GIFFONI 39 - "Cherrybomb", di Glenn Leyburn e Lisa Barros D'Sa (Concorso)

La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale e si accontenta di alcune semplici trovate. Un cinema lineare che però sa raccontare l’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti

CherrybombIl più classico dei triangoli. Una donna che mette in crisi due amici, il desiderio che cospira contro il precario equilibrio degli affetti. Periferia di Belfast. Luke spaccia droga per conto del fratello maggiore e deve prendersi cura del padre alcolizzato. Mal, figlio modello di una famiglia ordinaria, lavora in un grande centro sportivo. I due, nonostante le differenze, sono profondamente legati. Almeno fino a quando fa la sua apparizione la provocante e inquieta Michelle, figlia del proprietario del centro. E’ un incendio dapprima circoscritto, poi sempre più inarrestabile e devastante. Una splendida ‘bomba’ che irrompe nello spazio monotono della quotidianità e lo manda in frantumi. Ogni passione, in fondo,non fa che sfidare la noia della normalità. Ma, a volte, è la stessa passione ad apparire come un miraggio, un sogno vacuo animato da un indefinito desiderio di un’altra vita e un altro mondo. E’ su questo punto, che sembra concentrarsi Cherrybomb, primo lungometraggio di Glenn Leyburn e Lisa Barros D’Sa, presentato all’ultimo Festival di Berlino. L’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti. La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale, si affida alla maschera beffarda di Rupert Grint, finalmente liberato dal marchio “Harry Potter”, e si accontenta di alcune semplici trovate, come gli sms che si materializzano sullo schermo, segni di una comunicazione sempre contratta e sofferta. Un cinema lineare che cresce su una progressione drammatica efficace e devia all’improvviso da un tono svagato verso una svolta inaspettata, nonostante la spia d’allarme dell’incipit. Ma la tragedia, comunque, non sorprende. Sembra una conseguenza naturale delle cose, come ne La ragazza del bagno pubblico di Skolimowski. E’ l’ovvio punto di arrivo di un’adolescenza sempre un po’ idiota, persa nel suo sogno impossibile di trasgressione. Ed è la condanna meritata di una famiglia che sempre più appare come la cellula impazzita di un mondo consumato da un cancro letale.   
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito

News

Gilliam, Cuaròn, Irons e Garrone al Lucca Film Fest
 Ecco gli ospiti del Lucca Film Festival.
Uscito il n. 26 di Diari di Cineclub
In download gratuito
Chris Hemsworth in copertina su Film Tv
Interviste a Jasmine Trinca, Chris Hemsworth e Paolo e Vittorio Taviani
'I Paranoidi' con Fabio Testi e Enzo G. Castellari
Diretti da Camillo Brena e Matteo Mercanti
Nastri d'Argento per il miglior documentario a Costanza Quatriglio e Giorgio Treves
Per le due sezioni Cinema del reale e Cinema e spettacolo
Aperta la prevendita dell'anteprima di Fast & Furious 7
In sala il 1 aprile
Arriva in sala 'smoKings' di Michele Fornasero
Un documentario gangster sul mondo del tabacco
Rocco Tanica per il corto musical Maria P.
Scritto e diretto da Alessandro Corradi
Valentina Carnelutti e il lavoro del regista con l'attore
nel workshop Dirigimi, gli ultimi due week end di marzo
Studio Universal omaggia Alfred Hitchcock
Per il 55° Anniversario dall’uscita di Psycho
Denis Villeneuve alla regia del sequel di Blade Runner
Harrison Ford sarà ancora Rick Deckard
Record al box-office per Zanetti Story
Il film che ha incassato di più nella giornata di ieri
"Lunga vita e prosperità" - Addio a Leonard Nimoy
Muore Spok, icona di Star Trek
Legends - Le 10 identità di Sean Bean
Su Fox ogni giovedì alle 23.15
L'altra Heimat - continua la saga di Edgar Reitz
Dal cinema il 31 marzo e il 1 aprile
La vedova Monicelli protesta: «No al Premio grossetano».
Avrebbe preferito Pif a Verdone.
In sala con Coppola, Scorsese, De Palma e Hitchcock al Cinema Trevi di Roma
Una serie di grandi classici restaurati
Noi e la Giulia parte bene al box office
Già 190.000 spettatori e 1.300.000 € d'incasso
Joaquin Phoenix in copertina su Film Tv
SpongeBob, Paul Thomas Anderson, Ryan Murphy e Javier Zanetti
Terzo film per Michelle Williams e Kelly Reichardt
Dopo Wendy and Lucy e Meek's Cutoff
Antonio Monda è il nuovo Direttore Artistico del Festival di Roma
Direzione Generale a Lucio Argano
L'Oscar al miglior documentario 'Citizenfour' in sala
Dall'11 giugno
OSCAR 2015 - Vincono Redmayne e Julianne Moore
Miglior attore e miglior attrice
OSCAR 2015 - Alexandre Desplat vince il suo primo Academy
Per le musiche di Grand Budapest Hotel
OSCAR 2015 - Patricia Arquette premiata
Attrice non protagonista per Boyhood