VENEZIA 68 - "Cisne", di Teresa Villaverde (Orizzonti)

 “Non aver paura di lanciarsi dalla cima di una montagna", così la regista portoghese definisce il sentimento che ha ispirato il film, e così il suo cigno che apre le ali obbedisce all’impulso di chi impara che bisogna rischiare tutto per catturare almeno una preziosa scintilla di libertà. Non c’è garanzia di redenzione o salvezza, ma forse, per la prima volta nel cinema della Villaverde, la possibilità di un’isola

CISNE - Teresa VillaverdeCisne racconta la paura (di non essere riconosciuti, di non saper accettare la solitudine quando è necessaria). Ma Vera, un fascio luminoso che attrae e respinge, conosce il segreto: 5000 lettere “non sull’amore, ma proprio d’amore” non bastano, bisogna fare il passo nel vuoto e mettersi completamente a nudo. Scommettere bisogna come in Pascal, solo che invece di quel dio, si tratta della libertà di amare, permettersi di perdere se stessi senza per questo scomparire.

All’ultima battuta di una una tournée di successo, tra applausi e fiori e stanze d’albergo con letti troppo spaziosi, la cantante Vera sente che la sua arte non la proteggerà (l’arte protegge solo i folli, e io non lo sono abbastanza”) e che Sam, l’uomo che ama, è inafferrabile (il pittore Israel Pimenta, per la prima volta attore (di grande fisicità, si muove nel film con assoluta sicurezza, come nelle bellissime scene con la vicina). Vera accetta una proposta apparentemente irrazionale: vivere per un po’nella casa di lei, tra le sue cose, ma senza di lei. Lo vediamo sfiorare il suo archetto come una pistola in un western, e vediamo lo strumento, sentiamo perfino la musica: ma non lo vediamo mai suonare. Anche lui cerca la sua strada.
La Villaverde lavora con due nomi di sempre: il direttore della fotografia Acácio de Almeida e il montatore Andrée Davanture, usa la splendida colonna sonora, che mescola John Cage, Caetano Veloso, Dmitri Shostakovich e Chico Buarquen, come un controcanto che sfuma nei volti degli attori. In Beatriz Batarda, attrice di teatro e cinema (João Canio, Manoel de Oliveira) trova un viso che sa essere puro e insieme vissuto, e trasmettere intensamente le asperità e la fragilità di Vera equilibrista improvvisata, una che sa benissimo di essere su un filo troppo in alto. L'unico modo di vivere è giocarsi ogni possibilità: il suo occhio che sanguina – con ironia, le accade quando è troppo felice - scende ad accarezzare Paul (il dolce Miguel Nunes, al lavoro con un altro regista portoghese che non conosce la parola “paura”: Alberto Seixas Santos, e a breve con Joao Pedro Rodrigues in un corto muto). Il rapporto tra la cantante e il suo giovane autista è fiducioso subito, e in qualche modo paritario: Paul, abbandonato dalla madre da piccolo, più che cercare in lei banalmente una nuova madre si sente spinto a proteggere Vera “mi sembri ancora più smarrita di me". E con Vera, protegge anche un ragazzino, forse perché in passato ha conosciuto la durezza della sua esistenza. Arriverà il momento della violenza restituita alla violenza, con il bambino che si sottrae all’ennesima umiliazione sporcandosi lui stesso le mani di sangue: Cisne parla ancora di sopravvivenza e della capacità di resilienza dell’infanzia (l’incipit con la pernice nelle mani del bambino, che dopo una CISNE - Teresa Villaverdefucilata in volo è ancora viva, e altri momenti dove lo straordinario splendore figurativo non consola rispetto alla durezza dei fatti) come già in A Idade Maior, Três Irmãos e soprattutto nel capolavoro Os Mutantes.
I bambini camminano sui carboni ardenti se devono, è una scelta forzata. Ma questa volta un’adulta, stabile forse dal solo punto di vista economico, cambia il corso della storia e con un gesto di generosità istintivo e gratuito recupera un margine di sopravvivenza emotiva per se stessa. Forse solo così può essere una decisione irrevocabile: istintiva e gratuita, e forse per la prima volta nel cinema della Villaverde ci imbattiamo in una faccia del bene. Vera, che dice di amare la notte e le persone che non dormono, ma in realtà soffre dell'insonnia di chi non viene saziato, finalmente può assaggiare un principio di sonno, e non più il sonno degli estenuati che arriva per sfinimento. La stupenda scena finale della siesta, che ci sprofonda nel silenzio di alcuni rari pomeriggi di pace, è il riposo che non si osa invocare nella frenesia dei giorni. Non c'è garanzia di redenzione o salvezza, ma intanto, un atterraggio.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Apes Revolution sul nuovo Film Tv
Interviste a Matt Reevs e Andy Serkis, speciale sul cinema Palestinese
Addio a Giorgio Gaslini
sue le colonne sonore de La notte di Antonioni e Profondo rosso    
Esce a settembre Frances Ha
Il film di Noah Baumbach amato da Tarantino
Sin City – Una donna per uccidere da ottobre al cinema
Il ritorno della coppia Robert Rodriguez/Frank Miller  
Point Break 2 in Alto Adige
Le riprese si sono svolte a Bolzano e Brunico
I vincitori del Concorso Paranormal Stories
le t-shirt messe in palio da Explorer Entertainment 
Venezia 71: la Calabria di Francesco Munzi
Nella sua trasposizione di Anime Nere
Step Up All In: prima clip e spot
il film uscirà il 20 agosto  
LOCARNO 67 - Arriva Roman Polanski
Terrà una lezione di cinema aperta al pubblico il 15 agosto
CinemaèDanza parte oggi da Cortona
Prossimi appuntamenti ad Arezzo e Terranova Bracciolini
Tutti i premi del 44° Giffoni Film Festival
Ornella Muti e Paolo Conticini ospiti speciali
Julia Roberts e Vincent Cassel in Toscana
Lei per Calzedonia, lui per Garrone
Chuck Palahniuk annuncia un comic book per Fight Club 2
il fumetto sarà edito da Dark Horse
I vincitori di Bimbi Belli 2014
Pif miglior film
Amazing Spider-Man 3 rimandato al 2018
La precedenza a ‘I Sinistri Sei’
L'Osservatore Romano esalta Il vangelo secondo Matteo
Quella di Pasolini "forse la migliore opera su Gesù nella storia del cinema".
La sceneggiatura de ‘Il giovane favoloso’ in libreria
Martone su Leopardi: dal 16 ottobre
Laurea honoris causa a Bertolucci
Il conferimento sarà il 16 dicembre  
Naomi Watts per Jean-Marc Vallée?
In trattative per il suo Demolition
Il Premio Bresson va a Verdone
L'attore e regista romano verrà insignito del premio
Bloccato il nuovo film di Scimeca
Stop per motivi burocratici 
Gagosian Gallery ospita le foto di Dennis Hopper
In autunno l'altra faccia dell'attore.
VENEZIA 71: La giuria della sezione Orizzonti
Presieduta da Ann Hui
VENEZIA 71: Carlo Verdone in giuria
Presieduta dal musicista Alexandre Desplat
VENEZIA 71: Orizzonti
I film della sezione "Orizzonti"