#arenediroma – Niente più Arena di Piazza Vittorio nel 2018?

Con un comunicato molto duro nei confronti delle Istituzioni, firmato dal Presidente dell’ANEC Giorgio Ferrero, l’Associazione degli Esercenti annuncia la sua impossibilità a proseguire l’esperienza delle NOTTI DI CINEMA a Piazza Vittorio, una delle più seguite Arene di Cinema della Capitale.  I motivi sono soprattutto di natura economica, come recita con molta precisione il comunicato: “Visto l’andamento dell’edizione in corso, considerati il mancato sostegno da parte di Roma Capitale e del Municipio, l’assenza di supporti promessi e poi disattesi da parte di alcuni soggetti interessati, ma anche a causa di oneri molto gravosi legati alle utenze, allo smaltimento rifiuti, alla pulizia dell’intera area, alle imposte sull’occupazione del suolo pubblico, oltre naturalmente a tutti i
costi di allestimento e gestione, tra cui il servizio di sicurezza dell’intera area h24, ANEC Lazio si troverà, per l’edizione 2017, a coprire un presumibile disavanzo di oltre 40.000€, che di fatto impedisce la prosecuzione di tale esperienza.”

Dopo un’assenza di alcune stagioni, quest’anno la piazza aveva di nuovo la sua Arena con doppio schermo (qui il programma di quest’anno), dove si sono alternate proiezioni dei film della stagione, anteprime stampa a sorpresa (Atomica Bionda) e altri film italiani (come Falchi di Tony D’Angelo) che hanno visto spesso la presenza degli autori.

La conclusione del comunicato dell’Anec non lascia molte speranze: “ANEC per ridare valore e dignità ad un progetto che mancava da oltre 3 anni, confidava nella lungimiranza dei diversi interlocutori Istituzionali attraverso l’adozione di scelte concrete che avrebbero dovuto creare le condizioni ideali per attuare programmi, servizi e contenuti culturali di
alto livello. Allo stato attuale tali condizioni, purtroppo, non sussistono, per cui l’Arena di Piazza Vittorio con i suoi 2 schermi per oltre 1.500 posti, i suoi elevati standard tecnologici, le sue attività collaterali e la qualità complessiva dei servizi offerti alla città e a decine di migliaia di spettatori per quanto ci riguarda chiuderà qui, senza la possibilità di riaprire i battenti negli anni a venire.”

Cosa proporrà in alternativa il Comune di Roma per il biennio 2018-2019? Una delle tante domande che avremmo voluto fare all’Assessore (e vicesindaco) Luca Bergamo, ma che ancora attendono risposte…