BERLINALE 59 - "Human Zoo", di Rie Rasmussen (Panorama)

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista in Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo è anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione è che potremmo trovarci dinanzi ad un nuovo fenomeno al femminile del cinema europeo. Presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set

human zooAdria (Rie Rasmussen) e’ per meta’ serba e meta’ albanese. Le due anime convivono come se fossero due esseri indipendenti, complementari l’un l’altro. La prima donna vive nel passato, all’epoca dei combattimenti in Kosovo, la seconda nel presente a Marsiglia. E’ qui che vive Adria come immigrata clandestina. Su due piani temporali diversi e imbrigliati, il film raccontare la vita della stessa donna ma come fosse sdoppiata in due. Adria dovra’ fare i conti con il suo precario equilibrio psicologico, compromesso da anni di soprusi e sofferenze.

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista di Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo e’ anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione e’ che potremmo trovarci dinanzi ad una nuova possibile fenomeno al femminile del cinema europeo. Rie Rasmussen (che e’ venuta a presentare il suo film) ricorda nello spirito Asia Argento, ma pare ancor piu’ consapevole di poter affascinare e colpire per la sua intraprendenza, esuberanza e, naturalmente, bellezza. In piu’, non e’ assolutamente da sottovalutare quest’opera dal punto di vista squisitamente cinematografico. Girato come se percorresse due binari paralleli, il film mostra vari stili che si scambiano e si confondono: se nelle scene marsigliesi prevalgono toni cromatici piu’ delicati e da nouvelle vague, in quelle kosovare i tratti si fanno piu’ lividi, meno ammalianti. Anche la violenza cruda e pregnante di alcune sequenze e i tagli d’inquadratura volutamente ricercati (a volte, per la verita’, manierati), evidenziano gia’ una certa competenza di sguardo.

Emblematica, su tutte, la scena in cui la protagonista compie un massacro irrompendo in un bordello e sparando i suoi gestori. La macchina da presa, che riprende dall’alto, si muove in avanti attraversando i corridoi e le varie stanze, mentre Adria impugna la sua pistola. Ricorda una famosa scena di Old Boy (il protagonista impugnava un martello...), anche se in quel caso la ripresa aveva una diversa prospettiva. Dicevamo, presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set, proprio quando la ritrovi a discutere del film con il pubblico, senza che riesca a smettere definitivamente i panni di attrice.    

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Michael Jackson - Life, Death and Legacy al cinema
In sala il 25 e il 26 Novembre
In uscita il cofanetto di Gomorra - La Serie
Dal 6 novembre, in blu-ray e dvd
Maurizio Casagrande dirige Babbo Natale non viene da Nord
Al via le riprese
A novembre, Serial Movies! su Studio Universal
Con le saghe USA più celebri
Medaglie d'Oro – Una Vita per il Cinema.
La Cerimonia di assegnazione allo Spazio Novecento.  
Il giovane favoloso è già il film italiano più visto della stagione
Superati i 3 milioni di euro.
Venerdì 31 ottobre In grazia di Dio torna in sala
Al cinema Palestrina di Milano  
Pelo malo designato film della critica dal SNCCI
In sala da 30 ottobre
Torneranno i prati di Olmi in contemporanea in 100 paesi del mondo
Il 4 novembre prossimo
Maccio Capatonda a Lucca Comics & Games.
 Presenta il backstage del film
Halloween in copertina su Film Tv
Lucca Comics & Games e interviste ad Abrahamson e Scimeca
Primo ciak ad Asti per In un posto bellissimo di Giorgia Cecere
Con Isabella Ragonese e Alessio Boni
Mauro Talamonti vince la sezione videoclip alla BiennaleMArteLive.
Fotografo e videomaker  
Massimo Troisi ritorna con Il postino in versione restaurata
Blu-Ray, DVD, Digital Download da oggi
Stefano Calvagna porta sullo schermo Franco Califano in Non escludo il ritorno
Presentato stasera a Roma a Piazza Vittorio
Spostata l'uscita di Frank
Il film di Larry Abrahamson in sala il 13 novembre.  
Parte la 50 giorni di Firenze
L'inaugurazione domani al cinema Odeon
Wild di Jean Marc-Vallée è il film di chiusura del Torino Film Festival
Sarà proiettato sabato 29 novembre
Nasce Cultweek, nuova testata on line diretta da Maurizio Porro
Da sabato 1° novembre con uno scritto inedito di Martone
Enzo G. Castellari torna alla regia con un western
 Il nuovo lungometraggio avrà un cast stellare
Paul Thomas Anderson in sala il 26 febbraio 2015
Vizio di forma, dal romanzo omonimo di Thomas Pichon
Al via la seconda edizione del Digital Heritage
Dal 4 al 15 novembre a Bari e Brindisi
La Carmen di Bizet in oltre 100 sale cinematografiche
Il 4 novembre alle 19, in diretta dal Metropolitan Opera di New York
Boyhood di Richard Linklater è il 'Film della critica'
Per il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani 
Goodbye to language 3D di Godard in uscita il 20 novembre
Premio della giuria a Cannes