BERLINALE 59 - "Human Zoo", di Rie Rasmussen (Panorama)

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista in Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo è anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione è che potremmo trovarci dinanzi ad un nuovo fenomeno al femminile del cinema europeo. Presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set

human zooAdria (Rie Rasmussen) e’ per meta’ serba e meta’ albanese. Le due anime convivono come se fossero due esseri indipendenti, complementari l’un l’altro. La prima donna vive nel passato, all’epoca dei combattimenti in Kosovo, la seconda nel presente a Marsiglia. E’ qui che vive Adria come immigrata clandestina. Su due piani temporali diversi e imbrigliati, il film raccontare la vita della stessa donna ma come fosse sdoppiata in due. Adria dovra’ fare i conti con il suo precario equilibrio psicologico, compromesso da anni di soprusi e sofferenze.

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista di Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo e’ anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione e’ che potremmo trovarci dinanzi ad una nuova possibile fenomeno al femminile del cinema europeo. Rie Rasmussen (che e’ venuta a presentare il suo film) ricorda nello spirito Asia Argento, ma pare ancor piu’ consapevole di poter affascinare e colpire per la sua intraprendenza, esuberanza e, naturalmente, bellezza. In piu’, non e’ assolutamente da sottovalutare quest’opera dal punto di vista squisitamente cinematografico. Girato come se percorresse due binari paralleli, il film mostra vari stili che si scambiano e si confondono: se nelle scene marsigliesi prevalgono toni cromatici piu’ delicati e da nouvelle vague, in quelle kosovare i tratti si fanno piu’ lividi, meno ammalianti. Anche la violenza cruda e pregnante di alcune sequenze e i tagli d’inquadratura volutamente ricercati (a volte, per la verita’, manierati), evidenziano gia’ una certa competenza di sguardo.

Emblematica, su tutte, la scena in cui la protagonista compie un massacro irrompendo in un bordello e sparando i suoi gestori. La macchina da presa, che riprende dall’alto, si muove in avanti attraversando i corridoi e le varie stanze, mentre Adria impugna la sua pistola. Ricorda una famosa scena di Old Boy (il protagonista impugnava un martello...), anche se in quel caso la ripresa aveva una diversa prospettiva. Dicevamo, presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set, proprio quando la ritrovi a discutere del film con il pubblico, senza che riesca a smettere definitivamente i panni di attrice.    

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Polemiche per David Lynch al Lucca Film Festival
Monta la protesta sui social di chi non è riuscito a entrare
One Direction: Where We Are - Anteprima a Napoli
Al cinema l'11 e il 12 ottobre
Christopher Nolan parla dell'influenza di Spielberg per Interstellar
Cita Incontri ravvicinati del terzo tipo e Lo squalo
Festival di Roma 2014: Lo sciacallo
Di Dan Gilroy con Jake Gyllenhaal
Elena Cotta legge "Bizzarrie musicali" di Gianfranco Plenizio
Stasera a Roma alla libreria Feltrinelli in Piazza Colonna alle 18.30
Il n. 21 di Diari di Cineclub di ottobre 2014
In download gratuito
I 'fratelli unici' Luca Argentero e Raoul Bova su "Film Tv"
Interviste ai due attori, Nic Pizzolato e i creatori di BoxTrolls
Spazio Oberdan: Focus su Marlene Dietrich
A Milano dall'8 al 19 ottobre
Luci dalla Cina sbarca al Cinema Trevi
A Roma dopo il successo parigino
Anche Gabriele Salvatores a favore del cinema America
Minaccia di restituire l'Oscar vinto per Mediterraneo se non si riapre il cinema
Lucy subito in testa al botteghino al box office italiano
Con 2,5 milioni di euro
Winter Sleep e Class Enemy Film della Critica
Designati dal SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani)
A dicembre poche copie in sala per Inherent Vice
Attesa per il nuovo film scritto e diretto da Paul Thomas Anderson
Finta minaccia per Emma Watson
Tra campagne di sensibilizzazione e virali
Steve McQueen premiato dall'EFA
Contributo europeo al cinema mondiale
Esce in sala il documentario su Robert Altman
Di Ron Mann, dal 16 ottobre
Mercato Internazionale del Film di Roma
Dal 17 al 21 ottobre
Successo d'incassi per The Equalizer negli Usa
In vetta al box office, seguito da Maze Runner
11/22/’63, la nuova serie di Stephen King e J. J. Abrams
Salti spazio-temporali ed omicidi sventati per un romanzo tradotto in serie-tv.
All'ovest niente di nuovo: remake in produzione
Sarà diretto da Roger Donaldson
Alec Baldwin è sul set di Andròn, The Black Labyrinth
Iniziate le riprese per l’attore statunitense arrivato a Roma.
Rachel McAdams sarà la protagonista della 2° stagione di True Detective
Per la parte del duro sceriffo di Monterey
Virna Lisi contro "La grande bellezza"
"L'ho trovato un film orrendo", ha detto l'attrice
Matt Damon a Montalcino.
La ‘Montalcinonews’ rivela indiscrezioni sulla presenza del divo in Toscana.
Pif, Edoardo Leo e Fabrizio Gifuni all’Italian Film Festival
Dal 3 al 5 ottobre 2014 a Berlino