"Scontro tra Titani", di Louis Leterrier

La rivoluzione del 3D non passa da qui, e il cinema visionario di Louis Leterrier subisce una brusca battuta d’arresto: in Scontro tra Titani non c’è mai meraviglia, non c’è passione, non c’è visione. Lo spazio non interagisce con il corpo, l’occhio non entra nel film e così tutto si riduce a un teatrino kitsch senza mordente, tanto imbarazzante quanto privo di qualsiasi forma di epica e pathos.

Scontro tra TitaniNon abbiamo fatto in tempo a dimenticare il recente e disastroso Percy Jackson, che ecco arrivare nelle sale un altro fantasy mitologico avente per protagonisti le divinità dell’antica Grecia: rifacimento di Scontro di Titani del 1981, il film di Louis Leterrier sostituisce l’artigianale stop motion di Ray Harryhausen dell’originale con la tecnologia digitale odierna, esponenziata da un posticcio ricorso alla proiezione tridimensionale. Ideato e realizzato in 2D, il film è stato poi “gonfiato” in 3D in fase di post-produzione, nel tentativo di emulare i recenti successi del nuovo formato, da San Valentino di sangue fino ad Avatar: come in Alice in Wonderland di Tim Burton però, questo stratagemma commerciale (già aspramente criticato da James Cameron) non reca vantaggio al film perché, in buona sostanza, non aggiunge nulla alla visione ma anzi, se possibile, la danneggia. Nonostante lo sfarzo scenografico e la qualità degli effetti speciali, in Scontro tra titani non c’è mai quella profondità di campo e quella consapevolezza nell’uso del 3D in grado di coinvolgere lo spettatore e “farlo entrare” nel film; in questo modo quindi non si va mai oltre quell’effetto luna park che con il cinema, per fortuna, ha davvero poco a che fare. Ma anche considerando Scontro tra Titani su un piano prettamente “bidimensionale”, le cose non migliorano: se finora Louis Leterrier aveva dimostrato di essere uno dei migliori prodotti della scuderia Besson, soprattutto grazie a un Incredibile Hulk sorprendentemente ricco sul piano visivo, ora siamo davanti a una decisa battuta d’arresto del suo cinema, speriamo momentanea. Manca infatti la capacità di reinterpretare gli spazi e i corpi in essi contenuti, manca la visionarietà dell’insieme, manca – in definitiva – quel sense of wonder che dovrebbe essere un presupposto fondamentale per rendere reale il fantastico, perchè tutto ha il sapore della plastica, tutto sembra troppo distante dall’occhio di chi guarda: in mezzo a inquadrature ricchissime di dettagli, nelle quali gli attori si perdono e rimpiccioliscono, non si instaura mai quel processo di azzeramento dei corpi che poteva esserci in un 300 o, ancora meglio, negli ultimi lavori dei fratelli Wachowsky. Manca qualsiasi forma di epica, di coinvolgimento, di pathos: la sceneggiatura è talmente basilare al punto da sembrare un semplice accostamento di sequenze che non portano da nessuna parte e che sfociano frettolosamente in una conclusione fulminea (il tanto temuto Kraken…), mentre anche sul piano visivo Leterrier non sembra volersi discostare troppo da un Signore degli Anelli qualsiasi; fa volare la sua macchina da presa sugli sfondi digitali, ma non riesce a catturare l’essenza della narrazione per immagini; è bravo nella costruzione di alcuni momenti abbastanza suggestivi (Caronte, il consiglio delle streghe), ma non va oltre uno stile derivativo e poco efficace. Scontro tra Titani si riduce così a un teatrino kitsch dove anche attori del calibro di Liam Neeson e Ralph Fiennes, costretti a recitare battute improbabili, si ritrovano a sfidare il ridicolo e a ricordarci ad ogni inquadratura, ad ogni espressione, ad ogni smorfia che, dopotutto, lo hanno fatto solo per il portafogli.

Titolo originale: Clash of the Titans

Regia: Louis Leterrier

Interpreti: Sam Wortinghton, Ralph Fiennes, Liam Neeson, Gemma Aterton, Alexa Davalos

Distribuzione: Warner Bros Italia

Durata: 118’

Origine: USA, 2010

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito

News

Gilliam, Cuaròn, Irons e Garrone al Lucca Film Fest
 Ecco gli ospiti del Lucca Film Festival.
Uscito il n. 26 di Diari di Cineclub
In download gratuito
Chris Hemsworth in copertina su Film Tv
Interviste a Jasmine Trinca, Chris Hemsworth e Paolo e Vittorio Taviani
'I Paranoidi' con Fabio Testi e Enzo G. Castellari
Diretti da Camillo Brena e Matteo Mercanti
Nastri d'Argento per il miglior documentario a Costanza Quatriglio e Giorgio Treves
Per le due sezioni Cinema del reale e Cinema e spettacolo
Aperta la prevendita dell'anteprima di Fast & Furious 7
In sala il 1 aprile
Arriva in sala 'smoKings' di Michele Fornasero
Un documentario gangster sul mondo del tabacco
Rocco Tanica per il corto musical Maria P.
Scritto e diretto da Alessandro Corradi
Valentina Carnelutti e il lavoro del regista con l'attore
nel workshop Dirigimi, gli ultimi due week end di marzo
Studio Universal omaggia Alfred Hitchcock
Per il 55° Anniversario dall’uscita di Psycho
Denis Villeneuve alla regia del sequel di Blade Runner
Harrison Ford sarà ancora Rick Deckard
Record al box-office per Zanetti Story
Il film che ha incassato di più nella giornata di ieri
"Lunga vita e prosperità" - Addio a Leonard Nimoy
Muore Spok, icona di Star Trek
Legends - Le 10 identità di Sean Bean
Su Fox ogni giovedì alle 23.15
L'altra Heimat - continua la saga di Edgar Reitz
Dal cinema il 31 marzo e il 1 aprile
La vedova Monicelli protesta: «No al Premio grossetano».
Avrebbe preferito Pif a Verdone.
In sala con Coppola, Scorsese, De Palma e Hitchcock al Cinema Trevi di Roma
Una serie di grandi classici restaurati
Noi e la Giulia parte bene al box office
Già 190.000 spettatori e 1.300.000 € d'incasso
Joaquin Phoenix in copertina su Film Tv
SpongeBob, Paul Thomas Anderson, Ryan Murphy e Javier Zanetti
Terzo film per Michelle Williams e Kelly Reichardt
Dopo Wendy and Lucy e Meek's Cutoff
Antonio Monda è il nuovo Direttore Artistico del Festival di Roma
Direzione Generale a Lucio Argano
L'Oscar al miglior documentario 'Citizenfour' in sala
Dall'11 giugno
OSCAR 2015 - Vincono Redmayne e Julianne Moore
Miglior attore e miglior attrice
OSCAR 2015 - Alexandre Desplat vince il suo primo Academy
Per le musiche di Grand Budapest Hotel
OSCAR 2015 - Patricia Arquette premiata
Attrice non protagonista per Boyhood