inizioPartita. Attack of the Earthlings (Mac) – La recensione

Il gioco Attack of the Earthlings si rifà ad un leitmotiv piuttosto di moda nel mondo fantascientifico attuale: gli umani, invece di essere la razza invasa dai mostri, sono i mostri invasori. Siamo di fronte a una variazione sul tema del problema cowboy-indiani.
I terrestri sono malefici capitalisti, incappati in una ‘gallina dalle uova d’oro’ intergalattica, e quindi sono pronti a tutto per spremere il pianeta invaso fino a prosciugarne le risorse.
Il compito del player, quindi, nei panni della madre di tutti gli alieni insettoformi, è quello di eliminare ogni essere umano che si porrà sulla sua strada, per riprendersi il pianeta.

Attack of the Earthlings (Mac) – La Matriarca è pronta a fare strage dei bacucchi umani invasori!…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sviluppato da Team Junkfish, dal punto di vista strutturale e narrativo il gioco si ispira evidentemente alla tradizione dei giochi strategici a turni, come il remake di XCOM (…tra i più recenti) e Civilization (…fra quelli storici).
Il gameplay inizia con un unico personaggio, la matriarca aliena, che si aggira per una base spaziale umana mietendo vittime (se il player riuscirà o meno a farlo, è tutto da dimostrare). Ad ogni cadavere, che verrà prontamente consumato e digerito come biomassa, ci sarà la possibilità di creare nuovi alieni deponendo uova che potranno poi evolversi in tre tipologie differenti: i combattenti, i cacciatori e i disturbatori. Tutto il gameplay quindi ruota attorno al carapaceo corpo della Madre.

Dal punto di vista della mera giocabilità, Attack of the Earthlings parte da una problematica iniziale di non poco peso: un bug nella parte grafica che non permette di visualizzare la schermata completa alla massima definizione su alcune tipologie di Mac. Solo diminuendo la qualità grafica (…senza in realtà percepire difetti di resa, c’è da dire), si recupera la visuale totale della schermata. Una volta risolta questa iniziale impasse, la fruibilità del plot è piuttosto lineare, a tratti quasi noiosa.
Inizialmente si fatica a procedere, a causa di una scarsa longevità della protagonista extraterrestre e di un non chiarissimo sistema di avanzamento attraverso le mappe dei primi livelli. Ma, una volta superato l’ostacolo, il livello di splatter e di umorismo macabro della trama salgono a quote notevoli, trasformando il giocatore in un dominatore interstellare letale.

Attack of the Earthlings (Mac)

Attack of the Earthlings (Mac) – La grafica è piuttosto buona anche a risoluzione media…

Non è esattamente chiaro lo scopo del gioco, se non quello di distruggere una trivella spaziale portata sul pianeta dagli umani. Quello che è chiaro è che si ha a che fare con umani piuttosto rozzi e stupidi, che lanciano urletti di terrore e che muoiono con facilità massima. La narrazione quindi è incentrata soprattutto sul sarcasmo britannico e le battute che ne costellano tutta la trama, con uno stile che ricorda, per certi versi, alcuni momenti di Futurama.
In generale i punti di forza di Attack of the Earthlings sono proprio la premessa dei ruoli antitetici e l’umorismo; certamente da migliorare, invece, la giocabilità e la longevità del gameplay, che risultano abbastanza ridotti.

 

 

Requisiti minimi di sistema:
– Sistema Operativo: OS X 10.11 o più recente
– Processore: Dual-core 2.3 Ghz (meglio se i3 o superiore)
– Memoria: 4 GB di RAM
– Scheda video: GTX 560 Ti (1GB) / Radeon HD 6970 (2GB)
– Spazio libero sull’Hard Disk: 3 GB di spazio disponibile
– Scheda Audio: Qualsiasi scheda audio integrata
– Internet: Richiesta connessione internet per il download del gioco tramite il software STEAM, e per l’attivazione
– Note aggiuntive: Il titolo non è disponibile in versione localizzata in lingua italiana
Voto: 70/100
Tipologia: Indie / Fantascienza / Strategia / A turni / Umorismo nero
Produttore: Junkfish Limited (non esistendo un sito-web ufficiale della compagnia, si rimanda al profilo LinkedIn)
Sviluppatore: Team Junkfish (il link rimanda al profilo Twitter dello sviluppatore)
Distributore: STEAM

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *