SPECIALE "NEMICO PUBBLICO" - Beati i perseguitati per causa della giustizia


Il 22 luglio 1934, al Biograph di Chigaco, Dillinger porta Polly e Anna Sage a vedere Le due strade e guarda il suo capolavoro, il trapasso da carne a immagine si è definitivamente compiuto, e rimette all’America la sua volontà. Quando esce dal cinema, prima di esser raggiunto dalla pallottola del cavaliere dell’apocalisse, il sicario mandato dalla Storia, che lo attende, da sempre, John Dillinger si ferma. Questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre

clarck gable - le due stradeBeati i perseguitati per causa della giustizia
perchè di essi è il regno dei cieli
(Matteo 5-10)
 
Una sala da gioco clandestina e facoltosi gentiluomini accompagnati da eleganti signore, che, accalcandosi intorno a tavoli verdi e davanti ad una roulette, inseguono il loro inconfessato sogno di libertà, mentre la polizia baratta la legalità con una fetta della torta: un piatto di caviale. Il loro sogno ha un nome, Edward J. “Blackie” Gallagher. Dopo un prologo che narra la tragedia di essere al mondo, il Blackie/Clark Gable de Le due strade diventa l’immagine riflessa in un finto specchio. Il simulacro del corpo del desiderio, che per mezzo di uno sguardo, di tutti gli sguardi nascosti dall’altra parte dello specchio, si fa incarnazione, contro l’aggressione della giustizia, del trionfo di un individualismo anarchico che professa un unico credo: tutto... e adesso. Come Blackie dice a Eleanor/Mirna Loy. Come John Dillinger risponde a Billie.  
nemico pubblicoMentre l’America segue senza fiato, sulle pagine dei giornali, attraverso la radio e al cinema, con i cinegiornali, l’avvento di un angelo nero venuto da un altro mondo per lavare, con il suo sangue, i peccati di un Popolo, Edgar J. Hoover/Billie Crudup accende improvvisamente le luci e chiede agli spettatori che affollano le sale di tutto il paese di girarsi alla loro destra e poi alla loro sinistra per controllare se il nemico pubblico numero uno è seduto accanto a loro. Non ha ancora capito che Dillinger è un’ombra che la luce non può rivelare, uno spettro che si nasconde dietro lo sguardo degli ostaggi che fanno da scudo umano al loro sogno. E’ un corpo che si è fatto immagine, come Billie, sprezzantemente, dice ai G-Men che l’hanno arrestata e che sono passati accanto al loro uomo senza poterlo vedere. Per vederlo bisogna guardare avanti, dentro lo schermo.
E’ al cinema che a Tommy Carroll/Spencer Garrett viene rivelato che Dillinger è l’eroe di un Paese. Il salvatore, salutato da una folla che lo aspetta e lo venera, venuto per annunciare un sogno di redenzione. Dillinger è il verbo che professa la fratellanza – i miei ragazzi stanno come me e io sto con loro – e, con in mano una pistola di legno, promette la libertà agli oppressi e a tutti coloro che sono stati traditi dal miraggio di un nuovo mondo più giusto.
Dillinger non è di questa terra e non può essere preso fino al compimento della parola della Storia. Lo impara ben presto Purvis/Christian Bale che, per riuscire a catturarlo, lo spinge nel deserto della solitudine privandolo di Billie e di tutti i suoi discepoli e, infine, cerca di indurlo in tentazione costruendo intorno al suo nemico un corpo e un passato, quelli scritti john dillingersulle pareti dell’ufficio della Dillinger Squad, dove l’uomo più ricercato della Nazione si ferma, non visto, a guardare la sua storia e, davanti alla sua foto, per un attimo straordinario, si abbandona alla nostalgia della carne, per poi, ancora una volta, opporre il suo rifiuto alla lusinga di farsi corpo.
Il Blackie che W. S. Van Dyke, insieme a Oliver H.P. Garrett e Joseph L. Mankiewicz, gli sceneggiatori del film, racconta ne Le due strade (1934) è modellato sulla figura di Dillinger. Dall’altra parte della barricata Jim Wade/William Powell, è l’uomo di legge, che, seppur inconsapevolmente, deve la sua ascesa politica alla condanna a morte di Blackie, colpevole dell’omicidio con il quale ha consegnato al suo amico Jim la sedia di governatore. E come ne Le due strade prende forma l’immagine di un ordine sociale nel quale la libertà viene cancellata da un principio distorto della legalità, la guerra al crimine inscenata dal sommo sacerdote dell’FBI, dove Dillinger è l’agnello sacrificale immolato per rendere possibile la Nascita della Nazione, non è altro che l’impostura nascosta dietro il mito di una seconda Fondazione. E’ solo un ruolo da zar quello che Hoover cerca di ritagliarsi, come gli viene detto dal senatore McKellar/Ed Bruce. E per diventare zar instaura un sistema deviato, che si serve della mafia per combattere john dillingeruna guerra contro la speranza e dove la tortura e gli abusi sono una strategia del terrore giustificata da un fine più grande, la sicurezza del paese.
Il 22 luglio 1934, al Biograph di Chigaco, Dillinger porta Polly/Leelee Sobieski e Anna Sage/Branka Katic, pagata trenta falsi denari per il suo tradimento, a vedere Le due strade e guarda il suo capolavoro, il trapasso da carne a immagine si è definitivamente compiuto. E' giunta l'ora di rimettere all’America la sua volontà. So long Blackie.
Quando esce dal cinema, prima di esser raggiunto dalla pallottola del cavaliere dell’apocalisse, il sicario mandato dalla Storia, che lo attende, da sempre, John Dillinger si ferma. Questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre.
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 1 commenti
 
