Il castello magico, di Ben Stassen e Jérémie Ferguson

Realizzato dai creatori di Le avventure di Sammy – Ben Stassen e Jérémie Ferguson – Il castello magico contribuisce ad un’importante iniziativa: dal 1 gennaio al 1 febbraio per ogni biglietto venduto all’interno del circuito UCI CINEMAS, NOTORIOUS PICTURES, saranno devoluti all’Associazione Peter Pan Onlus 0,10 euro, destinati all’adozione di una stanza per l’accoglienza delle famiglie dei bambini ospitati gratuitamente nelle Case di Peter Pan.
La battaglia a suon di trucchi magici, con cui si difende il castello incantato di un vecchio mago, pur configurandosi come l’elemento soprannaturale volto ad animare e spettacolarizzare un luogo fantastico, mette in luce il valore del passato, il cui sapore autentico, sebbene sommerso di rottami e di polvere, può rivivere attraverso gli occhi della fantasia e nella magia del ricordo.
Un gattino abbandonato s’imbatte per caso nel castello incantato di un vecchio mago e, con il nome di Tuono, entra a far parte di una bizzarra famiglia composta da giocattoli parlanti, un coniglio scontroso ed una topolina lamentosa. Quando il castello viene messo in vendita dal cattivo nipote del mago, i suoi abitanti orchestrano spaventosi giochi di magia per difenderlo dalla simpatia dei possibili acquirenti.
Il castello magico trae ispirazione dal film d’attrazione in 4D, Haunted House. L’impianto scenografico del film è realizzato con un allestimento che richiama l’utilizzo degli effetti speciali sul palcoscenico e in questo senso il castello, con i suoi polverosi pavimenti di legno e le soffitte stracolme di vecchi oggetti in disuso, evoca i segreti dietro le quinte e le ambientazioni delle scene teatrali; l’incantesimo, deputato a mettere in moto l’animazione spettacolare quanto ad evocare le atmosfere della magia da intrattenimento, viene utilizzato come incipit e pretesto narrativo quando il vecchio mago si reca in città per divertire il pubblico con i suoi trucchi magici, ma è anche filo conduttore e raccordo drammaturgico degli elementi fantastici, quando prende il via la guerra invincibile di oggetti e animali contro il nipote cattivo che crede di poter vendere la casa incantata mentre lo zio è in ospedale.
La stretta fratellanza fra animali e giocattoli parlanti – coalizzati contro un nemico proveniente dal mondo reale, totalmente ignaro riguardo alle caratteristiche soprannaturali dell’ambiente in cui agisce – si rifà alla tradizione dell’animazione classica; secondo questo stile nel film sono stati caratterizzati 50 personaggi ognuno dei quali interagisce con gli altri in base a precise scelte di ruolo e significato. La composizione narrativa, frutto di un lungo lavoro di ricerca per la realizzazione dei personaggi, conferisce solidità alla favola e ne veicola efficacemente il nucleo tematico, incentrato sul valore della solidarietà e dell’amicizia fra i più deboli, uniti nel difendere il luogo “magico” del tempo passato, bagaglio e ricchezza del presente a cui il sogno restituisce la vita.


Titolo originale:
The House of Magic
Regia di Ben Stassen e Jérémie Ferguson
Origine: Belgio, 2013
Distribuzione: Notorious Pictures (2014)
Durata: 82'