"Gloria", di Sebastian Lelio


Gloria
 è un film su una donna divorziata che rivendica il suo diritto di comportarsi come un'adolescente nonostante abbia cinquantotto anni. Canta canzoni smielate in macchina. si commuove spesso e prova a cercare di nuovo il grande amore. Sebastian Lelio la tiene al centro della scena, la pedina con dei primi piani insistiti e la sincera empatia per i suoi sforzi non nasconde il loro lato patetico.

 

Gloria racconta in modo efficace gli sforzi di una donna divorziata di cinquantotto anni per sottrarsi alle incombenze della solitudine e della vecchiaia. La storia ha il merito di considerare tutti gli umori e le complicazioni che accompagnano la ricerca di un nuovo amore e la cura del suo corpo. Sebastian Lelio mette al centro la vitalità della protagonista ma riconosce che la sua tenacia ha anche dei risvolti patetici: mostra la sessualità e l'inevitabile deperimento dei corpi ma non si vergogna di affermarne il diritto. Le sue disavventure sentimentali sono dei passi falsi che generano una sincera empatia: Gloria gira per i locali e le sale da ballo, cerca di accompagnarsi a qualcuno e quando è in macchina non sfugge alla tentazione di cantare delle smielate canzoni melodiche. La sua voglia di continuare a sedurre è anche il capriccio di chi non si vuole rassegnare al passaggio dell'età e crede di avere ancora il tempo per ricominciare da capo. E' l'illusione che coltiva quando inizia una relazione con un uomo persino più grande e si mette in competizione con il suo rapporto morboso con le figlie: non si può fare finta di non avere avuto un'esistenza precedente...

La frustrazione per la realizzazione dei suoi sogni impossibili e dei suoi rigurgiti adolescenziale la spinge ad esagerare con l'alcool: la sceneggiatura non trascura mai l'altro lato della medaglia. Sebastian Lelio evita gli eccessi e sceglie una messa in scena che punta sul pedinamento: Paulina Garcia deve sostenere il peso di una macchina da presa che non la molla nemmeno un momento e ha bisogno di rubare dei primi piani isolati. Il film la segue nelle azioni quotidiane e registra ogni sua reazione: gli eventi si mantengono sempre fuori campo perchè l'unica necessità è il loro riflesso sulla protagonista. La figlia legge una mail romantica che le ha mandato il fidanzato e l'inquadratura resta solo sulla sua progressiva commozione. Gloria è simpatica perchè nonostante abbia un glaucoma e sia già diventata nonna si comporta come una ragazzina e fa gli stessi errori. Il film ha una forma di indulgenza ma non nasconde le delusioni, i dolori e la dura realtà che bisogna accettare la solitudine e iniziare a conviverci. L'enfasi e la tendenza al melodramma non appartengono al film: questo autocontrollo e questa onestà di fondo verso l'eroina, i suoi tormenti e le sue ambizioni sono gli strumenti con cui si ritaglia la sua dignità. Sebastian Lelio rifiuta la forzatura del lieto fine ma lascia capire che la speranza è l'ultima a morire...

 
Titolo originale: Id.
Regia: Sebastian Lelio
Interpreti: Paulina García, Sergio Hernández, Diego Fontecilla, Fabiola Zamora, Coca Guazzini, Hugo Moraga, Alejandro Goic, Liliana García, Antonia Santa María, Luz Jiménez, Marcial Tagle
Origine: Cile, 2012
Distribuzione: Lucky Red
Durata: 110'

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 1 commenti
 
  1. mi sapete dire il titolo e l'autore della poesia letta nel film?



    Inviato da angeladelgiglio@gmail.com il 10/12/2013
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

VENEZIA 71 - Flashmob delle 'fuxiane' per "Dancing with Maria"
Hanno ballato prima della tradizionale passerella
VENEZIA 71 - Applausi per Mario Martone
Il Giovane Favoloso convince la stampa
Hackerato lo smartphone di Jennifer Lawrence
le immagini nude dell'attrice sono finite subito in rete
Hollywood, estate nera al box office
nessun film oltre i 300 milioni: gli incassi peggiori dal 1997  
Oscar alla carriera per Harry Belafonte
 premiati anche Hayao Miyazaki, Maureen O'Hara e Jean-Claude Carrière
VENEZIA 71 - "Anime nere" conquista la stampa estera
 il film di Munzi paragonato a Visconti e Coppola 
VENEZIA 71 - Tatti Sanguineti: "Io non sono Bruno Vespa"
così l'autore di Giulio Andreotti-Il cinema visto da vicino sul suo metodo di lavoro.  
VENEZIA 71 - Pacino e Levinson premiati
All'attore e al regista è stato consegnato il  premio Mimmo Rotella
VENEZIA - Larry Clark non ci sarà
Per motivi personali
VENEZIA 71 - Molto positiva l'accoglienza internazionale per "Anime nere"
"Telegraph" l'ha paragonato a Visconti e a Il Padrino
VENEZIA 71 - AI Deproducers il premio Ho Visto Una Canzone
Per Italy in a Day di Salvatores
VENEZIA 71 - Molto applaudito Peter Bogdanovich
Per il film She's Funny That Way in Fuori concorso
VENEZIA 71 - Dove c'è fumo...c'è Emergency!
effetti speciali sul red carpet per i 20 anni dell'associazione umanitaria
VENEZIA 71 - Scamarcio: "Distribuite 'La vita oscena" di De Maria
l'attore, produttore associato del film, lancia un appello ai distributori italiani
Nozze segrete per Brad Pitt e la Jolie
 i due si sono sposati il 23 agosto in Francia
VENEZIA 71 - Omaggio ad Alberto Lattuada per Senza pietà
In occasione del centenario della nascita del regista
VENEZIA 71 - Fischi e applausi per La vita oscena di De Maria
Alle proiezione per il pubblico in Sala Darsena
VENEZIA 71 - Due sedie vuote per Mohammadi e Sentsov
Lasciate simbolicamente vuote ieri durante la presentazione della Giuria
VENEZIA 71 - Le Winx sul Red Carpet
per festeggiare il nuovo film Winx Club – Il Mistero degli Abissi in uscita a settembre
VENEZIA 71 - Applausi per Melbourne
Opera prima iraniana alla Settimana della critica
VENEZIA 71 - Il film su Andreotti in Laguna
Domani sarà  la giornata del documentario  di Tatti  Sanguineti
VENEZIA 71 - Quentin Dupieux assente per gravi motivi personali
Il suo film, Reality, presentato in Orizzonti
L'ice bucket challenge al caffè di David Lynch
il regista aggiunge all'acqua un espresso e nomina Putin
Uscito il n. 20 di Diari di Cineclub
In download gratuito
VENEZIA 71 - James Dean in blu ray per la WB
arrivano dal 18 settembre La valle dell'Eden, Il gigante e Gioventù bruciata