CANNES 57 - "Shi Mian Mai Fun (House of Flying Daggers)", di Zhang Yimou (Fuori concorso)

L'opera del regista cinese, presentata a Cannes fuori concorso e dedicato alla memoria di Anita Mui, rappresenta uno dei punti più alti del suo cinema, con una sensualità che accenna forme nascoste e vibranti di un acceso erotismo e che si caratterizza per una geometricità di impressionante precisione

La rarefazione e l'essenza. Zhang Yimou con House of Flying Daggers realizza una della sue opera più imprevedibili, in linea con Hero (film inedito in Italia e realizzato nel 2003), piena di una totale contrapposizione tra azione e silenzio, tra immagini che accumulano dettagli e il vuoto assoluto. Il film è ambientato nella Cina del 859 dove la dinastia Tang e il governo corrotto lottano contro un gruppo di ribelli sempre più numerosi chiamati "house of flying daggers" (letteralmente "casa dei pugnali volanti) e vede protagonisti due capitani, Leo e Jin e un'affascinante rivoluzionaria cieca di nome Mei. Nel corso del film, i personaggi rivelano ben altre identità da quelle che mostrano inizialmente. Yimou realizza così un film sul doppio, sull'inganno, di un eroismo rarefatto e pulsante in pieno dentro le coordinate del wu xian pian ("cappa e spada"). Più che alla magia fantasmatica di Ang Lee di La tigre e il dragone, House of Flying Daggers sembra rifarsi a certe certe coordinate nei movimenti del cinema di King Hu, oltre ad amplificare quell'estensione dello spazio che è sempre tra i tratti caratteristici di un cineasta dotato e discontinuo come Yimou. L'opera, presentata a Cannes fuori concorso e dedicato alla memoria di Anita Mui, rappresenta uno dei punti più alti del suo cinema, con una sensualità che accenna forme nascoste e vibranti di un acceso erotismo simile a Lanterne rosse ed evidente in ogni contatto fisico tra Leo (che si fa chiamare wind, vento) e Mei, oppure in quella straordinaria scena della danza iniziale dove Meisi spaccia per una ballerina cieca e comincia a danzare facendo sbattere i veli del vestito sui tamburi e origina quel suono che poi si perpetuerà in tutto il film, tra lanci di pugnali, alberi che cadono, con una geometricità di impressionante precisione.

Yimou, come Kitano in Zatoichi gioca per gran parte del film su un ribaltamento dello sguardo e del senso; si pensa infatti la protagonista non veda e che non possa vedere i nemici che la fronteggiano ma soprattutto si pensa che possa utilizzare solo il tatto (e di conseguenza, l'istinto) e non la vista. Ancora Kitano torna in House of Flying Daggers in quei clori dei paesaggi tra il verde sbiadito e il giallo come Dolls, paesaggio sempre provvisorio, atto sempre di successive metamorfosi nelle ellissi temporali e che muta in maniera definitiva, straordinaria, nel bellissimo finale dove le parole sono come annullate. Restano aperti silenzi, i rumori del vento e un cambiamento climatico che si avverte quasi a livello epidermico. Dal verde si passa al bianco della neve. Due uomini e una donna che combattono. Oltre il limite del tempo. In quel biancore, con gocce di sangue che cadono, c'è tutta la forza visiva e plastica di un film da non perdere, tra i migliori e tra i più inattesi di tutto il festival di Cannes di quest'anno.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Cinema e Storia su YouTube.
Ecco il progetto free della British Pathé.
Realtà e sogno al lavoro – una monografia su Christopher Nolan
Di Simone Santi Amantini
Roman Polanski di nuovo negli States?
Si riapre il caso giudiziario del 1978
Orlando Bloom e i Pirati dei Caraibi 5: ritornerà Will Turner?
Sceneggiatura da definire, sbarcherà a luglio 2017?
Il ritorno di Hal Hartley nella sezione Panorama della Berlinale
Ci sarà anche il director's cut di Studio 54
Posticipata l'uscita di White God
Sarà in sala a febbraio 2015
Cate Blanchett "Lo Hobbit" in copertina su Film Tv
Interviste a Martin Freeman, Francesco Montanari, Gabriele Salvatores e focus su Sam Peckinpah
Tom Hanks protagonista di The Circle
E’ lui l’uomo di Dave Eggers.
Appello di Claudia Cardinale al Governo
L'attrice denuncia l’assenza dei finanziamenti
Le anteprime di Alice nella città da oggi al 20 dicembre
Salvatores, Jeunet, Big Hero 6, Paddington
Selma verso gli Oscar
Con quattro candidature ai Golden Globes.  
Terminale le riprese di Poli opposti con Luca Argentero e Sarah Felberbaum
E' il primo lungometraggio di Max Croci
A gennaio in sala I cavalieri dello zodiaco – La leggenda del grande tempio
Distribuito da Key Films
Wanted, una nuova distribuzione
I primi titoli distribuit tra marzo e aprile 2015
Anteprima per le scuole di Big Hero 6 a Roma all'Auditorium
Il 18 dicembre, stesso giorno dell'uscita del film in sala
Gemma Bovery in sala a febbraio
Di Anne Fontaine con Gemma Arterton
Edgar Ramirez nel prossimo David O. Russell
Si chiamerà Joy
Il Sole 24 Ore in edicola con Totò
Ogni martedì un film dell'Antologia della risata accompagnerà il quotidiano 
Rubata la sceneggiatura di Spectre
Per la Sony le riprese continueranno nonostante l'attacco degli hacker
Gli Showrunner americani raccontati da VVVVID
a Sentieri Selvaggi venerdì 19 dicembre
David Letterman lascia il suo show
Al suo posto il comico Stephen Colbert  
Pride trionfa al botteghino
Nel primo weekend è dietro solo ad Aldo, GIovanni e Giacomo
Malick, Greenaway e German in concorso alla Berlinale
Fuori competizione anche Cinderella di Branagh
Il River to River Florence Indian Film Festival chiude con 8000 presenze
 40 prime, 15 ospiti e 3 titoli vincitori
Black Sea vince il Leone nero al Courmayer Noir in Festival
Ha avuto l'88,4% dei consensi