FILM IN TV: "Giovanna d'Arco" di Luc Besson

Lo sguardo allucinato di Giovanna, immerso nella battaglia, con la macchina da presa "a spalla" che la segue fin dentro i combattimenti corpo a corpo, con il sangue che le bagna le mani, il viso, e l'orrore della morte che un po' alla volta penetra dentro la sua coscienza è uno dei momenti più forti e toccanti di questo film. Giovedì 30/3 ore 21 Rete 4

Lo sguardo allucinato di Giovanna d'Arco, immerso nella battaglia, con la macchina da presa "a spalla" di Luc Besson che la insegue fin dentro i combattimenti corpo a corpo, con il sangue che le bagna le mani, il viso, e l'orrore della morte che un po' alla volta penetra dentro la sua coscienza. E' uno dei momenti forti e toccanti di questo film che batte ufficialmente bandiera francese ma che è hollywoodiano nell'anima (non solo per lo stile, il modo di produrlo e le star tutte americane, John Malkovich, Faye Dunaway, Dustin Hoffman - tranne l'ucraina "cosmopolita" Milla Jovovich - che interpretano il film), soprattutto nella volontà dichiarata, e realizzata, di fare un cinema "semplice", che letteralmente "azzanna" la storia per ridurla a pura immagine e suggestione, emozione cinematografica. E' questa la forza del film di Besson, nel suo ritratto dell'eroina della Storia di Francia messa al rogo nel XV secolo, ma solo dopo che le sue gesta avevano cambiato un po' la storia del Paese, resuscitando una Francia demoralizzata e riuscendo a incoronare un re, Carlo VII, che sembrava ormai irrimediabilmente sconfitto. Doveva realizzarlo la regista Kathryn Bigelow (quella di Point Break, Strange Days, ecc...), queste moderna versione di Giovanna D'Arco e Luc Besson era il produttore del progetto. Poi i dissidi tra i due personaggi (sicuramente più complessi della riduzione che è stata fatta sulla scelta della protagonista testardamente voluta da Besson e contrastata dalla Bigelow) hanno spinto il regista francese a girare egli stesso il film, e rimane il rammarico di cosa sarebbe stato il personaggio di Giovanna nelle mani di una cineasta capace di realizzare film visionari e potenti come la Bigelow. Ci resta però un film altamente spettacolare, con Luc Besson che ha messo anima e corpo nel girare la pellicola, fino a fare egli stesso l'operatore, con la macchina a mano, mischiandosi vestito da soldato all'interno delle battaglie per non farsi poi riconoscere dalle inquadrature in campo lungo(come raccontato nel bel documentario "Dietro le quinte del film" contenuto del DVD, poco meno di mezzora di notizie, curiosità, interviste, riprese sul set, ecc...). Innamorato del personaggio e della sua interprete (storia d'amore che come sempre capita finirà dopo il film...) Besson costruisce il film completamente su Giovanna, sin dalla sua fervida passione religiosa di bambina, passando per l'uccisione della famiglia e della sorella più grande, fino alla "rivelazione" del signore nella sequenza della spada nel campo. Divenuta ragazza Giovanna avrà un'unica ossessione: sconfiggere gli inglesi e fare incoronare re di Francia il Delfino, Carlo VII. La sua forza, il suo impeto missionario saranno così estremi da riuscire non solo a coinvolgere e stimolare con il suo solo grido i soldati demoralizzati dell'esercito francese, ma persino a rovesciare le sorti di una guerra che sembrava irrimediabilmente perduta. E Besson ci mostra una Giovanna ora dura, ora esaltata, a tratti come indemoniata nella sua fervida passione, nel suo sentirsi messaggera di Dio, presentandoci un personaggio che non è un uomo, non è ancora una donna (la vergine di Francia...) ed appare in tutto e per tutto come una sorta di"alieno", angelo (o diavolo) della storia. Il film alterna battaglie esaltanti e sanguinose ad altri più introspettivi di Giovanna, inframmezzato da continui flash che ci rappresentano "le voci", i messaggi che Giovanna riceve o si convince di ricevere. Perché alla fine, quando sarà messa sotto processo, persino la sua fede fortissima vacillerà in un "dibattito" con la sua coscienza (interpretata da Dustin Hoffman) che seminerà mille dubbi sulla natura "divina" delle sue gesta (era una santa, un'eroina o una strega, infine? Besson non vuole sciogliere l'enigma, nonostante la beatificazione da parte della Chiesa). Fantastico, spettacolare e crudele, a tratti anche ironico, Giovanna d'Arco di Besson è un qualcosa che mette assieme uno spirito molto europeo con meccanismi produttivi "hollywoodiani", e il risultato è emozionante ed avvincente, anche se quasi per "necessità" semplificato nella sua struttura arrativa. Non è la "Storia" che interessa Besson, ma l'ossessione del personaggio di Giovanna, e la sua capacità di trascinare gli altri con sé.

