18/3/2008 – Dopo "Still Life" tre nuovi progetti per Jia Zhang-ke

Ja Zhang-ke moviesDopo un quartetto di film che raccontano nel profondo i mutamenti della Cina, tra il 1997 e il 2004 – Xiao Wu (Pickpocket); Zhantai (Platform); Ren xiao yao (Unknown Pleasures); Shijie (The World), il lirico Sanxia Haoren (Still Life), Leone d’oro della 63. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e miglior regia agli Asian Film Awards, e due documentari su artisti cinesi, un pittore (Dong) e una stilista (Useless), Jia Zhang-ke ha in programma tre progetti: 24 City, Ci Qing Shi Dai (The Age of Tattoo) e Hotel America.

Dovrebbero iniziare a breve le riprese del primo, 24 City, con cui Jia continuerà la riflessione sul modo in cui la Cina insegue il futuro a velocità impressionanti, cancellando il suo passato con la violenza di un rullo compressore. Attraverso 50 anni e tre diverse generazioni – anni ’60, anni ’80 e giorni nostri – il film racconta le vite delle lavoratrici di una fabbrica destinata ad essere demolita per fare largo a un grattacielo. “E tra chi ci vivrà, nessuno avrà il ricordo di cosa è accaduto nel passato nello stesso luogo” spiega il regista. “È come se la Cina si stesse mangiando la coda. Si lancia nel futuro, ma ciò che riceve in cambio è sproporzionato rispetto a ciò che perde.”

I protagonisti del film saranno l’attore prediletto Zhao Tao e Joan Chen. Gli altri due progetti nel futuro di Jia Zhang-ke, annunciati da molto tempo, potrebbero essere Hotel America e Ci Qing Shi Dai. Del primo non si sa ancora nulla, il secondo dovrebbe entrare presto in produzione ed è basato sulla storia di un gruppo di gangster teenager nella Cina tra il ’66 e il ’76, negli ultimi anni della rivoluzione culturale. Il film, il cui titolo è tradotto letteralmente come The Age of Tattoo ed è basato sull’omonimo romanzo di Su Tong (che ha scritto anche Wives and concubines, da cui Lanterne Rosse, celebre film di Zhang Yimou) vedrà probabilmente come protagonisti ancora Zhao Thao e il giovane attore e cantante cinese Jay Chou.