"Iron Man", di Jon Favreau

Tony Stark ha bisogno di un cuore nuovo, il cinema ne ha bisogno, l’umanità intera ne ha bisogno, per poter sopravvivere. Bisogno d'amore, di una forza che l’attraversi da parte a parte, di una mano che si spinga fin nel profondo dell’anima, per risvegliarla. Ma l’umanità non è pronta, come non lo è Jon Favreau

 

Iron_ManNel petto una scheggia letale. Fuori uno scudo, un'armatura di metallo pesante per proteggersi dai nemici. Uno scafandro pieno zeppo di tecnologia, che renda impenetrabile l'anima e invincibili i pugni. Novello Icaro dalle ali d'acciaio, vola. Sempre più in alto, fino a raggiungere gli strati più freddi dell'atmosfera, fino a diventare esso stesso missile, lanciato a velocità supersoniche verso un obiettivo invisibile. Forse l’amore. Sempre cercato, inconsapevolmente corteggiato, immancabilmente sfiorato, continuamente mancato. Ancora più su, fino a bruciare sotto i raggi di un sole incandescente, senza avvertirne il calore, fino ad avere le mani congelate, fino alla paralisi dei sensi. E poi giù, in picchiata. Un volo senza controllo, capriole nell'aria di una stella esplosa troppo in fretta.

La voglia di diventare altro da sé, di superare i confini di un corpo vulnerabile, fatto di carne e sangue (sembrano ricordare questo, le vene in rilievo, sollecitate da uno strumento in mano ad Obadiah Stane, con il quale fa fuori Raza prima e immobilizza Tony poi). Il sogno di sentirsi inattaccabile, di poter guardare i nemici dall'alto in basso e tendere verso l’infinito. Il desiderio dell’uomo di fuggire dalle proprie limitazioni, di alzarsi da terra per abitare i luoghi infiniti dello spazio, che si trasforma nella consapevolezza di avere tra le mani il segreto per realizzarlo. Non poteri venuti da un altro pianeta per sconfiggere i malvagi quindi, ma una nuova identità, costruita pezzo dopo pezzo, voluta con determinazione, calibrata in base a precisi calcoli matematici e perfezionata con la sperimentazione, perché nulla possa scalfirne la superficie. Uomini nascosti nelle viscere della terra (gli afgani capeggiati da Raza al lavoro nelle caverne, Tony Stark nel suo laboratorio ricavato nel sottosuolo), si armano di tutto punto al riparo da occhi indiscreti, dai pericoli di un mondo prossimo all'autodistruzione. Sopra la vita scorre tranquilla, tra feste mondane, nottate brave al casinò e finta beneficenza. Sotto, l'operosa e silenziosa attività di individui pronti a riemergere dal buio, super-corpi, corazzati contro il mondo, per dare inizio ad una battaglia senza fine. Il cuore, resta rinchiuso in una teca fatta di vetro, da esibire sulla scrivania di casa, tra un trofeo e un libro di filosofia, ormai vecchio cimelio da spolverare di tanto in tanto. L'uomo spera così di dimenticare la sofferenza, di allontanarsi per sempre dai tormenti che lo consumano, ma senza cuore, senz’amore, non può far altro che morire lentamente, raggiunto Tony_Staralfine da quella scheggia mortale, ricoperto di ghiaccio. Tony Stark ha bisogno di un cuore nuovo, il cinema ne ha bisogno, l’umanità intera ne ha bisogno, per poter sopravvivere. Bisogno d'amore, di una forza che l’attraversi da parte a parte, di una mano che si spinga fin nel profondo dell’anima, per risvegliarla. Ma l’umanità non è pronta, come non lo è Jon Favreau. Non è pronto per girare la scena in cui Pepper Potts, la fedele assistente del magnate, gli regala una nuova vita, sostituendo il vecchio marchingegno con un nuovo e più potente meccanismo (che rimarrà sempre in vista, cuore pulsante e profondamente umano di Iron Man). Un trapianto di cuore in piena regola, senza la minima partecipazione emozionale da parte di un regista che rimane a guardare, per paura di sbagliare. Non è pronto per regalare all'attimo in cui Tony e Pepper sono lì, occhi negli occhi, un’indimenticabile respiro appassionato. Come non conoscesse la prossima mossa di Robert Downey Jr./Iron Man, lascia che la macchina da presa si limiti ad osservare, senza riuscire a scavare.

