"Scontro tra Titani", di Louis Leterrier

La rivoluzione del 3D non passa da qui, e il cinema visionario di Louis Leterrier subisce una brusca battuta d’arresto: in Scontro tra Titani non c’è mai meraviglia, non c’è passione, non c’è visione. Lo spazio non interagisce con il corpo, l’occhio non entra nel film e così tutto si riduce a un teatrino kitsch senza mordente, tanto imbarazzante quanto privo di qualsiasi forma di epica e pathos.

Scontro tra TitaniNon abbiamo fatto in tempo a dimenticare il recente e disastroso Percy Jackson, che ecco arrivare nelle sale un altro fantasy mitologico avente per protagonisti le divinità dell’antica Grecia: rifacimento di Scontro di Titani del 1981, il film di Louis Leterrier sostituisce l’artigianale stop motion di Ray Harryhausen dell’originale con la tecnologia digitale odierna, esponenziata da un posticcio ricorso alla proiezione tridimensionale. Ideato e realizzato in 2D, il film è stato poi “gonfiato” in 3D in fase di post-produzione, nel tentativo di emulare i recenti successi del nuovo formato, da San Valentino di sangue fino ad Avatar: come in Alice in Wonderland di Tim Burton però, questo stratagemma commerciale (già aspramente criticato da James Cameron) non reca vantaggio al film perché, in buona sostanza, non aggiunge nulla alla visione ma anzi, se possibile, la danneggia. Nonostante lo sfarzo scenografico e la qualità degli effetti speciali, in Scontro tra titani non c’è mai quella profondità di campo e quella consapevolezza nell’uso del 3D in grado di coinvolgere lo spettatore e “farlo entrare” nel film; in questo modo quindi non si va mai oltre quell’effetto luna park che con il cinema, per fortuna, ha davvero poco a che fare. Ma anche considerando Scontro tra Titani su un piano prettamente “bidimensionale”, le cose non migliorano: se finora Louis Leterrier aveva dimostrato di essere uno dei migliori prodotti della scuderia Besson, soprattutto grazie a un Incredibile Hulk sorprendentemente ricco sul piano visivo, ora siamo davanti a una decisa battuta d’arresto del suo cinema, speriamo momentanea. Manca infatti la capacità di reinterpretare gli spazi e i corpi in essi contenuti, manca la visionarietà dell’insieme, manca – in definitiva – quel sense of wonder che dovrebbe essere un presupposto fondamentale per rendere reale il fantastico, perchè tutto ha il sapore della plastica, tutto sembra troppo distante dall’occhio di chi guarda: in mezzo a inquadrature ricchissime di dettagli, nelle quali gli attori si perdono e rimpiccioliscono, non si instaura mai quel processo di azzeramento dei corpi che poteva esserci in un 300 o, ancora meglio, negli ultimi lavori dei fratelli Wachowsky. Manca qualsiasi forma di epica, di coinvolgimento, di pathos: la sceneggiatura è talmente basilare al punto da sembrare un semplice accostamento di sequenze che non portano da nessuna parte e che sfociano frettolosamente in una conclusione fulminea (il tanto temuto Kraken…), mentre anche sul piano visivo Leterrier non sembra volersi discostare troppo da un Signore degli Anelli qualsiasi; fa volare la sua macchina da presa sugli sfondi digitali, ma non riesce a catturare l’essenza della narrazione per immagini; è bravo nella costruzione di alcuni momenti abbastanza suggestivi (Caronte, il consiglio delle streghe), ma non va oltre uno stile derivativo e poco efficace. Scontro tra Titani si riduce così a un teatrino kitsch dove anche attori del calibro di Liam Neeson e Ralph Fiennes, costretti a recitare battute improbabili, si ritrovano a sfidare il ridicolo e a ricordarci ad ogni inquadratura, ad ogni espressione, ad ogni smorfia che, dopotutto, lo hanno fatto solo per il portafogli.

Titolo originale: Clash of the Titans

Regia: Louis Leterrier

Interpreti: Sam Wortinghton, Ralph Fiennes, Liam Neeson, Gemma Aterton, Alexa Davalos

Distribuzione: Warner Bros Italia

Durata: 118’

Origine: USA, 2010

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

FESTIVAL DI ROMA 2014 - Consegnati i Premi Collaterali
Premiati Gone Girl, We are young. We are strong, Soap Opera
Jennifer Beals nel cast di Domani mi alzo tardi
L'attrice nel film su Massimo Troisi
FESTIVAL DI ROMA 2014 - The Road Within vince Alice nella città
Premio Speciale della Giuria a Trash
DR. WHO al Lucca Comics&Games
Due episodi della prossima serie proiettati in anteprima.
Titta Benzi muore all'età di 94 anni
 Amico di Fellini, preso a modello per Titta Biondi di Amarcord
FESTIVAL DI ROMA 2014: il pubblico protagonista
Gli spettatori decideranno i film vincitori della 9° edizione 
Isabelle Huppert presiederà la giuria del Festival di Marrakech
Dal 5 al 13 dicembre al via la 14° edizione
Adriano Valerio vince il contest della sezione Cinema della BiennaleMarteLive
Il corto 37°4S, era già stato premiato a Cannes e ai David di Donatello
A qualcuno piace classico - IV edizione
Si comincia il 28 ottobre alle 21
Francesco Nuti in ospedale
Caduto dalla sedia a rotelle.
Festival di Roma: Il Postino in versione restaurata
Domenica 26 ottobre 
Annabelle film dell’anno per la Warner Bros
Superati i 150 milioni al box office mondiale.
Scemo & + scemo 2 in arrivo!
In sala il 3 dicembre
Geraldine Chaplin al Festival di Roma
Oggi alle 18 l’incontro con il pubblico.
Si è chiuso il Mercato Internazionale del Film
246 produttori provenienti da 52 paesi
Robert Downey jr. e Robert Duvall su Film Tv
Michel Gondry, cinema sardo e intervista a Donatella Botti
30° anniversario dalla nascita di Terminator
Cameron è ottimista riguardo il nuovo capitolo della saga
Il cinema italiano alla conquista dell'America Latina
Trenta  film selezionati per il Festival Internazionale di Guadalajara
Mediaset e 21 Investimenti cedono The Space
Ceduto al gruppo Vue Entertainment per 105 milioni di euro
Incasso "favoloso" per il film su Leopardi di Mario Martone
Il giovane favoloso di Elio Germano sfiora i 100 mila euro di incassi
Fine riprese per Un Natale stupefacente
Le riprese della commedia di Natale di Lillo e Greg, in uscita il 18 dicembre
NInfomaniac di Umberto Baccolo al BP FilmFest di Berlino
per un dibattito sul sesso esplicito nel cinema d'autore
FESTIVAL DI ROMA 2014 - Jean-Pierre Jeunet critico verso la sala Sinopoli
Ieri, prima della proiezione delle 11.30
Maleficent arriva in Blu-Ray
Dopo un incasso di 740 milioni di dollari, approda in home video
Christian Bale sarà Steve Jobs nel nuovo biopic
Nuovo protagonista per il film di Boyle dopo il rifiuto di Di Caprio