Rassegna #Bergman100 al Palazzo delle Esposizioni

Il 2018 celebrerà il tanto atteso centenario della nascita del grande cineasta svedese Ingmar Bergman e, per l’occasione, si terrà dal 18 gennaio al 4 marzo, presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma, una rassegna interamente dedicata al regista, intitolata Bergman 100. L’evento – a ingresso gratuito fino a esaurimento posti – consentirà di riattraversare una selezione dei più celebri capolavori di Bergman, vere e proprie colonne portanti del cinema d’autore europeo, che qui saranno presentati in preziose copie in pellicola 35mm provenienti dallo Svenska Filminstitutet di Stoccolma, in versione originale e integrale, sottotitolati in italiano. Oltre alle pellicole più popolari e celebrate del maestro, in programma si ritrovano anche film meno conosciuti – come Crisi, opera prima di Bergman del 1946 – e documentari, come Images from the Playground, che include immagini amatoriali girate sul set direttamente dal cineasta.
La rassegna spicca per la sua varietà e ricchezza di materiali: oltre ai film del maestro, verranno proiettati diversi lungometraggi di registi che Bergman riconobbe sempre come suoi prediletti, tra i quali Charlie Chaplin, Carl Theodor Dreyer, Friedrich W. Murnau, Federico Fellini, Andrej Tarkovskij e il connazionale Victor Sjöström. Il pubblico potrà, dunque, godere di un’ampia panoramica su opere di ogni tempo e, in particolare, le tre proiezioni evento dei capolavori del muto Il carretto fantasma, La passione di Giovanna D’Arco e La leggenda di Gösta Berling, saranno accompagnate dal vivo, al pianoforte, dal Maestro Antonio Coppola.
La manifestazione si aprirà il 18 gennaio, alle ore 21:00, con la proiezione di uno dei film più emblematici dell’intera carriera di Bergman, Il settimo sigillo (1957). Seguiranno, nelle due serate successive, Monica e il desiderio (1953), film di grande impatto su tutta la scuola della Nouvelle Vague francese, e Il posto delle fragole (1957), capolavoro dalla ricchezza espressiva insuperata.

Tra gli altri film di Bergman che arricchiranno la rassegna:

 

Mercoledì 24 gennaio, ore 21.00
PERSONA
Persona, Svezia, 1966, 85’, v.o. sott. it.
(Il film sarà preceduto dal cortometraggio documentario
IMAGES FROM THE PLAYGROUND
Svezia, 2009, 29’, v.o. sott. it., di Stig Björkman).
Venerdì 26 gennaio, ore 21.00
FANNY E ALEXANDER
Fanny och Alexander, Svezia, 1982, 197’, v. it.
Martedì 30 gennaio, ore 21.00
CRISI
Kris, Svezia, 1946, 93’, v.o. sott. it.
Mercoledì 31 gennaio, ore 21.00
UN’ESTATE D’AMORE
Sommarlek, Svezia, 1951, 96’, v.o. sott it.
Sabato 3 febbraio, ore 21.00
LA FONTANA DELLA VERGINE
Jungfrukällan, Svezia, 1960, 89’, v.o. sott. it.
Venerdì 9 febbraio, ore 21.00
SUSSURRI E GRIDA
Viskningar och rop, Svezia, 1972, 91’, v.o. sott. it.
Domenica 11 febbraio, ore 21.00
SORRISI DI UNA NOTTE D’ESTATE
Sommarnattens leende, Svezia, 1955, 108’, v.o. sott. it.
Giovedì 15 febbraio, ore 21.00
LA PRIGIONE
Fängelse, Svezia, 1948, 98’, v.o. sott. it.
Sabato 17 febbraio, ore 21.00
IL SILENZIO
Tystnaden, Svezia, 1963, 96’, v.o. sott. it.
Domenica 18 febbraio, ore 21.00
COME IN UNO SPECCHIO
Såsom i en spegel, Svezia, 1961, 89’, v.o. sott. it.
Mercoledì 21 febbraio, ore 21.00
LUCI D’INVERNO
Nattvardsgästerna, Svezia, 1963, 81’, v.o. sott. it.
Domenica 25 febbraio, ore 21.00
DOPO LA PROVA
Efter repetitionen, Svezia, 1983, 70’, v. it.
Mercoledì 28 febbraio, ore 21.00
IL VOLTO
Ansiktet, Svezia, 1958, 100’, v.o. sott. it.

Il programma sarà completato da numerosi altri titoli e cineasti d’eccezione:

Domenica 21 gennaio, ore 21.00
DIARIO DI UN CURATO DI CAMPAGNA
Journal d’un curé de campagne, Francia, 1951, 110’, v.o. sott. it.
di Robert Bresson.
Giovedì 25 gennaio, ore 21.00
CONVERSAZIONI PRIVATE
Enskilda samtal, Svezia, 1996, 130’, v. it.
di Liv Ullmann.
Domenica 28 gennaio, ore 21.00
IL CIRCO
The Circus, Usa, 1928, 71’, didasc. it.
di Charlie Chaplin.
Giovedì 1° febbraio, ore 21.00
CON LE MIGLIORI INTENZIONI
Den goda viljan, Svezia, 1992, 180’, v. it.
di Bille August.
Venerdì 2 febbraio, ore 21.00
ANDREJ RUBLËV
Andrej Rublëv, Urss, 1966, 185’, v.o. sott. it.
di Andrej Tarkovskij.
Domenica 4 febbraio, ore 21.00
IL PORTO DELLE NEBBIE
Le Quai des brumes, Francia, 1938, 91’, v. it.
di Marcel Carné.
Giovedì 8 febbraio, ore 21.00
LA STRADA
Italia, 1954, 104’
di Federico Fellini.
Sabato 10 febbraio, ore 21.00
IL CARRETTO FANTASMA
Körkarlen, Svezia, 1921, 98’ (18fps), didasc. it.
di Victor Sjöström.
(Accompagnamento dal vivo al pianoforte del M° Antonio Coppola)
Martedì 13 febbraio, ore 21.00
LA NOTTE
Italia, 1961, 122’
di Michelangelo Antonioni.
Mercoledì 14 febbraio, ore 21.00
LA PASSIONE DI GIOVANNA D’ARCO
La passion de Jeanne d’Arc, Francia, 1928, 97’ (20fps), didasc. it.
di Carl Theodor Dreyer.
(Accompagnamento dal vivo al pianoforte del M° Antonio Coppola)
Venerdì 16 febbraio, ore 21.00
LA LEGGENDA DI GÖSTA BERLING
Gösta Berling saga, Svezia, 1924, 180’ (18fps), didasc. it.
di Mauritz Stiller.
(Accompagnamento dal vivo al pianoforte del M° Antonio Coppola)
Giovedì 22 febbraio, ore 21.00
ANNI DI PIOMBO
Die bleierne Zeit, Germania Ovest, 1981, 106’, v. it.
di Margarethe von Trotta.
Martedì 27 febbraio, ore 21.00
AURORA
Sunrise, Usa, 1927, 80’, didasc. it.
di Friedrich Wilhelm Murnau.
Giovedì 1° marzo, ore 21.00
L’INFEDELE
Trolösa, Svezia, 2000, 155’, v. it.
di Liv Ullmann.
Domenica 4 marzo, ore 21.00
RASHOMON
Rashōmon, Giappone, 1950, 88’, v. it.
di Akira Kurosawa.

 

QUI per ulteriori informazioni sulla manifestazione.