28/7/2006 – Zero de conduir

FUORI ORARIO COSE (MAI) VISTE


di Ghezzi Di Pace Francia Fumarola Giorgini Luciani Melani Turigliatto e Bendoni

Dal 28 luglio al 3 agosto 2006


Venerdi 28 luglio dalle 1.40 alle 7.00 (5 ore e 20')
ZERO DE CONDUIR (1)
Con i film:
BELLACIAO
E' il film di montaggio sui giorni appunto del G8 del 2001 realizzato da Freccero, Giusti e Torelli a partire prima di tutto dei materiali girati dalle loro troupe poi da altri repertori
.Uno 'zero in condotta' che è infine un gigantesco clip musicale, impressionistico e insieme pesante e volatile, esempio flagrante dell'ambiguità delle immagini e insieme, a tratti, del loro resistere a qualunque concertazione e montaggio e accompagnamento o provocazione musicale.
Si tratta della prima messa in onda televisiva in assoluto di BELLA CIAO. Il film fu infatti tenuto fermo per mesi e infine anni per contrasti politici interni all'azienda sull'opportunità di mandarlo in onda (fu invece presentato alla Quinzaine des Realisateurs nel festival di Cannes del 2002)

SCHEGGE DI FOLLIA (Heathers)

(Heathers, USA 1989, col., 99')
Regia: Michael Lehmann – Con Wynona Ryder, Christian Slater
Veronica frequenta un liceo americano e vive a contatto con le manie e le abitudini perbeniste e venali. Anche se non approva fino in fondo questa situazione decide di far buon viso a cattivo gioco. Le cose però cambiano quando incontra un ragazzo che si ribella alle regole e col quale fa amicizia. Costui si sente come un giustiziere che deve togliere le erbacce dall'orto. Veronica lo asseconda fino al momento finale, quando la sua follia potrebbe far esplodere il liceo…

HIGH SCHOOL
(Usa, 1968, b/n 75', v.o. con sott. italiani)

Regia: Frederick Wiseman
1968. Northeast High School.
In un grande edificio scolastico siamo testimoni di una serie di incontri formali e informali tra insegnanti, studenti, genitori e personale amministrativo attraverso i quali le ideologie e i valori della scuola emergono.

Sabato 29 luglio – dalle 0.50 alle 7.00 (6 ore 10')
ZERO DE CONDUIR (2)
Con i film;
ELEPHANT – prima visione Tv
(id. USA 2003, col., 78')
Regia: Gus Van Sant – Con Eric Deulen, Alex Frost, John Robinson
Una giornata qualunque di un liceo americano di Portland. Per ognuno degli studenti il liceo rappresenta un'esperienza diversa, arricchente e amicale per alcuni, solitaria o difficile per altri. Palma d'oro per miglior film e premio per la miglior regia al 56mo festival di Cannes 2003.

BOWLING A COLUMBINE
(Bowling for Columbine, USA 2002, col., 114')
Regia: Michael Moore
Graffiante, spietato ed ironico, il documentario di Michael Moore, Palma d'Oro al festival di Cannes del 2002, stigmatizza il liberismo assoluto in materia di porto d'armi negli Stati Uniti. Prendendo come punto di partenza la strage alla Columbine High School del 1999, il regista analizza con taglio satirico ma non per questo meno profondo, il ruolo svolto da una certa parte di opinione pubblica americana, compresa l'associazione presieduta dall'attore Charlton Heston, che promuove l'autodifesa dei cittadini, a sostegno delle tesi piu' reazionarie sull'uso delle armi.



MADDALENA ZERO IN CONDOTTA
(ITALIA, 1940)
Regia: Vittorio De Sica
Il film non ha nulla della violenza del sogno o della ribalderia o dell'anarchismo sans sagesse dei ragazzi dello Zero de Condite di Vigo. E' un esercizio estremo di sottilissima commedia criticocinica, dove il telefono bianco ha fili e prese atemporali che lo legano piuttosto alle sempre uguali 'notti prima degli esami'.

