"Intramontabile effervescenza", di Marcos Carnevale

Estranea com'è alla coppia di trasmissione produzione/consumo, sulla vecchiaia c'è molta reticenza da parte di una comunità che si affanna disperatamente a posticipare i segni - specie quelli visibili - del declino psicofisico. Coraggioso, allora, chi come Marcos Carnevale parla addirittura di una storia d'amore tra anziani.

Ci vogliono coraggio e passione per parlare, sugli schermi, di vecchiaia e di morte. Non la morte spettacolare ed enfatica rappresentata da Scorsese, non la vecchiaia anestetizzata di cui le fiction fanno caricatura, ma il reale e struggente sentore dell'approssimarsi della fine del tempo. Coraggio ed amore, quando la figura dell'anziano viene progressivamente estromessa dal sistema di rappresentazione della società, rispondendo ad imperativi che impongono l'edulcorazione, la sedazione, il rientro dei discorsi intorno alla terza età nell'alveo del tradizionalismo e della consuetudine. Estranea com'è alla coppia di trasmissione produzione/consumo, su questa fase della vita con cui ognuno prima o poi si misura c'è molta omertà, massimamente nelle forme espressive visive. Parlare della morte nel suo essere evento naturale, o semplicemente permettere alla morte di affacciarsi sulla scena, è il tabù di una comunità che si affanna disperatamente, con ogni mezzo, a posticipare i segni - specie quelli visibili - del declino psicofisico. Ecco allora che il tentativo del quarantaquattrenne regista argentino, al terzo lungometraggio, si fa forte del suo essere al contempo dimostrazione di eroismo e di tenerezza.

Il titolo pomposo e anche un po' cacofonico dell'edizione italiana non si addice, come quello originale Elsa y Fred, all'elementarità della vicenda: sul finire degli anni, da poco vedovo, avvitato nel malinconico ricordo della moglie, l'anziano Alfredo si trasferisce in un palazzo madrileno. Conosce così una coetanea che, all'opposto, esprime il desiderio di sfruttare intensamente ogni giorno le si prospetti ancora da vivere, non rinunciando al sogno giovanile che la vedeva emulare Anita Ekberg, quando Fellini la scolpì ninfa ulteriore della Fontana di Trevi. Tra i due nasce un legame che li sostiene e, in qualche modo, li trasforma.

Carnevale e gli altri sceneggiatori hanno sfruttato le doti comiche dell'attrice che interpreta Elsa, l'uruguayana Concepción "China" Zorrilla, imbastendo una messinscena semplice e convenzionale calibrata sui toni della commedia. Ma sono in particolare alcune inquadrature dei volti dei protagonisti, e i tentativi di registrare i tracciati dei loro sguardi reciproci, a sottolineare il senso dello sforzo di Carnevale e a mettere in secondo piano le insidie della mellifluità, in agguato in Intramontabile effervescenza come in ogni storia d'amore che si rispetti.

 

Titolo originale: Elsa y Fred

Regia: Marcos Carnevale

Interpreti: Manuel Alexandre, China Zorrilla, Blanca Portillo, Roberto Carnaghi, José Ángel Egido, Gonzalo Urtizberea

Distribuzione: Lady Film

Durata: 106'

Origine: Spagna/Argentina, 2005

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Nolan parla di Interstellar: "Il futuro? Senza governi e con tsunami di sabbia"
Nelle nostre sale dal 6 novembre
Takeshi Kitano attacca film violenti e Academy
Durante il Tokyo International Film Festival
Paul Greengrass in trattativa per dirigere The Tunnels
Dal romanzo di John Mitchell
Quadrophenia 35 anni dopo
In sala solo il 10 dicembre
Muore Elizabeth Norment, star di House of Cards
Aveva 61 anni
Michael Jackson - Life, Death and Legacy al cinema
In sala il 25 e il 26 Novembre
In uscita il cofanetto di Gomorra - La Serie
Dal 6 novembre, in blu-ray e dvd
Maurizio Casagrande dirige Babbo Natale non viene da Nord
Al via le riprese
A novembre, Serial Movies! su Studio Universal
Con le saghe USA più celebri
Medaglie d'Oro – Una Vita per il Cinema.
La Cerimonia di assegnazione allo Spazio Novecento.  
Il giovane favoloso è già il film italiano più visto della stagione
Superati i 3 milioni di euro.
Venerdì 31 ottobre In grazia di Dio torna in sala
Al cinema Palestrina di Milano  
Pelo malo designato film della critica dal SNCCI
In sala da 30 ottobre
Torneranno i prati di Olmi in contemporanea in 100 paesi del mondo
Il 4 novembre prossimo
Maccio Capatonda a Lucca Comics & Games.
 Presenta il backstage del film
Halloween in copertina su Film Tv
Lucca Comics & Games e interviste ad Abrahamson e Scimeca
Primo ciak ad Asti per In un posto bellissimo di Giorgia Cecere
Con Isabella Ragonese e Alessio Boni
Mauro Talamonti vince la sezione videoclip alla BiennaleMArteLive.
Fotografo e videomaker  
Massimo Troisi ritorna con Il postino in versione restaurata
Blu-Ray, DVD, Digital Download da oggi
Stefano Calvagna porta sullo schermo Franco Califano in Non escludo il ritorno
Presentato stasera a Roma a Piazza Vittorio
Spostata l'uscita di Frank
Il film di Larry Abrahamson in sala il 13 novembre.  
Parte la 50 giorni di Firenze
L'inaugurazione domani al cinema Odeon
Wild di Jean Marc-Vallée è il film di chiusura del Torino Film Festival
Sarà proiettato sabato 29 novembre
Nasce Cultweek, nuova testata on line diretta da Maurizio Porro
Da sabato 1° novembre con uno scritto inedito di Martone
Enzo G. Castellari torna alla regia con un western
 Il nuovo lungometraggio avrà un cast stellare