GIFFONI 39 - "Cherrybomb", di Glenn Leyburn e Lisa Barros D'Sa (Concorso)

La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale e si accontenta di alcune semplici trovate. Un cinema lineare che però sa raccontare l’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti

CherrybombIl più classico dei triangoli. Una donna che mette in crisi due amici, il desiderio che cospira contro il precario equilibrio degli affetti. Periferia di Belfast. Luke spaccia droga per conto del fratello maggiore e deve prendersi cura del padre alcolizzato. Mal, figlio modello di una famiglia ordinaria, lavora in un grande centro sportivo. I due, nonostante le differenze, sono profondamente legati. Almeno fino a quando fa la sua apparizione la provocante e inquieta Michelle, figlia del proprietario del centro. E’ un incendio dapprima circoscritto, poi sempre più inarrestabile e devastante. Una splendida ‘bomba’ che irrompe nello spazio monotono della quotidianità e lo manda in frantumi. Ogni passione, in fondo,non fa che sfidare la noia della normalità. Ma, a volte, è la stessa passione ad apparire come un miraggio, un sogno vacuo animato da un indefinito desiderio di un’altra vita e un altro mondo. E’ su questo punto, che sembra concentrarsi Cherrybomb, primo lungometraggio di Glenn Leyburn e Lisa Barros D’Sa, presentato all’ultimo Festival di Berlino. L’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti. La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale, si affida alla maschera beffarda di Rupert Grint, finalmente liberato dal marchio “Harry Potter”, e si accontenta di alcune semplici trovate, come gli sms che si materializzano sullo schermo, segni di una comunicazione sempre contratta e sofferta. Un cinema lineare che cresce su una progressione drammatica efficace e devia all’improvviso da un tono svagato verso una svolta inaspettata, nonostante la spia d’allarme dell’incipit. Ma la tragedia, comunque, non sorprende. Sembra una conseguenza naturale delle cose, come ne La ragazza del bagno pubblico di Skolimowski. E’ l’ovvio punto di arrivo di un’adolescenza sempre un po’ idiota, persa nel suo sogno impossibile di trasgressione. Ed è la condanna meritata di una famiglia che sempre più appare come la cellula impazzita di un mondo consumato da un cancro letale.   
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

TORINO 32 - Applausi per Tokyo Tribe
il pubblico premia Sion Sono
M2 finalizza l'acquisizione di due nuovi titoli per il 2015
Si tratta di Colpo di stato e Orgoglio e pregiudizio e zombie
The Killing 4 su Fox Crime A
 L'ultimo dei sei episodi sarà diretto da Jonathan Demme
Luigi Cuciniello presidente dell'Anec
Eletto il 19 novembre dal Congresso Nazionale dell'Anec
Stanley Kubrick omaggiato da Hollywood
a 15 anni dalla sua morte
Jennifer Lawrence in copertina su Film Tv
Interviste a Francis Lawrence, Sam Claflin, Volker Schlöndorff e focus sul Torino Film Festival
In vendita l'appartamento di Lauren Bacall
A 26 milioni di dollari  
Scomparso Ken Takakura
L'attore aveva 83 anni
Arrivano I Pinguini di Madagascar in anteprima
Il 22 e 23 novembre
V edizione del Procult Film Festival
Da domani al 23 Novembre alla Casa del cinema di Roma
Il Torino Film Festival festeggia i 90 anni di Giulio Questi
Sarà presentato anche il volume autobiografico Se non ricordo male  
Cenerentola diretta da Carlo Verdone
Nelle sale a partire dal 23 dicembre
Adieu au Langage film della Critica
Designato questa settimana dal SNCCI
Da oggi in libreria il libro ideato da J.J. Abrams
S. La nave di Teseo
Tre titoli per la Notorious Pictures
Nuovi acquisti all'American Film Market di Los Angeles.
Pane e cioccolata in Dvd e Blu-ray
Disponibile dal prossimo 2 dicembre.
Faber in Sardegna su Fabrizio De André in anteprima a Roma
Domenica 23 novembre alle 21 all'Auditorium
Luca Argentero presenta la Silver Star.
 Nuovo marchio di qualità per MegaTube.
EFA, premiato il produttore Ed Guiney
Riceve il Premio Co-produzione Europea – Prix Eurimages  
Il cinema di Fruit Chan
Giovedì 20 novembre, 20:30, ingresso libero
Lucky Red acquisisce nuovi film
Dall'American Film Market passando per Toronto
Best Feature Film Award di Miami per La regola del piombo
Il film indipendente di Giacomo Arrigoni
Il figlio di nessuno è a Firenze
 L'opera di Rsumovic al cinema Odeon.
Laura Morante protagonista di L'età d'oro di Emanuela Piovano
Inizate le riprese il 17 novembre a Monopoli.
Ficarra e Picone vs. Martone al box office
5 milioni d'incasso per Andiamo a quel paese.