CANNES 57 - "Shi Mian Mai Fun (House of Flying Daggers)", di Zhang Yimou (Fuori concorso)

L'opera del regista cinese, presentata a Cannes fuori concorso e dedicato alla memoria di Anita Mui, rappresenta uno dei punti più alti del suo cinema, con una sensualità che accenna forme nascoste e vibranti di un acceso erotismo e che si caratterizza per una geometricità di impressionante precisione

La rarefazione e l'essenza. Zhang Yimou con House of Flying Daggers realizza una della sue opera più imprevedibili, in linea con Hero (film inedito in Italia e realizzato nel 2003), piena di una totale contrapposizione tra azione e silenzio, tra immagini che accumulano dettagli e il vuoto assoluto. Il film è ambientato nella Cina del 859 dove la dinastia Tang e il governo corrotto lottano contro un gruppo di ribelli sempre più numerosi chiamati "house of flying daggers" (letteralmente "casa dei pugnali volanti) e vede protagonisti due capitani, Leo e Jin e un'affascinante rivoluzionaria cieca di nome Mei. Nel corso del film, i personaggi rivelano ben altre identità da quelle che mostrano inizialmente. Yimou realizza così un film sul doppio, sull'inganno, di un eroismo rarefatto e pulsante in pieno dentro le coordinate del wu xian pian ("cappa e spada"). Più che alla magia fantasmatica di Ang Lee di La tigre e il dragone, House of Flying Daggers sembra rifarsi a certe certe coordinate nei movimenti del cinema di King Hu, oltre ad amplificare quell'estensione dello spazio che è sempre tra i tratti caratteristici di un cineasta dotato e discontinuo come Yimou. L'opera, presentata a Cannes fuori concorso e dedicato alla memoria di Anita Mui, rappresenta uno dei punti più alti del suo cinema, con una sensualità che accenna forme nascoste e vibranti di un acceso erotismo simile a Lanterne rosse ed evidente in ogni contatto fisico tra Leo (che si fa chiamare wind, vento) e Mei, oppure in quella straordinaria scena della danza iniziale dove Meisi spaccia per una ballerina cieca e comincia a danzare facendo sbattere i veli del vestito sui tamburi e origina quel suono che poi si perpetuerà in tutto il film, tra lanci di pugnali, alberi che cadono, con una geometricità di impressionante precisione.

Yimou, come Kitano in Zatoichi gioca per gran parte del film su un ribaltamento dello sguardo e del senso; si pensa infatti la protagonista non veda e che non possa vedere i nemici che la fronteggiano ma soprattutto si pensa che possa utilizzare solo il tatto (e di conseguenza, l'istinto) e non la vista. Ancora Kitano torna in House of Flying Daggers in quei clori dei paesaggi tra il verde sbiadito e il giallo come Dolls, paesaggio sempre provvisorio, atto sempre di successive metamorfosi nelle ellissi temporali e che muta in maniera definitiva, straordinaria, nel bellissimo finale dove le parole sono come annullate. Restano aperti silenzi, i rumori del vento e un cambiamento climatico che si avverte quasi a livello epidermico. Dal verde si passa al bianco della neve. Due uomini e una donna che combattono. Oltre il limite del tempo. In quel biancore, con gocce di sangue che cadono, c'è tutta la forza visiva e plastica di un film da non perdere, tra i migliori e tra i più inattesi di tutto il festival di Cannes di quest'anno.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

TORINO 32 - Applausi per Tokyo Tribe
il pubblico premia Sion Sono
M2 finalizza l'acquisizione di due nuovi titoli per il 2015
Si tratta di Colpo di stato e Orgoglio e pregiudizio e zombie
The Killing 4 su Fox Crime A
 L'ultimo dei sei episodi sarà diretto da Jonathan Demme
Luigi Cuciniello presidente dell'Anec
Eletto il 19 novembre dal Congresso Nazionale dell'Anec
Stanley Kubrick omaggiato da Hollywood
a 15 anni dalla sua morte
Jennifer Lawrence in copertina su Film Tv
Interviste a Francis Lawrence, Sam Claflin, Volker Schlöndorff e focus sul Torino Film Festival
In vendita l'appartamento di Lauren Bacall
A 26 milioni di dollari  
Scomparso Ken Takakura
L'attore aveva 83 anni
Arrivano I Pinguini di Madagascar in anteprima
Il 22 e 23 novembre
V edizione del Procult Film Festival
Da domani al 23 Novembre alla Casa del cinema di Roma
Il Torino Film Festival festeggia i 90 anni di Giulio Questi
Sarà presentato anche il volume autobiografico Se non ricordo male  
Cenerentola diretta da Carlo Verdone
Nelle sale a partire dal 23 dicembre
Adieu au Langage film della Critica
Designato questa settimana dal SNCCI
Da oggi in libreria il libro ideato da J.J. Abrams
S. La nave di Teseo
Tre titoli per la Notorious Pictures
Nuovi acquisti all'American Film Market di Los Angeles.
Pane e cioccolata in Dvd e Blu-ray
Disponibile dal prossimo 2 dicembre.
Faber in Sardegna su Fabrizio De André in anteprima a Roma
Domenica 23 novembre alle 21 all'Auditorium
Luca Argentero presenta la Silver Star.
 Nuovo marchio di qualità per MegaTube.
EFA, premiato il produttore Ed Guiney
Riceve il Premio Co-produzione Europea – Prix Eurimages  
Il cinema di Fruit Chan
Giovedì 20 novembre, 20:30, ingresso libero
Lucky Red acquisisce nuovi film
Dall'American Film Market passando per Toronto
Best Feature Film Award di Miami per La regola del piombo
Il film indipendente di Giacomo Arrigoni
Il figlio di nessuno è a Firenze
 L'opera di Rsumovic al cinema Odeon.
Laura Morante protagonista di L'età d'oro di Emanuela Piovano
Inizate le riprese il 17 novembre a Monopoli.
Ficarra e Picone vs. Martone al box office
5 milioni d'incasso per Andiamo a quel paese.