20/1/2006 – Malick, sottile linea di cinema

A Fuori orario "Rosy fingered dawn", un viaggio all'interno del cinema di Terrence Malick

Rai 3


-------------------------------------------------------------
TRIESTE SCIENCE+FICTION FESTIVAL


-------------------------------------------------------------

Fuori Orario cose (mai) viste


di Ghezzi Di Pace Francia Fumarola Giorgini Melani Turigliatto e Bendoni


presenta:


 


Venerdì 20 gennaio, dalle 1.25 alle 4.30


 


Fuori Orario interviene stasera su due film straordinari attualmente in programmazione nelle sale italiane: The New World di Malick e History of Violence di Cronenberg.


      A Malick, del cui film vedremo una stupefacente scena del formarsi (in)naturale dell'amore, un appassionato e accuratissimo ritratto in assenza Rosy Fingered Dawn realizzato da Biancaroli, Panichi e Villa i quali hanno interrogato decine di collaboratori sul lavoro e sulla forma set del cineasta piú misterioso anomalo e invisibile di tutto il cinema americano.


       Di Cronenberg, del cui film vedremo le sequenze iniziali, va in onda una conversazione inedita con enrico ghezzi realizzata in occasione dell'uscita di Dead Ringers (Gli Inseparabili) del 1988, un omaggio quindi che si sdoppia, proprio come Cronenberg in questi ultimi anni è passato dai personaggi doppi al doppio (o multiplo) che puó essere qualunque personaggio.


      Allo spettatore il compito di decidere quale ruolo "terzo" assumere di fronte all'invenzione estatico/amorosa di Malick e alla nitidissima dimostrazione cronenberghiana che la storia, anche di un solo individuo, cela e esibisce sempre terribile violenza.


 


 


MALICK, SOTTILE LINEA DI CINEMA


con il film


ROSY FINGERED DAWN                                                                       Prima Visione Tv       


(Italia 2002, col. 89'31")


Regia di Biancaroli, Panichi, Villa


Il video di Barcaroli-Hintermann-Panichi-Villa costituisce un appassionato documento, ricco di testimonianze-interviste, dedicato alla figura di un regista-mito del cinema contemporaneo. Terrence Malick, autore di un'accoppiata folgorante negli anni '70, La rabbia giovane (Badlands, 1973) e I giorni del cielo (1978), scompare per dieci anni dalla scena cinematografica tornando, nel 1998 con La sottile line rossa. Nel mezzo il crescere del mito attorno a un personaggio tanto schivo (qualcuno l'ha paragonato a Salinger) quanto ricco di una percezione della realtà e della sua rappresentazione che trova corrispondenza nei suoi studi di filosofia, in una visione del mondo in cui l'uomo e la natura non possono disgiungersi, in cui il divenire del singolo e della collettività non può passare indenne tra le contraddizioni del gretto vivere di provincia, in cui la passione dell'amore si coniuga col il fascino panteistico, in cui la barbarie della guerra è un'incrinatura insanabile nell'equilibrio del vivere. Un entomologo dell'esistenza, capace di affreschi cinematografici indimenticabili


Il Film: 'Rosy-fingered Dawn: un film su Terrence Malick' è un viaggio all'interno dell'universo cinematografico di Terrence Malick. A condurre questo percorso sono i più stretti collaboratori dell'enigmatico regista americano. Martin Sheen, Sean Penn, Sam Shepard Sissy Spacek, Jack Fisk, Arthur Penn, John Turturro, Ben Chaplin, Jim Caviezel, Elias Koteas, Ennio Morricone, John Savage e molti altri non solo offrono un ritratto articolato e commosso di questo autore, ma tracciano anche una storia ideale del cinema americano. Attraverso la loro voce prende corpo il legame indissolubile tra l'arte di Terrence Malick e la storia dell'America di cui il nuovo film 'New World' affronta una tappa fondamentale.


Il film, presentato in anteprima al Festival di Venezia, è stato proiettato nei più importanti festival internazionali ed è stato messo in onda in più di dieci paesi stranieri (tra cui Inghilterra, Svezia, Finlandia, Israele, Canada, U.S.A.)


 


 


 


Sabato 21 gennaio,  dalle ore  1.25   alle ore 7.00 (5 ore e 35)


SHOHEI IMAMURA, PROFONDO DESIDERIO DI CINEMA


 


con i film


DESIDERIO INAPPAGATO                                                                     prima visione tv               


(Hateshinaki Yokubo, 1958, Giappone, b/n, 103', v.o. con sott. it. 103')


Regia: Shohei Imamura. – Interpreti: Hiroyuki Nagato (Satoru), Sanae Nakahara (Ryuko), Ko Nishimura (Tanaka), Taiji Tonoyama (Onuma), Misako Watanabe (Shima), Takeshi Kato (Yamamoto), Shoichi Ozawa (Sawai).


