Sole a catinelle - Incontro con Checco Zalone

 
E' stato presentato il nuovo film di Checco Zalone, diretto dal sodale Gennaro Nunziante. Dopo gli incassi stratosferici dei precedenti c'è molta attesa dietro questo nuovo prodotto, lanciatissimo sul mercato con una distribuzione record di 1200 copie e già 30000 prenotazioni in due giorni.

Sole a CatinelleE' stato presentato questa mattina, in un'affollata conferenza stampa, Sole a Catinelle, il nuovo film di Checco Zalone, diretto dal sodale Gennaro Nunziante (Buona giornata, Cado dalle nubi). Dopo gli incassi stratosferici dei precedenti (15 milioni il primo, 45 il secondo) c'è molta attesa dietro questo nuovo prodotto, lanciatissimo sul mercato con una distribuzione record di 1200 copie e già 30000 prenotazioni in due giorni. Zalone è stata la star anche dell'incontro con la stampa, dove ha catalizzato l'attensione, strappando applausi e risate convinte.
 

 

La tua è una comicità dal sapore internazionale. Hai mai pensato di lavorare all'estero?

Per adesso, non credo di poterlo fare. E' il sogno di tutti ma il mio inglese è al livello scolastico. Nelle botte di ottimismo ho pensato che si potesse esportare il nostro prodotto fuori ma il produttore mi ha detto che noi italiani non siamo capaci di farlo. Per questo film, visto che con noi lavora un'attrice francese, ho proposto l'idea di una co-produzione ma Valsecchi non ha soldi.

 



Come defineresti il tuo personaggio?

Semplicemente un papà. L'idea è nata dalla mia vita privata, visto che sono diventato anche io padre. Questa nuova condizione ci ha spronato a sviluppare questo personaggio. Volevo interpretate uomo un po' stupido, il prodotto di ventanni di Berlusconi. Non c'è alcuna condanna, nè  intento ideologico nel nostro film. L'unica idea di base è quella di fare i soldi. Cosi mi ha insegnato Valsecchi. 



Sei uno dei pochi comici che non si dirige. Come è il tuo rapporto con Gennaro Nunziante?

Ormai siamo una coppia di fatto. Viviamo praticamente insieme da sette anni. L'unica cosa che non facciamo è baciarci perchè ci facciamo schifo.

 



Dopo il successo dei primi due film avete ripassato una formula per ripetere quel risultato?

No. Non esiste alcuna formula o segreto. La scrittura è solo la fase conclusiva di un'operazione che parte da idee, discussioni e ore di telefonate. Poi si lavora sul set. Ad esempio, in una prima stesura il finale doveva essere ambientato in Molise, dove la famiglia, in un'atmosfera bucolica a la Celentano, ritrova la felicità. Ecco perchè ci siamo permessi di dileggiare cosi tanto il Molise nella prima parte del film. Alla fine abbiamo cambiato il finale ma non la prima parte, cosi le prese in giro sono rimaste. Colgo l'occasione per chiedere scusa al Molise dove abbiamo ricevuto la miglior accoglienza possibile. Gli abitanti sono stati meravigliosi con il loro entusiasmo di fronte alle macchine, alle cineprese. Andateci cosi non sentirò più in colpa la prossima volta che il Presidente della Regione mi farà dei ringraziamenti del presidente.



Si aspettava il consenso cinematografico e televisivo?

Il successo lo sognavo, e per ora c'è. Certo io da giovane volevo fare il musicista, mai avrei pensato di diventare un comico. Mi godo la situazione finchè dura.  

 

Ci hai accennato a tua figlia. Come è cambiata la tua vita?

Ho detto che mi ha spronato per creare questa storia. L'ho vista poco negli ultimi tre mesi, Non vedo l'ora che sia finita questa storia per andarmela a godere un pò

Per la colonna sonora, quanto ti ha influenzato la sigla di Ufo Robot?