Domenica 30 luglio dalle 1.30 alle 6.00 (4 ore e 30')
OUT OF JOINT (INGORGO DI ANNIVERSARI SCARDINATI)
con:
SYMPATHY FOR THE DEVIL
(UK, 1968, col. 100' ca., v.o. con sott. it.)
Regia: Jean-Luc Godard – Con Mick Jagger, Keith Richards, Brian Jones
E' una sorta di film-collage composto da cinque episodi, uno dei quali la ripresa di una serie di prove che i Rolling Stones compiono durante la registrazione di un disco – funziona come leit motiv di tutta l'opera. Negli altri episodi c'è Anne Wiazemsky (allora compagna di Godard) che gira per Londra tracciando sui muri scritte rivoluzionarie, un libraio fascista che malmena due ebrei, un gruppo di neri del Black Power che uccide una ragazza bianca in un cimitero di automobili…

GIMME SHELTER
(USA 1970, col., 91', v. o. con sott, it.)
Regia: Albert e David Maysles, Charlotte Zwerin
Il 6 dicembre 1969, a pochi mesi dal grande concerto di Woodstock, i Rolling Stones decisero di concludere il loro tour negli Stati Uniti con un concerto gratuito, organizzato in poco tempo grazie ad un permesso strappato all'ultimo momento nel circuito di Altamont, poco lontano da San Francisco. Al concerto parteciparono oltre 300.000 persone. Gli organizzatori chiamarono gli Hell's Angels ad occuparsi del servizio d'ordine. Il risultato fu un morto e un numero imprecisato di contusi. Per immortalare l'evento, gli Stones avevano interpellato alcuni tra i più noti documentaristi underground americani. Si presentarono soltanto i fratelli Maysles, all'epoca poco conosciuti ma di grande talento.

YOUR LOVE IS LIKE THE SEA – PER UNA GENERAZIONE DI AMERICANI
(Italia 1976, col., 48')
Regia: Gianni Amico -Musica e interpreti: Caetano Veloso, Jorge Ben Emerson, Lake Palmer, Gilberto Gil, Janis Joplin, Ornette Coleman, Crosby & Stills, Exuma, Jeffersons Airplan, Michael Brown, Guerrilla Theatre, John Lennon.
"Il vostro amore è come un mare è un film molto politico, un documentario dove il filo conduttore sono le musiche dell'epoca, da Janis Joplin ai Beatles. Le immagini sono quelle di una domenica al Central Park, con la folla che si rappresenta in continuazione, tutti sono un po' attori e in particolare i neri e i portoricani" (G. Amico).


Lunedì 31 luglio – dalle 0.55 alle 2.15 (1 ora e 20')
NERO SU NERO

con
LE CINQUE STAGIONI 4^ puntata: Autunno 54'
(Italia 1976, col.)
Regia: Gianni Amico – Con Carlo Romano, Elsa Merlini, Tino Scotti, Tino Carraro, Renato Pinciroli, Tiberio Murgia
In una casa di riposo per anziani alla periferia di Genova un gruppo di ospiti decide di costruire un presepio, il più bello che si sia mai visto, per vincere il premio di tre milioni di un concorso. Il senso dell'impresa non sta nel premio, ma nell'impresa stessa, in quella che gli autori – G. Amico, Enzo Ungari, Arnaldo Bagnasco – chiamarono "la costruzione di un'utopia". E anche la realizzazione di un sogno collettivo attraverso la riscoperta del lavoro come lotta, creatività, sforzo comune. "Non basta lavorare per gli altri, bisogna lavorare con gli altri". In questo Racconto di Natale, scandito nel giro di un anno, da un inverno a quello successivo, contano i personaggi e i loro rapporti più che la storia, i sentimenti più che le idee. Il ligure G. Amico (1933-90) raggiunge quattro traguardi: un film sulla terza età senza sentimentalismi; un racconto divertente senza prestiti dalla commedia all'italiana; uno sguardo in cui la tenerezza si sposa alla lucidità; la sapiente orchestrazione di una ricca galleria di personaggi in cui vecchie glorie del cinema convivono con caratteristi sconosciuti e agguerriti teatranti. Ultimo film di C. Romano (1908-76). Prodotto dalla RAI, diviso in 4 puntate, andò in onda sulla Rete Uno in prima serata da domenica 5 dicembre 1976.



Martedi 1 agosto 2006 – dalle 1.55 alle 2.00 (5')
EVELINE

Mercoledi 2 agosto dalle 1.55 alle 2.00 (5')
VENT'ANNI PRIMA

Giovedi 3 agosto dalle 1.55 alle 2.00 (5')
PIU GRANDE DEL CINEMA (Rossellini ha 100 anni)