"18 anni dopo", di Edoardo Leo

L’esordiente Edoardo Leo procede con una discreta dimestichezza nell’evidente intento di realizzare una sorta di commedia all’italiana dai toni agrodolci, seminando lungo il percorso dei due protagonisti imprevisti tragicomici e singolari incontri, ma si accontenta di muoversi sul terreno sicuro del bozzetto comico e dello scontro catartico, e raggiunge solo a tratti il giusto equilibrio tra realismo, malinconia e umorismo nero

18 anni dopo edoardo leoIl viaggio come unico percorso possibile per chiudere i conti con il passato e riannodare i fili di un legame di sangue logorato dal silenzio e dalla lontananza, ma ancora ostinatamente presente: ha pensato un road movie di impianto piuttosto classico Edoardo Leo per raccontare il complesso e irrisolto rapporto tra due fratelli. Un progetto concepito e scritto insieme al coprotagonista Marco Bonini, che punta in gran parte sulla naturale intesa tra i due attori romani, dovuta anche alla lunga frequentazione dentro e fuori dai set. La morte della madre ha separato per 18 anni Mirko (Leo) e Genziano (Bonini), quella del padre (desideroso che le proprie ceneri siano portate, da entrambi i figli, nel paesino calabrese dove riposa la moglie) li costringe a riavvicinarsi. Al funerale del genitore si spiano da lontano, senza parlarsi. Mirko è balbuziente, lavora da sempre nell’officina del padre, ha un figlio e una moglie che lo ama con tutti i suoi problemi e insicurezze. Genziano è solo, lavora a Londra, vive in simbiosi con il suo cellulare ed è preda di una cronica ansia da workaholic. In poche scene che li mostrano prima nelle loro rispettive esistenze, poi costretti nell’abitacolo di un’auto in compagnia dei propri fantasmi, è percepibile la resistenza e, allo stesso tempo, la fragilità delle difese che entrambi si sono costruiti intorno, crescendo accanto al buco nero lasciato dall’assenza dell’altro. Una partenza buona da cui Edoardo Leo procede con una discreta dimestichezza, nell’evidente intento di realizzare una sorta di commedia all’italiana dai toni agrodolci, seminando lungo il percorso dei due protagonisti imprevisti tragicomici e singolari incontri, e affiancandogli il controcanto composto dal nonno materno, da Mirella, la moglie di Mirko, e dal loro bambino. L’elaborazione del lutto (quello recente, ma anche quello passato, perché avvenuto in circostanze mai chiarite) che nasce dall’intimità spontanea tra i tre – con il bimbo che disegna bare e fa giocare il bisnonno al caro estinto – è forse la parte più riuscita del film, grazie anche a un ottimo Gabriele Ferzetti e a una misurata e convincente Sabrina Impacciatore, finalmente emancipata dalle scene madri mucciniane. Il confronto tra i due fratelli, che procedono macinando chilometri e anni di silenzi, raggiunge solo a tratti lo stesso equilibrio tra realismo, malinconia e umorismo nero, non perché la scrittura e la regia eccedano in un senso o nell’altro, ma al contrario perché si accontentano di muoversi sul terreno sicuro del bozzetto comico e dello scontro catartico (con tanto di purificatore tuffo in mare), accennando nella sola parentesi con la giovane autostoppista a vaghe suggestioni oniriche, senza però andare fino in fondo. Un maggiore coraggio avrebbe senza dubbio regalato al film più personalità.

 
 
 
 
Regia: Edoardo Leo
Interpreti: Edoardo Leo, Marco Bonini, Sabrina Impacciatore, Eugenia Costantini, Gabriele Ferzetti.
Distribuzione: Eagle Pictures
Durata: 100’
Origine: Italia, 2010
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 1 commenti
 
  1. Questo film e' un capolavoro. Non ammetterlo e' sinonimo di frustrazione. Non tutti sono in grado di scrivere una sceneggiatura così equilibrata

    Inviato da Luca il 05/01/2013
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito

Articoli correlati

18 anni dopo

News

La vedova Monicelli protesta: «No al Premio grossetano».
Avrebbe preferito Pif a Verdone.
In sala con Coppola, Scorsese, De Palma e Hitchcock al Cinema Trevi di Roma
Una serie di grandi classici restaurati
Noi e la Giulia parte bene al box office
Già 190.000 spettatori e 1.300.000 € d'incasso
Joaquin Phoenix in copertina su Film Tv
SpongeBob, Paul Thomas Anderson, Ryan Murphy e Javier Zanetti
Terzo film per Michelle Williams e Kelly Reichardt
Dopo Wendy and Lucy e Meek's Cutoff
Antonio Monda è il nuovo Direttore Artistico del Festival di Roma
Direzione Generale a Lucio Argano
L'Oscar al miglior documentario 'Citizenfour' in sala
Dall'11 giugno
OSCAR 2015 - Vincono Redmayne e Julianne Moore
Miglior attore e miglior attrice
OSCAR 2015 - Alexandre Desplat vince il suo primo Academy
Per le musiche di Grand Budapest Hotel
OSCAR 2015 - Patricia Arquette premiata
Attrice non protagonista per Boyhood
OSCAR 2015 - Vince Ida
Il polacco è il miglior film straniero
OSCAR 2015 - Vince l'italiana Milena Canonero
Migliori costumi per Grand Budapest Hotel
Timbuktu domina i 40° César
Premiati anche Dolan, Wenders e Kristen Stewart
A Roma le masterclass di Paul Haggis
Dall'10 al 14 marzo
Bis per Zanetti al cinema
doppio appuntamento in sala
Batman: la serie TV completa
Il cofanetto Blu-ray con oltre tre ore di contenuti extra  
Maraviglioso Boccaccio dei Taviani stasera in anteprima a Firenze
Al Cinema Portico alle 20.45
Wenders adatta un testo teatrale di Peter Handke
Già sceneggiatore de Il cielo sopra Berlino
Un piccione seduto sul ramo riflette sull'esistenza è il Film della Critica
Il film di Andersson Leone d'oro a Venezia
Scorsese produttore esecutivo per Ben Wheatley
Per il suo nuovo progetto, Free Fire
Herzog al lavoro su un nuovo film, Salt and Fire
Un thriller romantico che sarà girato in Bolivia ad Aprile
Kingsman: Secret Service in copertina su Film Tv
Interviste a Matthew Vaughn e Roy Andersson e speciale John Carpenter
Sissako Presidente di giuria di Cinéfondation e dei cortometraggi a Cannes
Ora in sala con Timbuktu
Valeria Golino a L'immagine e la Parola a Locarno
L'evento primaverile del Festival
Come si gira un video per il web
il 21-22 febbraio, con gli interventi dei diretti protagonisti del web italiano