BERLINALE 59 - "Human Zoo", di Rie Rasmussen (Panorama)

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista in Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo è anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione è che potremmo trovarci dinanzi ad un nuovo fenomeno al femminile del cinema europeo. Presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set

human zooAdria (Rie Rasmussen) e’ per meta’ serba e meta’ albanese. Le due anime convivono come se fossero due esseri indipendenti, complementari l’un l’altro. La prima donna vive nel passato, all’epoca dei combattimenti in Kosovo, la seconda nel presente a Marsiglia. E’ qui che vive Adria come immigrata clandestina. Su due piani temporali diversi e imbrigliati, il film raccontare la vita della stessa donna ma come fosse sdoppiata in due. Adria dovra’ fare i conti con il suo precario equilibrio psicologico, compromesso da anni di soprusi e sofferenze.

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista di Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo e’ anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione e’ che potremmo trovarci dinanzi ad una nuova possibile fenomeno al femminile del cinema europeo. Rie Rasmussen (che e’ venuta a presentare il suo film) ricorda nello spirito Asia Argento, ma pare ancor piu’ consapevole di poter affascinare e colpire per la sua intraprendenza, esuberanza e, naturalmente, bellezza. In piu’, non e’ assolutamente da sottovalutare quest’opera dal punto di vista squisitamente cinematografico. Girato come se percorresse due binari paralleli, il film mostra vari stili che si scambiano e si confondono: se nelle scene marsigliesi prevalgono toni cromatici piu’ delicati e da nouvelle vague, in quelle kosovare i tratti si fanno piu’ lividi, meno ammalianti. Anche la violenza cruda e pregnante di alcune sequenze e i tagli d’inquadratura volutamente ricercati (a volte, per la verita’, manierati), evidenziano gia’ una certa competenza di sguardo.

Emblematica, su tutte, la scena in cui la protagonista compie un massacro irrompendo in un bordello e sparando i suoi gestori. La macchina da presa, che riprende dall’alto, si muove in avanti attraversando i corridoi e le varie stanze, mentre Adria impugna la sua pistola. Ricorda una famosa scena di Old Boy (il protagonista impugnava un martello...), anche se in quel caso la ripresa aveva una diversa prospettiva. Dicevamo, presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set, proprio quando la ritrovi a discutere del film con il pubblico, senza che riesca a smettere definitivamente i panni di attrice.    

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Daniel Bruhl e Audrey Tatou nella giuria della Berlinale
E' presieduta da Darren Aronofsky
The Interview approda su Netflix
dal 24 gennaio  
Emma Watson sarà Belle nel live-action The Beauty and the Beast
Lo conferma su Facebook
Locarno 68 nel segno di Peckinpah
 annunciata la retrospettiva dedicata all'autore de Il Mucchio selvaggio
Il cinema e lo spazio alla Berlinale Talents
Dal 7 al 12 febbraio
Un nuovo film per la regista di Selma Ava DuVernay
Sarà una storia d'amore e d'omicidio durante l'Uragano Katrina
Al via il nuovo progetto di Martin Scorsese
Sarà un adattamento di Silenzio, romanzo del 1966 di Shusaku Endo
Come sarebbe stato American Sniper di Spielberg?
Un duello psicologico
Seth Rogen raffredda la polemica su American Sniper
"Non volevo offendere nessuno"
The Hateful Eight di Tarantino: si comincia!
Uscita prevista in autunno
Botteghino Usa: corre American Sniper
Delude Johnny Depp
Domani presentazione a Roma del Lessico del cinema italiano
 Il cinema Trevi ospiterà l'incontro con il curatore Roberto De Gaetano
Will Smith in Focus – Niente è come sembra. Il poster ufficiale
il nuovo film di John Requa e Glenn Ficarra
CINE’ – Giornate estiva di cinema si svolgerà a Riccione
Dal 29 giugno al 2 luglio 2015
Andrea Chenier al The Space Cinema
Il 29 gennaio in diretta da Londra
In vendita la villa di Marlon Brando.
Realizzata negli anni ’20, ha un valore di 3.495.000 dollari.
Trieste Film Festival 26 - Tutti i premi
 ecco i vincitori
Franco Piavoli al 33° Valdarno Cinema Fedic
Condurrà lo Spazio Fedic
Samantha Cristoforetti: “è bello potersi sedere a tavola col mondo”
Il videomessaggio del Capitano all’Expo Milano 2015
Carta bianca a Bruno Bozzetto al Bergamo Film Meeting
Il festival si svolgerà dal 7 al 15 marzo
Ridley Scott farà una serie sulla Guerra Civile Americana?
La messa in onda è prevista per il 2016
Virunga è nominato agli Oscar 2015.
Il documentario di Orlando Von Einsiedel concorre fra i documentari.
Virna Lisi in copertina su "Film Tv"
Interviste a Francesca Archibugi, Paolo Genovese e Greta Scarano
12 film all'anno per Amazon
dall'e-commerce al cinema
Effetto Oscar: Boyhood torna in sala
Altre due settimane di programmazione