12 12 12, di Massimo Morini

12 12 12, di Massimo Morini

Dispiace vedere come un prodotto nato fuori dai circuiti industriali non abbia altro riferimento che l’estetica televisiva più sciatta. La natura amatoriale del film è evidente, ma ciò non basta a giustificare la povertà di idee e della realizzazione tecnica.

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

12 12 12, di Massimo MoriniMassimo Morini è un nome noto fra gli appassionati di cinema italiano indipendente, conosciuto ai più per il film Capitan Basilico e InvaXön – Alieni in Liguria. Questo ultimo 12 12 12 recupera la trama di quest'ultimo: l'invasione aliena di un piccolo paese della Liguria, decisa ad annientare la civiltà umana.

----------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ, per Fare Cinema

----------------------------

 

----------------------------
SCUOLA DI SCENEGGIATURA: LA SPECIALIZZAZIONE

----------------------------

Come è facilmente intuibile dai titoli dei precedenti film, Morini non si è mai preso troppo sul serio, ma è forse questo che viene a mancare in questo suo ultimo lungometraggio. Nonostante il mercato sia infatti ormai saturo di prodotti dichiaratamente trash, supportati dallo stantio approccio del so bad it's so good che gode ancora di notevole successo, specialmente in rete, solo un atteggiamento ironico avrebbe potuto giustificare un simile film, che sembra però prendersi fin troppo sul serio al punto da risultare comico, nonostante, almeno all'apparenza, non sembri sia questo l'intento del regista. Se la produzione indipendente, anziché fungere da valida alternativa all’immaginario puntualmente riproposto dai film commerciali, ne diviene solo una brutta copia, rappresenta solo un’occasione mancata. Dispiace vedere come un prodotto nato fuori dai circuiti industriali non abbia altro riferimento che l’estetica televisiva più sciatta. La natura amatoriale del film è evidente, ma ciò non basta a giustificare la povertà di idee e della realizzazione tecnica. Dall'onnipresente campo controcampo come unico metodo di rappresentazione dialogica, alla recitazione caricata e legnosa (condita dalle immancabili pause che uccidono un qualsiasi accenno di ritmo) di battute dimenticabili fino alle didascaliche musiche che fungono sempre da sottofondo. Non è un problema di povertà di mezzi, quanto di povertà di idee. 

 

Di fronte a 12 12 12, con la sua natura chiaramente provinciale (in senso letterale), non può che trasmettere simpatia, ma è inevitabile chiedersi con che occhi vedere un prodotto che oscilla fra il trash involontario e non, ma che non riesce a proporre nulla di originale o libero dalle conosciute soluzioni visive e narrative. 

 

Regia: Massimo Morini

Interpreti: Raf Grande, Kate Kelly, Federica Ruggero, Simone Carabba, enzo Paci

Distribuzione: Mediterranea Productions

Durata: 100'

Origine: Italia 2014

--------------------------------------------------------------
CORSO ONLINE DI SCENOGRAFIA CINEMATOGRAFICA

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    2 commenti

    • Forse la sceneggiatura non è all'altezza ma alcuni attori del film li ho trovati molto bravi, Marangoni, Paci, Calcagno su tutti. Dopo una prima parte scialba secondo me il film diventa interessante.

    • 121212 non è sicuramente un film che resterà nella storia del cinema ma alcuni attori secondo me sono molto bravi per esempio la ragazza aliena e il maestro yoga.