LAVORI IN CORSO. Bond 25, Idris Elba, Lupita Nyong’o, Jaume Balaguerò, IT 2

Vari rumors circondano la produzione del venticinquesimo film di James Bond: dopo la conferma del ritorno di Daniel Craig nel ruolo principale, nuove ipotesi si rivelano per la regia della pellicola al momento ancora scoperta.
Archiviata la tesi relativa ad una probabile incursione di Christopher Nolan (“I’m not the man” ha dichiarato il regista a riguardo), fa ora capolino il nome di Danny Boyle che sembrerebbe essere uno dei maggiori in lizza per dirigere questo nuovo capitolo del franchise.
Al momento non vi è alcuna proposta ufficiale da parte delle case di produzione MGM e Eon verso il regista di Trainspotting, per quanto vi sia una sorta di implicita sfida in atto: pronto lo script a opera di Neal Purvis e Robert Wade (già autori di Skyfall e Spectre), lo sceneggiatore John Hodge sta lavorando ad una sua personale versione del film che potrebbe meglio convincere la MGM.
Hodge, collaboratore da diversi anni di Danny Boyle per pellicole come Piccoli omicidi tra amici, i due Trainspotting e The Beach, potrebbe con il suo intervento aprire la strada anche al regista.
Eccetto il ruolo di Craig nulla è ancora chiaro riguardo il progetto che, ricordiamo, è previsto in uscita l’8 novembre 2019. Una data non propriamente lontana per quel che riguarda produzioni di così grande portata e della quale ci auguriamo di potervi fornire presto ulteriori notizie.
——————————————————————————————————————-
Il grande attore Idris Elba torna sullo schermo con inedite vesti: già produttore di film e serie tv, Elba si lancia con il suo Yardie nel mondo della regia. Un’opera prima che ha già convinto al Sundance Film Festival e che ha trovato recentemente un nuovo appannaggio positivo al Festival di Berlino, presentato nella sezione Panorama.
Un talento, quello di Elba, che potrebbe accendersi di nuovi orizzonti cinematografici, già evidenti nel trailer di questo promettente esordio.
Nessuna data d’uscita ufficiale per Yardie, pellicola che tratta una gangster story ambientata tra Kingston e Londra, facente ispirazione da un romanzo di Victor Headley. L’azione si svolge dal 1970 al 1980 e il protagonista è un giovane jamaicano, D (Aml Ameen) che non si è mai ripreso dall’omicidio del fratello maggiore Jerry Dread (Everardo Creary), commesso quando lui era bambino. Cresciuto sotto l’ala protettiva di un padrino e produttore musicale di Kingston, King Fox (Sheldon Shepherd), viene da lui mandato a Londra, dove ritrova la fidanzatina della sua infanzia Yvonne (Shantol Jackson) e sua figlia, che non vede da quando era piccola. Prima che decida definitivamente di abbandonare la via del crimine e rifarsi una vita con loro, incontra l’uomo che dieci anni prima gli ha ucciso il fratello e intraprende una violenta ricerca della vendetta, che lo mette sulla strada del temibile gangaster londinese Rico (Stephen Graham).

IL TRAILER:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

——————————————————————————————————————-
Il successo di 12 Anni schiavo le valse l’Oscar come Migliore attrice non protagonista, al suo esordio in una pellicola. Parliamo dell’attrice Lupita Nyong’o, lanciatissima ormai nel panorama cinematografico mondiale e che sta per tornare sul grande schermo con il film Born a Crime.
Tratto dall’omonimo libro di memorie di Trevor Noah, conduttore del Daily Show e uno degli stand-up comedian di maggiore successo, il best-seller troverà un adattamento per il grande schermo nella produzione dello stesso Noah con la sua società Ark Angel Productions, nella quale figura anche il nome dell’attrice che avrà il ruolo della lupita-nyongoprotagonista nei panni della madre del conduttore.
Pur non avendo ancora dei nomi ufficiali per scrip e regia, il romanzo autobiografico di Trevor Noah si snocciola fin dalla sua infanzia: nato in Sudafrica da padre bianco e madre nera durante il regime dell’Apartheid – periodo in cui le relazioni miste erano illegali e punibili con mesi di carcere – venne allevato prevalentemente dalla donna, che riuscì a costo di enormi sacrifici a tirarlo fuori da una condizione di povertà ed evitargli un futuro di potenziale vita criminale.
——————————————————————————————————————-
L’attesissimo ritorno di uno dei registi più talentuosi del panorama horror contemporaneo sta per farsi finalmente realtà! Jaume Balaguerò, regista spagnolo autore di pellicole culto come la saga di Rec, Nameless, Fragile e Darkness, sarà presto nelle sale con il suo ultimo Muse, un mix horror tra thriller psicologico e soprannaturale, come nel suo stile già conclamato.
Sette anni dopo Bed Time, Balaguerò è pronto a sconvolgere nuovamente gli spettatori.

Può qualcosa di così bello come l’arte essere fonte di tanto dolore?
Samuel Solomon, un professore di letteratura, non lavora ormai da un anno dopo la tragica morte della sua ragazza; ha infatti un incubo ricorrente in cui una donna viene brutalmente uccisa durante un rituale. Improvvisamente, la stessa donna che gli appare in sogno viene trovata morta in circostanze strane. Samuel riesce a intrufolarsi sul luogo dell’omicidio dove incontra una ragazza, Rachel, che ha avuto il suo identico sogno. Insieme cercheranno di fare di tutto per conoscere l’identità della misteriosa donna uccisa e scopriranno un mondo terrificante controllato da figure che nei secoli hanno ispirato gli artisti: le Muse.

IL TRAILER ITALIANO:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

——————————————————————————————————————-
IT Chapter 2 arriverà nelle sale a partire dal 6 settembre 2019 e, per i fan del primo capitolo diretto da Andy Muschietti sulla base del romanzo di Stephen King, ogni notizia a riguardo è oro.
Sono ufficialmente in corso le trattative con l’attrice Jessica Chastain, ormai data per certa nel ruolo dell’adulta Beverly Marsh, la cui giovane identità era stata interpretata da Sophia Lillis nel primo film.
Alla sua seconda collaborazione con Muschietti dopo l’esordio del regista con l’horror jessicachastainMama, il volto della Chastain è la seconda (quasi) conferma dopo Bill Skarsgård che tornerà nelle vesti del terribile clown Pennywise.
Alla sceneggiatura del sequel troveremo nuovamente Gary Douberman, per una storia che non sarà soltanto ambientata ai giorni nostri ma avrà anche parti che torneranno agli anni ’80.