"La migliore offerta", di Giuseppe Tornatore

Quasi una creazione in atto, un film sullo smascheramento del cinema dove Geoffrey Rush ricicla la ritualità del gesto di Il sarto di Panama, ma poi si smarrisce una volta uscito fuori dai territori delle aste. Pur con passaggi meccanici, ci sono le felici tracce thriller di La sconosciuta con in più un'eleganza inquieta

geoffrey rush in la migliore offertaNon è più il tempo della memoria, quello affettivo di Stanno tutti bene o quello nostalgico di L'uomo delle stelle quello messo in gioco in La migliore offerta. E' piuttosto quello sospeso tra realtà e immaginazione, scandito dagli ingranaggi di quegli orologi che poi prendono visivamente forma, ma il cui ticchettio sembra di avvertirlo, più che sentirlo, quasi per tutta la durata del film. C'è il tempo della vendita degli oggetti all'asta, quello dell'attesa al bar fuori la villa, quello del rapporto tra apparizione e sparizione della giovane ragazza dentro la casa che ne crea quasi uno soggettivo, ideale.

Il cinema di Tornatore riparte proprio da quella che potrebbe essere una creazione in atto, un po' come le visioni passionali di Nuovo Cinema Paradiso. Tutto potrebbe partire dalla mente di Virgil Oldman, uomo colto e solitario che esercita con maniacalità il mestiere di antiquario. Il giorno in cui compie 63 anni, riceve la telefonata di una misteriosa ragazza che gli chiede di occuparsi della dismissione di alcune opere d'arte di famiglie. Ma lei ogni volta inventa una scusa per non presentarsi all'appuntamento. Virgil è così sempre più irritato e tentato di lasciare l'incarico. In realtà però c'è qualcosa di questa misteriosa vicenda che lo attrae.

sylvia hoeks in la migliore offertaIl cinema di Tornatore inizialmente, come spesso avviene nella sua opera, accumula dettagli descrittivi: l'ossessione per i guanti, la cena da solo, la paura di toccare gli altri, la tinta dei capelli con Geoffrey Rush - che qui più che altre volte sembra venire fuori da quella ritualità del gesto già presente in Il sarto di Panama di John Boorman - in cui non solo il suo isolamento, ma la sua impermeabilità verso l'esterno, lo portano quasi a chiudersi in un frammento in uno sguardo in macchina, quasi un dialogo privato che potrebbe essere già un singolo film.

Poi però c'è l'altro film. Tutto il rapporto tra Virgil e Claire, basato sul potere seduttivo della parola (attraverso la porta, al telefono), quasi una voce umana dove, proprio al contrario di Nuovo Cinema Paradiso, è l'elemento verbale che fa scattare l'immaginazione e il desiderio. Tutto quel gioco tra il non mostrarsi, il nascondersi ma con anche l'impulso di volersi rivelare, mette in gioco delle traiettorie inconsuete e affascinanti nel suo cinema che quando non si portano dietro i segni di un'eccessiva elaborazione evidente più a livello di scrittura, mettono efficacemente a fuoco l'anticamera dell'atto artistico. Virgil non è più l'antiquario ma è come il pittore che, mentre parla con Claire si immagina il suo soggetto da dipingere. Un altro volto a cui dare forma, come quelli moltiplicati nella stanza dei quadri in cui si sentono le voci che sono altri contrappunti della colonna sonora di Ennio Morricone, molteplici donne del ritratto in cui si sentono anche le tracce dei vecchi noir.

Quando il cinema del regista siciliano si dirige ai confini del soprannaturale, della dimensione claustrofobica (Una pura formalità),  o del thriller (La sconosciuta), raggiunge gli esiti più convincenti, evidenti soprattutto nel suo rapporto col giovane (Robert) in cui c'è la confidenza ma anche la paura dell'inganno. E La migliore offerta precipita verso detour polanskiani, ha una tensione degna di L'amico americano di Wenders e, quando si spoglia di alcuni passaggi troppo meccanici (la presenza dell'automa, i passaggi numerici della donna del bar), assume anche un'eleganza inquieta, rafforzata anche dall'ambientazione mitteleuropea.

