Ultimo tango a Parigi, di Bernardo Bertolucci

Maria Schneider, scomparsa all'età di 58 anni, è e rimarrà per sempre l'icona erotica degli anni settanta, simboleggiata da un film che le ha marchiato la vita, Ultimo tango a Parigi, e che lei ha marchiato con il suo corpo. E' stato il più grande successo di sempre della storia del cinema italiano, capolavoro di un cinema antiprovinciale, già cosmopolita e globale, come lo sono le passioni. Lo ricordiamo con questo articolo di Federico Chiacchiari,  uscito sul mensile "DVD World" nel gennaio 2003, in occasione dell'uscita in DVD del film "maledetto" di Bernardo Bertolucci. VIDEO - GALLERIA FOTOGRAFICA

Marlon Brando e Maria Schneider in Ultimo tango a Parigi di Bernardo BertolucciOggi accade, ogni tanto, che qualche film subisca i tagli o la repressione della censura, per poi rivederlo dopo poche settimane, o qualche mese, nuovamente nelle sale o in Home Video. Questo fa sì che spesso si giunge a sospettare che alcune pellicole abbiano addirittura utilizzato la censura come elemento di promozione del film stesso, perché genera chiasso ed attenzione sul film, per poi lasciarlo comunque uscire nelle sale. Non è questo certo il caso di Ultimo tango a Parigi, uno dei film più importanti e clamorosi dell'intero cinema italiano, perché al momento del suo sequestro sull'intero territorio nazionale, il film aveva incassato come mai nessun altro nella storia del nostro Paese, al punto che le classifiche “aggiornate” con l'inflazione dei tempi lo vedono saldamente in testa, con oltre 150 miliardi delle vecchie lire, ovvero, come commenta Bertolucci con soddisfazione ed una punta di ironia, “ben tre volte l'incasso del grande successo di Benigni, La vita è bella.” Stiamo perciò parlando non di un film d'autore invisibile e conosciuto solo agli adepti, ma del più grande successo commerciale della storia del nostro cinema, che, pur essendo un capolavoro riconosciuto (apprezzato prima in America dalla critica, e solo dopo, a non da tutti, anche da noi) è noto soprattutto per essere stato non solo “censurato” dall'apposita commissione che, nel 1972, impose il taglio di otto secondi della prima sequenza del rapporto tra Marlon Brando e Maria Schneider, ma successivamente processato e condannato (i suoi autori, regista e produttore) fino alla terribile distruzione del negativo operata nel 1976, che lo fece sparire “per sempre” da ogni possibile visione sul territorio nazionale. Marlon Brando e Maria Schneider in Ultimo tango a Parigi di Bernardo BertolucciÈ una pagina oscura della storia del cinema italiano quella di questo film straordinario e maledetto, che vide anche Bertolucci condannato a due mesi di prigione (con la condizionale) ed impedito per cinque anni dei suoi diritti di cittadino (come votare, ad esempio). Eppure oggi ci risulta impossibile tutto questo. Sia perché è incredibile come un piccolo grande film intimistico e a suo modo “ribelle” (rispetto al cinema di allora, ma anche alle ideologie dell'epoca) possa aver catturato un così grande pubblico, e sia perché oggi l'idea di ciò che possa scandalizzare è ben mutata dal 1972. Ultimo tango a Parigi è frutto della creatività e della sensibilità assoluta di Bernardo Bertolucci, mixata con l'abilità visuale di Vittorio Storaro e della recitazione intensa e carismatica di Marlon Brando. È un film per certi versi claustrofobico, che racconta di dolore, solitudine e disperazione, dove il sesso consumato tra le pareti di un appartamento vuoto, da affittare, tra i due protagonisti Paul (Marlon Brando) e Jeanne (Maria Schneider) si trasforma in un luogo “altro”, in una seconda vita, misteriosa e segreta, da cui tener fuori tutti gli orrori della quotidianità. È la storia di un incontro, quella tra una giovane ragazza parigina di vent'anni ed un quarantacinquenne americano trapiantato a Parigi, e il film si apre con un magnifico dolly che dal ponte della metropolitana ci porta giù per le strade sul corpo intero di Brando prima, e sul primo piano di lui disperato con le mani davanti agli occhi, subito dopo. Il dolore, la morte, la disperazione, l'amore. È un film che esplode come una valvola di sfogo delle emozioni sopite, dove i protagonisti sembrano dar vita ad una sorta di ritorno all'animalità naturale dell'uomo, ma che in realtà ricercano solo dei nuovi sogni impossibili, un universo così maledettamente segnato dall'infelicità, dalla fine dei desideri. È un cinema romantico e “politico” quello che Bertolucci realizza in una stagione in cui il cinema politico era solo quello che raccontava il sociale, le lotte e gli scontri ideologici. Il regista parmigiano riuscirà nell'opera di trasferire il termine politica dal discorso collettivo imperante a quello di un cinema intimo, individuale, anticipando tensioni e pulsioni che saranno propri dei movimenti giovanili della fine degli anni Settanta. Bernardo Bertolucci Marlon Brando e Maria Schneider sul set di Ultimo tango a Parigi Avevo 31 anni, e Marlon Brando mi sembrava così vecchio”, racconta Bertolucci in questo splendido DVD che, oltre ad un'ottima versione del film, presenta diversi materiali aggiuntivi, indispensabili per capire le atmosfere dell'epoca, la storia e le vicissitudini di Ultimo tango a Parigi. C'è uno speciale sul film, con frammenti di backstage, interviste e, soprattutto, il racconto della proiezione del 26 settembre 1982 organizzata dalla Cooperativa “Missione impossibile”, che, nell'ambito della rassegna “Lari di cinema”, fece una pubblica proiezione assolutamente illegale, sfidando dunque le autorità, del capolavoro di Bertolucci. Ciro Giorgini, tra gli artefici dell'iniziativa, racconta quell'evento che contribuì a rilanciare il caso di Ultimo tango, e che portò, da li a qualche anno, alla riabilitazione completa del film. E alla fine degli anni Ottanta il reato per cui Ultimo tango era stato condannato “al rogo” non sussisteva più, perché l'oltraggio al pudore del 1973 non era più lo stesso quindici anni dopo. Ma negli extra troviamo ancora il critico Tatti Sanguineti che ci mostra i “mitici” otto secondi tagliati dalla censura; una lunga intervista a Bernardo Bertolucci che racconta tutta la storia del suo film, ed un'altra intervista sulla censura in Italia con Rossana Rummo del Ministero dello Spettacolo. Insomma un doppio DVD davvero imperdibile, che, dopo trent'anni, restituisce finalmente al pubblico un edizione integrale fantastica (anche in originale!) di uno dei più controversi capolavori maledetti del cinema italiano (e mondiale).

