BERLINALE 59 - "Human Zoo", di Rie Rasmussen (Panorama)

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista in Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo è anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione è che potremmo trovarci dinanzi ad un nuovo fenomeno al femminile del cinema europeo. Presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set

human zooAdria (Rie Rasmussen) e’ per meta’ serba e meta’ albanese. Le due anime convivono come se fossero due esseri indipendenti, complementari l’un l’altro. La prima donna vive nel passato, all’epoca dei combattimenti in Kosovo, la seconda nel presente a Marsiglia. E’ qui che vive Adria come immigrata clandestina. Su due piani temporali diversi e imbrigliati, il film raccontare la vita della stessa donna ma come fosse sdoppiata in due. Adria dovra’ fare i conti con il suo precario equilibrio psicologico, compromesso da anni di soprusi e sofferenze.

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista di Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo e’ anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione e’ che potremmo trovarci dinanzi ad una nuova possibile fenomeno al femminile del cinema europeo. Rie Rasmussen (che e’ venuta a presentare il suo film) ricorda nello spirito Asia Argento, ma pare ancor piu’ consapevole di poter affascinare e colpire per la sua intraprendenza, esuberanza e, naturalmente, bellezza. In piu’, non e’ assolutamente da sottovalutare quest’opera dal punto di vista squisitamente cinematografico. Girato come se percorresse due binari paralleli, il film mostra vari stili che si scambiano e si confondono: se nelle scene marsigliesi prevalgono toni cromatici piu’ delicati e da nouvelle vague, in quelle kosovare i tratti si fanno piu’ lividi, meno ammalianti. Anche la violenza cruda e pregnante di alcune sequenze e i tagli d’inquadratura volutamente ricercati (a volte, per la verita’, manierati), evidenziano gia’ una certa competenza di sguardo.

Emblematica, su tutte, la scena in cui la protagonista compie un massacro irrompendo in un bordello e sparando i suoi gestori. La macchina da presa, che riprende dall’alto, si muove in avanti attraversando i corridoi e le varie stanze, mentre Adria impugna la sua pistola. Ricorda una famosa scena di Old Boy (il protagonista impugnava un martello...), anche se in quel caso la ripresa aveva una diversa prospettiva. Dicevamo, presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set, proprio quando la ritrovi a discutere del film con il pubblico, senza che riesca a smettere definitivamente i panni di attrice.    

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Le ceneri di Robin Williams nella baia di San Francisco
Rispettate le volontà dell'attore
Jackie Chan ha chiesto scusa per l'arresto del figlio
Dovuto a problemi di droga
Martone, Munzi, Costanzo: da Venezia a Toronto
Ci saranno anche i primi due episodi di Gomorra
Belluscone. Una storia siciliana di Maresco in sala dal 4 settembre
Presentato a Venezia nella sezione Orizzonti
Le giurie dell' 8° RomaFictionFest
Il Presidente è Aldo Grasso
Jimi: All Is By My Side in sala il 18 settembre
Nel giorno del 44° anniversario della scomparsa di Hendrix
Orso d'oro alla carriera a Wim Wenders alla prossima Berlinale
Verranno mostrati 10 suoi film tra finzione e documentari
Apes Revolution vola al botteghino
Superati i 4 milioni di euro
Arriva Zoolander 2?
Probabile la rinuncia di Justin Theroux come regista
Laceno d'oro - Masterclass con Jia Zhang-ke e Zhao Tao
oggi alle 17 all'ex Carcere Borbonico di Avellino, a seguire Still Life
Torna Schwarzenegger con Terminator Genisys
Terminate le riprese
VENEZIA 71 - 11 film per la sala web
Da Mohsen  Makhmalbaf a Renato De Maria
Diego Lerman presiederà la giuria ai Venice Days
Il premio assegnato a uno dei 13 film delle Giornate degli Autori
Liberaci dal male da domani in sala
In oltre 200 copie distribuito da Warner Bros.
Step Up All In in copertina su Film Tv
Interviste a Scott Derrickson, Ryan Guzman e Frederick Wiseman
Fury chiuderà il London Film Festival
 War movie con Brad Pitt sulla Seconda guerra mondiale
LOCARNO 67 - Vince Lav Diaz con "From What is Before"
Premio speciale della giuria a Listen Up Philip
Robin Williams soffriva di un principio di Parkinson
A rivelarlo è la moglie Susan Schneider
Persol Tribute a Frances McDormand al Festival di Venezia
Sarà consegnato l'1 settembre alle 16.30 in Sala Grande
LOCARNO 67 - Domani presentazione del libro "Il nuovo cinema di Hong Kong"
Con Olivier Assayas allo Spazio RSI (Largo Zorzi) alle 15
LOCARNO 67 - Il festival omaggia Robin Williams
Con la proiezione di One Hour Photo    
E' morta Lauren Bacall
Aveva 89 anni
LOCARNO 67 - Annunciati i premi Open Doors 2014
12 progetti su 190 candidature
LOCARNO 67: Roman Polanski non ci sarà
Annullato l'incontro previsto per il 15 agosto
Trovato morto Robin Williams nella sua abitazione
Si sospetta il suicidio