25 anni Blob: oggi enrico ghezzi da Sentieri selvaggi

Sono passati 25 anni da quel 17 aprile 1989, in cui la tv italiana inaugurava una delle più longeve e innovative trasmissioni televisive della sua storia, BLOB, che prendeva il nome da un horror del 1958 con Steve Mc Queen.

 

Oggi enrico ghezzi terrà una lezione di cinema alla Scuola Sentieri selvaggi, in cui ci racconterà la storai dell'altra sua creatura, SCHEGGE. Appuntamento dalle ore 14.00, con il film Cronaca di un assassinio, e poi dalle 16.00 alle 20.00 con la lezione di ghezzi. Il tutto in via Carlo Botta 19, a Roma

 

(tutte le info sul Case Study qui: 

http://www.scuolasentieriselvaggi.it/home/altri-corsi/case-study-schegge-con-enrico-ghezzi

 

Qui la lettera di enrico ghezzi, pubblicata sul sito ufficiale della trasmissione www.blog.it

 

 

Blob 25(mila) anni di istanti tv

 “In principio furono le Schegge. In pochi mesi, dentro la Rai3 di Angelo Guglielmi, si inventarono e assunsero un ruolo all’altezza dell’ispida consistenza del loro nome. Ruvidezza, spine, frammentalità di ogni riconoscimento identitario, accavallamento dei codici tutti e ritessitura degli stessi, ricerca acuminata colta e selvaggia dell’iceberg straordinario costituito dall’immenso archivio RAI, sfruttato non più solo per la celebrazione automatica e accademica di anniversari vari intrecciati e di eterni ritorni di salme più o meno ‘culturali’, ma quale detonatore di una carica (quella del palloncino o del globo planetario o della curvatura spaziale) che dava luogo a una sorta di ‘anarchivismo’ diffuso atto a far saltare le convenzioni nelle quali dai Lumière in poi ci si illude di poter confinare e amministrare la terribile e appassionante ambiguità dell’Immagine (specie di quella che il cinema e la tv infittiscono e incrociano ‘movendola’ ipnoticamente).

 

Blob (e a novembre anche Fuori Orario si troverà di fronte allo specchio d’ombra del suo quarto di secolo) sta disseminando da settimane il palinsesto di Rai3 di reperti rari e di innumerevoli frammenti tanto indimenticabili da esser già stati dimenticati (secondo il pendolo di memoria/smemoria che segna il trionfo o il battere a morto della macchina cinetelevisiva).

 

Non per caso lo spazio in cui si inserisce Blob è quello del più noto sorprendente allucinante ‘serial’ proposto da Schegge, il Vent’anni Prima dei tg dello stesso giorno (appunto) di vent’anni prima.

 

17 aprile 1989 è la data esatta di avvio con Blob dei v e n ti c i n q u e anni di continuo scrutare oscuro la matassa o il gomitolo della distanza impercettibile che la tv prevede e provvede per la nostra vita.

 

Si segnalerà con un Blob un po’ più lungo nella stessa giornata (e con l’emergere lo strisciare il campeggiare del marchio rosso ‘blob’ nei programmi più diversi).

 

Venerdì 6 giugno, invece, un inedito assoluto, una prima serata non ‘di blob’ ma ‘Da Blob’. In parte il sogno lontano di un impossibile ‘blob in diretta’ (il programma sarà infatti in diretta), in parte un gioco assurdo in cui difficilmente si capirà chi è conduttore o semiconduttore o spetta(u)tore o artista o illusionista (forse le immagini stesse più ‘attrici’ delle persone stesse). Insomma forse ci accapiglieremo su questa ‘forma senza forma’. Di sicuro (?!) ‘Non Avete Ancora Visto Nulla.

 

E la verifica resterà incerta. Buona Visione (e grazie per la (dis)attenzione.”

 

(egh)