Appartamento ad Atene - Incontro con il regista e il cast del film


Una conferenza stampa tutta sulla Storia e le sue sfaccettature quella che ha seguito l’anteprima di Appartamento ad Atene, l’opera prima di Ruggero Dipaola, tratta dal’omonimo libro di Glenway Wescott. Presenti al Cinema Barberini, oltre al regista, i co-sceneggiatori, Heidrun Schleef e Luca De Benedittis, e il cast (Laura Morante, Richard Sammel e i giovanissimi Vincenzo Crea e Alba De Torrebruna)

Il regista sul set del filmUna conferenza stampa tutta sulla Storia e le sue sfaccettature quella che ha seguito l’anteprima di Appartamento ad Atene, l’opera prima di Ruggero Dipaola, tratta dal’omonimo libro di Glenway Wescott. Presenti al Cinema Barberini, oltre al regista, i co-sceneggiatori, Heidrun Schleef e Luca De Benedittis, e il cast (Laura Morante, Richard Sammel e i giovanissimi Vincenzo Crea e Alba De Torrebruna). Il film, che verrà distribuito dalla Eyemoon Pictures in 50 copie, sarà in sala il 28 settembre.



Il romanzo di Wescott è ambientato in un momento storico preciso, durante la Seconda Guerra Mondiale, ma il film è come fosse un Kammerspiel, in cui troviamo uno straniero che arriva a sconvolgere la comunità. Perché ha scelto proprio questa storia per il suo primo film?

Dipaola: Dopo aver opzionato il libro e scritto la sceneggiatura, mi sono ricordato dei racconti che mia madre faceva quando ero piccolo. Anche la sua famiglia in Abruzzo era stata costretta a ospitare un militare nazista. Allora ho riconosciuto qualcosa di familiare nella storia. E poi mi affascinavano le dinamiche che si scatenano con l’arrivo del Capitano Kalter, non solo nei singoli personaggi, la loro reazione, ma anche tra i componenti della famiglia. Sembra quasi che, da un certo punto di vista, questo arrivo porti dei benefici, come nel caso della vita di coppia tra gli Helianos.


Come si è svolta la produzione del film?


Dipaola: Ho avuto la fortuna e sfortuna al tempo stesso di essere regista e produttore, quindi ho potuto scegliere i miei collaboratori e il cast, ma ho dovuto anche andare a cercare finanziamenti. Abbiamo ricevuto il sostegno del MiBac, dell’Apulia Film Commission, della Roma Lazio Film Commission e dei tax credit di una società chiamata Esperia, che ci ha permesso di chiudere il budget. All’inizio dello sviluppo abbiamo avuto il sostegno anche di MEDIA e della tedesca Pandora Film, ma poi, per motivi tecnici, non conveniva una co-produzione e alla fine il film è stato tutto italiano.


Come sempre, quando si adatta un film da un libro, ci sono delle differenze.

Dipaola: Heidrun, Luca e io abbiamo ovviamente letto il romanzo prima di scrivere la sceneggiatura e, oltre l’ovvio adattamento, sì, ci sono delle differenze, ma non molte. Quella principale riguarda Zoe Helianos, che nel romanzo è una donna ansiosa, cagionevole, che ha perso la sua giovinezza, mentre nel film è una donna forte e affascinante. La bambina, Leda, nel libro viene descritta come una bambola ritardata, mentre noi abbiamo voluto lavorare sul personaggio e spiegare il suo modo di essere come una conseguenza dello shock subito quando Leda aveva assistito all’esplosione di una bomba al mercato. Alex, invece, è molto simile per ironia e sarcasmo, ma abbiamo accentuato il conflitto con il padre. Altra differenza è l’aver voluto lasciare la guerra un po’ sullo sfondo e focalizzarci sulle persone.

Schleef: Non ricordo il romanzo perché, dopo averlo letto una volta o due, si dimenticano le cose, rimane un ricordo soggettivo della storia e alla fine è la propria interpretazione che passa nella sceneggiatura.

De Benedittis: C’è anche un’altra differenza, quella del cugino patriota, che nel romanzo ha un ruolo consistente, ma abbiamo voluto tagliarlo per concentrarci sul nucleo familiare.