 

GIOVANNA D'ARCO di Luc Besson
con Milla Jovovich, Dustin Hoffman, John Malkovich;
giovedì 30 marzo, ore 21 Rete 4.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

VENEZIA 71 - AI Deproducers il premio Ho Visto Una Canzone
Per Italy in a Day di Salvatores
VENEZIA 71 - Molto applaudito Peter Bogdanovich
Per il film She's Funny That Way in Fuori concorso
VENEZIA 71 - Dove c'è fumo...c'è Emergency!
effetti speciali sul red carpet per i 20 anni dell'associazione umanitaria
VENEZIA 71 - Scamarcio: "Distribuite 'La vita oscena" di De Maria
l'attore, produttore associato del film, lancia un appello ai distributori italiani
Nozze segrete per Brad Pitt e la Jolie
 i due si sono sposati il 23 agosto in Francia
VENEZIA 71 - Omaggio ad Alberto Lattuada per Senza pietà
In occasione del centenario della nascita del regista
VENEZIA 71 - Fischi e applausi per La vita oscena di De Maria
Alle proiezione per il pubblico in Sala Darsena
VENEZIA 71 - Due sedie vuote per Mohammadi e Sentsov
Lasciate simbolicamente vuote ieri durante la presentazione della Giuria
VENEZIA 71 - Le Winx sul Red Carpet
per festeggiare il nuovo film Winx Club – Il Mistero degli Abissi in uscita a settembre
VENEZIA 71 - Applausi per Melbourne
Opera prima iraniana alla Settimana della critica
VENEZIA 71 - Il film su Andreotti in Laguna
Domani sarà  la giornata del documentario  di Tatti  Sanguineti
VENEZIA 71 - Quentin Dupieux assente per gravi motivi personali
Il suo film, Reality, presentato in Orizzonti
L'ice bucket challenge al caffè di David Lynch
il regista aggiunge all'acqua un espresso e nomina Putin
Uscito il n. 20 di Diari di Cineclub
In download gratuito
VENEZIA 71 - James Dean in blu ray per la WB
arrivano dal 18 settembre La valle dell'Eden, Il gigante e Gioventù bruciata
VENEZIA 71 - La mostra Ieri, Oggi, Sophia al Lido
i più bei ritratti fotografici della Loren esposti al Palazzo del cinema
VENEZIA 71 - Premio Cariddi ad Ambra Angiolini
per il suo percorso nel cinema italiano contemporaneo
VENEZIA 71 - Il Presidente Napolitano all'inaugurazione
Assisterà alla proiezione di Birdman
Al Pacino in copertina su "Film Tv"
Speciale 71° Festival di Venezia
Addio a Richard Attenborough
Regista premio Oscar per Gandhi
Le ceneri di Robin Williams nella baia di San Francisco
Rispettate le volontà dell'attore
Jackie Chan ha chiesto scusa per l'arresto del figlio
Dovuto a problemi di droga
Martone, Munzi, Costanzo: da Venezia a Toronto
Ci saranno anche i primi due episodi di Gomorra
Belluscone. Una storia siciliana di Maresco in sala dal 4 settembre
Presentato a Venezia nella sezione Orizzonti
Le giurie dell' 8° RomaFictionFest
Il Presidente è Aldo Grasso