CANNES 57 - "Shi Mian Mai Fun (House of Flying Daggers)", di Zhang Yimou (Fuori concorso)

L'opera del regista cinese, presentata a Cannes fuori concorso e dedicato alla memoria di Anita Mui, rappresenta uno dei punti più alti del suo cinema, con una sensualità che accenna forme nascoste e vibranti di un acceso erotismo e che si caratterizza per una geometricità di impressionante precisione

La rarefazione e l'essenza. Zhang Yimou con House of Flying Daggers realizza una della sue opera più imprevedibili, in linea con Hero (film inedito in Italia e realizzato nel 2003), piena di una totale contrapposizione tra azione e silenzio, tra immagini che accumulano dettagli e il vuoto assoluto. Il film è ambientato nella Cina del 859 dove la dinastia Tang e il governo corrotto lottano contro un gruppo di ribelli sempre più numerosi chiamati "house of flying daggers" (letteralmente "casa dei pugnali volanti) e vede protagonisti due capitani, Leo e Jin e un'affascinante rivoluzionaria cieca di nome Mei. Nel corso del film, i personaggi rivelano ben altre identità da quelle che mostrano inizialmente. Yimou realizza così un film sul doppio, sull'inganno, di un eroismo rarefatto e pulsante in pieno dentro le coordinate del wu xian pian ("cappa e spada"). Più che alla magia fantasmatica di Ang Lee di La tigre e il dragone, House of Flying Daggers sembra rifarsi a certe certe coordinate nei movimenti del cinema di King Hu, oltre ad amplificare quell'estensione dello spazio che è sempre tra i tratti caratteristici di un cineasta dotato e discontinuo come Yimou. L'opera, presentata a Cannes fuori concorso e dedicato alla memoria di Anita Mui, rappresenta uno dei punti più alti del suo cinema, con una sensualità che accenna forme nascoste e vibranti di un acceso erotismo simile a Lanterne rosse ed evidente in ogni contatto fisico tra Leo (che si fa chiamare wind, vento) e Mei, oppure in quella straordinaria scena della danza iniziale dove Meisi spaccia per una ballerina cieca e comincia a danzare facendo sbattere i veli del vestito sui tamburi e origina quel suono che poi si perpetuerà in tutto il film, tra lanci di pugnali, alberi che cadono, con una geometricità di impressionante precisione.

Yimou, come Kitano in Zatoichi gioca per gran parte del film su un ribaltamento dello sguardo e del senso; si pensa infatti la protagonista non veda e che non possa vedere i nemici che la fronteggiano ma soprattutto si pensa che possa utilizzare solo il tatto (e di conseguenza, l'istinto) e non la vista. Ancora Kitano torna in House of Flying Daggers in quei clori dei paesaggi tra il verde sbiadito e il giallo come Dolls, paesaggio sempre provvisorio, atto sempre di successive metamorfosi nelle ellissi temporali e che muta in maniera definitiva, straordinaria, nel bellissimo finale dove le parole sono come annullate. Restano aperti silenzi, i rumori del vento e un cambiamento climatico che si avverte quasi a livello epidermico. Dal verde si passa al bianco della neve. Due uomini e una donna che combattono. Oltre il limite del tempo. In quel biancore, con gocce di sangue che cadono, c'è tutta la forza visiva e plastica di un film da non perdere, tra i migliori e tra i più inattesi di tutto il festival di Cannes di quest'anno.

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Gli Spandau Ballet al cinema il 21 e 22 ottobre
Evento di gala al Festival di Roma
Vinci un viaggio ad Atene con I due volti di gennaio
Il concorso è valido dal 9 ottobre al 2 novembre
Si è spento Peter Von Bagh
Storico e critico finlandese, aveva 71 anni
Parte bene Anime nere
Terza media schermo dopo Tartarughe Ninja e Sex Tape
FESTIVAL DI ROMA 2014 - Maverick Director Award a Takashi Miike
Il regista presenterà a Roma il suo ultimo Kamisama no iutoori (As the Gods Will)
Abel Ferrara a Storie del cinema
"Filmare dall'abisso". Venerdì 26 settembre alle 20.30
Edge of Tomorrow in dvd, blu-ray e blu-ray 3D dal 1° ottobre
Tom Cruise ed Emily Blunt combattono gli alieni
#ScrivimiAncora al Festival di Roma e in sala il 30 ottobre
Il poster del film che sarà presentato nella sezione Gala
I cavalieri dello zodiaco. La leggenda del grande tempio al cinema da gennaio
Da una delle saghe di culto degli anni '80
Roberto Saviano folgorato da "Anime nere"
Lo ha scritto nella sua pagina facebook
L'Harley Davidson di Easy Rider all'asta
Il valore previsto di vendita è di circa un milione di dollari
I corti degli allievi 2013-2014 a Sentieri Selvaggi
venerdì 19 settembre dalle ore 18
Retrospettiva Titanus al Cinema Trevi a Roma
Dal 18 al 26 settembre
Si riuniscono di nuovo Matt Damon e Paul Greengrass per il 5° Bourne
L'uscita è prevista per il 16 luglio 2016
Grande successo in Calabria per Anime nere
Da domani esce in tutta Italia in 120 sale
CG omaggia Sophia Loren per i suoi 80 anni
Con una rassegna di film disponibili in streaming dal 20 Settembre su MYMOVIESLIVE
Pasolini in copertina su "Film Tv"
Liam Neeson, Jimi Hendrix, Willem Dafoe e Peppino Mazzotta
Virzì, Pasolini e Rohrwacher in corsa per l'EFA
Presentati i 50 titoli della 27° edizione
Festival di Roma 2014 - I primi 5 film di lingua inglese
Stephen Daldry con Rooney Mara e Mike Binder con Kevin Costner
Class Enemy distribuito da Tucker Film
Il film di Rok Biček in sala dal 9 ottobre
Ang Lee: nuovo film in Iraq
dal romanzo Billy Lynn's Long Halftime Walk
Alessandro Genovesi inizia le riprese di Ma che bella sorpresa
Con Claudio Bisio e Valentina Lodovini
Chris Hemsworth tra Michael Mann e Ron Howard
The Imitation Game premio del pubblico a Toronto
Sul matematico inglese Alan Turing
Matthew McConaughey e Gus Van Sant: un'immagine da Sea of Trees
Nel cast anche Ken Watanabe e Naomi Watts