24/11/2007 – TORINO FILM FESTIVAL – Le dichiarazioni di Nanni Moretti

"Molti lamentano che non ci sono film italiani in concorso, ma ci sono tantissime nazioni che non sono rappresentate. I film sono solo 15 e mancano paesi enormi come l'India e la Cina, o continenti interi come il Sud America". E’ la dichiarazione di Nanni Moretti riportata dall’agenzia AdnKronos. Moretti parla anche del documentario come "uno dei generi che maggiormente racconta l'Italia. A volte però, per reazione a un cinema narrativo spesso convenzionale, goffo o pigro, si tende a sopravvalutare il documentario. Come vent'anni fa -precisa Moretti- quando ogni tanto qualcuno ricominciava a usare il bianco e nero e tutti dicevano che il bianco e nero era efficace, meraviglioso". Per quanto riguarda il cinema coreano, il regista è molto ironico. "Non l'ho detto -spiega Moretti- perchè altrimenti sembravo Fiorello quando fa la mia imitazione… però, tra tutti i film che ho visto, la selezione che mi è sembrata migliore è quella del cinema coreano. Alcuni di quei film -conclude il regista- li abbiamo dovuti scartare perchè non potevamo fare una monografia coreana".