Durante la guerra il tenente Hashimoto aveva sepolto insieme a tre complici una gran quantità di morfina in un rifugio antiaereo sotto un ospedale militare. L'accordo era di ritrovarsi dopo dieci anni per recuperare il tesoro. Ma il giorno dell'appuntamento in realtà si presentano cinque persone che sostengono di far parte del vecchio accordo: Shima, una donna che afferma di essere la moglie di Hashimoto, ora defunto; Nakata, un farmacista; Onuma, gestore di un ristorante cinese; Takeshi Kato, un teppista; Sawai, maestro di scuola. Per quanto ognuno nutra forti sospetti nei confronti degli altri, i cinque decidono di fare causa comune per ritrovare il tesoro. Viene progettato di affittare una casa a venti metri di distanza e da lì scavare un tunnel fino alla meta prefissata. Il proprietario della casa affittata impone però alla banda la presenza del figlio Satoru. Iniziano subito le trame intestine al gruppo, che si trasformano in una lotta senza esclusioni di colpi quando viene recuperata la morfina.


 


IL PROFONDO DESIDERIO DEGLI DEI                                 


(Kamigami no Fukaki Yokubo, 1968, Giappone, col., 167', v.o. con sott. it. 167')


Regia: Shohei Imamura – Interpreti: Rantaro Mikuni (Nekichi Futori), Choichiro Kawarazaki (Kametaro Futori), Hideko Okiyama (Torico Futori), Kanjuro Arashi (Yamamori Futori), Yasuko Matsui (Uma Furoti), Katsuo Kimatura (Kariya, l'ingegnere).


A Kurage, un'isola immaginaria a sud-ovest del Giappone, gli abitanti sono ancora primitivi e credono che l'isola sia stata creata dagli dei. Un giorno arriva l'ingegnere Kariya, da Tokyo, alla ricerca di una sorgente d'acqua necessaria a una locale raffineria di zucchero. Il capo dell'isola, Ryu Ryugen, finge di aiutarlo, ma in realtà fa di tutto per impedirgli di trovarla, perché si trova in un bosco sacro agli dei. Nekichi è un abitante dell'isola che da vent'anni sta scavando una buca per farvi rotolare una roccia gigantesca, per espiare la colpa di aver avuto rapporti incestuosi con la sorella Uma. Kariya si offre di aiutarlo. Presto finisce col cedere alle offerte sessuali della figlia di questi e decide di rimanere sull'isola, ma la ditta lo richiama a Tokyo ed è costretto ad andarsene. Nekichi decide di rapire la sorella, che è diventata l'amante di Ryu Ryugen e portarla a vivere su un'altra isola. Ma quando Ryugen viene trovato morto, gli altri abitanti, credendo sia stato Nekichi, lo uccidono e gettano Uma in pasto agli squali. Cinque anni dopo l'isola sarà piena di turisti e la tragedia di Nekichi e Uma sarà dimenticata.


 


 


 


Domenica 22 gennaio, dalle 1.30 alle 6.00 (4 ore 30')


PIÚ GRANDE DEL CINEMA


ROBERTO ROSSELLINI HA CENTO ANNI (5)


 


con i film


UN CERTO GIORNO                                            


(Italia 1968, col. 98'42")


Regia: Ermanno Olmi – Con Brunello Del Vita, Lidia Fuortes, Raffaele Modugno


Un pubblicitario rampante insegue solo il successo professionale e le avventure extraconiugali. Un giorno investe un operaio e l'incidente lo porta a mettere in discussione la sua esistenza.


 


ANNO UNO                                           


(Italia 1974, col. 118')


Regia: Roberto Rossellini – Con Luigi Vannucchi, Dominique Darel, Valeria Sabel, Paolo Bonacelli


Biografia dello statista democristiano Alcide De Gasperi, dal massacro delle Fosse Ardeatine alla sua morte.


 


 


lunedi' 23 gennaio, dalle ore  0.55   alle ore 2.15


nero su nero


con


SOGNI E BISOGNI – Anche questo e' amore – Verde luna                             


(Italia 1984, col. 64')


Regia: Sergio Citti


Film TV in 10 episodi piu' un prologo trasmesso dalla RAI a partire dal 6 ottobre 1985.


"Ladri". Due ladri di borgata troppo buoni vivono avventure tragicomiche. "L'imbiancone". Un uomo molto timido entra in un negozio di calzature per acquistare un paio di scarpe e tentare di sedurre la proprietaria.

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative