Bakemono Lab sceglie gli anni ’80 per inaugurare la collana dedicata al cinema

La casa editrice Bakemono Lab ha aperto le sue porte anche al cinema. E’ stata inaugurata infatti pochi giorni fa la nascente collana Eiga con la pubblicazione di due volumi a tema cinematografico: Heroes, i piccoli protagonisti del cinema degli anni ’80 di Chiara Guida e Don’t you (forget about me), il cinema teen di John Hughes di Cecilia Strazza. Sono due libri che si intersecano nella loro volontà di analizzare un periodo, quello degli anni ’80, che sta vivendo una nuova esistenza grazie a questa ondata nostalgica che ha investito soprattutto il mondo seriale. Proprio da questa intuizione nasce l’approfondimento di Chiara Guida che ripercorre tutta la strada fatta per arrivare al prodotto cult di Netflix Stranger Things, vero agglomerato di citazioni e suggestioni visive provenienti dal cinema di quel periodo. Si prendono in analisi dunque film come La Storia Infinita, E.T. – L’Extraterrestre, I Goonies, Stand by Me – Ricordo di un’estate soprattutto in funzione dei loro giovani protagonisti che hanno saputo incarnare il senso di avventura e immaginazione di quel periodo.

Diverso il percorso intrapreso nel volume di Cecilia Strazza dove ci si concentra esclusivamente su un autore degli anni ’80 troppo spesso sottovalutato nel panorama critico italiano, ovvero John Hughes. Padre spirituale dei teen movie, il regista ha collezionato nel triennio che va dal 1984 al 1986 quattro film diventati ormai dei classici del genere: Sixteen Candles – Un compleanno da ricordare, Breakfast Club, Bella in rosa e Una pazza giornata di vacanza. L’autrice prende in esame i titoli per poi chiedersi dove sia confluita questa innovazione nel raccontare il periodo adolescenziale all’interno del cinema più vicino ai nostri giorni. La risposta si ritrova in prodotti estremamente citazionisti come Easy Girl oppure il recente Sing Street, fino ad arrivare alle derive della messa in scena dei ragazzi di oggi in Spring Breakers – Una vacanza da sballo di Harmony Korine e Bling Ring di Sofia Coppola.

DontCopertina-458x666     heroes cop

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *