A Torino la rassegna Guardie&Ladri – Poliziottesco all’Italiana

In occasione del 40° anniversario dell’uscita in sala del film Torino violenta di Carlo Ausino, il Piemonte Movie gLocal Film festival ha deciso non solo di omaggiare questo regista (durante la 16° edizione che si terrà dall’8 al 12 marzo), ma di allargare l’obiettivo su un intero genere cinematografico che si è diffuso tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’80, partendo dal poliziesco per diventare poliziottesco.

Per celebrare questo filone è nata la rassegna cinematografica Guardie&Ladri – Poliziottesco all’Italiana, curata da Associazione Piemonte Movie con il Museo Nazionale del Cinema, il Dams di Torino e l’Associazione Stampa Subalpina.

Un lungo viaggio nelle città italiane set di questi film cult, che inizia venerdì 17 febbraio e prosegue fino a mercoledì 29 marzo, facendo tappa naturalmente al 16° gLocal Film Festival (8-12 marzo) con due appuntamenti legati a Torino violenta. Torino, ma anche Roma, Napoli, Genova e Milano, sono state protagoniste pulsanti di film storici che hanno nuovamente varcato i confini nazionali, “sdoganati” dalla passione per il genere di Quentin Tarantino.

Quello di Guardie&Ladri – Poliziottesco all’Italiana sarà un road trip cinematografico che tocca diverse zone e luoghi della città di Torino: Cinema Massimo, Piccolo Cinema, Bibliomediateca Mario Gromo, Mediateca Rai Dino Villani e il Laboratorio Multimediale Guido Quazza, durante il quale tutte le proiezioni saranno precedute da incontri con ospiti esperti di cinema e giornalisti che faranno immergere il pubblico nella cronaca – non solo cinematografica – di quegli anni.

Un viaggio che avrà il suo apice durante l’incontro con uno dei registi mitici dei poliziotteschi, Enzo G. Castellari.

INFO www.piemontemovie.com

milano calibro 9Venerdì 17 febbraio, ore 20.30 – Cinema Massimo, Via Verdi 18

La polizia ringrazia (It, 1972, 99’, col.) di Stefano “Steno” Vanzina

Intervengono: Alessandro Gaido (Piemonte Movie), Stefano Boni e Grazia Paganelli (Museo Nazionale del Cinema), Franco Prono (Dams Torino), Silvia Alparone (Associazione Stampa Subalpina). Ingresso 6 euro/ 4 e 3 euro ridotti

Roma. Due giovani tentano una rapina ai danni di una gioielleria. La prontezza del proprietario li mette in fuga, ma uno di loro uccide sia il proprietario, sia un operaio che cercava di sbarrare loro la strada. Incaricato di risolvere il caso è il commissario Bertone, che si muove fra mille difficoltà e per lui è l’inizio di un circolo in cui rimane invischiato fatto di false accuse e sabotaggi.

Giovedì 23 febbraio, ore 20.30 – Bibliomediateca Mario Gromo, Via Matilde Serao 8A

Un uomo, una città (It, 1974, 105’) di Romolo Guerrieri

Intervengono: Valentina Farassino, Alessandro Castelletto (regista), Alessandro Rota (regista), Marco Grifo (Bibliomediateca Gromo). Ingresso libero, previo tesseramento gratuito alla Bibliomediateca

Questa proiezione è l’occasione per ricordare Gipo Farassino, il maresciallo Polito di Un uomo, una città, in cui il capo della Squadra Mobile di Torino è un uomo buono e comprensivo, che scopre un losco giro di droga e prostituzione in cui è coinvolta la Torino bene. Anche un giornalista, suo amico e collaboratore, viene messo a tacere. Ma i due non si danno per vinti.

Martedì 28 febbraio, ore 20.30 – Piccolo Cinema, Via Cavagnolo 7

Napoli violenta (It, 1976, 95’, col.) di Umberto Lenzi

Intervengono: Alessandra Comazzi (giornalista), Biagio Carillo (criminologo), Franco Prono e Riccardo Fassone (Dams Torino). Ingresso libero

Destinato a Napoli ove la malavita, agli ordini del non incriminabile O’Generale, imperversa, il commissario Betti agisce appoggiato dagli agenti di una squadra speciale. Betti, tuttavia, non riesce a incriminare O’Generale. Ma anche per lui si serve della solita imprevedibile tattica: arrivando di nascosto mentre il boss con un complice sta per giustiziare il disubbidiente sottocapo, uccide i due mafiosi e fa in modo che la responsabilità dei due cadaveri cada sul ferito delinquente.

Martedì 7 marzo, ore 18.00 – Bibliomediateca Mario Gromo, Via Matilde Serao 8A

Calibro 70 (It, 2008, 42’, col.) di Alessandro Rota

Intervengono: Alessandro Rota (regista), Ivan Fabio Perna (attore), Marco Grifo (Bibliomediateca Gromo). Ingresso libero, previo tesseramento gratuito alla Bibliomediateca

Torino, anni ’70: la città è in preda al terrore. Lo spietato criminale Leonardo Morra mette a punto i suoi piani lasciando dietro di sé numerose vittime. Il figlio del direttore della più importante banca cittadina si mette in contatto con il criminale, per una grande rapina nella banca del padre. La Polizia starà ancora una volta soltanto a guardare? Questa volta forse no…

Con la partecipazione straordinaria di Luca Ward, Johnson Rogheira, Renzo Ozzano e Carlo Ausino.

Giovedì 9 marzo, ore 20.30 – Cinema Massimo, Via Verdi 18 * 16° Piemonte Movie gLocal Film Festival

Torino Violenta (It, 1977, 89’, col.) di Carlo Ausino

Intervengono: Carlo Ausino (regista), Fabrizio Dividi (critico), Giulia Carluccio, Giulia Muggeo e Franco Prono (Dams Torino). Al termine della proiezione incontro con il cast. Ingresso 5 euro/3 euro ridotti

Delinquenti francesi e mafiosi nostrani irretiscono modelle e studentesse, le drogano, le violentano, poi, ricattandole con foto scottanti, le avviano alla prostituzione. Contro l’infame traffico combattono il commissario Moretti e un misterioso “giustiziere” notturno dalla pistola infallibile, le cui “esecuzioni” provocano una sanguinosa lotta tra il clan dei francesi e i mafiosi. In realtà, Moretti e il “giustiziere” sono la stessa persona. Quando si vedrà scoperto da un collega, il commissario tenterà di eliminare il pericoloso testimone, ma sarà lui, invece, ad essere colpito a morte.

 

Domenica 12 marzo, ore 15 – Cinema Massimo, Via Verdi 18 *16° Piemonte Movie gLocal Film Festival

1969-1976: Anni di violenza e terrore (It, 2016, 54’, col.) di Andrea Girolami

Intervengono: Andrea Girolami (regista) e Alessandro Gaido (Piemonte Movie). Ingresso 5 euro/3 euro ridotti

Il documentario si concentra sul cinema poliziesco e sociale dove prendono spunto le tematiche di quel periodo duro e violento. Il percorso storico ha come inizio nella Strage di Piazza Fontana e prosegue fino alla morte di Pasolini e la Strage del Circeo. Si analizza l’ispirazione di tutto il cinema d’azione da questi fatti di cronaca e riportati sul grande schermo. Testimonianza di persone che hanno vissuto quei momenti, docenti di storia, agenti di polizia e di cineasti che ne hanno testimoniato la loro drammaticità.

