"18 anni dopo", di Edoardo Leo

L’esordiente Edoardo Leo procede con una discreta dimestichezza nell’evidente intento di realizzare una sorta di commedia all’italiana dai toni agrodolci, seminando lungo il percorso dei due protagonisti imprevisti tragicomici e singolari incontri, ma si accontenta di muoversi sul terreno sicuro del bozzetto comico e dello scontro catartico, e raggiunge solo a tratti il giusto equilibrio tra realismo, malinconia e umorismo nero

18 anni dopo edoardo leoIl viaggio come unico percorso possibile per chiudere i conti con il passato e riannodare i fili di un legame di sangue logorato dal silenzio e dalla lontananza, ma ancora ostinatamente presente: ha pensato un road movie di impianto piuttosto classico Edoardo Leo per raccontare il complesso e irrisolto rapporto tra due fratelli. Un progetto concepito e scritto insieme al coprotagonista Marco Bonini, che punta in gran parte sulla naturale intesa tra i due attori romani, dovuta anche alla lunga frequentazione dentro e fuori dai set. La morte della madre ha separato per 18 anni Mirko (Leo) e Genziano (Bonini), quella del padre (desideroso che le proprie ceneri siano portate, da entrambi i figli, nel paesino calabrese dove riposa la moglie) li costringe a riavvicinarsi. Al funerale del genitore si spiano da lontano, senza parlarsi. Mirko è balbuziente, lavora da sempre nell’officina del padre, ha un figlio e una moglie che lo ama con tutti i suoi problemi e insicurezze. Genziano è solo, lavora a Londra, vive in simbiosi con il suo cellulare ed è preda di una cronica ansia da workaholic. In poche scene che li mostrano prima nelle loro rispettive esistenze, poi costretti nell’abitacolo di un’auto in compagnia dei propri fantasmi, è percepibile la resistenza e, allo stesso tempo, la fragilità delle difese che entrambi si sono costruiti intorno, crescendo accanto al buco nero lasciato dall’assenza dell’altro. Una partenza buona da cui Edoardo Leo procede con una discreta dimestichezza, nell’evidente intento di realizzare una sorta di commedia all’italiana dai toni agrodolci, seminando lungo il percorso dei due protagonisti imprevisti tragicomici e singolari incontri, e affiancandogli il controcanto composto dal nonno materno, da Mirella, la moglie di Mirko, e dal loro bambino. L’elaborazione del lutto (quello recente, ma anche quello passato, perché avvenuto in circostanze mai chiarite) che nasce dall’intimità spontanea tra i tre – con il bimbo che disegna bare e fa giocare il bisnonno al caro estinto – è forse la parte più riuscita del film, grazie anche a un ottimo Gabriele Ferzetti e a una misurata e convincente Sabrina Impacciatore, finalmente emancipata dalle scene madri mucciniane. Il confronto tra i due fratelli, che procedono macinando chilometri e anni di silenzi, raggiunge solo a tratti lo stesso equilibrio tra realismo, malinconia e umorismo nero, non perché la scrittura e la regia eccedano in un senso o nell’altro, ma al contrario perché si accontentano di muoversi sul terreno sicuro del bozzetto comico e dello scontro catartico (con tanto di purificatore tuffo in mare), accennando nella sola parentesi con la giovane autostoppista a vaghe suggestioni oniriche, senza però andare fino in fondo. Un maggiore coraggio avrebbe senza dubbio regalato al film più personalità.

 
 
 
 
Regia: Edoardo Leo
Interpreti: Edoardo Leo, Marco Bonini, Sabrina Impacciatore, Eugenia Costantini, Gabriele Ferzetti.
Distribuzione: Eagle Pictures
Durata: 100’
Origine: Italia, 2010
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 1 commenti
 
  1. Questo film e' un capolavoro. Non ammetterlo e' sinonimo di frustrazione. Non tutti sono in grado di scrivere una sceneggiatura così equilibrata

    Inviato da Luca il 05/01/2013
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



Articoli correlati

18 anni dopo

News

Cate Blanchett "Lo Hobbit" in copertina su Film Tv
Interviste a Martin Freeman, Francesco Montanari, Gabriele Salvatores e focus su Sam Peckinpah
Tom Hanks protagonista di The Circle
E’ lui l’uomo di Dave Eggers.
Appello di Claudia Cardinale al Governo
L'attrice denuncia l’assenza dei finanziamenti
Le anteprime di Alice nella città da oggi al 20 dicembre
Salvatores, Jeunet, Big Hero 6, Paddington
Selma verso gli Oscar
Con quattro candidature ai Golden Globes.  
Terminale le riprese di Poli opposti con Luca Argentero e Sarah Felberbaum
E' il primo lungometraggio di Max Croci
A gennaio in sala I cavalieri dello zodiaco – La leggenda del grande tempio
Distribuito da Key Films
Wanted, una nuova distribuzione
I primi titoli distribuit tra marzo e aprile 2015
Anteprima per le scuole di Big Hero 6 a Roma all'Auditorium
Il 18 dicembre, stesso giorno dell'uscita del film in sala
Gemma Bovery in sala a febbraio
Di Anne Fontaine con Gemma Arterton
Edgar Ramirez nel prossimo David O. Russell
Si chiamerà Joy
Il Sole 24 Ore in edicola con Totò
Ogni martedì un film dell'Antologia della risata accompagnerà il quotidiano 
Rubata la sceneggiatura di Spectre
Per la Sony le riprese continueranno nonostante l'attacco degli hacker
Gli Showrunner americani raccontati da VVVVID
a Sentieri Selvaggi venerdì 19 dicembre
David Letterman lascia il suo show
Al suo posto il comico Stephen Colbert  
Pride trionfa al botteghino
Nel primo weekend è dietro solo ad Aldo, GIovanni e Giacomo
Malick, Greenaway e German in concorso alla Berlinale
Fuori competizione anche Cinderella di Branagh
Il River to River Florence Indian Film Festival chiude con 8000 presenze
 40 prime, 15 ospiti e 3 titoli vincitori
Black Sea vince il Leone nero al Courmayer Noir in Festival
Ha avuto l'88,4% dei consensi
La mafia uccide solo d'estate e L'arte della felicità premiati agli EFA
Trionfa Ida
Iniziano le riprese di Rudy Valentino – Divo dei divi
A Castellaneta in provincia di Taranto
Il venditore di medicine piace all'estero ed esce in Dvd in Italia
Fresco della vittoria al Nice in Usa e a Toulouse in Francia
Spike Lee racconta a Roma il suo Sweet Blood Of Jesus
Ne ha parlato a Roma
Bernardo Bertolucci Peace Summit Award 2014
Per l'impegno in tema di solidarietà e diritti umani
RdC Awards. Premiati Martone, Avati, Taviani e Mancino
Consegnati ieri sera al Cinema Trevi a Roma