Sopravvivere. Elena di Andrej Zvjagintsev a Cannes 64

Un Certain Regard è il momento del russo Andrei Zvyagintsev con Elena: protagonista, una donna anziana, di origini modeste, dolce e mite, sposata a un uomo ricco e indifferente e madre di un disoccupato con problemi di alcool che rischia di mandare in rovina l'intera famiglia.

 ELENA di Andrej Zvjagintsev - Un Certain Regard CANNES 64

 

Un Certain Regard alle ultime battute: a Cannes 64 è il momento del russo Andrei Zvyagintsev con Elena: protagonista, una donna anziana, di origini modeste, dolce e mite, sposata a un uomo ricco e indifferente e madre di un disoccupato con problemi di alcool che rischia di mandare in rovina l'intera famiglia.

 


Il Ritorno (2003) e Izgnanije (2007) regia di Andrej Zvjagintsev, fotografia di Mikhail KrichmanAndrej Zvjagintsev è il regista del bellissimo Il Ritorno, premiato in tutto il mondo (tra i tanti riconoscimenti, il Leone d'Oro a Venezia 2003, scoperta dell'anno agli European Film Awards dello stesso anno, César come miglior film straniero nel 2004).

 

Il direttore della fotografia di Elena è Mikhail Krichman, che ha già dimostrato uno straordinario talento visivo in Ovsyanki di Aleksei Fedorchenko (con cui ha meritatamente vinto l'Osella per la miglior fotografia a Venezia 67). Krichman ha già collaborato con Zvjagintsev in Il Ritorno e nel suo secondo lungometraggio, altrettanto interessante: Izgnanije, presentato in concorso a Cannes 2007 (premio come miglior attore a Konstantin Lavronenko).

 


"Nel cinema, la realtà è così presente che è difficile liberarsene. Ma devi riuscire a farlo per raggiungere un altro livello, un livello superiore di strati di realtà. Alla regia, è necessario creare un mondo, e rendere visibile l'invisibile, che è un compito estremamente complesso." così Zvjagintsev - che cita tra i suoi registi preferiti Tarkovskij, soprattutto Sacrificio, e Antonioni - descriveva il suo cinema qualche anno fa.

 


Se per il suo terzo film è stato supportato dal Sundance Institute e dall'emittente nipponica NHK, Zvjagintsev, nato nel '64, è particolarmente corteggiato nel circuito dei festival: la 28° edizione di CineMart  al Festival di Rotterdam ha selezionato tra i migliori progetti in cerca di fondi anche il suo nuovo The Daddy.

 


Il regista russo Andrej ZvjagintsevProtagonista della cerimonia di chiusura di Un Certain Regard (mentre il film che chiude il Festival è Les Bien-Aimés di Christophe Honoré) Elena è interpretato da  Nadezhda Markina, affiancata da  Andrey Smirnov nei panni del figlio Vladimir, Alexey Rozin e Evgenia Konushkina.

 

Il regista descrive così il suo ultimo lavoro nelle note di regia:

 


"Elena mi ha permesso di indagare un'idea imperante nella nostra epoca: la ricerca della propria sopravvivenza sopra ogni cosa. Si tratta di un dramma contemporaneo, che tenta di metterci alla prova su faccende come la vita e la morte. In fondo al suo essere, ogni individuo è profondamente solo. Questa solitudine è l'inizio, la fine e il filo conduttore di tutta l'esistenza umana. Nel mondo di oggi, l'uomo torna verso gli istinti primari e l'etica perde sempre più valore. Una donna premurosa, tenera e femminile, piena d'amore e di dolcezza che si trasforma in un'assassina fredda e calcolatrice, per poi pentirsi in una chiesa, non è questa forse l'immagine apocalittica della fine dei tempi?"

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Terminate le riprese di Il papa della gente di Daniele Luchetti
Sono durate 13 settimane
Il Teatro/Cinema Martinitt omaggia Luca Ronconi
Il 1 aprile con il film La scuola d’estate
Il Trono di Spade 4: spot per l'uscita del Blu-Ray e Dvd
Dal 1° aprile in versione disco la serie Warner
Firenze omaggia Elio Petri con Todo Modo
dal 2 al 4 aprile  
DC Comics Superhero anche a Roma
Il 18 aprile per stabilire il record mondiale
Alfonso Cuarón in una monografia
Scritta da Simone Santi Amantini
Mad Max: Fury Road fuori concorso a Cannes
Sarà presentato il 14 maggio al Grand Théâtre Lumière
Jean Dujardin in copertina su Film Tv
Cinema svizzero, French Connection, Cold in July, 1992
Ameluk, al cinema l'opera prima di Mimmo Mancini
Dal 9 aprile in sala
I dieci comandamenti di Roberto Benigni in doppio dvd
206 minuti di spettacolo
L'ultimo film di Glawogger al cinema?
Il team del regista al lavoro su settanta ore di girato
La Cineteca di Bologna restaura tutti i film di Buster Keaton
I primi restauri saranno presentati alla 39° edizione de Il Cinema Ritrovato
Keanu Reeves e Jim Carrey nel nuovo film di Ana Lily Amirpour
Si intitolerà Bad Batch e sarà una love story tra cannibali
Blackhat in lingua originale negli UCI Cinemas
Solo domani, 25 marzo
Il Festival del cinema di Roma torna a essere una Festa
Dal 16 al 23 ottobre
Abderrahmane Sissako presidente della giuria del 25° FCAAAL
A Milano dal 4 al 10 maggio
Torna a Roma il Film Festival Turco
Dal 16 al 19 aprile al Multisala Barberini  
Barbara Steele al 35° Fantafestival
Dal 15 al 19 giugno 
Tra l'Armenia e Nanni Loy
Al Cinema Trevi di Roma da oggi al 29 marzo
Melvil Poupaud ospite al Sicilia Queer Film Fest
l'attore e regista francese dal 25 al 31 maggio a Palermo 
Il noir maledetto di Claire Denis
 da Sentieri Selvaggi giovedì 26 h 20.30, ingresso gratuito
James Franco ha iniziato le riprese di In Dubious Battle
Dallo scorso 18 marzo ad Atlanta
Pixels di Chris Columbus dal 29 luglio al cinema
Con Adam Sandler
Future Film Festival 2015: Eat the future
Dal 5 al 10 maggio a Bologna
Il giardino dei Finzi Contini in versione restaurata dall'Istituto Luce Cinecittà
Il film premio Oscar di Vittorio De Sica torna in una nuova edizione dal 25 marzo