BERLINALE 59 - "Human Zoo", di Rie Rasmussen (Panorama)

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista in Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo è anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione è che potremmo trovarci dinanzi ad un nuovo fenomeno al femminile del cinema europeo. Presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set

human zooAdria (Rie Rasmussen) e’ per meta’ serba e meta’ albanese. Le due anime convivono come se fossero due esseri indipendenti, complementari l’un l’altro. La prima donna vive nel passato, all’epoca dei combattimenti in Kosovo, la seconda nel presente a Marsiglia. E’ qui che vive Adria come immigrata clandestina. Su due piani temporali diversi e imbrigliati, il film raccontare la vita della stessa donna ma come fosse sdoppiata in due. Adria dovra’ fare i conti con il suo precario equilibrio psicologico, compromesso da anni di soprusi e sofferenze.

Opera prima dell’attrice danese, apprezzata protagonista di Angel-A di Luc Besson, il quale di Human Zoo e’ anche il produttore. Senza sbilanciarci, l’impressione e’ che potremmo trovarci dinanzi ad una nuova possibile fenomeno al femminile del cinema europeo. Rie Rasmussen (che e’ venuta a presentare il suo film) ricorda nello spirito Asia Argento, ma pare ancor piu’ consapevole di poter affascinare e colpire per la sua intraprendenza, esuberanza e, naturalmente, bellezza. In piu’, non e’ assolutamente da sottovalutare quest’opera dal punto di vista squisitamente cinematografico. Girato come se percorresse due binari paralleli, il film mostra vari stili che si scambiano e si confondono: se nelle scene marsigliesi prevalgono toni cromatici piu’ delicati e da nouvelle vague, in quelle kosovare i tratti si fanno piu’ lividi, meno ammalianti. Anche la violenza cruda e pregnante di alcune sequenze e i tagli d’inquadratura volutamente ricercati (a volte, per la verita’, manierati), evidenziano gia’ una certa competenza di sguardo.

Emblematica, su tutte, la scena in cui la protagonista compie un massacro irrompendo in un bordello e sparando i suoi gestori. La macchina da presa, che riprende dall’alto, si muove in avanti attraversando i corridoi e le varie stanze, mentre Adria impugna la sua pistola. Ricorda una famosa scena di Old Boy (il protagonista impugnava un martello...), anche se in quel caso la ripresa aveva una diversa prospettiva. Dicevamo, presenza scenica prepotente quella di Rie Rasmussen, teneramente ingombrante che trapassa il set, proprio quando la ritrovi a discutere del film con il pubblico, senza che riesca a smettere definitivamente i panni di attrice.    

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

TORINO 32 - Applausi per Tokyo Tribe
il pubblico premia Sion Sono
M2 finalizza l'acquisizione di due nuovi titoli per il 2015
Si tratta di Colpo di stato e Orgoglio e pregiudizio e zombie
The Killing 4 su Fox Crime A
 L'ultimo dei sei episodi sarà diretto da Jonathan Demme
Luigi Cuciniello presidente dell'Anec
Eletto il 19 novembre dal Congresso Nazionale dell'Anec
Stanley Kubrick omaggiato da Hollywood
a 15 anni dalla sua morte
Jennifer Lawrence in copertina su Film Tv
Interviste a Francis Lawrence, Sam Claflin, Volker Schlöndorff e focus sul Torino Film Festival
In vendita l'appartamento di Lauren Bacall
A 26 milioni di dollari  
Scomparso Ken Takakura
L'attore aveva 83 anni
Arrivano I Pinguini di Madagascar in anteprima
Il 22 e 23 novembre
V edizione del Procult Film Festival
Da domani al 23 Novembre alla Casa del cinema di Roma
Il Torino Film Festival festeggia i 90 anni di Giulio Questi
Sarà presentato anche il volume autobiografico Se non ricordo male  
Cenerentola diretta da Carlo Verdone
Nelle sale a partire dal 23 dicembre
Adieu au Langage film della Critica
Designato questa settimana dal SNCCI
Da oggi in libreria il libro ideato da J.J. Abrams
S. La nave di Teseo
Tre titoli per la Notorious Pictures
Nuovi acquisti all'American Film Market di Los Angeles.
Pane e cioccolata in Dvd e Blu-ray
Disponibile dal prossimo 2 dicembre.
Faber in Sardegna su Fabrizio De André in anteprima a Roma
Domenica 23 novembre alle 21 all'Auditorium
Luca Argentero presenta la Silver Star.
 Nuovo marchio di qualità per MegaTube.
EFA, premiato il produttore Ed Guiney
Riceve il Premio Co-produzione Europea – Prix Eurimages  
Il cinema di Fruit Chan
Giovedì 20 novembre, 20:30, ingresso libero
Lucky Red acquisisce nuovi film
Dall'American Film Market passando per Toronto
Best Feature Film Award di Miami per La regola del piombo
Il film indipendente di Giacomo Arrigoni
Il figlio di nessuno è a Firenze
 L'opera di Rsumovic al cinema Odeon.
Laura Morante protagonista di L'età d'oro di Emanuela Piovano
Inizate le riprese il 17 novembre a Monopoli.
Ficarra e Picone vs. Martone al box office
5 milioni d'incasso per Andiamo a quel paese.