Forse è un altro film sul cinema con Geoffrey Rush che sembra recitare come in palcoscenico e poi si smarrisce una volta uscito fuori dai territori delle aste. O della sorprendente prova dell'attrice olandese Sylvia Hoeks, capace di essere presente senza volto e senza corpo. Ma anche sulla sua illusione, sulla messinscena e sullo smascheramento. Con uno sguardo inconsueto, segnato proprio da un tempo (de)limitato, che portano il cinema di Tornatore verso un respiro internazionale finalmente autentico.

 

Regia: Giuseppe Tornatore

Interpreti: Geoffrey Rush, Jim Sturgess, Sylvia Hoeks, Dnald Sutherland

Distribuzione: Warner Bros.

Durata: 124'

Origine: Italia 2012

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Alfonso Cuarón in una monografia
Scritta da Simone Santi Amantini
Mad Max: Fury Road fuori concorso a Cannes
Sarà presentato il 14 maggio al Grand Théâtre Lumière
Jean Dujardin in copertina su Film Tv
Cinema svizzero, French Connection, Cold in July, 1992
Ameluk, al cinema l'opera prima di Mimmo Mancini
Dal 9 aprile in sala
I dieci comandamenti di Roberto Benigni in doppio dvd
206 minuti di spettacolo
L'ultimo film di Glawogger al cinema?
Il team del regista al lavoro su settanta ore di girato
La Cineteca di Bologna restaura tutti i film di Buster Keaton
I primi restauri saranno presentati alla 39° edizione de Il Cinema Ritrovato
Keanu Reeves e Jim Carrey nel nuovo film di Ana Lily Amirpour
Si intitolerà Bad Batch e sarà una love story tra cannibali
Blackhat in lingua originale negli UCI Cinemas
Solo domani, 25 marzo
Il Festival del cinema di Roma torna a essere una Festa
Dal 16 al 23 ottobre
Abderrahmane Sissako presidente della giuria del 25° FCAAAL
A Milano dal 4 al 10 maggio
Torna a Roma il Film Festival Turco
Dal 16 al 19 aprile al Multisala Barberini  
Barbara Steele al 35° Fantafestival
Dal 15 al 19 giugno 
Tra l'Armenia e Nanni Loy
Al Cinema Trevi di Roma da oggi al 29 marzo
Melvil Poupaud ospite al Sicilia Queer Film Fest
l'attore e regista francese dal 25 al 31 maggio a Palermo 
Il noir maledetto di Claire Denis
 da Sentieri Selvaggi giovedì 26 h 20.30, ingresso gratuito
James Franco ha iniziato le riprese di In Dubious Battle
Dallo scorso 18 marzo ad Atlanta
Pixels di Chris Columbus dal 29 luglio al cinema
Con Adam Sandler
Future Film Festival 2015: Eat the future
Dal 5 al 10 maggio a Bologna
Il giardino dei Finzi Contini in versione restaurata dall'Istituto Luce Cinecittà
Il film premio Oscar di Vittorio De Sica torna in una nuova edizione dal 25 marzo
Home-A casa, in libreria il bestseller che ha ispirato il film Dreamworks
Disponibile da ieri
I 7 Nani arrivano in Italia!
In esclusiva dal 30 aprile.  
N-CAPACE è Film della Critica
L'opera di Eleonora Danco colpisce il SNCCI.  
Florence Korea Film Fest, la tredicesima edizione dal 20 al 30 marzo
Manifestazione dedicata ai grandi successi del cinema coreano a Firenze
Al via L'Immagine e la Parola di Locarno
dal19 al 22 marzo l'evento ospiterà Emmanuel Carrère, Pawlikowski e Valeria Golino