La leggenda di Muhammad Ali: un documentario HBO diretto da Antoine Fuqua

HBO ha annunciato un nuovo documentario sulla vita e la carriera del “più grande di tutti i tempi”, Muhammad Ali, il leggendario campione dei pesi massimi scomparso lo scorso 3 giugno dopo una lunga battaglia con la malattia di Parkinson. La regia sarà affidata ad Antoine Fuqua (Training Day2001; Shooter, 2006; The Equalizer – Il Vendicatore, 2014; I Magnifici 7, 2016), che per il grande schermo ha già diretto una pellicola sul pugilato come  Southpaw – L’Ultima Sfida (2015), mentre produttori esecutivi saranno la SpringHill Entertainment della star dell’NBA, LeBron James, e di Maverick Carter, e la Fuqua Films del cinquantenne regista di Pittsburgh.

Muhammad Ali è indiscutibilmente una delle figure più iconiche e distintive nella storia mondiale dello sport”, ha detto il presidente delle miniserie HBO e di Cinemax, Kary Antholis. “Il suo impatto risuona ben oltre i confini del ring ed è innestato in profondità nel tessuto culturale e sociale della seconda metà del XX secolo. Dal momento in cui LeBron James ci ha parlato del suo profondo legame con la vita ed il lascito umano e culturale di Ali, ci siamo impegnati ad aiutarlo a realizzare questo film, e il nostro entusiasmo è aumentato nel momento in cui Antoine Fuqua ha sviluppato la sua visione cinematografica per raccontare il percorso incredibile di quest’uomo”.

Spiega il regista: “Muhammad Ali ha significato tantissime cose per molte persone, è una di quelle persone che hanno avuto su di me un impatto profondo fin dalla tenera età. Aver avuto la possibilità di raccontare la sua storia, sia all’interno che all’esterno del ring, è un privilegio, un sogno che si avvera”.

È difficile esprimere a parole cosa significhi per me essere parte di questo progetto, onorando l’eredità e raccontando la storia estremamente importante del grande pugile”, ha detto James. “Ha trasceso lo sport e ha usato il suo palcoscenico come cassa di risonanza per spronare le persone e metterle nelle condizioni di agire, aprendo la strada a tutti gli atleti e la gente di ogni razza e sesso venuti dopo di lui, me compreso”.

Alla produzione sta partecipando e collaborando la famiglia di Ali con il coordinamento di Jamie Salter, presidente e CEO di Authentic Brands Group, azionista di maggioranza del “marchio” Muhammad Ali. Il documentario combinerà immagini d’archivio, fotografie inedite e filmati provenienti da collezioni private della famiglia Ali ed altri. Esso conterrà anche quelle che HBO ha descritto come “magnifiche ricreazioni cinematografiche” di momenti chiave della vita di Ali, sul ring e nella sfera privata.

Viviamo un momento storico perfetto, nella nostra vita di americani, per dare il benvenuto a questo documentario speciale su Muhammad: avrà un appeal nazionale e mondiale. Spero che questo documentario coinvolga il pubblico nello stesso modo in cui Muhammad coinvolgeva il suo pubblico e i suoi fan. Senza dubbio, il corso della vita di Muhammad ha dato una grande lezione a tutti noi, la più importante delle quali è di considerare ed abbracciare l’intera umanità in ogni persona”, spiega Lonnie Ali, vedova del pugile.

Paul Wachter, Bill Gerber e Glen Zipper completano il team dei produttori esecutivi. Il progetto sarà prodotto da Sean Stuart e sceneggiato da Steven Leckart (All Things Must Pass, 2015; Silicon Cowboys, 2016).

Non è stata ancora annunciata la data di uscita del documentario.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *