BERLINALE 59 - "Human Zoo", di Rie Rasmussen (Panorama)

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista in Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo è anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione è che potremmo trovarci dinanzi ad un nuovo fenomeno al femminile del cinema europeo. Presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set

human zooAdria (Rie Rasmussen) e’ per meta’ serba e meta’ albanese. Le due anime convivono come se fossero due esseri indipendenti, complementari l’un l’altro. La prima donna vive nel passato, all’epoca dei combattimenti in Kosovo, la seconda nel presente a Marsiglia. E’ qui che vive Adria come immigrata clandestina. Su due piani temporali diversi e imbrigliati, il film raccontare la vita della stessa donna ma come fosse sdoppiata in due. Adria dovra’ fare i conti con il suo precario equilibrio psicologico, compromesso da anni di soprusi e sofferenze.

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista di Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo e’ anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione e’ che potremmo trovarci dinanzi ad una nuova possibile fenomeno al femminile del cinema europeo. Rie Rasmussen (che e’ venuta a presentare il suo film) ricorda nello spirito Asia Argento, ma pare ancor piu’ consapevole di poter affascinare e colpire per la sua intraprendenza, esuberanza e, naturalmente, bellezza. In piu’, non e’ assolutamente da sottovalutare quest’opera dal punto di vista squisitamente cinematografico. Girato come se percorresse due binari paralleli, il film mostra vari stili che si scambiano e si confondono: se nelle scene marsigliesi prevalgono toni cromatici piu’ delicati e da nouvelle vague, in quelle kosovare i tratti si fanno piu’ lividi, meno ammalianti. Anche la violenza cruda e pregnante di alcune sequenze e i tagli d’inquadratura volutamente ricercati (a volte, per la verita’, manierati), evidenziano gia’ una certa competenza di sguardo.

Emblematica, su tutte, la scena in cui la protagonista compie un massacro irrompendo in un bordello e sparando i suoi gestori. La macchina da presa, che riprende dall’alto, si muove in avanti attraversando i corridoi e le varie stanze, mentre Adria impugna la sua pistola. Ricorda una famosa scena di Old Boy (il protagonista impugnava un martello...), anche se in quel caso la ripresa aveva una diversa prospettiva. Dicevamo, presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set, proprio quando la ritrovi a discutere del film con il pubblico, senza che riesca a smettere definitivamente i panni di attrice.    

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

I mattatori del cinema italiano, dal 16 aprile in home video
Una collana dvd Warner Bros sui grandi volti della storia del cinema italiano
The Revenant di Iñárritu previsto per il 2015
Il protagonista sarà Leonardo Di Caprio
Rio 2 in copertina su Film Tv
Interviste a Carlos Saldanha e i Manetti Bros.
J.D. Salinger al cinema
Il film-documentario nelle sale solo il 20 maggio
James Cameron sui suoi Avatar
"Il secondo, terzo e quarto film sarannp prodotti contemporaneamente"
Previsto il sesto capitolo della serie Die Hard
Di nuovo insieme Bruce Willis e Samuel L. Jackson?
Incassi record per Grand Budapest Hotel
Oltre 100 milioni di dollari in tutto il mondo
Scrivi una canzone per Salvatores
Via al bando per giovani musicisti  
I Beatles in sala con A Hard Day’s Night
Il 9, 10 e 11 giugno   
Bud Spencer in ospedale
Non è in pericolo di vita
'Padre vostro' in sala dall'8 maggio
Sacerdoti e preservativi  
A Firenze il noir secondo Giuseppe Ferlito
Stasera al cinema Fulgor con Roberto Farnesi
A Cannes la Mostra ‘Backstage at Cinecittà’
Dal 14 maggio
La trattativa di Sabina Guzzanti in stand by
Doveva uscire a maggio per l’anniversario delle stragi
Harrison Ford su Blade Runner 2
"...sono molto curioso ed emozionato al pensiero di leggere un nuovo script"
Seth Rogen al Saturday Night Live
Scherza sull'amico di vecchia data James Franco
Esce in DVD La strada verso casa di Samuele Rossi
Distribuito da CG Home Video a partire dal 15 aprile
Un appello per promuovere il cinema italiano
Rivolto direttamente al ministro Dario Franceschini
Online il nuovo sito del Premio Solinas
L'associazione si rinnova
Bif&st: vince Tangerines
di Zaza Urushadze
Premio Francesco Laudadio a Pif al Bif&st
Con La mafia uccide solo d'estate
2° Festival del Cinema Veramente Indipendente
Dal 24 al 27 aprile al Cinema Trevi
Billy Bob Thornton denuncia la fine del suo genere di cinema
A causa della televisione
Matt Damon primo uomo su Marte?
Forse protagonista in The Martian, dall'ebook di Weir  
Fausto Brizzi giurato al Cartoons on the Bay
Il festival dell’animazione cross-mediale della Rai