  1. Non condivido tutta questa retorica su una tale pellicola.La venatura noir della pellicola cela la personalità del protagonista (Johnny Depp), focalizzando l’attenzione sugli scontri a fuoco tra l’eroe negativo e degli inconsistenti deuteragonisti.Mann preferisce stupire con flash cut e slowmotion delle sparatorie, piuttosto che raccontare una vera storia. Il regista si concentra a tal punto sull’estetica delle riprese, finendo per annullarsi in un trionfo narcisistico, similare alle immagini gonfiate dei videogames.

    Inviato da Anonimo il 14/11/2009
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Due giorni, una notte scala il box office
Incassati 314.374 euro con media copia di 2.884
Si riaccendono gli schermi del Filmstudio a Roma.
Ecco i film della prima serata-evento.
TORINO 32 - La New Hollywood sotto esame
il 27/11 all'Auditorium Quazza incontro sui film della retrospettiva
Steve McQueen alle prese con un quartetto di Vedove.
Il regista britannico era un grande fan dello show della BBC
Torino 32 – aumentano gli incassi
impennata del 7% nelle vendite di biglietti singoli
James Bond per le strade di Roma
Nel nuovo capitolo della saga di 007 diretto da Sam Mendes
Debutto alla regia per Russell Crowe
The Water Diviner uscirà in Italia l'8 gennaio
La banda Boris di "Ogni maledetto Natale" in copertina su "Film Tv"
Interviste a Stefano Fresi, Alessandra Mastronardi, Luca Vendruscolo e Tom McGrath
TORINO 32 - Spielberg's Day
Tre suoi film in retrospettiva
Hunger Games in testa al box office statunitense
Al secondo posto Big Hero 6, al terzo Interstellar
Kolossal in Italia: il remake di Ben Hur a Cinecittà
 Il tax credit favorisce le produzioni internazionali
TORINO 32 - "Lost in Belluscone": scene inedite del film di Maresco
Presentate dal regista oggi alle 16, ingresso libero
TORINO 32 - Applausi per Tokyo Tribe
il pubblico premia Sion Sono
M2 finalizza l'acquisizione di due nuovi titoli per il 2015
Si tratta di Colpo di stato e Orgoglio e pregiudizio e zombie
The Killing 4 su Fox Crime A
 L'ultimo dei sei episodi sarà diretto da Jonathan Demme
Luigi Cuciniello presidente dell'Anec
Eletto il 19 novembre dal Congresso Nazionale dell'Anec
Stanley Kubrick omaggiato da Hollywood
a 15 anni dalla sua morte
Jennifer Lawrence in copertina su Film Tv
Interviste a Francis Lawrence, Sam Claflin, Volker Schlöndorff e focus sul Torino Film Festival
In vendita l'appartamento di Lauren Bacall
A 26 milioni di dollari  
Scomparso Ken Takakura
L'attore aveva 83 anni
Arrivano I Pinguini di Madagascar in anteprima
Il 22 e 23 novembre
V edizione del Procult Film Festival
Da domani al 23 Novembre alla Casa del cinema di Roma
Il Torino Film Festival festeggia i 90 anni di Giulio Questi
Sarà presentato anche il volume autobiografico Se non ricordo male  
Cenerentola diretta da Carlo Verdone
Nelle sale a partire dal 23 dicembre
Adieu au Langage film della Critica
Designato questa settimana dal SNCCI