VENEZIA 68 - "Cisne", di Teresa Villaverde (Orizzonti)

 “Non aver paura di lanciarsi dalla cima di una montagna", così la regista portoghese definisce il sentimento che ha ispirato il film, e così il suo cigno che apre le ali obbedisce all’impulso di chi impara che bisogna rischiare tutto per catturare almeno una preziosa scintilla di libertà. Non c’è garanzia di redenzione o salvezza, ma forse, per la prima volta nel cinema della Villaverde, la possibilità di un’isola

CISNE - Teresa VillaverdeCisne racconta la paura (di non essere riconosciuti, di non saper accettare la solitudine quando è necessaria). Ma Vera, un fascio luminoso che attrae e respinge, conosce il segreto: 5000 lettere “non sull’amore, ma proprio d’amore” non bastano, bisogna fare il passo nel vuoto e mettersi completamente a nudo. Scommettere bisogna come in Pascal, solo che invece di quel dio, si tratta della libertà di amare, permettersi di perdere se stessi senza per questo scomparire.

All’ultima battuta di una una tournée di successo, tra applausi e fiori e stanze d’albergo con letti troppo spaziosi, la cantante Vera sente che la sua arte non la proteggerà (l’arte protegge solo i folli, e io non lo sono abbastanza”) e che Sam, l’uomo che ama, è inafferrabile (il pittore Israel Pimenta, per la prima volta attore (di grande fisicità, si muove nel film con assoluta sicurezza, come nelle bellissime scene con la vicina). Vera accetta una proposta apparentemente irrazionale: vivere per un po’nella casa di lei, tra le sue cose, ma senza di lei. Lo vediamo sfiorare il suo archetto come una pistola in un western, e vediamo lo strumento, sentiamo perfino la musica: ma non lo vediamo mai suonare. Anche lui cerca la sua strada.
La Villaverde lavora con due nomi di sempre: il direttore della fotografia Acácio de Almeida e il montatore Andrée Davanture, usa la splendida colonna sonora, che mescola John Cage, Caetano Veloso, Dmitri Shostakovich e Chico Buarquen, come un controcanto che sfuma nei volti degli attori. In Beatriz Batarda, attrice di teatro e cinema (João Canio, Manoel de Oliveira) trova un viso che sa essere puro e insieme vissuto, e trasmettere intensamente le asperità e la fragilità di Vera equilibrista improvvisata, una che sa benissimo di essere su un filo troppo in alto. L'unico modo di vivere è giocarsi ogni possibilità: il suo occhio che sanguina – con ironia, le accade quando è troppo felice - scende ad accarezzare Paul (il dolce Miguel Nunes, al lavoro con un altro regista portoghese che non conosce la parola “paura”: Alberto Seixas Santos, e a breve con Joao Pedro Rodrigues in un corto muto). Il rapporto tra la cantante e il suo giovane autista è fiducioso subito, e in qualche modo paritario: Paul, abbandonato dalla madre da piccolo, più che cercare in lei banalmente una nuova madre si sente spinto a proteggere Vera “mi sembri ancora più smarrita di me". E con Vera, protegge anche un ragazzino, forse perché in passato ha conosciuto la durezza della sua esistenza. Arriverà il momento della violenza restituita alla violenza, con il bambino che si sottrae all’ennesima umiliazione sporcandosi lui stesso le mani di sangue: Cisne parla ancora di sopravvivenza e della capacità di resilienza dell’infanzia (l’incipit con la pernice nelle mani del bambino, che dopo una CISNE - Teresa Villaverdefucilata in volo è ancora viva, e altri momenti dove lo straordinario splendore figurativo non consola rispetto alla durezza dei fatti) come già in A Idade Maior, Três Irmãos e soprattutto nel capolavoro Os Mutantes.
I bambini camminano sui carboni ardenti se devono, è una scelta forzata. Ma questa volta un’adulta, stabile forse dal solo punto di vista economico, cambia il corso della storia e con un gesto di generosità istintivo e gratuito recupera un margine di sopravvivenza emotiva per se stessa. Forse solo così può essere una decisione irrevocabile: istintiva e gratuita, e forse per la prima volta nel cinema della Villaverde ci imbattiamo in una faccia del bene. Vera, che dice di amare la notte e le persone che non dormono, ma in realtà soffre dell'insonnia di chi non viene saziato, finalmente può assaggiare un principio di sonno, e non più il sonno degli estenuati che arriva per sfinimento. La stupenda scena finale della siesta, che ci sprofonda nel silenzio di alcuni rari pomeriggi di pace, è il riposo che non si osa invocare nella frenesia dei giorni. Non c'è garanzia di redenzione o salvezza, ma intanto, un atterraggio.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Alfonso Cuarón in una monografia
Scritta da Simone Santi Amantini
Mad Max: Fury Road fuori concorso a Cannes
Sarà presentato il 14 maggio al Grand Théâtre Lumière
Jean Dujardin in copertina su Film Tv
Cinema svizzero, French Connection, Cold in July, 1992
Ameluk, al cinema l'opera prima di Mimmo Mancini
Dal 9 aprile in sala
I dieci comandamenti di Roberto Benigni in doppio dvd
206 minuti di spettacolo
L'ultimo film di Glawogger al cinema?
Il team del regista al lavoro su settanta ore di girato
La Cineteca di Bologna restaura tutti i film di Buster Keaton
I primi restauri saranno presentati alla 39° edizione de Il Cinema Ritrovato
Keanu Reeves e Jim Carrey nel nuovo film di Ana Lily Amirpour
Si intitolerà Bad Batch e sarà una love story tra cannibali
Blackhat in lingua originale negli UCI Cinemas
Solo domani, 25 marzo
Il Festival del cinema di Roma torna a essere una Festa
Dal 16 al 23 ottobre
Abderrahmane Sissako presidente della giuria del 25° FCAAAL
A Milano dal 4 al 10 maggio
Torna a Roma il Film Festival Turco
Dal 16 al 19 aprile al Multisala Barberini  
Barbara Steele al 35° Fantafestival
Dal 15 al 19 giugno 
Tra l'Armenia e Nanni Loy
Al Cinema Trevi di Roma da oggi al 29 marzo
Melvil Poupaud ospite al Sicilia Queer Film Fest
l'attore e regista francese dal 25 al 31 maggio a Palermo 
Il noir maledetto di Claire Denis
 da Sentieri Selvaggi giovedì 26 h 20.30, ingresso gratuito
James Franco ha iniziato le riprese di In Dubious Battle
Dallo scorso 18 marzo ad Atlanta
Pixels di Chris Columbus dal 29 luglio al cinema
Con Adam Sandler
Future Film Festival 2015: Eat the future
Dal 5 al 10 maggio a Bologna
Il giardino dei Finzi Contini in versione restaurata dall'Istituto Luce Cinecittà
Il film premio Oscar di Vittorio De Sica torna in una nuova edizione dal 25 marzo
Home-A casa, in libreria il bestseller che ha ispirato il film Dreamworks
Disponibile da ieri
I 7 Nani arrivano in Italia!
In esclusiva dal 30 aprile.  
N-CAPACE è Film della Critica
L'opera di Eleonora Danco colpisce il SNCCI.  
Florence Korea Film Fest, la tredicesima edizione dal 20 al 30 marzo
Manifestazione dedicata ai grandi successi del cinema coreano a Firenze
Al via L'Immagine e la Parola di Locarno
dal19 al 22 marzo l'evento ospiterà Emmanuel Carrère, Pawlikowski e Valeria Golino