 

Domenica 12 marzo, ore 20.30 – Cinema Massimo, Via Verdi 18 * 16° Piemonte Movie gLocal Film Festival

La polizia incrimina, la legge assolve (It – Sp, 1973, 105’, col.) di Enzo.G.Castellari

Intervengono: Enzo G. Castellari (regista) e Steve Della Casa (critico cinematografico). Ingresso 5 euro/3 euro ridotti

Il commissario Belli, che indaga su un grosso traffico di droga tra Genova e Marsiglia, nel quale sono implicate due bande rivali, arresta un uomo che potrebbe rivelarsi prezioso. Ignoti sicari, però uccidono quest’ultimo, per impedirgli di parlare. Avendo intuito che nell’affare è coinvolto un potente e insospettabile industriale, Belli riesce a convincere il suo più anziano e prudente collega, che su tale individuo ha raccolto già un importante “dossier”, a consegnarlo a chi di dovere. Anche lui, però, viene ucciso prima di aver potuto consegnare le prove. Mentre coloro che si sentono minacciati da Belli, tentano di scoraggiarlo colpendolo i suoi affetti, il commissario riesce finalmente a venire a capo della ingarbugliata faccenda.

Lunedì 13 marzo, ore 15.00 – 18.00 – Laboratorio  Multimediale Guido Quazza, Via Sant’Ottavio 20

Giornata di studi Dams Poliziesco, poliziottesco e cinema di genere italiano

Intervengono: Enzo G. Castellari (regista), Steve Della Casa (critico cinematografico), Alessandro Perissinotto (scrittore), Giulia Carluccio, Gabriele Rigola, Giulia Muggeo, Riccardo Fassone e Matteo Pollone (Dams Torino). Ingresso libero

L’incontro si propone come momento di riflessione sul poliziesco all’italiana ma tenterà di allargare il campo di analisi affrontando questioni riguardanti anche altri generi del cinema italiano. La giornata vedrà confrontarsi studiosi e critici con professionisti come il regista Enzo G. Castellari, autore di film quali La polizia incrimina, la legge assolve (1973), Il cittadino si ribella (1973), Cipolla Colt (1975), Keoma (1976), Quel maledetto treno blindato (1978).

Lunedì 20 marzo, ore 18.00 – Archive Alive Rai Teche – Mediateca “Dino Villani”, Via Verdi 

​31​

I magnifici 5 (2001, 20’) di Francesco Barnabei e Stracult (2014, 25’) di Marco Giusti

Intervengono: Giorgio Levi (giornalista), Gabriele Rigola (Dams Torino), Giulia Muggeo (Dams Torino). Ingresso libero

La Mediateca Rai propone un viaggio attraverso il poliziesco con la riproposizione del  documentario I magnifici 5 per la regia di Francesco Barnabei, prodotto da Rai Sat nel 2001, in cui si esplorano i sottogeneri cinematografici attraverso le parole dei protagonisti del poliziottesco come Sal Borgese, Mario Caiano, Pier Paolo Capponi, Enzo Castellari, Romolo Guerrieri, Ray Lovelock, Fernando Di Leo, Sergio Martino, Stelvio Massi e del programma Stracult dedicato al poliziesco andato in onda nel 2014 con interventi di Enzo Castellari, Daniele Vicari e Stefano Sollima.

Il progetto ARCHIVE ALIVE! si propone di promuovere il patrimonio di conservazione della Rai nella sua eterogeneità, attraverso l’invito a visionare i materiali digitalizzati dalla Rai e selezionati dalla Mediateca Rai per essere collegati e collaterali alle iniziative culturali del territorio.

Martedì 29 marzo, ore 20.30 – Cinema Massimo, Via Verdi 18

Milano calibro 9 (It, 1972, 101’, col.) di Fernando Di Leo

Intervengono: Biagio Carillo (criminologo), Massimo Tallone (scrittore), Gabriele Rigola (Dams Torino). Ingresso 6 euro/ 4 e 3 euro ridotti

Ugo Piazza, ex bandito appena uscito dal carcere di San Vittore, vorrebbe cambiare vita e rigare dritto, ma si ritrova da subito immischiato nel suo vecchio giro criminoso. I compari di una volta sono però convinti che Ugo li abbia traditi e derubati di trecentomila dollari, prima di essere arrestato. E non hanno la minima intenzione di rinunciarvi. Primo capitolo della trilogia del milieu di Di Leo, che attinge a piene mani al mondo di guardie e ladri creato dallo scrittore e giornalista italorusso Giorgio Scerbanenco.