Ovunque tu sarai – Incontro con Roberto Capucci, Ricky Memphis e il cast

La Roma nel mio immaginario è la squadra più romantica. Al pari della prima delusione d’amore, quella calcistica non si dimentica“. Roberto Capucci, classe ’75, esordisce dietro alla macchina da presa con Ovunque tu sarai, una coproduzione italo-spagnolo, distribuito da M2 Pictures. Quattro amici, accomunati da una passione/ossessione per il calcio, e in particolare per la loro squadra del cuore, la Roma, decidono di partire alla volta della Spagna per assistere alla partita di Champions League: Real Madrid vs. Roma. Da qui, un road movie infarcito di nuove amicizie, amori, delusioni… una chance di cementificare un’amicizia apparentemente accomunata dalla fede giallorossa.

Parliamo di un’esperienza intensa. Io e Francesco Apolloni abbiamo sviluppato l’idea in tre anni, mettendo insieme quelle che sono le nostre passioni. Fare un film in Italia è difficile, soprattutto con questo cast. Non è scontato che un attore si lasci dirigere da un esordiente e in quanto opera prima la lavorazione doveva essere rapida: una vera e propria scalata“. L’ispirazione è giunta grazie al cult Febbre a 90 e l’intento di entrambi gli sceneggiatori non era solo il racconto della tifoseria ma di un’amicizia. Francesco Apolloni, noto al grande pubblico per la partecipazione in Scusa ma ti chiamo amore e relativo sequel, ha anche prestato il volto al ruolo di Loco: “Visto che il tifoso è uno spettatore, ho chiesto a Roberto di rendere uno dei personaggi protagonista della sua vita. Raccontiamo di quattro uomini utilizzando la partita di calcio come pretesto“. Nel cast anche l’attrice cubana Ariadna Romero nel ruolo di Pilar, una fascinosa cantante pronta a mettere scompiglio nella vita di uno dei quattro; a questo proposito, Apolloni parla della scelta di inserire un personaggio femminile: “La presenza di Pilar serve a scardinare la gabbia di Primo (Reggiani). Lui deve sposarsi; ha una vita praticamente assegnata, ma lei lo aiuterà a riscoprire il sapore della musica e a seguire la sua vera passione“. Nel film non poteva mancare uno dei romanacci doc del nostro cinema, Ricky Memphis, nei panni di un esperto di problem solving con il vizio del gioco d’azzardo: “Ho letto la sceneggiatura e mi sono completamente affidato a regista e cast. Un’esprienza ricca di divertimento; mi ha lasciato la sensazione di aver fatto qualcosa di onesto“.

Ovunque tu sarai ospita anche un cameo d’eccezione: l’attuale allenatore ed ex gloria della Lazio Bruno Giordano. Il regista ha voluto spiegare il perché di questa scelta: “La presenza di Bruno Giordano si potrebbe paragonare a quella di Mike Tyson in Una notte da leoni. Giordano rappresenta un’icona anni ’80, dunque non è tanto attuale da generare incomprensioni e mi divertiva mettere il personaggio di Francesco Montanari di fronte alla sua condanna visto che suo padre, da buon laziale, lo ha chiamato proprio Giordano“.

Ovunque tu sarai verrà proiettato nelle sale a partire dal 6 aprile 2017.