"Gloria", di Sebastian Lelio


Gloria
 è un film su una donna divorziata che rivendica il suo diritto di comportarsi come un'adolescente nonostante abbia cinquantotto anni. Canta canzoni smielate in macchina. si commuove spesso e prova a cercare di nuovo il grande amore. Sebastian Lelio la tiene al centro della scena, la pedina con dei primi piani insistiti e la sincera empatia per i suoi sforzi non nasconde il loro lato patetico.

 

Gloria racconta in modo efficace gli sforzi di una donna divorziata di cinquantotto anni per sottrarsi alle incombenze della solitudine e della vecchiaia. La storia ha il merito di considerare tutti gli umori e le complicazioni che accompagnano la ricerca di un nuovo amore e la cura del suo corpo. Sebastian Lelio mette al centro la vitalità della protagonista ma riconosce che la sua tenacia ha anche dei risvolti patetici: mostra la sessualità e l'inevitabile deperimento dei corpi ma non si vergogna di affermarne il diritto. Le sue disavventure sentimentali sono dei passi falsi che generano una sincera empatia: Gloria gira per i locali e le sale da ballo, cerca di accompagnarsi a qualcuno e quando è in macchina non sfugge alla tentazione di cantare delle smielate canzoni melodiche. La sua voglia di continuare a sedurre è anche il capriccio di chi non si vuole rassegnare al passaggio dell'età e crede di avere ancora il tempo per ricominciare da capo. E' l'illusione che coltiva quando inizia una relazione con un uomo persino più grande e si mette in competizione con il suo rapporto morboso con le figlie: non si può fare finta di non avere avuto un'esistenza precedente...

La frustrazione per la realizzazione dei suoi sogni impossibili e dei suoi rigurgiti adolescenziale la spinge ad esagerare con l'alcool: la sceneggiatura non trascura mai l'altro lato della medaglia. Sebastian Lelio evita gli eccessi e sceglie una messa in scena che punta sul pedinamento: Paulina Garcia deve sostenere il peso di una macchina da presa che non la molla nemmeno un momento e ha bisogno di rubare dei primi piani isolati. Il film la segue nelle azioni quotidiane e registra ogni sua reazione: gli eventi si mantengono sempre fuori campo perchè l'unica necessità è il loro riflesso sulla protagonista. La figlia legge una mail romantica che le ha mandato il fidanzato e l'inquadratura resta solo sulla sua progressiva commozione. Gloria è simpatica perchè nonostante abbia un glaucoma e sia già diventata nonna si comporta come una ragazzina e fa gli stessi errori. Il film ha una forma di indulgenza ma non nasconde le delusioni, i dolori e la dura realtà che bisogna accettare la solitudine e iniziare a conviverci. L'enfasi e la tendenza al melodramma non appartengono al film: questo autocontrollo e questa onestà di fondo verso l'eroina, i suoi tormenti e le sue ambizioni sono gli strumenti con cui si ritaglia la sua dignità. Sebastian Lelio rifiuta la forzatura del lieto fine ma lascia capire che la speranza è l'ultima a morire...

 
Titolo originale: Id.
Regia: Sebastian Lelio
Interpreti: Paulina García, Sergio Hernández, Diego Fontecilla, Fabiola Zamora, Coca Guazzini, Hugo Moraga, Alejandro Goic, Liliana García, Antonia Santa María, Luz Jiménez, Marcial Tagle
Origine: Cile, 2012
Distribuzione: Lucky Red
Durata: 110'

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 1 commenti
 
  1. mi sapete dire il titolo e l'autore della poesia letta nel film?



    Inviato da angeladelgiglio@gmail.com il 10/12/2013
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Come sarebbe stato American Sniper di Spielberg?
Un duello psicologico
Seth Rogen raffredda la polemica su American Sniper
"Non volevo offendere nessuno"
The Hateful Eight di Tarantino: si comincia!
Uscita prevista in autunno
Botteghino Usa: corre American Sniper
Delude Johnny Depp
Domani presentazione a Roma del Lessico del cinema italiano
 Il cinema Trevi ospiterà l'incontro con il curatore Roberto De Gaetano
Will Smith in Focus – Niente è come sembra. Il poster ufficiale
il nuovo film di John Requa e Glenn Ficarra
CINE’ – Giornate estiva di cinema si svolgerà a Riccione
Dal 29 giugno al 2 luglio 2015
Andrea Chenier al The Space Cinema
Il 29 gennaio in diretta da Londra
In vendita la villa di Marlon Brando.
Realizzata negli anni ’20, ha un valore di 3.495.000 dollari.
Trieste Film Festival 26 - Tutti i premi
 ecco i vincitori
Franco Piavoli al 33° Valdarno Cinema Fedic
Condurrà lo Spazio Fedic
Samantha Cristoforetti: “è bello potersi sedere a tavola col mondo”
Il videomessaggio del Capitano all’Expo Milano 2015
Carta bianca a Bruno Bozzetto al Bergamo Film Meeting
Il festival si svolgerà dal 7 al 15 marzo
Ridley Scott farà una serie sulla Guerra Civile Americana?
La messa in onda è prevista per il 2016
Virunga è nominato agli Oscar 2015.
Il documentario di Orlando Von Einsiedel concorre fra i documentari.
Virna Lisi in copertina su "Film Tv"
Interviste a Francesca Archibugi, Paolo Genovese e Greta Scarano
12 film all'anno per Amazon
dall'e-commerce al cinema
Effetto Oscar: Boyhood torna in sala
Altre due settimane di programmazione
Tre progetti in corso per Johnnie To
Un nuovo film, una produzione e un'antologia
Il cielo sopra Berlino e Paris, Texas tornano al cinema
Solo il 18 e il 25 febbraio in versione digitale restaurata
Nuovo progetto per David Fincher, Ben Affleck e Gillian Flynn
Sarà un remake di L'altro uomo di Hitchcock
Javier Zanetti arriva in sala
Al cinema in diretta via satellite da Milano solo venerdì 27 febbraio alle ore 20.30    
Wenders e Larraín si aggiungono al programma della Berlinale
Vergine giurata è l'unico italiano in gara
Berlinale 65: i titoli della sezione Panorama
34 film da 29 paesi diversi
Hungry Hearts Film della Critica
"Costanzo evita di realizzare un film a tesi"