Ed è per questo che la terra scomparirà, sotto i colpi di una gigantesca e pirotecnica esplosione. Quella di un missile Jericho, da guardare con il naso per aria, l’ultimo spettacolo di un’umanità senza cuore, come quella di Jon Favreau.

 

 

Titolo originale: id.

Regia: Jon Favreau

Interpreti: Robert Downey Jr., Terrence Howard, Jeff Bridges, Shaun Toub, Gwyneth Paltrow

Distribuzione: Universal

Durata: 126’

Origine: USA, 2008

 

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito

Articoli correlati

Iron Man

News

La vedova Monicelli protesta: «No al Premio grossetano».
Avrebbe preferito Pif a Verdone.
In sala con Coppola, Scorsese, De Palma e Hitchcock al Cinema Trevi di Roma
Una serie di grandi classici restaurati
Noi e la Giulia parte bene al box office
Già 190.000 spettatori e 1.300.000 € d'incasso
Joaquin Phoenix in copertina su Film Tv
SpongeBob, Paul Thomas Anderson, Ryan Murphy e Javier Zanetti
Terzo film per Michelle Williams e Kelly Reichardt
Dopo Wendy and Lucy e Meek's Cutoff
Antonio Monda è il nuovo Direttore Artistico del Festival di Roma
Direzione Generale a Lucio Argano
L'Oscar al miglior documentario 'Citizenfour' in sala
Dall'11 giugno
OSCAR 2015 - Vincono Redmayne e Julianne Moore
Miglior attore e miglior attrice
OSCAR 2015 - Alexandre Desplat vince il suo primo Academy
Per le musiche di Grand Budapest Hotel
OSCAR 2015 - Patricia Arquette premiata
Attrice non protagonista per Boyhood
OSCAR 2015 - Vince Ida
Il polacco è il miglior film straniero
OSCAR 2015 - Vince l'italiana Milena Canonero
Migliori costumi per Grand Budapest Hotel
Timbuktu domina i 40° César
Premiati anche Dolan, Wenders e Kristen Stewart
A Roma le masterclass di Paul Haggis
Dall'10 al 14 marzo
Bis per Zanetti al cinema
doppio appuntamento in sala
Batman: la serie TV completa
Il cofanetto Blu-ray con oltre tre ore di contenuti extra  
Maraviglioso Boccaccio dei Taviani stasera in anteprima a Firenze
Al Cinema Portico alle 20.45
Wenders adatta un testo teatrale di Peter Handke
Già sceneggiatore de Il cielo sopra Berlino
Un piccione seduto sul ramo riflette sull'esistenza è il Film della Critica
Il film di Andersson Leone d'oro a Venezia
Scorsese produttore esecutivo per Ben Wheatley
Per il suo nuovo progetto, Free Fire
Herzog al lavoro su un nuovo film, Salt and Fire
Un thriller romantico che sarà girato in Bolivia ad Aprile
Kingsman: Secret Service in copertina su Film Tv
Interviste a Matthew Vaughn e Roy Andersson e speciale John Carpenter
Sissako Presidente di giuria di Cinéfondation e dei cortometraggi a Cannes
Ora in sala con Timbuktu
Valeria Golino a L'immagine e la Parola a Locarno
L'evento primaverile del Festival
Come si gira un video per il web
il 21-22 febbraio, con gli interventi dei diretti protagonisti del web italiano