzi pronta a farle credere ad un misterioso caso di genocidio religioso inflitto ai cattolici giunti in quei luoghi molti secoli prima. Poco lontano dal cottage sembra esserci una grotta misteriosa in cui sembrano essere stati seppelliti tutti i morti di quella tragedia e dove ancora si verificherebbero strani fenomeni paranormali. Anche l'anziano uomo comincia a mostrare un ambiguo attaccamento morboso con Kaoru e lo spettatore a poco a poco perde ogni certezza narrativa, come pure quella l'iniziale e sicura cecità. Aoyama destabilizza suoni e immagini, combina apparizioni e sparizioni senza soluzione di continuità e soprattutto lavora audacemente sulle arcaiche e sulfuree paure per sfuggire da catalogazioni di genere. Come De Oliveira che cerca disperatamente al Lido il presidente di giuria Catherine Deneuve per mostrarle la sua "nuova" Severine di Belle de Jour in Belle Toujours, materializzatasi in un altro corpo, forse quello di Bunuel e il suo "paradossale" pudore, al cospetto di Michel Piccoli, mefistofelico/cattolico, quale anima del regista portoghese, lo stesso Aoyama cattura rari flash di razionalità di Koorogi, per un cinema che invita a chiuderli gli occhi poco prima di entrare nel quadro rivoltante e sinistro al di qua, puro e ingenuo al di là.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Stanley Kubrick omaggiato da Hollywood
a 15 anni dalla sua morte
Jennifer Lawrence in copertina su Film Tv
Interviste a Francis Lawrence, Sam Claflin, Volker Schlöndorff e focus sul Torino Film Festival
In vendita l'appartamento di Lauren Bacall
A 26 milioni di dollari  
Scomparso Ken Takakura
L'attore aveva 83 anni
Arrivano I Pinguini di Madagascar in anteprima
Il 22 e 23 novembre
V edizione del Procult Film Festival
Da domani al 23 Novembre alla Casa del cinema di Roma
Il Torino Film Festival festeggia i 90 anni di Giulio Questi
Sarà presentato anche il volume autobiografico Se non ricordo male  
Cenerentola diretta da Carlo Verdone
Nelle sale a partire dal 23 dicembre
Adieu au Langage film della Critica
Designato questa settimana dal SNCCI
Da oggi in libreria il libro ideato da J.J. Abrams
S. La nave di Teseo
Tre titoli per la Notorious Pictures
Nuovi acquisti all'American Film Market di Los Angeles.
Pane e cioccolata in Dvd e Blu-ray
Disponibile dal prossimo 2 dicembre.
Faber in Sardegna su Fabrizio De André in anteprima a Roma
Domenica 23 novembre alle 21 all'Auditorium
Luca Argentero presenta la Silver Star.
 Nuovo marchio di qualità per MegaTube.
EFA, premiato il produttore Ed Guiney
Riceve il Premio Co-produzione Europea – Prix Eurimages  
Il cinema di Fruit Chan
Giovedì 20 novembre, 20:30, ingresso libero
Lucky Red acquisisce nuovi film
Dall'American Film Market passando per Toronto
Best Feature Film Award di Miami per La regola del piombo
Il film indipendente di Giacomo Arrigoni
Il figlio di nessuno è a Firenze
 L'opera di Rsumovic al cinema Odeon.
Laura Morante protagonista di L'età d'oro di Emanuela Piovano
Inizate le riprese il 17 novembre a Monopoli.
Ficarra e Picone vs. Martone al box office
5 milioni d'incasso per Andiamo a quel paese.  
Daniele Luchetti racconta il suo cinema
E' in libreria il nuovo libro di Ignazio Senatore
Pivio e Aldo De Scalzi firmano la colonna sonora di Monk with a Camera
Documentario sul monaco tibetano Nicholas Vreeland in arrivo nelle sale USA
I calibro 35 indagano sul cinema italiano del brivido
Venerdì 28 novembre al Teatro del Popolo di Colle Val d’Elsa
Premiére a New York per I Pinguini di Madagascar
Red carpet con Benedict Cumberbatch, John Malkovich, Ken Jeong