Morante: Non ho letto il romanzo. Ruggero me lo aveva passato, ma mi aveva pure detto che la sceneggiatura era diversa, quindi non l’ho letto. Anche se ora mi incuriosisce. Il personaggio di Zoe è come lo descrive Ruggero, è una donna forte. Forse anche per questo la famiglia si spacca in due: da una parte, la madre e il figlio; dall’altra, la figlia che s’invaghisce del Capitano e il padre che crede di trovare un contatto umano, intellettuale con lui. La madre, invece, non si fida fino alla fine. In lei troviamo tutte quelle sfumature che vanno dalla diffidenza all’ostilità, anche un senso d’ingiustizia.


Un'immagine da Il film ha partecipato a molti festival all’estero. È stata realizzata una versione internazionale?

Dipaola: All’estero il film è andato molto bene. Ha partecipato a vari festival, anche a un festival di cinema greco a Los Angeles, dove è stato apprezzato e ha vinto. Nelle sale, qui da noi, uscirà la versione italiana, ma per il mercato estero abbiamo realizzato una versione in cui tutti i personaggi parlano greco, anche Kalter, che lo parla con un accento tedesco. Gli attori italiani sono stati doppiati. Per un problema di tempi, Laura non ha potuto fare la versione greca, anzi, c’è stato il rischio che non potesse partecipare al film visto che la produzione doveva partire insieme al suo Ciliegine. Richard, invece, ha imparato apposta il greco e ha recitato lui anche in quella versione.


Appartamento ad Atene è passato anche alla Festa del Cinema di Roma lo scorso anno, un po’ in sordina. Come è andata?

Dipaola: Il film ha partecipato al concorso per giovani registi italiani, la Vetrina dei giovani cineasti italiani, che si teneva alla Casa del Cinema, non all’Auditorium, quindi un po’ decentrato. Abbiamo vinto la sezione. Al momento siamo anche in trattative per una distribuzione negli USA, che hanno apprezzato il film più che negli altri paesi e continuano a chiederlo ai festival. La loro è stata una reazione inaspettata mentre i tedeschi si sono posti in modo netto: o lo hanno amato o non lo hanno proprio visto.

Sammel, da attore tedesco, che ne pensa lei di questa reazione del pubblico tedesco?

Sammel: I tedeschi hanno fatto un gran lavoro su questa parte della Storia. Se ne parla tanto nelle scuole e ovviamente al cinema, che si appropria delle tematiche più importanti. Anche per altri film sul nazismo i tedeschi hanno avuto questa reazione. Non accettano che gli italiani facciano un film sul nazismo, ma è una reazione normale. È un po’ come se i tedeschi facessero un film su Garibaldi. Al momento sto girando una serie Tv in Francia sempre su questo periodo e la reazione è stata la stessa. I tedeschi vogliono essere loro a parlarne.


Il personaggio di Kalter presenta molte sfumature, mostra anche una certa sensibilità e apertura e poi torna sulle sue posizioni radicali. Non le sembra un po’ contraddittorio?

Dipaola: Anche nel libro è così.

Di Benedittis: È un soldato, per noi non c’è contraddizione in questo.

Dipaola: Quando Helianos dà la responsabilità della morte della sua famiglia a Hitler e Mussolini, Kalter reagisce. È come se si toccasse un nervo scoperto per lui, che riguarda il fallimento dell’ideologia nazista. Si sente sconfitto come soldato.

Sammel: Nel mio percorso d’attore ho scoperto che la cultura e l’intelligenza non impediscono la bestialità. Credo che sia la chiave per capire il nazismo. Né banalità né intelligenza impediscono la bestialità.

Dipaola: Kalter ha perso tutto, la sua famiglia è distrutta. Quando torna ad Atene è traumatizzato e ciò lo apre emotivamente a questo cambiamento. Si entra nell’interiorità del personaggio.

Di Benedittis: Helianos cade in un equivoco. Pensa che Kalter sia in quel momento come lui, un padre che ha perso il figlio, mentre Kalter lo vede ancora come un servo.


Laura MoranteUna domanda per Laura Morante. Cosa l’ha spinta ad accettare questo ruolo?

