GIFFONI 39 - "Cherrybomb", di Glenn Leyburn e Lisa Barros D'Sa (Concorso)

La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale e si accontenta di alcune semplici trovate. Un cinema lineare che però sa raccontare l’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti

CherrybombIl più classico dei triangoli. Una donna che mette in crisi due amici, il desiderio che cospira contro il precario equilibrio degli affetti. Periferia di Belfast. Luke spaccia droga per conto del fratello maggiore e deve prendersi cura del padre alcolizzato. Mal, figlio modello di una famiglia ordinaria, lavora in un grande centro sportivo. I due, nonostante le differenze, sono profondamente legati. Almeno fino a quando fa la sua apparizione la provocante e inquieta Michelle, figlia del proprietario del centro. E’ un incendio dapprima circoscritto, poi sempre più inarrestabile e devastante. Una splendida ‘bomba’ che irrompe nello spazio monotono della quotidianità e lo manda in frantumi. Ogni passione, in fondo,non fa che sfidare la noia della normalità. Ma, a volte, è la stessa passione ad apparire come un miraggio, un sogno vacuo animato da un indefinito desiderio di un’altra vita e un altro mondo. E’ su questo punto, che sembra concentrarsi Cherrybomb, primo lungometraggio di Glenn Leyburn e Lisa Barros D’Sa, presentato all’ultimo Festival di Berlino. L’illusoria e frustrante ricerca di una dimensione più libera e vitale, di un’autenticità di affetti, oltre la gabbia di esistenze senza vie di uscita e di legami familiari asfissianti. La coppia di registi non si affanna nel dimostrare una cifra stilistica originale, si affida alla maschera beffarda di Rupert Grint, finalmente liberato dal marchio “Harry Potter”, e si accontenta di alcune semplici trovate, come gli sms che si materializzano sullo schermo, segni di una comunicazione sempre contratta e sofferta. Un cinema lineare che cresce su una progressione drammatica efficace e devia all’improvviso da un tono svagato verso una svolta inaspettata, nonostante la spia d’allarme dell’incipit. Ma la tragedia, comunque, non sorprende. Sembra una conseguenza naturale delle cose, come ne La ragazza del bagno pubblico di Skolimowski. E’ l’ovvio punto di arrivo di un’adolescenza sempre un po’ idiota, persa nel suo sogno impossibile di trasgressione. Ed è la condanna meritata di una famiglia che sempre più appare come la cellula impazzita di un mondo consumato da un cancro letale.   
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Drake arriva in Italia
Il documentario del rapper in esclusiva nel circuito The Space.
Fatameh Motameh-Arya al Middle East Now Festival
Dall'8 al 13 aprile a Firenze
Big Hero 6 in Home Video
Dall'8 aprile in Blu-ray 3D, Blu-ray e DVD
Salvatores nominato all'Efa Young Audience Award
Con Il ragazzo invisibile
Insurgent in lingua orginale negli Uci Cinemas
Domani in Inglese
Fast & Furious 7 in copertina su Film Tv
Interviste a Reese Witherspoon, Rob Marshall, James Corden e Marco Pontecorvo
Fatih Akin: omaggio al Festival del Cinema Europeo
Il regista a Lecce dal 13 al 18 aprile
Idris Elba e Benicio Del Toro insieme per Harmony Korine
Nel suo prossimo film The Trap, insieme ad Al Pacino, Robert Pattinson e James Franco
Tornano i Rendez-vous del cinema francese
fra gli ospiti Mathieu Amalric, Fanny Ardant e Robert Guédiguian
Gillian Flynn sceneggiatrice per Steve McQueen
Sarà l'adattamento della miniserie Widows
Arriva in sala il film sul caso Snowden
Vincitore del Premio Oscar come Miglior Documentario
Iniziate le riprese di La corrispondenza di Tornatore
Una studentessa ferita e un professore di Astrofisica
Terminate le riprese di Il papa della gente di Daniele Luchetti
Sono durate 13 settimane
Il Teatro/Cinema Martinitt omaggia Luca Ronconi
Il 1 aprile con il film La scuola d’estate
Il Trono di Spade 4: spot per l'uscita del Blu-Ray e Dvd
Dal 1° aprile in versione disco la serie Warner
Firenze omaggia Elio Petri con Todo Modo
dal 2 al 4 aprile  
DC Comics Superhero anche a Roma
Il 18 aprile per stabilire il record mondiale
Alfonso Cuarón in una monografia
Scritta da Simone Santi Amantini
Mad Max: Fury Road fuori concorso a Cannes
Sarà presentato il 14 maggio al Grand Théâtre Lumière
Jean Dujardin in copertina su Film Tv
Cinema svizzero, French Connection, Cold in July, 1992
Ameluk, al cinema l'opera prima di Mimmo Mancini
Dal 9 aprile in sala
I dieci comandamenti di Roberto Benigni in doppio dvd
206 minuti di spettacolo
L'ultimo film di Glawogger al cinema?
Il team del regista al lavoro su settanta ore di girato
La Cineteca di Bologna restaura tutti i film di Buster Keaton
I primi restauri saranno presentati alla 39° edizione de Il Cinema Ritrovato
Keanu Reeves e Jim Carrey nel nuovo film di Ana Lily Amirpour
Si intitolerà Bad Batch e sarà una love story tra cannibali