Ultimo tango a Parigi, di Bernardo Bertolucci

Maria Schneider, scomparsa all'età di 58 anni, è e rimarrà per sempre l'icona erotica degli anni settanta, simboleggiata da un film che le ha marchiato la vita, Ultimo tango a Parigi, e che lei ha marchiato con il suo corpo. E' stato il più grande successo di sempre della storia del cinema italiano, capolavoro di un cinema antiprovinciale, già cosmopolita e globale, come lo sono le passioni. Lo ricordiamo con questo articolo di Federico Chiacchiari,  uscito sul mensile "DVD World" nel gennaio 2003, in occasione dell'uscita in DVD del film "maledetto" di Bernardo Bertolucci. VIDEO - GALLERIA FOTOGRAFICA

Marlon Brando e Maria Schneider in Ultimo tango a Parigi di Bernardo BertolucciOggi accade, ogni tanto, che qualche film subisca i tagli o la repressione della censura, per poi rivederlo dopo poche settimane, o qualche mese, nuovamente nelle sale o in Home Video. Questo fa sì che spesso si giunge a sospettare che alcune pellicole abbiano addirittura utilizzato la censura come elemento di promozione del film stesso, perché genera chiasso ed attenzione sul film, per poi lasciarlo comunque uscire nelle sale. Non è questo certo il caso di Ultimo tango a Parigi, uno dei film più importanti e clamorosi dell'intero cinema italiano, perché al momento del suo sequestro sull'intero territorio nazionale, il film aveva incassato come mai nessun altro nella storia del nostro Paese, al punto che le classifiche “aggiornate” con l'inflazione dei tempi lo vedono saldamente in testa, con oltre 150 miliardi delle vecchie lire, ovvero, come commenta Bertolucci con soddisfazione ed una punta di ironia, “ben tre volte l'incasso del grande successo di Benigni, La vita è bella.” Stiamo perciò parlando non di un film d'autore invisibile e conosciuto solo agli adepti, ma del più grande successo commerciale della storia del nostro cinema, che, pur essendo un capolavoro riconosciuto (apprezzato prima in America dalla critica, e solo dopo, a non da tutti, anche da noi) è noto soprattutto per essere stato non solo “censurato” dall'apposita commissione che, nel 1972, impose il taglio di otto secondi della prima sequenza del rapporto tra Marlon Brando e Maria Schneider, ma successivamente processato e condannato (i suoi autori, regista e produttore) fino alla terribile distruzione del negativo operata nel 1976, che lo fece sparire “per sempre” da ogni possibile visione sul territorio nazionale. Marlon Brando e Maria Schneider in Ultimo tango a Parigi di Bernardo BertolucciÈ una pagina oscura della storia del cinema italiano quella di questo film straordinario e maledetto, che vide anche Bertolucci condannato a due mesi di prigione (con la condizionale) ed impedito per cinque anni dei suoi diritti di cittadino (come votare, ad esempio). Eppure oggi ci risulta impossibile tutto questo. Sia perché è incredibile come un piccolo grande film intimistico e a suo modo “ribelle” (rispetto al cinema di allora, ma anche alle ideologie dell'epoca) possa aver catturato un così grande pubblico, e sia perché oggi l'idea di ciò che possa scandalizzare è ben mutata dal 1972. Ultimo tango a Parigi è frutto della creatività e della sensibilità assoluta di Bernardo Bertolucci, mixata con l'abilità visuale di Vittorio Storaro e della recitazione intensa e carismatica di Marlon Brando. È un film per certi versi claustrofobico, che racconta di dolore, solitudine e disperazione, dove il sesso consumato tra le pareti di un appartamento vuoto, da affittare, tra i due protagonisti Paul (Marlon Brando) e Jeanne (Maria Schneider) si trasforma in un luogo “altro”, in una seconda vita, misteriosa e segreta, da cui tener fuori tutti gli orrori della quotidianità. È la storia di un incontro, quella tra una giovane ragazza parigina di vent'anni ed un quarantacinquenne americano trapiantato a Parigi, e il film si apre con un magnifico dolly che dal ponte della metropolitana ci porta giù per le strade sul corpo intero di Brando prima, e sul primo piano di lui disperato con le mani davanti agli occhi, subito dopo. Il dolore, la morte, la disperazione, l'amore. È un film che esplode come una valvola di sfogo delle emozioni sopite, dove i protagonisti sembrano dar vita ad una sorta di ritorno all'animalità naturale dell'uomo, ma che in realtà ricercano solo dei nuovi sogni impossibili, un universo così maledettamente segnato dall'infelicità, dalla fine dei desideri. È un cinema romantico e “politico” quello che Bertolucci realizza in una stagione in cui il cinema politico era solo quello che raccontava il sociale, le lotte e gli scontri ideologici. Il regista parmigiano riuscirà nell'opera di trasferire il termine politica dal discorso collettivo imperante a quello di un cinema intimo, individuale, anticipando tensioni e pulsioni che saranno propri dei movimenti giovanili della fine degli anni Settanta. Bernardo Bertolucci Marlon Brando e Maria Schneider sul set di Ultimo tango a Parigi Avevo 31 anni, e Marlon Brando mi sembrava così vecchio”, racconta Bertolucci in questo splendido DVD che, oltre ad un'ottima versione del film, presenta diversi materiali aggiuntivi, indispensabili per capire le atmosfere dell'epoca, la storia e le vicissitudini di Ultimo tango a Parigi. C'è uno speciale sul film, con frammenti di backstage, interviste e, soprattutto, il racconto della proiezione del 26 settembre 1982 organizzata dalla Cooperativa “Missione impossibile”, che, nell'ambito della rassegna “Lari di cinema”, fece una pubblica proiezione assolutamente illegale, sfidando dunque le autorità, del capolavoro di Bertolucci. Ciro Giorgini, tra gli artefici dell'iniziativa, racconta quell'evento che contribuì a rilanciare il caso di Ultimo tango, e che portò, da li a qualche anno, alla riabilitazione completa del film. E alla fine degli anni Ottanta il reato per cui Ultimo tango era stato condannato “al rogo” non sussisteva più, perché l'oltraggio al pudore del 1973 non era più lo stesso quindici anni dopo. Ma negli extra troviamo ancora il critico Tatti Sanguineti che ci mostra i “mitici” otto secondi tagliati dalla censura; una lunga intervista a Bernardo Bertolucci che racconta tutta la storia del suo film, ed un'altra intervista sulla censura in Italia con Rossana Rummo del Ministero dello Spettacolo. Insomma un doppio DVD davvero imperdibile, che, dopo trent'anni, restituisce finalmente al pubblico un edizione integrale fantastica (anche in originale!) di uno dei più controversi capolavori maledetti del cinema italiano (e mondiale).

