5/1/2007 – Ulmer, il segreto di un autore

RAITRE


--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

Fuori Orario cose (mai) viste

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

di Ghezzi Di Pace Francia Fumarola Giorgini Melani Turigliatto e Bendoni


presenta

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Venerdì 5 gennaio dalle 1.55 alle 7.00 (5 ore e 5 minuti)


L'INFINITO IN UNA STANZA


con il film


INFINITAS


(Russia, 1991, col., 197' 48'', v.o. con sott.it.)


Regia: Marlen Chuciev – Con: Vladislav Pilnikov, Aleksej Zelionov, Marina Chazova, Anna Kudrjavceva, Nina Prituslovskaja


Vladimir Ivanocic, un intellettuale di una cinquantina d'anni, comincia la giornata immerso nei suoi pensieri. Sulla panchina di un parco un giovane è seduto vicino a lui e lo guarda lungamente. Vladimir riconosce in lui il proprio "sosia" e comincia a seguirlo. Dopo aver attraversato foreste e praterie, giunge in una città di provincia dove incontra alcune vecchie conoscenze, fra cui un'amica dei tempi di gioventù con cui passa la notte. Il giorno successivo Vladimir riprende il cammino e arriva in un cimitero dove i becchini stanno scavando una tomba che probabilmente gli è destinata. Un vecchio gli fa vedere delle fotografie di persone morte, in una delle quali Vladimir riconosce se stesso. Il suo sosia, Volodia, è sempre al suo fianco, ma giunti sulle sponde di un ruscello, passa sulla riva opposta. I due corrono l'uno di fronte all'altro e il ruscello si allarga diventando un fiume immenso.


 


 


Sabato 6 gennaio dalle 0.45 alle 7.00


ROSSELLINI PIU' GRANDE DEL CINEMA


contro il misfatto del cinema il cinema disfatto dagli apostoli


 


con il film


ATTI DEGLI APOSTOLI


(Italia, 1968, col., 5h40'circa)


Regia: Roberto Rossellini


Con Edorado Torricella, Jacques Dumur, Renzo Rossi, Beppe Mannajuolo, Mohamed Kouka


Dagli Atti degli Apostoli, 5^ libro del Nuovo Testamento. Tra Gerusalemme, la Grecia e Roma il film ripercorre l'azione evangelizzatrice degli apostoli dopo la morte di Cristo, le prime controversie tra i cristiani, l'espansione della nuova fede in tutto il mondo mediterraneo.


 


 


Domenica 7 gennaio 2007 dalle 1.45 alle 6.00 (4ore e 15')


ULMER, IL SEGRETO DI UN AUTORE


con i film:


IL SEGRETO DI SUA SORELLA prima visione TV


(Her Sister's Secret, Usa, 1946, b&n, 78', v.o. sott. It.)


Regia: Edgar G. Ulmer – Con: Nancy Coleman, Philip Reed, Margaret Lindsay


Un giovane, soldato in partenza per l'Europa dove si sta combattendo la II Guerra Mondiale, si innamora di una ragazza durante le celebrazioni del 'Martedi Grasso' a New Orleans. Lui le chiede di sposarlo, ma la ragazza chiede tempo. Una volta partito per la guerra lei aspetta invano le lettere dell'amato, scoprendo nello stesso tempo di essere incinta. Da il bambino alla sorella sposata e si allontana dal piccolo per alcuni anni. Una volta ritornata dalla sorella per reclamare i suoi diritti di madre, questa non intende restituirle il bambino alla madre..


LA FIGLIA DEL DOTTOR JEKYLL


(Daughter of Dr. Jekyll, Usa, 1957, 74, v.o. con sott. it.)


Regia: Edgar G. Ulmer – Con: Gloria Talbot, Arthur Shields, John Dierkes, John Agar


Appena compiuti I ventun'anni, Janet, la figlia del dottor Jekyll, si reca col fidanzato Gorge dal dottor Lomas, un amico del suo defunto padre, cui è stata affidata la sua tutela e l'amministrazione dei beni lasciati dal padre. Informato dei progetti matrimoniali della sua pupilla, il dottor Lomas la mette al corrente della terribile scoperta fatta, a suo tempo, dal dottor Jekyll. Questi aveva infatti trovato un filtro che aveva il potere di separare nettamente, l'uno dall'altro, il bene e il male che si trovano intimamente uniti in ogni creatura umana. In virtù di questo filtro lo stesso dottor Jekyll si trasformava, nelle notti di luna piena, in un mostro assetato di sangue. E' ereditaria tale facoltà?…