CANNES 65 - "No", di Pablo Larraín (Quinzaine des réalisateur)


Il terzo film della trilogia sulla dittatura cilena di Larraín, non è meno duro né meno cupo dei precedenti Tony Manero e Post Mortem. I colori sono ugualmente spenti e la paura e il sospetto restano i sentimenti dominanti. Il controcampo dell’entusiasmo “pubblicitario” è rappresentato proprio dal senso diffuso di controllo, dai mille occhi che osservano, seguono e talvolta deviano il percorso dei protagonisti

Pablo Larrain, NoCi precipita negli anni Ottanta il film di Pablo Larraín No, presentato nel bel programma della Quinzaine des réalisateur, e dedicato alla fine della terribile dittatura di Augusto Pinochet dopo il referendum che nel 1988 ha lasciato il Cile finalmente libero dalla oppressione del regime, eppure attonito, quasi incredulo per l’accaduto. Questo il sentimento principale delle immagini finali del film, con la gente per strada a festeggiare e il protagonista che, con il figlioletto in braccio, sembra non credere fino in fondo a quello che ha appena visto accadere.

Il cinema di Pablo Larrain è così: un’idea continua che si sviluppa sotto i nostri occhi e ci lascia sgomenti o sorpresi, spettatori impreparati pur conoscendo il finale. Tutto ruota attorno alla campagna pubblicitaria per il No nel referendum che avrebbe dovuto, invece, confermare all’opinione pubblica internazionale il sostegno dei cileni al loro dittatore. Determinante, allora, diventa l’intervento di un vero pubblicitario (Gael García Bernal) che capovolge i termini del discorso e anziché puntare il dito sulla condizione di ingiustizia e violenza del paese, si concentra sulla gioia che verrà dall’imminente sua fine. E allora musica, inni di allegria, immagini liete e luminose che spiazzano il regime e gli elettori/spettatori, infondendo energia, coraggio e ottimismo in un contesto politico e sociale completamente differente.

Si sposta sul piano della comunicazione, dunque, il dibattito politico altrimenti impossibile, ma, invece di impoverirlo, lo si arricchisce aggirando gli ostacoli e sfruttando il nuovo linguaggio pubblicitario per  insinuarsi nel pensiero degli elettori e trovare le strade della libertà. Impresa impossibile, addirittura folle se si pensa all’iperbolica astrazione di cui è fatto oggi il grande carosello della politica, eppure efficace in quel contesto drammaticamente senza regole. Larraín, però, non si limita a raccontare quella esperienza, si insinua con lo sguardo fin dentro quei meccanismi, sfruttando l’immagine sporca e leggera del vecchio video tape, utilizzando una macchina da presa dell’epoca per confondere i video di repertorio con le scene della finzione cinematografica. Tutto è posto sullo stesso piano, come a voler creare un punto di partenza, un livello iniziale da cui partire, ricominciare a dare un valore nuovo alle parole, alla propaganda, alla battaglia per la libertà.Il risultato è un film teorico e fisico al tempo stesso, perché riflette sul molteplice potere dell’immagine, e prima ancora, sugli innumerevoli e talvolta imprevedibili effetti che queste possono produrre. Eppure, si diceva, il terzo film della trilogia sulla dittatura cilena di Larraín, non è meno duro né meno cupo dei precedenti Tony Manero e Post Mortem. I colori sono ugualmente spenti e la paura e il sospetto restano i sentimenti dominanti. Il controcampo dell’entusiasmo “pubblicitario” è rappresentato proprio dal senso diffuso di controllo, dai mille occhi che osservano, seguono e talvolta deviano il percorso dei protagonisti. Inquietudine strisciante che neppure quel no pronunciato mille volte sembra poter scalfire. 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:10.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:Arial; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

VENEZIA 71 - Flashmob delle 'fuxiane' per "Dancing with Maria"
Hanno ballato prima della tradizionale passerella
VENEZIA 71 - Applausi per Mario Martone
Il Giovane Favoloso convince la stampa
Hackerato lo smartphone di Jennifer Lawrence
le immagini nude dell'attrice sono finite subito in rete
Hollywood, estate nera al box office
nessun film oltre i 300 milioni: gli incassi peggiori dal 1997  
Oscar alla carriera per Harry Belafonte
 premiati anche Hayao Miyazaki, Maureen O'Hara e Jean-Claude Carrière
VENEZIA 71 - "Anime nere" conquista la stampa estera
 il film di Munzi paragonato a Visconti e Coppola 
VENEZIA 71 - Tatti Sanguineti: "Io non sono Bruno Vespa"
così l'autore di Giulio Andreotti-Il cinema visto da vicino sul suo metodo di lavoro.  
VENEZIA 71 - Pacino e Levinson premiati
All'attore e al regista è stato consegnato il  premio Mimmo Rotella
VENEZIA - Larry Clark non ci sarà
Per motivi personali
VENEZIA 71 - Molto positiva l'accoglienza internazionale per "Anime nere"
"Telegraph" l'ha paragonato a Visconti e a Il Padrino
VENEZIA 71 - AI Deproducers il premio Ho Visto Una Canzone
Per Italy in a Day di Salvatores
VENEZIA 71 - Molto applaudito Peter Bogdanovich
Per il film She's Funny That Way in Fuori concorso
VENEZIA 71 - Dove c'è fumo...c'è Emergency!
effetti speciali sul red carpet per i 20 anni dell'associazione umanitaria
VENEZIA 71 - Scamarcio: "Distribuite 'La vita oscena" di De Maria
l'attore, produttore associato del film, lancia un appello ai distributori italiani
Nozze segrete per Brad Pitt e la Jolie
 i due si sono sposati il 23 agosto in Francia
VENEZIA 71 - Omaggio ad Alberto Lattuada per Senza pietà
In occasione del centenario della nascita del regista
VENEZIA 71 - Fischi e applausi per La vita oscena di De Maria
Alle proiezione per il pubblico in Sala Darsena
VENEZIA 71 - Due sedie vuote per Mohammadi e Sentsov
Lasciate simbolicamente vuote ieri durante la presentazione della Giuria
VENEZIA 71 - Le Winx sul Red Carpet
per festeggiare il nuovo film Winx Club – Il Mistero degli Abissi in uscita a settembre
VENEZIA 71 - Applausi per Melbourne
Opera prima iraniana alla Settimana della critica
VENEZIA 71 - Il film su Andreotti in Laguna
Domani sarà  la giornata del documentario  di Tatti  Sanguineti
VENEZIA 71 - Quentin Dupieux assente per gravi motivi personali
Il suo film, Reality, presentato in Orizzonti
L'ice bucket challenge al caffè di David Lynch
il regista aggiunge all'acqua un espresso e nomina Putin
Uscito il n. 20 di Diari di Cineclub
In download gratuito
VENEZIA 71 - James Dean in blu ray per la WB
arrivano dal 18 settembre La valle dell'Eden, Il gigante e Gioventù bruciata