CANNES 65 - "No", di Pablo Larraín (Quinzaine des réalisateur)


Il terzo film della trilogia sulla dittatura cilena di Larraín, non è meno duro né meno cupo dei precedenti Tony Manero e Post Mortem. I colori sono ugualmente spenti e la paura e il sospetto restano i sentimenti dominanti. Il controcampo dell’entusiasmo “pubblicitario” è rappresentato proprio dal senso diffuso di controllo, dai mille occhi che osservano, seguono e talvolta deviano il percorso dei protagonisti

Pablo Larrain, NoCi precipita negli anni Ottanta il film di Pablo Larraín No, presentato nel bel programma della Quinzaine des réalisateur, e dedicato alla fine della terribile dittatura di Augusto Pinochet dopo il referendum che nel 1988 ha lasciato il Cile finalmente libero dalla oppressione del regime, eppure attonito, quasi incredulo per l’accaduto. Questo il sentimento principale delle immagini finali del film, con la gente per strada a festeggiare e il protagonista che, con il figlioletto in braccio, sembra non credere fino in fondo a quello che ha appena visto accadere.

Il cinema di Pablo Larrain è così: un’idea continua che si sviluppa sotto i nostri occhi e ci lascia sgomenti o sorpresi, spettatori impreparati pur conoscendo il finale. Tutto ruota attorno alla campagna pubblicitaria per il No nel referendum che avrebbe dovuto, invece, confermare all’opinione pubblica internazionale il sostegno dei cileni al loro dittatore. Determinante, allora, diventa l’intervento di un vero pubblicitario (Gael García Bernal) che capovolge i termini del discorso e anziché puntare il dito sulla condizione di ingiustizia e violenza del paese, si concentra sulla gioia che verrà dall’imminente sua fine. E allora musica, inni di allegria, immagini liete e luminose che spiazzano il regime e gli elettori/spettatori, infondendo energia, coraggio e ottimismo in un contesto politico e sociale completamente differente.

Si sposta sul piano della comunicazione, dunque, il dibattito politico altrimenti impossibile, ma, invece di impoverirlo, lo si arricchisce aggirando gli ostacoli e sfruttando il nuovo linguaggio pubblicitario per  insinuarsi nel pensiero degli elettori e trovare le strade della libertà. Impresa impossibile, addirittura folle se si pensa all’iperbolica astrazione di cui è fatto oggi il grande carosello della politica, eppure efficace in quel contesto drammaticamente senza regole. Larraín, però, non si limita a raccontare quella esperienza, si insinua con lo sguardo fin dentro quei meccanismi, sfruttando l’immagine sporca e leggera del vecchio video tape, utilizzando una macchina da presa dell’epoca per confondere i video di repertorio con le scene della finzione cinematografica. Tutto è posto sullo stesso piano, come a voler creare un punto di partenza, un livello iniziale da cui partire, ricominciare a dare un valore nuovo alle parole, alla propaganda, alla battaglia per la libertà.Il risultato è un film teorico e fisico al tempo stesso, perché riflette sul molteplice potere dell’immagine, e prima ancora, sugli innumerevoli e talvolta imprevedibili effetti che queste possono produrre. Eppure, si diceva, il terzo film della trilogia sulla dittatura cilena di Larraín, non è meno duro né meno cupo dei precedenti Tony Manero e Post Mortem. I colori sono ugualmente spenti e la paura e il sospetto restano i sentimenti dominanti. Il controcampo dell’entusiasmo “pubblicitario” è rappresentato proprio dal senso diffuso di controllo, dai mille occhi che osservano, seguono e talvolta deviano il percorso dei protagonisti. Inquietudine strisciante che neppure quel no pronunciato mille volte sembra poter scalfire. 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:10.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:Arial; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Tutti i premi del 16° Festival del Cinema Europeo di Lecce
Vince il turco Song of my mother di Erol Mintaş
Philippe Garrel aprirà la Quinzaine des réalisateurs
In concorso anche Arnaud Desplechin e Miguel Gomes
Torna al cinema Stop the Pounding Heart di Roberto Minervini
Uscirà nelle sale UCI Cinemas il 21 aprile.
Margarethe von Trotta: cittadinanza onoraria e retrospettiva a Palermo
La regista ottiene questi riconoscimenti nel capoluogo siciliano
Tutti fuori di Massimo Latini al TGLFF
Verrà proiettato il 3 maggio
Tris Italia: Garrone, Moretti e Sorrentino in concorso a Cannes
In gara anche Haynes, Van Sant e Audiard
Avengers. Age of Ultron in copertina su Film Tv
L'atteso film Marvel, Nanni Moretti e Jude Law
Anime nere di Francesco Munzi conquista la stampa statunitense
Ottime recensioni sul New York Times, Filmmaker e Village Voice
Isabella Rossellini Presidente di Un certain regard a Cannes
I vincitori saranno annunciati il 23 maggio
Scientology secondo Alex Gibney
Il documentario in sala il 25 giugno
Humandroid in copertina su Film Tv
Interviste a Neill Blomkamp e Adèle Haenel
Joe Hisaishi ospite d'onore al Far East Film Festival di Udine
Riceverà il Gelso d'Oro alla carrierail 23 aprile  
L'altra Heimat-Cronaca di un sogno Film della Critica
Assegnato dal SNCCI
Al Pacino, omaggio per i suoi 75 anni
Su Studio Universal da stasera
Star Wars: Il Risveglio della Forza nei cinema italiani a dicembre
Il 16, in anticipo rispetto al resto del mondo
Infortunio al ginocchio per Daniel Craig
Sul set di Spectre, durante una scena di lotta in Messico
Lynch abbandona la nuova stagione di Twin Peaks
Da tempo si erano verificate divergenze tra il regista e il network Showtime
Qualcosa di noi dal 9 aprile al cinema
di Wilma Labate
The Fighters in sala il 16 aprile
Vincitore di 3 César
Nomi e Cognomi dal 14 maggio al cinema
Con Enrico Lo Verso e Maria Grazia Cucinotta
Città di carta al cinema dal 3 settembre 2015
Dal best seller di John Green
Interstellar arriva in Blu-ray e Dvd
In versione Home Video il film di Nolan
Il nemico - Un breviario partigiano, i CSI tornano e lo fanno al cinema
Diretto da Federico Spinetti, uscirà nelle sale il 25 aprile.    
I Taviani aprono il Festival di Pechino
Con Meraviglioso Boccaccio
E' uscito il numero 27 (aprile 2015) di Diari di Cineclub
In download gratuito