"Scontro tra Titani", di Louis Leterrier

La rivoluzione del 3D non passa da qui, e il cinema visionario di Louis Leterrier subisce una brusca battuta d’arresto: in Scontro tra Titani non c’è mai meraviglia, non c’è passione, non c’è visione. Lo spazio non interagisce con il corpo, l’occhio non entra nel film e così tutto si riduce a un teatrino kitsch senza mordente, tanto imbarazzante quanto privo di qualsiasi forma di epica e pathos.

Scontro tra TitaniNon abbiamo fatto in tempo a dimenticare il recente e disastroso Percy Jackson, che ecco arrivare nelle sale un altro fantasy mitologico avente per protagonisti le divinità dell’antica Grecia: rifacimento di Scontro di Titani del 1981, il film di Louis Leterrier sostituisce l’artigianale stop motion di Ray Harryhausen dell’originale con la tecnologia digitale odierna, esponenziata da un posticcio ricorso alla proiezione tridimensionale. Ideato e realizzato in 2D, il film è stato poi “gonfiato” in 3D in fase di post-produzione, nel tentativo di emulare i recenti successi del nuovo formato, da San Valentino di sangue fino ad Avatar: come in Alice in Wonderland di Tim Burton però, questo stratagemma commerciale (già aspramente criticato da James Cameron) non reca vantaggio al film perché, in buona sostanza, non aggiunge nulla alla visione ma anzi, se possibile, la danneggia. Nonostante lo sfarzo scenografico e la qualità degli effetti speciali, in Scontro tra titani non c’è mai quella profondità di campo e quella consapevolezza nell’uso del 3D in grado di coinvolgere lo spettatore e “farlo entrare” nel film; in questo modo quindi non si va mai oltre quell’effetto luna park che con il cinema, per fortuna, ha davvero poco a che fare. Ma anche considerando Scontro tra Titani su un piano prettamente “bidimensionale”, le cose non migliorano: se finora Louis Leterrier aveva dimostrato di essere uno dei migliori prodotti della scuderia Besson, soprattutto grazie a un Incredibile Hulk sorprendentemente ricco sul piano visivo, ora siamo davanti a una decisa battuta d’arresto del suo cinema, speriamo momentanea. Manca infatti la capacità di reinterpretare gli spazi e i corpi in essi contenuti, manca la visionarietà dell’insieme, manca – in definitiva – quel sense of wonder che dovrebbe essere un presupposto fondamentale per rendere reale il fantastico, perchè tutto ha il sapore della plastica, tutto sembra troppo distante dall’occhio di chi guarda: in mezzo a inquadrature ricchissime di dettagli, nelle quali gli attori si perdono e rimpiccioliscono, non si instaura mai quel processo di azzeramento dei corpi che poteva esserci in un 300 o, ancora meglio, negli ultimi lavori dei fratelli Wachowsky. Manca qualsiasi forma di epica, di coinvolgimento, di pathos: la sceneggiatura è talmente basilare al punto da sembrare un semplice accostamento di sequenze che non portano da nessuna parte e che sfociano frettolosamente in una conclusione fulminea (il tanto temuto Kraken…), mentre anche sul piano visivo Leterrier non sembra volersi discostare troppo da un Signore degli Anelli qualsiasi; fa volare la sua macchina da presa sugli sfondi digitali, ma non riesce a catturare l’essenza della narrazione per immagini; è bravo nella costruzione di alcuni momenti abbastanza suggestivi (Caronte, il consiglio delle streghe), ma non va oltre uno stile derivativo e poco efficace. Scontro tra Titani si riduce così a un teatrino kitsch dove anche attori del calibro di Liam Neeson e Ralph Fiennes, costretti a recitare battute improbabili, si ritrovano a sfidare il ridicolo e a ricordarci ad ogni inquadratura, ad ogni espressione, ad ogni smorfia che, dopotutto, lo hanno fatto solo per il portafogli.

Titolo originale: Clash of the Titans

Regia: Louis Leterrier

Interpreti: Sam Wortinghton, Ralph Fiennes, Liam Neeson, Gemma Aterton, Alexa Davalos

Distribuzione: Warner Bros Italia

Durata: 118’

Origine: USA, 2010

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

VENEZIA 71 - Flashmob delle 'fuxiane' per "Dancing with Maria"
Hanno ballato prima della tradizionale passerella
VENEZIA 71 - Applausi per Mario Martone
Il Giovane Favoloso convince la stampa
Hackerato lo smartphone di Jennifer Lawrence
le immagini nude dell'attrice sono finite subito in rete
Hollywood, estate nera al box office
nessun film oltre i 300 milioni: gli incassi peggiori dal 1997  
Oscar alla carriera per Harry Belafonte
 premiati anche Hayao Miyazaki, Maureen O'Hara e Jean-Claude Carrière
VENEZIA 71 - "Anime nere" conquista la stampa estera
 il film di Munzi paragonato a Visconti e Coppola 
VENEZIA 71 - Tatti Sanguineti: "Io non sono Bruno Vespa"
così l'autore di Giulio Andreotti-Il cinema visto da vicino sul suo metodo di lavoro.  
VENEZIA 71 - Pacino e Levinson premiati
All'attore e al regista è stato consegnato il  premio Mimmo Rotella
VENEZIA - Larry Clark non ci sarà
Per motivi personali
VENEZIA 71 - Molto positiva l'accoglienza internazionale per "Anime nere"
"Telegraph" l'ha paragonato a Visconti e a Il Padrino
VENEZIA 71 - AI Deproducers il premio Ho Visto Una Canzone
Per Italy in a Day di Salvatores
VENEZIA 71 - Molto applaudito Peter Bogdanovich
Per il film She's Funny That Way in Fuori concorso
VENEZIA 71 - Dove c'è fumo...c'è Emergency!
effetti speciali sul red carpet per i 20 anni dell'associazione umanitaria
VENEZIA 71 - Scamarcio: "Distribuite 'La vita oscena" di De Maria
l'attore, produttore associato del film, lancia un appello ai distributori italiani
Nozze segrete per Brad Pitt e la Jolie
 i due si sono sposati il 23 agosto in Francia
VENEZIA 71 - Omaggio ad Alberto Lattuada per Senza pietà
In occasione del centenario della nascita del regista
VENEZIA 71 - Fischi e applausi per La vita oscena di De Maria
Alle proiezione per il pubblico in Sala Darsena
VENEZIA 71 - Due sedie vuote per Mohammadi e Sentsov
Lasciate simbolicamente vuote ieri durante la presentazione della Giuria
VENEZIA 71 - Le Winx sul Red Carpet
per festeggiare il nuovo film Winx Club – Il Mistero degli Abissi in uscita a settembre
VENEZIA 71 - Applausi per Melbourne
Opera prima iraniana alla Settimana della critica
VENEZIA 71 - Il film su Andreotti in Laguna
Domani sarà  la giornata del documentario  di Tatti  Sanguineti
VENEZIA 71 - Quentin Dupieux assente per gravi motivi personali
Il suo film, Reality, presentato in Orizzonti
L'ice bucket challenge al caffè di David Lynch
il regista aggiunge all'acqua un espresso e nomina Putin
Uscito il n. 20 di Diari di Cineclub
In download gratuito
VENEZIA 71 - James Dean in blu ray per la WB
arrivano dal 18 settembre La valle dell'Eden, Il gigante e Gioventù bruciata