 

Attori: Marlon Brando, Maria Schneider Regista: Bernardo Bertolucci Casa Distribuzione: EAGLE PICTURES Sottotitoli: Italiano, Inglese, Francese Lingua Doppiaggio: Italiano Produzione italiana: No Durata: 124 Anno Produzione: 1972 Vietato ai minori: No Formato Video: 16:9 Formato Audio: ITALIANO 5.1 ANGLOFRANCESE 5.1 Area DVD: 2 Colore/Bianco e Nero: Colori DVD nella confezione: 2

 

pubblicato su DVD World n. 36, gennaio 2003

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

VENEZIA 71 - Molto applaudito Peter Bogdanovich
Per il film She's Funny That Way in Fuori concorso
VENEZIA 71 - Dove c'è fumo...c'è Emergency!
effetti speciali sul red carpet per i 20 anni dell'associazione umanitaria
VENEZIA 71 - Scamarcio: "Distribuite 'La vita oscena" di De Maria
l'attore, produttore associato del film, lancia un appello ai distributori italiani
Nozze segrete per Brad Pitt e la Jolie
 i due si sono sposati il 23 agosto in Francia
VENEZIA 71 - Omaggio ad Alberto Lattuada per Senza pietà
In occasione del centenario della nascita del regista
VENEZIA 71 - Fischi e applausi per La vita oscena di De Maria
Alle proiezione per il pubblico in Sala Darsena
VENEZIA 71 - Due sedie vuote per Mohammadi e Sentsov
Lasciate simbolicamente vuote ieri durante la presentazione della Giuria
VENEZIA 71 - Le Winx sul Red Carpet
per festeggiare il nuovo film Winx Club – Il Mistero degli Abissi in uscita a settembre
VENEZIA 71 - Applausi per Melbourne
Opera prima iraniana alla Settimana della critica
VENEZIA 71 - Il film su Andreotti in Laguna
Domani sarà  la giornata del documentario  di Tatti  Sanguineti
VENEZIA 71 - Quentin Dupieux assente per gravi motivi personali
Il suo film, Reality, presentato in Orizzonti
L'ice bucket challenge al caffè di David Lynch
il regista aggiunge all'acqua un espresso e nomina Putin
Uscito il n. 20 di Diari di Cineclub
In download gratuito
VENEZIA 71 - James Dean in blu ray per la WB
arrivano dal 18 settembre La valle dell'Eden, Il gigante e Gioventù bruciata
VENEZIA 71 - La mostra Ieri, Oggi, Sophia al Lido
i più bei ritratti fotografici della Loren esposti al Palazzo del cinema
VENEZIA 71 - Premio Cariddi ad Ambra Angiolini
per il suo percorso nel cinema italiano contemporaneo
VENEZIA 71 - Il Presidente Napolitano all'inaugurazione
Assisterà alla proiezione di Birdman
Al Pacino in copertina su "Film Tv"
Speciale 71° Festival di Venezia
Addio a Richard Attenborough
Regista premio Oscar per Gandhi
Le ceneri di Robin Williams nella baia di San Francisco
Rispettate le volontà dell'attore
Jackie Chan ha chiesto scusa per l'arresto del figlio
Dovuto a problemi di droga
Martone, Munzi, Costanzo: da Venezia a Toronto
Ci saranno anche i primi due episodi di Gomorra
Belluscone. Una storia siciliana di Maresco in sala dal 4 settembre
Presentato a Venezia nella sezione Orizzonti
Le giurie dell' 8° RomaFictionFest
Il Presidente è Aldo Grasso
Jimi: All Is By My Side in sala il 18 settembre
Nel giorno del 44° anniversario della scomparsa di Hendrix