"Intramontabile effervescenza", di Marcos Carnevale

Estranea com'è alla coppia di trasmissione produzione/consumo, sulla vecchiaia c'è molta reticenza da parte di una comunità che si affanna disperatamente a posticipare i segni - specie quelli visibili - del declino psicofisico. Coraggioso, allora, chi come Marcos Carnevale parla addirittura di una storia d'amore tra anziani.

Ci vogliono coraggio e passione per parlare, sugli schermi, di vecchiaia e di morte. Non la morte spettacolare ed enfatica rappresentata da Scorsese, non la vecchiaia anestetizzata di cui le fiction fanno caricatura, ma il reale e struggente sentore dell'approssimarsi della fine del tempo. Coraggio ed amore, quando la figura dell'anziano viene progressivamente estromessa dal sistema di rappresentazione della società, rispondendo ad imperativi che impongono l'edulcorazione, la sedazione, il rientro dei discorsi intorno alla terza età nell'alveo del tradizionalismo e della consuetudine. Estranea com'è alla coppia di trasmissione produzione/consumo, su questa fase della vita con cui ognuno prima o poi si misura c'è molta omertà, massimamente nelle forme espressive visive. Parlare della morte nel suo essere evento naturale, o semplicemente permettere alla morte di affacciarsi sulla scena, è il tabù di una comunità che si affanna disperatamente, con ogni mezzo, a posticipare i segni - specie quelli visibili - del declino psicofisico. Ecco allora che il tentativo del quarantaquattrenne regista argentino, al terzo lungometraggio, si fa forte del suo essere al contempo dimostrazione di eroismo e di tenerezza.

Il titolo pomposo e anche un po' cacofonico dell'edizione italiana non si addice, come quello originale Elsa y Fred, all'elementarità della vicenda: sul finire degli anni, da poco vedovo, avvitato nel malinconico ricordo della moglie, l'anziano Alfredo si trasferisce in un palazzo madrileno. Conosce così una coetanea che, all'opposto, esprime il desiderio di sfruttare intensamente ogni giorno le si prospetti ancora da vivere, non rinunciando al sogno giovanile che la vedeva emulare Anita Ekberg, quando Fellini la scolpì ninfa ulteriore della Fontana di Trevi. Tra i due nasce un legame che li sostiene e, in qualche modo, li trasforma.

Carnevale e gli altri sceneggiatori hanno sfruttato le doti comiche dell'attrice che interpreta Elsa, l'uruguayana Concepción "China" Zorrilla, imbastendo una messinscena semplice e convenzionale calibrata sui toni della commedia. Ma sono in particolare alcune inquadrature dei volti dei protagonisti, e i tentativi di registrare i tracciati dei loro sguardi reciproci, a sottolineare il senso dello sforzo di Carnevale e a mettere in secondo piano le insidie della mellifluità, in agguato in Intramontabile effervescenza come in ogni storia d'amore che si rispetti.

 

Titolo originale: Elsa y Fred

Regia: Marcos Carnevale

Interpreti: Manuel Alexandre, China Zorrilla, Blanca Portillo, Roberto Carnaghi, José Ángel Egido, Gonzalo Urtizberea

Distribuzione: Lady Film

Durata: 106'

Origine: Spagna/Argentina, 2005

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

VENEZIA 71: Italy in a Day in sala e in tv
Il film di Salvatores presentato oggi fuori concorso
Al via le riprese di Un Natale stupefacente
Volfango de Biasi gira con Ambra Angiolini e Lillo & Greg 
Le leggi del desiderio di Silvio Muccino
il regista sul set della nuova commedia con Nicole Grimaudo
VENEZIA 71 - Flashmob delle 'fuxiane' per "Dancing with Maria"
Hanno ballato prima della tradizionale passerella
VENEZIA 71 - Applausi per Mario Martone
Il Giovane Favoloso convince la stampa
Hackerato lo smartphone di Jennifer Lawrence
le immagini nude dell'attrice sono finite subito in rete
Hollywood, estate nera al box office
nessun film oltre i 300 milioni: gli incassi peggiori dal 1997  
Oscar alla carriera per Harry Belafonte
 premiati anche Hayao Miyazaki, Maureen O'Hara e Jean-Claude Carrière
VENEZIA 71 - "Anime nere" conquista la stampa estera
 il film di Munzi paragonato a Visconti e Coppola 
VENEZIA 71 - Tatti Sanguineti: "Io non sono Bruno Vespa"
così l'autore di Giulio Andreotti-Il cinema visto da vicino sul suo metodo di lavoro.  
VENEZIA 71 - Pacino e Levinson premiati
All'attore e al regista è stato consegnato il  premio Mimmo Rotella
VENEZIA - Larry Clark non ci sarà
Per motivi personali
VENEZIA 71 - Molto positiva l'accoglienza internazionale per "Anime nere"
"Telegraph" l'ha paragonato a Visconti e a Il Padrino
VENEZIA 71 - AI Deproducers il premio Ho Visto Una Canzone
Per Italy in a Day di Salvatores
VENEZIA 71 - Molto applaudito Peter Bogdanovich
Per il film She's Funny That Way in Fuori concorso
VENEZIA 71 - Dove c'è fumo...c'è Emergency!
effetti speciali sul red carpet per i 20 anni dell'associazione umanitaria
VENEZIA 71 - Scamarcio: "Distribuite 'La vita oscena" di De Maria
l'attore, produttore associato del film, lancia un appello ai distributori italiani
Nozze segrete per Brad Pitt e la Jolie
 i due si sono sposati il 23 agosto in Francia
VENEZIA 71 - Omaggio ad Alberto Lattuada per Senza pietà
In occasione del centenario della nascita del regista
VENEZIA 71 - Fischi e applausi per La vita oscena di De Maria
Alle proiezione per il pubblico in Sala Darsena
VENEZIA 71 - Due sedie vuote per Mohammadi e Sentsov
Lasciate simbolicamente vuote ieri durante la presentazione della Giuria
VENEZIA 71 - Le Winx sul Red Carpet
per festeggiare il nuovo film Winx Club – Il Mistero degli Abissi in uscita a settembre
VENEZIA 71 - Applausi per Melbourne
Opera prima iraniana alla Settimana della critica
VENEZIA 71 - Il film su Andreotti in Laguna
Domani sarà  la giornata del documentario  di Tatti  Sanguineti
VENEZIA 71 - Quentin Dupieux assente per gravi motivi personali
Il suo film, Reality, presentato in Orizzonti