VENEZIA 64 - "La musica è il mezzo attraverso il quale viaggiamo nel tempo": incontro con Todd Haynes e Richard Gere

Uscirà venerdì prossimo nelle sale italiane I’m not there, il film-sogno-tributo a Bob Dylan, in concorso alla 64esima mostra del cinema di Venezia. Todd Haynes e Richard Gere ce ne parlano in modo ispirato ed entusiasta, chiamando in causa Jim Morrison e Patti Smith, Arthur Rimbaud e Billy the Kid

Todd_HaynesQuesto è il suo secondo film presentato alla 64esima mostra del Cinema di Venezia. Perché ha deciso di accettare questo ruolo?

R.G. Per me è stato facilissimo scegliere. Nessun autore ha influenzato il mondo dell’arte e dello spirito più di Bob Dylan. Io stesso adoro questo artista, che è entrato a far parte della mia vita a 360°, tanto che non si potrebbe dire completa senza “Visions of Johanna”.

Emerge da una sua recente dichiarazione che fare l’attore è diventato per lei un lavoro come un altro. Cosa l’ha spinta perciò ad interpretare il personaggio che si potrebbe definire il più misterioso del film?

R.G. Questa affermazione è un po’ riduttiva. Per me recitare è un lavoro a tempo pieno, al quale mi dedico completamente. D’altra parte però, la mia vita non è tutta qui.
Ricordo ancora la prima volta che ho incontrato Todd per parlare di questo film. Gli chiesi che diavolo ci dovessi fare con quel personaggio e la nostra fu una conversazione molto stimolante. Voleva essere sicuro che mi fosse chiara l’idea che aveva in mente e per questo mi ha dato The Old Weird America, il libro di Greil Marcus. In esso le immagini dell’America, l'universo interplanetario in essa contenuto, sono come inscindibili dalla terra alla quale appartengono. Il mio personaggio funziona allo stesso modo, è l’immagine di un sogno. Ma come fa un attore ad interpretare un sogno? Allora abbiamo cominciato a giocare con il personaggio, ad immaginare i "se" ed i "ma" ed è venuto fuori quello che si potrebbe definire una sorta di archetipo di Billy The Kid, che è allo stesso tempo una rockstar.

Quale altro personaggio le sarebbe piaciuto interpretare? Che musica ascolta?


R.G. Mi piacerebbe interpretare il ruolo di Miles Davis, ma penso che avrei qualche difficoltà. Non potrei immaginare la mia vita senza artisti come Van Morrison e gli Stones. Mi piacciono anche molti jazzisti, come Bix Beiderbecke, il trombettista degli anni ’20 o Mike Bloomfield, il chitarrista della Chicago upper class, che considero anche più bravi di Clapton e Green.

I’m not there è un film difficile, che ha a che fare con un soggetto sacro. È corretto dire che la sua intenzione non era quella di raccontare la Storia, quanto quella di mostrare la Storia stessa attraverso gli occhi di Dylan?


T.H. Non è importante capire tutti i riferimenti a Bob Dylan, di cui il film è pieno. Il modo in cui la pellicola è costruita è in effetti quello in cui ricordiamo, con cui guardiamo al nostro passato, cioè in modo istintivo e frammentario. La musica stessa rappresenta il mezzo attraverso il quale viaggiamo nel tempo. Il film è perciò una sorta di sogno attraverso la mente. Lo stesso Dylan era in conflitto con la musica degli anni ’60. Si muoveva perciò avanti e indietro, dentro e fuori il proprio tempo, mettendo insieme le diverse influenze accumulate durante gli anni. Non è un’artista chiuso, non vive di pregiudizi, ma tende l’orecchio a tutte le voci di cui è fatta l’America, per poi ricombinarle a proprio modo.

A cosa si deve la scelta di I’m not There
?

T.H. I’m not There è una canzone misteriosa, che Dylan scrisse durante il primo dei suoi periodi di isolamento volontario, dal quale si può dire non sia mai completamente tornato. Una canzone che rappresenta il suo bisogno di scomparire, il rifiuto del mondo moderno.