Morante: Mi è piaciuta la tenacia di Ruggero. Spesso tenacia e ostinazione sono segni del talento. Era deciso a fare questo film nonostante le difficoltà incontrate. E poi c’era Heidrun. Quando me l’ha detto ho subito accettato visto che ha sceneggiato alcuni dei film a cui sono più legata. Mi sembravano anche interessanti le sfumature presenti nella storia.


Come sono stati scelti i due giovani attori?

Dipaola: Il casting è stato condotto da Veronica Mancino. Io non ne ho visti molti di ragazzi, 600-700, che comunque non sono tanti, e mi sono concentrato su di loro. Li ho scelti perché mi sembravano più adatti dopo i 5-6 provini a cui si sono sottoposti. Con loro siamo partiti in anticipo, abbiamo fatto due mesi di prove prima delle riprese, una sorta di gioco in itinere che li ha portati a essere molto preparati all’inizio delle riprese.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 1 commenti
 
  1. Il film è stato presentato anche al I festival del cinema italiano di Atene di quest'anno. Purtroppo è stato ignorato dalla critica greca senza motivo. Il protagonista è un famoso attore greco che ha collaborato spesso anche nelle produzioni di Hollywood, purtuttavia il silenzio è planato sul film. Forse se passasse la versione in greco, dato il tema familiare al 99% delle famiglie ateniesi, potrebbe essere una felice sorpresa. Mi meraviglio comunque che il regista non abbia chiesto l'aiuto della Commisione Nazionale del Cinema greco per la produzione.... Kalì epitychia, pantos.

    Inviato da Theocritos il 21/09/2012
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

La spia al cinema dal 30 ottobre
Diretto da Anton Corbijn e tratto da John Le Carré
Premiere mondiale di Gone Girl
Si è svolta durante il New York Film Festival la prima assoluta del film di David Fincher
Polemiche per David Lynch al Lucca Film Festival
Monta la protesta sui social di chi non è riuscito a entrare
One Direction: Where We Are - Anteprima a Napoli
Al cinema l'11 e il 12 ottobre
Christopher Nolan parla dell'influenza di Spielberg per Interstellar
Cita Incontri ravvicinati del terzo tipo e Lo squalo
Festival di Roma 2014: Lo sciacallo
Di Dan Gilroy con Jake Gyllenhaal
Elena Cotta legge "Bizzarrie musicali" di Gianfranco Plenizio
Stasera a Roma alla libreria Feltrinelli in Piazza Colonna alle 18.30
Il n. 21 di Diari di Cineclub di ottobre 2014
In download gratuito
I 'fratelli unici' Luca Argentero e Raoul Bova su "Film Tv"
Interviste ai due attori, Nic Pizzolato e i creatori di BoxTrolls
Spazio Oberdan: Focus su Marlene Dietrich
A Milano dall'8 al 19 ottobre
Luci dalla Cina sbarca al Cinema Trevi
A Roma dopo il successo parigino
Anche Gabriele Salvatores a favore del cinema America
Minaccia di restituire l'Oscar vinto per Mediterraneo se non si riapre il cinema
Lucy subito in testa al botteghino al box office italiano
Con 2,5 milioni di euro
Winter Sleep e Class Enemy Film della Critica
Designati dal SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani)
A dicembre poche copie in sala per Inherent Vice
Attesa per il nuovo film scritto e diretto da Paul Thomas Anderson
Finta minaccia per Emma Watson
Tra campagne di sensibilizzazione e virali
Steve McQueen premiato dall'EFA
Contributo europeo al cinema mondiale
Esce in sala il documentario su Robert Altman
Di Ron Mann, dal 16 ottobre
Mercato Internazionale del Film di Roma
Dal 17 al 21 ottobre
Successo d'incassi per The Equalizer negli Usa
In vetta al box office, seguito da Maze Runner
11/22/’63, la nuova serie di Stephen King e J. J. Abrams
Salti spazio-temporali ed omicidi sventati per un romanzo tradotto in serie-tv.
All'ovest niente di nuovo: remake in produzione
Sarà diretto da Roger Donaldson
Alec Baldwin è sul set di Andròn, The Black Labyrinth
Iniziate le riprese per l’attore statunitense arrivato a Roma.
Rachel McAdams sarà la protagonista della 2° stagione di True Detective
Per la parte del duro sceriffo di Monterey
Virna Lisi contro "La grande bellezza"
"L'ho trovato un film orrendo", ha detto l'attrice