"La migliore offerta", di Giuseppe Tornatore

Quasi una creazione in atto, un film sullo smascheramento del cinema dove Geoffrey Rush ricicla la ritualità del gesto di Il sarto di Panama, ma poi si smarrisce una volta uscito fuori dai territori delle aste. Pur con passaggi meccanici, ci sono le felici tracce thriller di La sconosciuta con in più un'eleganza inquieta

geoffrey rush in la migliore offertaNon è più il tempo della memoria, quello affettivo di Stanno tutti bene o quello nostalgico di L'uomo delle stelle quello messo in gioco in La migliore offerta. E' piuttosto quello sospeso tra realtà e immaginazione, scandito dagli ingranaggi di quegli orologi che poi prendono visivamente forma, ma il cui ticchettio sembra di avvertirlo, più che sentirlo, quasi per tutta la durata del film. C'è il tempo della vendita degli oggetti all'asta, quello dell'attesa al bar fuori la villa, quello del rapporto tra apparizione e sparizione della giovane ragazza dentro la casa che ne crea quasi uno soggettivo, ideale.

Il cinema di Tornatore riparte proprio da quella che potrebbe essere una creazione in atto, un po' come le visioni passionali di Nuovo Cinema Paradiso. Tutto potrebbe partire dalla mente di Virgil Oldman, uomo colto e solitario che esercita con maniacalità il mestiere di antiquario. Il giorno in cui compie 63 anni, riceve la telefonata di una misteriosa ragazza che gli chiede di occuparsi della dismissione di alcune opere d'arte di famiglie. Ma lei ogni volta inventa una scusa per non presentarsi all'appuntamento. Virgil è così sempre più irritato e tentato di lasciare l'incarico. In realtà però c'è qualcosa di questa misteriosa vicenda che lo attrae.

sylvia hoeks in la migliore offertaIl cinema di Tornatore inizialmente, come spesso avviene nella sua opera, accumula dettagli descrittivi: l'ossessione per i guanti, la cena da solo, la paura di toccare gli altri, la tinta dei capelli con Geoffrey Rush - che qui più che altre volte sembra venire fuori da quella ritualità del gesto già presente in Il sarto di Panama di John Boorman - in cui non solo il suo isolamento, ma la sua impermeabilità verso l'esterno, lo portano quasi a chiudersi in un frammento in uno sguardo in macchina, quasi un dialogo privato che potrebbe essere già un singolo film.

Poi però c'è l'altro film. Tutto il rapporto tra Virgil e Claire, basato sul potere seduttivo della parola (attraverso la porta, al telefono), quasi una voce umana dove, proprio al contrario di Nuovo Cinema Paradiso, è l'elemento verbale che fa scattare l'immaginazione e il desiderio. Tutto quel gioco tra il non mostrarsi, il nascondersi ma con anche l'impulso di volersi rivelare, mette in gioco delle traiettorie inconsuete e affascinanti nel suo cinema che quando non si portano dietro i segni di un'eccessiva elaborazione evidente più a livello di scrittura, mettono efficacemente a fuoco l'anticamera dell'atto artistico. Virgil non è più l'antiquario ma è come il pittore che, mentre parla con Claire si immagina il suo soggetto da dipingere. Un altro volto a cui dare forma, come quelli moltiplicati nella stanza dei quadri in cui si sentono le voci che sono altri contrappunti della colonna sonora di Ennio Morricone, molteplici donne del ritratto in cui si sentono anche le tracce dei vecchi noir.

Quando il cinema del regista siciliano si dirige ai confini del soprannaturale, della dimensione claustrofobica (Una pura formalità),  o del thriller (La sconosciuta), raggiunge gli esiti più convincenti, evidenti soprattutto nel suo rapporto col giovane (Robert) in cui c'è la confidenza ma anche la paura dell'inganno. E La migliore offerta precipita verso detour polanskiani, ha una tensione degna di L'amico americano di Wenders e, quando si spoglia di alcuni passaggi troppo meccanici (la presenza dell'automa, i passaggi numerici della donna del bar), assume anche un'eleganza inquieta, rafforzata anche dall'ambientazione mitteleuropea.

Forse è un altro film sul cinema con Geoffrey Rush che sembra recitare come in palcoscenico e poi si smarrisce una volta uscito fuori dai territori delle aste. O della sorprendente prova dell'attrice olandese Sylvia Hoeks, capace di essere presente senza volto e senza corpo. Ma anche sulla sua illusione, sulla messinscena e sullo smascheramento. Con uno sguardo inconsueto, segnato proprio da un tempo (de)limitato, che portano il cinema di Tornatore verso un respiro internazionale finalmente autentico.

 

Regia: Giuseppe Tornatore

Interpreti: Geoffrey Rush, Jim Sturgess, Sylvia Hoeks, Dnald Sutherland

Distribuzione: Warner Bros.

Durata: 124'

Origine: Italia 2012

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

La scomparsa di Eleanor Rigby esce direttamente DVD e Blu-Ray.
Dal 26 marzo  
Mission: Impossible 5 anticipa l'uscita
Sarà in sala il 31 luglio
Marco Müller farà parte del Beijing International Film Festival
Ricoprirà il ruolo di chief advisor.
Un 'Maraviglioso Boccaccio' per i Fratelli Taviani
 Il film, fra poco al cinema, comprende un cast d'eccezione.
Il Caso Schrader a Storie del cinema
venerdì 30 gennaio ore 20.30 nella sede di Sentieri Selvaggi
I Guardiani della Galassia in DVD e Blu-Ray
Novità è contenuti extra per il film che ha fatto impazzire i fan della Marvel
Chris Pratt è il nuovo Indiana Jones?
E' il rumor che gira alla Disney
Il guardiano del museo Ben Stiller in copertina su Film Tv
Jolie-Pitt, Cattelan e Shonda Rhimes
Facebook arriva al cinema
 La società di Zuckerberg crea una divisione specializzata in realtà virtuale.
Daniel Bruhl e Audrey Tatou nella giuria della Berlinale
E' presieduta da Darren Aronofsky
The Interview approda su Netflix
dal 24 gennaio  
Emma Watson sarà Belle nel live-action The Beauty and the Beast
Lo conferma su Facebook
Locarno 68 nel segno di Peckinpah
 annunciata la retrospettiva dedicata all'autore de Il Mucchio selvaggio
Il cinema e lo spazio alla Berlinale Talents
Dal 7 al 12 febbraio
Un nuovo film per la regista di Selma Ava DuVernay
Sarà una storia d'amore e d'omicidio durante l'Uragano Katrina
Al via il nuovo progetto di Martin Scorsese
Sarà un adattamento di Silenzio, romanzo del 1966 di Shusaku Endo
Come sarebbe stato American Sniper di Spielberg?
Un duello psicologico
Seth Rogen raffredda la polemica su American Sniper
"Non volevo offendere nessuno"
The Hateful Eight di Tarantino: si comincia!
Uscita prevista in autunno
Botteghino Usa: corre American Sniper
Delude Johnny Depp
Domani presentazione a Roma del Lessico del cinema italiano
 Il cinema Trevi ospiterà l'incontro con il curatore Roberto De Gaetano
Will Smith in Focus – Niente è come sembra. Il poster ufficiale
il nuovo film di John Requa e Glenn Ficarra
CINE’ – Giornate estiva di cinema si svolgerà a Riccione
Dal 29 giugno al 2 luglio 2015
Andrea Chenier al The Space Cinema
Il 29 gennaio in diretta da Londra
In vendita la villa di Marlon Brando.
Realizzata negli anni ’20, ha un valore di 3.495.000 dollari.