Tantissimo ma non ho nessuna intenzione di dargli la Siae. Non è plagio vero e proprio. Come facevo a Zelig, ho rubato  un pò e ho creato una canzone a "la maniera di". A rifletterci proprio questa mancanza di personalita musicale mi ha frenato nel carriera di musicista.

Nel film c'è anche la critica ad un certo cinema italiano recente. Aveva in mente qualche nome?

Tu ti riferisci alla gag sul film sull'eutanasia. Non avevo in mente un film in particolare. Volevo sfottere un certo cinema d'autore, che voi conoscete meglio di me, per poi crearci la gag finale con la zia disposta a morire per il risparmio energetico. Nessuna satira. 

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 2 commenti
 
  1. Pure voi vi prostrate a Checco Zalone, che pena. Sentieri Selvaggi? Sentieri Addomesticati.

    Inviato da Corvo il 30/10/2013
  2. Tu e Valsecchi andate a lavorare

    Inviato da Celentano il 29/10/2013
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito

News

Gilliam, Cuaròn, Irons e Garrone al Lucca Film Fest
 Ecco gli ospiti del Lucca Film Festival.
Uscito il n. 26 di Diari di Cineclub
In download gratuito
Chris Hemsworth in copertina su Film Tv
Interviste a Jasmine Trinca, Chris Hemsworth e Paolo e Vittorio Taviani
'I Paranoidi' con Fabio Testi e Enzo G. Castellari
Diretti da Camillo Brena e Matteo Mercanti
Nastri d'Argento per il miglior documentario a Costanza Quatriglio e Giorgio Treves
Per le due sezioni Cinema del reale e Cinema e spettacolo
Aperta la prevendita dell'anteprima di Fast & Furious 7
In sala il 1 aprile
Arriva in sala 'smoKings' di Michele Fornasero
Un documentario gangster sul mondo del tabacco
Rocco Tanica per il corto musical Maria P.
Scritto e diretto da Alessandro Corradi
Valentina Carnelutti e il lavoro del regista con l'attore
nel workshop Dirigimi, gli ultimi due week end di marzo
Studio Universal omaggia Alfred Hitchcock
Per il 55° Anniversario dall’uscita di Psycho
Denis Villeneuve alla regia del sequel di Blade Runner
Harrison Ford sarà ancora Rick Deckard
Record al box-office per Zanetti Story
Il film che ha incassato di più nella giornata di ieri
"Lunga vita e prosperità" - Addio a Leonard Nimoy
Muore Spok, icona di Star Trek
Legends - Le 10 identità di Sean Bean
Su Fox ogni giovedì alle 23.15
L'altra Heimat - continua la saga di Edgar Reitz
Dal cinema il 31 marzo e il 1 aprile
La vedova Monicelli protesta: «No al Premio grossetano».
Avrebbe preferito Pif a Verdone.
In sala con Coppola, Scorsese, De Palma e Hitchcock al Cinema Trevi di Roma
Una serie di grandi classici restaurati
Noi e la Giulia parte bene al box office
Già 190.000 spettatori e 1.300.000 € d'incasso
Joaquin Phoenix in copertina su Film Tv
SpongeBob, Paul Thomas Anderson, Ryan Murphy e Javier Zanetti
Terzo film per Michelle Williams e Kelly Reichardt
Dopo Wendy and Lucy e Meek's Cutoff
Antonio Monda è il nuovo Direttore Artistico del Festival di Roma
Direzione Generale a Lucio Argano
L'Oscar al miglior documentario 'Citizenfour' in sala
Dall'11 giugno
OSCAR 2015 - Vincono Redmayne e Julianne Moore
Miglior attore e miglior attrice
OSCAR 2015 - Alexandre Desplat vince il suo primo Academy
Per le musiche di Grand Budapest Hotel
OSCAR 2015 - Patricia Arquette premiata
Attrice non protagonista per Boyhood