CANNES 65 - "No", di Pablo Larraín (Quinzaine des réalisateur)


Il terzo film della trilogia sulla dittatura cilena di Larraín, non è meno duro né meno cupo dei precedenti Tony Manero e Post Mortem. I colori sono ugualmente spenti e la paura e il sospetto restano i sentimenti dominanti. Il controcampo dell’entusiasmo “pubblicitario” è rappresentato proprio dal senso diffuso di controllo, dai mille occhi che osservano, seguono e talvolta deviano il percorso dei protagonisti

Pablo Larrain, NoCi precipita negli anni Ottanta il film di Pablo Larraín No, presentato nel bel programma della Quinzaine des réalisateur, e dedicato alla fine della terribile dittatura di Augusto Pinochet dopo il referendum che nel 1988 ha lasciato il Cile finalmente libero dalla oppressione del regime, eppure attonito, quasi incredulo per l’accaduto. Questo il sentimento principale delle immagini finali del film, con la gente per strada a festeggiare e il protagonista che, con il figlioletto in braccio, sembra non credere fino in fondo a quello che ha appena visto accadere.

Il cinema di Pablo Larrain è così: un’idea continua che si sviluppa sotto i nostri occhi e ci lascia sgomenti o sorpresi, spettatori impreparati pur conoscendo il finale. Tutto ruota attorno alla campagna pubblicitaria per il No nel referendum che avrebbe dovuto, invece, confermare all’opinione pubblica internazionale il sostegno dei cileni al loro dittatore. Determinante, allora, diventa l’intervento di un vero pubblicitario (Gael García Bernal) che capovolge i termini del discorso e anziché puntare il dito sulla condizione di ingiustizia e violenza del paese, si concentra sulla gioia che verrà dall’imminente sua fine. E allora musica, inni di allegria, immagini liete e luminose che spiazzano il regime e gli elettori/spettatori, infondendo energia, coraggio e ottimismo in un contesto politico e sociale completamente differente.

Si sposta sul piano della comunicazione, dunque, il dibattito politico altrimenti impossibile, ma, invece di impoverirlo, lo si arricchisce aggirando gli ostacoli e sfruttando il nuovo linguaggio pubblicitario per  insinuarsi nel pensiero degli elettori e trovare le strade della libertà. Impresa impossibile, addirittura folle se si pensa all’iperbolica astrazione di cui è fatto oggi il grande carosello della politica, eppure efficace in quel contesto drammaticamente senza regole. Larraín, però, non si limita a raccontare quella esperienza, si insinua con lo sguardo fin dentro quei meccanismi, sfruttando l’immagine sporca e leggera del vecchio video tape, utilizzando una macchina da presa dell’epoca per confondere i video di repertorio con le scene della finzione cinematografica. Tutto è posto sullo stesso piano, come a voler creare un punto di partenza, un livello iniziale da cui partire, ricominciare a dare un valore nuovo alle parole, alla propaganda, alla battaglia per la libertà.Il risultato è un film teorico e fisico al tempo stesso, perché riflette sul molteplice potere dell’immagine, e prima ancora, sugli innumerevoli e talvolta imprevedibili effetti che queste possono produrre. Eppure, si diceva, il terzo film della trilogia sulla dittatura cilena di Larraín, non è meno duro né meno cupo dei precedenti Tony Manero e Post Mortem. I colori sono ugualmente spenti e la paura e il sospetto restano i sentimenti dominanti. Il controcampo dell’entusiasmo “pubblicitario” è rappresentato proprio dal senso diffuso di controllo, dai mille occhi che osservano, seguono e talvolta deviano il percorso dei protagonisti. Inquietudine strisciante che neppure quel no pronunciato mille volte sembra poter scalfire. 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:10.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:Arial; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Realtà e sogno al lavoro – una monografia su Christopher Nolan
Di Simone Santi Amantini
Roman Polanski di nuovo negli States?
Si riapre il caso giudiziario del 1978
Orlando Bloom e i Pirati dei Caraibi 5: ritornerà Will Turner?
Sceneggiatura da definire, sbarcherà a luglio 2017?
Il ritorno di Hal Hartley nella sezione Panorama della Berlinale
Ci sarà anche il director's cut di Studio 54
Posticipata l'uscita di White God
Sarà in sala a febbraio 2015
Cate Blanchett "Lo Hobbit" in copertina su Film Tv
Interviste a Martin Freeman, Francesco Montanari, Gabriele Salvatores e focus su Sam Peckinpah
Tom Hanks protagonista di The Circle
E’ lui l’uomo di Dave Eggers.
Appello di Claudia Cardinale al Governo
L'attrice denuncia l’assenza dei finanziamenti
Le anteprime di Alice nella città da oggi al 20 dicembre
Salvatores, Jeunet, Big Hero 6, Paddington
Selma verso gli Oscar
Con quattro candidature ai Golden Globes.  
Terminale le riprese di Poli opposti con Luca Argentero e Sarah Felberbaum
E' il primo lungometraggio di Max Croci
A gennaio in sala I cavalieri dello zodiaco – La leggenda del grande tempio
Distribuito da Key Films
Wanted, una nuova distribuzione
I primi titoli distribuit tra marzo e aprile 2015
Anteprima per le scuole di Big Hero 6 a Roma all'Auditorium
Il 18 dicembre, stesso giorno dell'uscita del film in sala
Gemma Bovery in sala a febbraio
Di Anne Fontaine con Gemma Arterton
Edgar Ramirez nel prossimo David O. Russell
Si chiamerà Joy
Il Sole 24 Ore in edicola con Totò
Ogni martedì un film dell'Antologia della risata accompagnerà il quotidiano 
Rubata la sceneggiatura di Spectre
Per la Sony le riprese continueranno nonostante l'attacco degli hacker
Gli Showrunner americani raccontati da VVVVID
a Sentieri Selvaggi venerdì 19 dicembre
David Letterman lascia il suo show
Al suo posto il comico Stephen Colbert  
Pride trionfa al botteghino
Nel primo weekend è dietro solo ad Aldo, GIovanni e Giacomo
Malick, Greenaway e German in concorso alla Berlinale
Fuori competizione anche Cinderella di Branagh
Il River to River Florence Indian Film Festival chiude con 8000 presenze
 40 prime, 15 ospiti e 3 titoli vincitori
Black Sea vince il Leone nero al Courmayer Noir in Festival
Ha avuto l'88,4% dei consensi
La mafia uccide solo d'estate e L'arte della felicità premiati agli EFA
Trionfa Ida