GIFFONI 39 - "Cherrybomb", di Glenn Leyburn e Lisa Barros D'Sa (Concorso)

La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale e si accontenta di alcune semplici trovate. Un cinema lineare che però sa raccontare l’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti

CherrybombIl più classico dei triangoli. Una donna che mette in crisi due amici, il desiderio che cospira contro il precario equilibrio degli affetti. Periferia di Belfast. Luke spaccia droga per conto del fratello maggiore e deve prendersi cura del padre alcolizzato. Mal, figlio modello di una famiglia ordinaria, lavora in un grande centro sportivo. I due, nonostante le differenze, sono profondamente legati. Almeno fino a quando fa la sua apparizione la provocante e inquieta Michelle, figlia del proprietario del centro. E’ un incendio dapprima circoscritto, poi sempre più inarrestabile e devastante. Una splendida ‘bomba’ che irrompe nello spazio monotono della quotidianità e lo manda in frantumi. Ogni passione, in fondo,non fa che sfidare la noia della normalità. Ma, a volte, è la stessa passione ad apparire come un miraggio, un sogno vacuo animato da un indefinito desiderio di un’altra vita e un altro mondo. E’ su questo punto, che sembra concentrarsi Cherrybomb, primo lungometraggio di Glenn Leyburn e Lisa Barros D’Sa, presentato all’ultimo Festival di Berlino. L’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti. La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale, si affida alla maschera beffarda di Rupert Grint, finalmente liberato dal marchio “Harry Potter”, e si accontenta di alcune semplici trovate, come gli sms che si materializzano sullo schermo, segni di una comunicazione sempre contratta e sofferta. Un cinema lineare che cresce su una progressione drammatica efficace e devia all’improvviso da un tono svagato verso una svolta inaspettata, nonostante la spia d’allarme dell’incipit. Ma la tragedia, comunque, non sorprende. Sembra una conseguenza naturale delle cose, come ne La ragazza del bagno pubblico di Skolimowski. E’ l’ovvio punto di arrivo di un’adolescenza sempre un po’ idiota, persa nel suo sogno impossibile di trasgressione. Ed è la condanna meritata di una famiglia che sempre più appare come la cellula impazzita di un mondo consumato da un cancro letale.   
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

CANNES 68 - Le aggiunte in Concorso e in Un Certain Regard
arrivano Kawase, Apichatpong, Mendoza, Guédiguian...
Cinema e Resistenza nel nuovo Film Tv
Samba, Expo e intervista a Massimo Zamboni
Miike Takashi e Zero Waste: Incontro con Paul Connett e Raffaele Brunetti
Due eventi imperdibili da Sentieri selvaggi Giovedì 23 e martedì 28 aprile
Cannes 68 - Il programma della Quinzaine des Réalisateurs
Garrel, Gomes, Desplechin, Miike
Xavier Dolan e Jake Gyllenhaal in giuria a Cannes
Ci sono anche Guillermo Del Toro e Sophie Marceau
Il mese del Documentario inizia con Minervini
il 22 aprile a Roma si apre con Stop the Pounding Heart
Tutti i premi del 16° Festival del Cinema Europeo di Lecce
Vince il turco Song of my mother di Erol Mintaş
Philippe Garrel aprirà la Quinzaine des réalisateurs
In concorso anche Arnaud Desplechin e Miguel Gomes
Torna al cinema Stop the Pounding Heart di Roberto Minervini
Uscirà nelle sale UCI Cinemas il 21 aprile.
Margarethe von Trotta: cittadinanza onoraria e retrospettiva a Palermo
La regista ottiene questi riconoscimenti nel capoluogo siciliano
Tutti fuori di Massimo Latini al TGLFF
Verrà proiettato il 3 maggio
Tris Italia: Garrone, Moretti e Sorrentino in concorso a Cannes
In gara anche Haynes, Van Sant e Audiard
Avengers. Age of Ultron in copertina su Film Tv
L'atteso film Marvel, Nanni Moretti e Jude Law
Anime nere di Francesco Munzi conquista la stampa statunitense
Ottime recensioni sul New York Times, Filmmaker e Village Voice
Isabella Rossellini Presidente di Un certain regard a Cannes
I vincitori saranno annunciati il 23 maggio
Scientology secondo Alex Gibney
Il documentario in sala il 25 giugno
Humandroid in copertina su Film Tv
Interviste a Neill Blomkamp e Adèle Haenel
Joe Hisaishi ospite d'onore al Far East Film Festival di Udine
Riceverà il Gelso d'Oro alla carrierail 23 aprile  
L'altra Heimat-Cronaca di un sogno Film della Critica
Assegnato dal SNCCI
Al Pacino, omaggio per i suoi 75 anni
Su Studio Universal da stasera
Star Wars: Il Risveglio della Forza nei cinema italiani a dicembre
Il 16, in anticipo rispetto al resto del mondo
Infortunio al ginocchio per Daniel Craig
Sul set di Spectre, durante una scena di lotta in Messico
Lynch abbandona la nuova stagione di Twin Peaks
Da tempo si erano verificate divergenze tra il regista e il network Showtime
Qualcosa di noi dal 9 aprile al cinema
di Wilma Labate
The Fighters in sala il 16 aprile
Vincitore di 3 César