GIFFONI 39 - "Cherrybomb", di Glenn Leyburn e Lisa Barros D'Sa (Concorso)

La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale e si accontenta di alcune semplici trovate. Un cinema lineare che però sa raccontare l’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti

CherrybombIl più classico dei triangoli. Una donna che mette in crisi due amici, il desiderio che cospira contro il precario equilibrio degli affetti. Periferia di Belfast. Luke spaccia droga per conto del fratello maggiore e deve prendersi cura del padre alcolizzato. Mal, figlio modello di una famiglia ordinaria, lavora in un grande centro sportivo. I due, nonostante le differenze, sono profondamente legati. Almeno fino a quando fa la sua apparizione la provocante e inquieta Michelle, figlia del proprietario del centro. E’ un incendio dapprima circoscritto, poi sempre più inarrestabile e devastante. Una splendida ‘bomba’ che irrompe nello spazio monotono della quotidianità e lo manda in frantumi. Ogni passione, in fondo,non fa che sfidare la noia della normalità. Ma, a volte, è la stessa passione ad apparire come un miraggio, un sogno vacuo animato da un indefinito desiderio di un’altra vita e un altro mondo. E’ su questo punto, che sembra concentrarsi Cherrybomb, primo lungometraggio di Glenn Leyburn e Lisa Barros D’Sa, presentato all’ultimo Festival di Berlino. L’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti. La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale, si affida alla maschera beffarda di Rupert Grint, finalmente liberato dal marchio “Harry Potter”, e si accontenta di alcune semplici trovate, come gli sms che si materializzano sullo schermo, segni di una comunicazione sempre contratta e sofferta. Un cinema lineare che cresce su una progressione drammatica efficace e devia all’improvviso da un tono svagato verso una svolta inaspettata, nonostante la spia d’allarme dell’incipit. Ma la tragedia, comunque, non sorprende. Sembra una conseguenza naturale delle cose, come ne La ragazza del bagno pubblico di Skolimowski. E’ l’ovvio punto di arrivo di un’adolescenza sempre un po’ idiota, persa nel suo sogno impossibile di trasgressione. Ed è la condanna meritata di una famiglia che sempre più appare come la cellula impazzita di un mondo consumato da un cancro letale.   
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

I Beatles in sala con A Hard Day’s Night
Il 9, 10 e 11 giugno   
Bud Spencer in ospedale
Non è in pericolo di vita
'Padre vostro' in sala dall'8 maggio
Sacerdoti e preservativi  
A Firenze il noir secondo Giuseppe Ferlito
Stasera al cinema Fulgor con Roberto Farnesi
A Cannes la Mostra ‘Backstage at Cinecittà’
Dal 14 maggio
La trattativa di Sabina Guzzanti in stand by
Doveva uscire a maggio per l’anniversario delle stragi
Harrison Ford su Blade Runner 2
"...sono molto curioso ed emozionato al pensiero di leggere un nuovo script"
Seth Rogen al Saturday Night Live
Scherza sull'amico di vecchia data James Franco
Esce in DVD La strada verso casa di Samuele Rossi
Distribuito da CG Home Video a partire dal 15 aprile
Un appello per promuovere il cinema italiano
Rivolto direttamente al ministro Dario Franceschini
Online il nuovo sito del Premio Solinas
L'associazione si rinnova
Bif&st: vince Tangerines
di Zaza Urushadze
Premio Francesco Laudadio a Pif al Bif&st
Con La mafia uccide solo d'estate
2° Festival del Cinema Veramente Indipendente
Dal 24 al 27 aprile al Cinema Trevi
Billy Bob Thornton denuncia la fine del suo genere di cinema
A causa della televisione
Matt Damon primo uomo su Marte?
Forse protagonista in The Martian, dall'ebook di Weir  
Fausto Brizzi giurato al Cartoons on the Bay
Il festival dell’animazione cross-mediale della Rai
Partecipazione record al Filmforum di Gorizia e Udine
Oltre 5 mila presenze
Jeremy Renner a lavoro su un dramma politico
Sul primo ministro della Somalia
Dalia Events ricorda Nino Manfredi
Il grande attore a dieci anni dalla scomparsa
Giornalisti per un giorno The amazing Spider-Man 2
Alice nella Città apre con "Aspettando il festival"
Batman compie 75 anni
Warner e DC Entertainment celebrano l' anniversario del supereroe.
Cannes 67 - Carole Bouquet in giuria?
secondo il quotidiano Le Parisien
Jiulianne Moore insegna l'inglese
Nelle sale l'8 maggio con The English Teacher
Terzo Grado su Crime Più
Dal 10 Aprile, la trasmissione americana sul canale di Sky