Sopravvivere. Elena di Andrej Zvjagintsev a Cannes 64

Un Certain Regard è il momento del russo Andrei Zvyagintsev con Elena: protagonista, una donna anziana, di origini modeste, dolce e mite, sposata a un uomo ricco e indifferente e madre di un disoccupato con problemi di alcool che rischia di mandare in rovina l'intera famiglia.

 ELENA di Andrej Zvjagintsev - Un Certain Regard CANNES 64

 

Un Certain Regard alle ultime battute: a Cannes 64 è il momento del russo Andrei Zvyagintsev con Elena: protagonista, una donna anziana, di origini modeste, dolce e mite, sposata a un uomo ricco e indifferente e madre di un disoccupato con problemi di alcool che rischia di mandare in rovina l'intera famiglia.

 


Il Ritorno (2003) e Izgnanije (2007) regia di Andrej Zvjagintsev, fotografia di Mikhail KrichmanAndrej Zvjagintsev è il regista del bellissimo Il Ritorno, premiato in tutto il mondo (tra i tanti riconoscimenti, il Leone d'Oro a Venezia 2003, scoperta dell'anno agli European Film Awards dello stesso anno, César come miglior film straniero nel 2004).

 

Il direttore della fotografia di Elena è Mikhail Krichman, che ha già dimostrato uno straordinario talento visivo in Ovsyanki di Aleksei Fedorchenko (con cui ha meritatamente vinto l'Osella per la miglior fotografia a Venezia 67). Krichman ha già collaborato con Zvjagintsev in Il Ritorno e nel suo secondo lungometraggio, altrettanto interessante: Izgnanije, presentato in concorso a Cannes 2007 (premio come miglior attore a Konstantin Lavronenko).

 


"Nel cinema, la realtà è così presente che è difficile liberarsene. Ma devi riuscire a farlo per raggiungere un altro livello, un livello superiore di strati di realtà. Alla regia, è necessario creare un mondo, e rendere visibile l'invisibile, che è un compito estremamente complesso." così Zvjagintsev - che cita tra i suoi registi preferiti Tarkovskij, soprattutto Sacrificio, e Antonioni - descriveva il suo cinema qualche anno fa.

 


Se per il suo terzo film è stato supportato dal Sundance Institute e dall'emittente nipponica NHK, Zvjagintsev, nato nel '64, è particolarmente corteggiato nel circuito dei festival: la 28° edizione di CineMart  al Festival di Rotterdam ha selezionato tra i migliori progetti in cerca di fondi anche il suo nuovo The Daddy.

 


Il regista russo Andrej ZvjagintsevProtagonista della cerimonia di chiusura di Un Certain Regard (mentre il film che chiude il Festival è Les Bien-Aimés di Christophe Honoré) Elena è interpretato da  Nadezhda Markina, affiancata da  Andrey Smirnov nei panni del figlio Vladimir, Alexey Rozin e Evgenia Konushkina.

 

Il regista descrive così il suo ultimo lavoro nelle note di regia:

 


"Elena mi ha permesso di indagare un'idea imperante nella nostra epoca: la ricerca della propria sopravvivenza sopra ogni cosa. Si tratta di un dramma contemporaneo, che tenta di metterci alla prova su faccende come la vita e la morte. In fondo al suo essere, ogni individuo è profondamente solo. Questa solitudine è l'inizio, la fine e il filo conduttore di tutta l'esistenza umana. Nel mondo di oggi, l'uomo torna verso gli istinti primari e l'etica perde sempre più valore. Una donna premurosa, tenera e femminile, piena d'amore e di dolcezza che si trasforma in un'assassina fredda e calcolatrice, per poi pentirsi in una chiesa, non è questa forse l'immagine apocalittica della fine dei tempi?"

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Step Up All In: prima clip e spot
il film uscirà il 20 agosto  
LOCARNO 67 - Arriva Roman Polanski
Terrà una lezione di cinema aperta al pubblico il 15 agosto
Tutti i premi del 44° Giffoni Film Festival
Ornella Muti e Paolo Conticini ospiti speciali
Julia Roberts e Vincent Cassel in Toscana
Lei per Calzedonia, lui per Garrone
Chuck Palahniuk annuncia un comic book per Fight Club 2
il fumetto sarà edito da Dark Horse
I vincitori di Bimbi Belli 2014
Pif miglior film
Amazing Spider-Man 3 rimandato al 2018
La precedenza a ‘I Sinistri Sei’
L'Osservatore Romano esalta Il vangelo secondo Matteo
Quella di Pasolini "forse la migliore opera su Gesù nella storia del cinema".
La sceneggiatura de ‘Il giovane favoloso’ in libreria
Martone su Leopardi: dal 16 ottobre
Laurea honoris causa a Bertolucci
Il conferimento sarà il 16 dicembre  
Naomi Watts per Jean-Marc Vallée?
In trattative per il suo Demolition
Il Premio Bresson va a Verdone
L'attore e regista romano verrà insignito del premio
Bloccato il nuovo film di Scimeca
Stop per motivi burocratici 
Gagosian Gallery ospita le foto di Dennis Hopper
In autunno l'altra faccia dell'attore.
VENEZIA 71: La giuria della sezione Orizzonti
Presieduta da Ann Hui
VENEZIA 71: Carlo Verdone in giuria
Presieduta dal musicista Alexandre Desplat
VENEZIA 71: Orizzonti
I film della sezione "Orizzonti"
VENEZIA 71: Fuori concorso
Peter Chan, Peter Bogdanovich. Joe Dante, Barry Levinson
VENEZIA 71: Concorso
Abel Ferrara, Mario Martone, Andrew Niccol, Saverio Costanzo
Romeo e Giulietta da Broadway
il 28, 29 e 30 luglio al cinema
VI Ortigia Film Festival: i vincitori
il miglior film è Più buio di Mezzanotte
Spazio Oberdan: Focus su Jim Jarmush
dal 27 agosto al 4 settembre
LOCARNO 67 - Excellence Award a Giancarlo Giannini
proiettati in suo onore i film con Fassbinder, Zurlini e Wertmüller
Transformers 4 primo nel box office italiano
Con quasi 4 milioni in cinque giorni
Jonah Hill e Channing Tatum in 22 Jump Street
Da domani in sala