29/4/2008 – Il cinema italiano parla giapponese

All'ottava edizione del Festival del cinema italiano a Tokio i film selezionati sono: Centochiodi di Ermanno Olmi, Saturno Contro di Ferzan Ozpetek, Giorni e Nuvole di Silvio Soldini, Lezioni di Volo di Francesca Archibugi, La Giusta Distanza di Carlo Mazzacurati, Non pensarci di Gianni Zanasi, L’aria salata di Alessandro Angelini, La ragazza del lago di Andrea Molaioli, La Masseria delle Allodole dei fratelli Taviani, I Viceré di Roberto Faenza e Caravaggio di Angelo Longoni. Inoltre verrà presentato 8 e ½, il capolavoro di Federico Fellini, in un copia splendidamente restaurata.
La sezione dei cortometraggi, organizzata in collaborazione con il Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani, presenterà al pubblico giapponese Il supplente di Andrea Jublin – candidato agli Academy Awards 2008 come miglior cortometraggio, Ieri di Luca Scivoletto, Uova di Alessandro Celli e Europa 2005, 27 ottobre di Jean-Marie Straub e Daniele Huillet.
Arrivano così quasi a 100 i titoli presentati in Giappone dall’inizio di questa rassegna che ha aperto i battenti nel 2001. Un numero importante per un festival che, anno dopo anno, aumenta la propria visibilità nella metropoli giapponese e che attira un sempre maggior numero di spettatori: con questa edizione si arriverà alle 100.000 presenze. Il grande interesse del pubblico nipponico per il cinema italiano conferma il Giappone come uno dei mercati principali per le nostre produzioni, secondo solo a quello dell’Europa occidentale. Stando ai dati relativi agli anni 2001-2007, su 81 titoli presentati sono ben 25 quelli acquistati e distribuiti in Giappone, ovvero un ottimo 31%.

 

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------