 

Attori: Marlon Brando, Maria Schneider Regista: Bernardo Bertolucci Casa Distribuzione: EAGLE PICTURES Sottotitoli: Italiano, Inglese, Francese Lingua Doppiaggio: Italiano Produzione italiana: No Durata: 124 Anno Produzione: 1972 Vietato ai minori: No Formato Video: 16:9 Formato Audio: ITALIANO 5.1 ANGLOFRANCESE 5.1 Area DVD: 2 Colore/Bianco e Nero: Colori DVD nella confezione: 2

 

pubblicato su DVD World n. 36, gennaio 2003

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Cate Blanchett "Lo Hobbit" in copertina su Film Tv
Interviste a Martin Freeman, Francesco Montanari, Gabriele Salvatores e focus su Sam Peckinpah
Tom Hanks protagonista di The Circle
E’ lui l’uomo di Dave Eggers.
Appello di Claudia Cardinale al Governo
L'attrice denuncia l’assenza dei finanziamenti
Le anteprime di Alice nella città da oggi al 20 dicembre
Salvatores, Jeunet, Big Hero 6, Paddington
Selma verso gli Oscar
Con quattro candidature ai Golden Globes.  
Terminale le riprese di Poli opposti con Luca Argentero e Sarah Felberbaum
E' il primo lungometraggio di Max Croci
A gennaio in sala I cavalieri dello zodiaco – La leggenda del grande tempio
Distribuito da Key Films
Wanted, una nuova distribuzione
I primi titoli distribuit tra marzo e aprile 2015
Anteprima per le scuole di Big Hero 6 a Roma all'Auditorium
Il 18 dicembre, stesso giorno dell'uscita del film in sala
Gemma Bovery in sala a febbraio
Di Anne Fontaine con Gemma Arterton
Edgar Ramirez nel prossimo David O. Russell
Si chiamerà Joy
Il Sole 24 Ore in edicola con Totò
Ogni martedì un film dell'Antologia della risata accompagnerà il quotidiano 
Rubata la sceneggiatura di Spectre
Per la Sony le riprese continueranno nonostante l'attacco degli hacker
Gli Showrunner americani raccontati da VVVVID
a Sentieri Selvaggi venerdì 19 dicembre
David Letterman lascia il suo show
Al suo posto il comico Stephen Colbert  
Pride trionfa al botteghino
Nel primo weekend è dietro solo ad Aldo, GIovanni e Giacomo
Malick, Greenaway e German in concorso alla Berlinale
Fuori competizione anche Cinderella di Branagh
Il River to River Florence Indian Film Festival chiude con 8000 presenze
 40 prime, 15 ospiti e 3 titoli vincitori
Black Sea vince il Leone nero al Courmayer Noir in Festival
Ha avuto l'88,4% dei consensi
La mafia uccide solo d'estate e L'arte della felicità premiati agli EFA
Trionfa Ida
Iniziano le riprese di Rudy Valentino – Divo dei divi
A Castellaneta in provincia di Taranto
Il venditore di medicine piace all'estero ed esce in Dvd in Italia
Fresco della vittoria al Nice in Usa e a Toulouse in Francia
Spike Lee racconta a Roma il suo Sweet Blood Of Jesus
Ne ha parlato a Roma
Bernardo Bertolucci Peace Summit Award 2014
Per l'impegno in tema di solidarietà e diritti umani
RdC Awards. Premiati Martone, Avati, Taviani e Mancino
Consegnati ieri sera al Cinema Trevi a Roma