CANNES 57 - "Shi Mian Mai Fun (House of Flying Daggers)", di Zhang Yimou (Fuori concorso)

L'opera del regista cinese, presentata a Cannes fuori concorso e dedicato alla memoria di Anita Mui, rappresenta uno dei punti più alti del suo cinema, con una sensualità che accenna forme nascoste e vibranti di un acceso erotismo e che si caratterizza per una geometricità di impressionante precisione

La rarefazione e l'essenza. Zhang Yimou con House of Flying Daggers realizza una della sue opera più imprevedibili, in linea con Hero (film inedito in Italia e realizzato nel 2003), piena di una totale contrapposizione tra azione e silenzio, tra immagini che accumulano dettagli e il vuoto assoluto. Il film è ambientato nella Cina del 859 dove la dinastia Tang e il governo corrotto lottano contro un gruppo di ribelli sempre più numerosi chiamati "house of flying daggers" (letteralmente "casa dei pugnali volanti) e vede protagonisti due capitani, Leo e Jin e un'affascinante rivoluzionaria cieca di nome Mei. Nel corso del film, i personaggi rivelano ben altre identità da quelle che mostrano inizialmente. Yimou realizza così un film sul doppio, sull'inganno, di un eroismo rarefatto e pulsante in pieno dentro le coordinate del wu xian pian ("cappa e spada"). Più che alla magia fantasmatica di Ang Lee di La tigre e il dragone, House of Flying Daggers sembra rifarsi a certe certe coordinate nei movimenti del cinema di King Hu, oltre ad amplificare quell'estensione dello spazio che è sempre tra i tratti caratteristici di un cineasta dotato e discontinuo come Yimou. L'opera, presentata a Cannes fuori concorso e dedicato alla memoria di Anita Mui, rappresenta uno dei punti più alti del suo cinema, con una sensualità che accenna forme nascoste e vibranti di un acceso erotismo simile a Lanterne rosse ed evidente in ogni contatto fisico tra Leo (che si fa chiamare wind, vento) e Mei, oppure in quella straordinaria scena della danza iniziale dove Meisi spaccia per una ballerina cieca e comincia a danzare facendo sbattere i veli del vestito sui tamburi e origina quel suono che poi si perpetuerà in tutto il film, tra lanci di pugnali, alberi che cadono, con una geometricità di impressionante precisione.

Yimou, come Kitano in Zatoichi gioca per gran parte del film su un ribaltamento dello sguardo e del senso; si pensa infatti la protagonista non veda e che non possa vedere i nemici che la fronteggiano ma soprattutto si pensa che possa utilizzare solo il tatto (e di conseguenza, l'istinto) e non la vista. Ancora Kitano torna in House of Flying Daggers in quei clori dei paesaggi tra il verde sbiadito e il giallo come Dolls, paesaggio sempre provvisorio, atto sempre di successive metamorfosi nelle ellissi temporali e che muta in maniera definitiva, straordinaria, nel bellissimo finale dove le parole sono come annullate. Restano aperti silenzi, i rumori del vento e un cambiamento climatico che si avverte quasi a livello epidermico. Dal verde si passa al bianco della neve. Due uomini e una donna che combattono. Oltre il limite del tempo. In quel biancore, con gocce di sangue che cadono, c'è tutta la forza visiva e plastica di un film da non perdere, tra i migliori e tra i più inattesi di tutto il festival di Cannes di quest'anno.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Di Caprio protagonista di The Revenant
L'attore nella pellicola diretta da Inarritu
Diminuisce l'investimento ma aumenta la produzione di film italiani
Dal rapporto MIBACT e Anica sui numeri del cinema italiano 
Un sequel per Mrs. Doubtfire
Robin Williams ancora protagonista
Nuove rivelazioni su Batman Vs. Superman
Ne parla Zack Snyder
Un Focus sul cinema italiano al Festival di Pechino
Presentati i film di Toni Trupia, Daniele Gaglianone, Francesco Bruni e Matteo Oleotto
Torna Cronenberg con Maps To The Stars
Il film sarà a Cannes ed esce in Italia il 21 maggio
Festival di Cannes. I film di "Un certain regard"
19 titoli in gara
Il film di Alice Rohrwacher corre per la Palma d'Oro
Le meraviglie a Cannes
Jacques Tati in mostra!
un'esposizione fotografica con le migliori scene dei suoi film
Noah non passa in Medio Oriente
 il film di Aronofsky vietato per ragioni culturali
James Franco avrà un cameo in Dawn of the Planet of the Apes
Ma l'attore non ne era a conoscenza
Locke nelle sale dal 30 aprile
la seconda opera di Steven Knight
Festival di Cannes: annunciati i titoli dei corti e Cinéfondation
C'è l'italiano A passo d'uomo di Aloi
David Fincher dice no al biopic su Steve Jobs
Avrebbe avanzato richieste esose alla casa di produzione
Philomena in DVD e Blu Ray
Uscito il 15 aprile  
Tilda Swinton non si considera un'attrice
Ne spiega le ragioni in un'intervista su Variety 
I mattatori del cinema italiano, dal 16 aprile in home video
Una collana dvd Warner Bros sui grandi volti della storia del cinema italiano
The Revenant di Iñárritu previsto per il 2015
Il protagonista sarà Leonardo Di Caprio
Rio 2 in copertina su Film Tv
Interviste a Carlos Saldanha e i Manetti Bros.
J.D. Salinger al cinema
Il film-documentario nelle sale solo il 20 maggio
James Cameron sui suoi Avatar
"Il secondo, terzo e quarto film saranno prodotti contemporaneamente"
Previsto il sesto capitolo della serie Die Hard
Di nuovo insieme Bruce Willis e Samuel L. Jackson?
Incassi record per Grand Budapest Hotel
Oltre 100 milioni di dollari in tutto il mondo
Scrivi una canzone per Salvatores
Via al bando per giovani musicisti  
I Beatles in sala con A Hard Day’s Night
Il 9, 10 e 11 giugno