Che cosa pensa Bob Dylan del suo esperimento?
Bob_Dylan

T.H. Questa è la prima volta (escludendo il caso del documentario) che Bob Dylan dà il suo assenso ad un’opera drammatica incentrata su di lui. Lo si deve alla struttura aperta del film, al suo rinunciare a voler ridurre il personaggio entro certi confini prestabiliti, ma anche allo spiccato senso dell’umorismo di cui Bob è dotato. Ritengo oltretutto che sia impossibile un’operazione del genere, nei confronti di qualcuno che combatte da sempre contro la gente e contro di sé, per riuscire a dare una precisa definizione del suo io.

Che rapporto aveva Dylan con Arthur Rimbaud?


T.H. Rimbaud era molto in voga negli anni ’60. Incarnava la figura dell’ultimo ribelle, famoso come una rockstar, scioccante per la sua relazione con Voltaire. Dylan è stato il primo ad ispirarsi a lui. Jim Morrison e Patti Smith, solo per citarne alcuni, sono venuti dopo.

Cate Blanchett era spaventata dall’idea di dover interpretare questo ruolo?


T.H. C’è voluto molto tempo per definire le coordinate del suo personaggio e quando Cate mi confidò che si sentiva spaventata, che questo film per lei rappresentava una tremenda sfida, le dissi che non si può avere sempre paura di recitare, ma che a volte può far bene. Si tratta di correre qualche rischio e di scoprire così qualcosa in più su sè stessi: è una pratica che mantiene giovani.

Qual è la canzone di Bob Dylan che preferisce?


T.H. Non ho alcun dubbio: “Visions of Johanna”
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

John Woo al Singapore International Film Festival
Presenterà The Crossing
Studio Universal ricorda la caduta del muro di Berlino
 Da lunedì 3 novembre quattro pellicole per il 25° anniversario
Nolan parla di Interstellar: "Il futuro? Senza governi e con tsunami di sabbia"
Nelle nostre sale dal 6 novembre
Takeshi Kitano attacca film violenti e Academy
Durante il Tokyo International Film Festival
Paul Greengrass in trattativa per dirigere The Tunnels
Dal romanzo di John Mitchell
Quadrophenia 35 anni dopo
In sala solo il 10 dicembre
Muore Elizabeth Norment, star di House of Cards
Aveva 61 anni
Michael Jackson - Life, Death and Legacy al cinema
In sala il 25 e il 26 Novembre
In uscita il cofanetto di Gomorra - La Serie
Dal 6 novembre, in blu-ray e dvd
Maurizio Casagrande dirige Babbo Natale non viene da Nord
Al via le riprese
A novembre, Serial Movies! su Studio Universal
Con le saghe USA più celebri
Medaglie d'Oro – Una Vita per il Cinema.
La Cerimonia di assegnazione allo Spazio Novecento.  
Il giovane favoloso è già il film italiano più visto della stagione
Superati i 3 milioni di euro.
Venerdì 31 ottobre In grazia di Dio torna in sala
Al cinema Palestrina di Milano  
Pelo malo designato film della critica dal SNCCI
In sala da 30 ottobre
Torneranno i prati di Olmi in contemporanea in 100 paesi del mondo
Il 4 novembre prossimo
Maccio Capatonda a Lucca Comics & Games.
 Presenta il backstage del film
Halloween in copertina su Film Tv
Lucca Comics & Games e interviste ad Abrahamson e Scimeca
Primo ciak ad Asti per In un posto bellissimo di Giorgia Cecere
Con Isabella Ragonese e Alessio Boni
Mauro Talamonti vince la sezione videoclip alla BiennaleMArteLive.
Fotografo e videomaker  
Massimo Troisi ritorna con Il postino in versione restaurata
Blu-Ray, DVD, Digital Download da oggi
Stefano Calvagna porta sullo schermo Franco Califano in Non escludo il ritorno
Presentato stasera a Roma a Piazza Vittorio
Spostata l'uscita di Frank
Il film di Larry Abrahamson in sala il 13 novembre.  
Parte la 50 giorni di Firenze
L'inaugurazione domani al cinema Odeon
Wild di Jean Marc-Vallée è il film di chiusura del Torino Film Festival
Sarà proiettato sabato 29 novembre