20/1/2007 – Senza soluzione (di continuità) 2

RAITRE


Fuori Orario  cose (mai) viste


di Ghezzi  Di Pace  Francia  Fumarola  Giorgini  Melani  Turigliatto e Bendoni


presenta


                                                                                                


 Sabato 20 gennaio dalle 1.30 alle 7.00  (5 ore e 30')


Strade blue movies (2)


con i film


VIAGGIO A KANDAHAR                           Prima Visione Tv                 81'


(SAFAR E' GHANDEHAR, Iran 2001, col.)


Regia: Mohsen Makhmalbaf – Con Niloufar Pazira, Hassan Tantai, Sadou Teymouri


E' la storia di due giovani sorelle afgane. Nafas, fuggendo al regime dei Talebani, è riuscita ad emigrare in Canada, dove fa la giornalista. Un giorno le arriva un messaggio disperato dalla sorella rimasta in patria che vuole suicidarsi prima dell'eclisse di sole che è in arrivo. Cerca allora di raggiungerla a Kandahar, passando la frontiera irano-afgana per restituirle una ragione di vita.


 


CAMMINA CAMMINA                              180'


(Italia 1983, col.)


Regia: Ermanno Olmi


Con Alberto Fumagalli, Antonio Cucciarre', Giancarlo Santi, Eligio Martellucci


Un vecchio astronomo, Mel, una notte viene colpito da una luce abbagliante, che sveglia tutti gli abitanti della città, e riconosce la profezia della nascita del Salvatore. Insieme a molti pellegrini si mette in viaggio sino alla città imperiale, in una lunga marcia che dura sei giorni e sei notti, mentre tanti stanchi e sfiduciati abbandonano. Dopo aver incontrato altre due carovane, e seguiti dalle truppe del preoccupato tiranno, giungono infine alla culla del Bambino, tra le rovine di un castello, dove depongono i doni prima di fuggire avvisati da un altro prodigio.



 


Domenica 21 gennaio 2007 dalle 1.35 alle 6.00 (4ore e 25')


SENZA SOLUZIONE (DI CONTINUITA')


 


con i film:


HEIMAT   


(Heimat – Eine Chronik in helf Teilen; RFT  b/n e colore 1984)              


Un film in undici episodi diretto da Edgar Reitz. Sceneggiatura Edgar Reitz e Peter Steinbach, fotografia Gernot Roll, montaggio Heidi Handorf. Versione originale sottotitolata. Dur. tot. 931'


Con gli attori non professionisti Willi Burger, Gertrud Brecfel, Rüdiger Weigang, Karin Rasenack, Michael Lesch, Dieter Shaad, Marita Breuer, Mathias Kniesbeck, Michael Kausch, Peter Harting, Gertrud Scherer, Gudrun Landgrebe.


VERSIONE ORIGINALE SOTTOTITOLI ITALIANI

 


Heimat è il film emblema del cinema tedesco degli anni '80 che, raccontando la vita quotidiana dei membri della famiglia Simon con lo stile del romanzo di cronaca, attraversa la storia tedesca dal 1919 alla fine della Seconda guerra mondiale, fino agli anni '50, con il tentativo manifesto di ruotare vicende umane e politiche intorno all'idea di memoria storica, e al concetto di Patria (HEIMAT), dove ognuno sempre fa ritorno e che rappresenta sempre e comunque il centro della vita collettiva e ideale del popolo tedesco. Il film, pur nella sua durata fuori dai canoni, ha un ritmo maestoso, epico e anticonvenzionale, grazie alla potente forza narrativa del personalissimo stile dell'autore, al gigantismo del suo formato che, a volte, non riesce a contenere tutte le emozioni contenute nelle inquadrature leggere di Edgar Reitz. La saga di Heimat ha avuto un seguito con Heimat 2- Cronaca di una giovinezza e col recentissimo Heimat 3 – Cronaca di una svolta epocale.


 


decimo episodio: Gli anni ruggenti (1967-1969)                             82'


La fabbrica di Anton si è ingrandita in modo tale da far gola ad un consorzio, che avanza un'offerta di 60 milioni. Anton si consiglia col padre, che vive a Baden-Baden; là incontra anche Hermann, diventato un giovane compositore. Il suo concerto, trasmesso alla radio, sconcerta un po' tutti per la modernità. Solo Glasich, lo "stupido" del paese, vi ritrova il cinguettio degli uccelli e il rumore dell'acqua.


 


undicesimo e ultimo episodio: La festa dei vivi e dei morti (1982)              100'


Muore Maria. Dopo anni di assenza da Schabbach, tornano per il funerale Hermann e Paul e tutti i membri della famiglia Simon sono finalmente riuniti per la sagra annuale del villaggio: anche i morti si ritrovano a far festa coi vivi…


 


Lunedì 29 gennaio 2007 dalle 1.00 alle 2.15  (1 ora e 15')


NERO SU NERO


Vittorio Cottafavi – La conquista dell'immagine


a cura di Esposito Francia Fumarola


 


 con


all'interno


 


FRAMMENTI DI UNO SPECCHIO ROVESCIATO                                  40'


a cura di Fulvio Baglivi


Montaggio remix dei film presentati nel concorso "Spazio Italia" del XXIV TORINO FILM FESTIVAL.