50 anni di LUCCA COMICS & GAMES. L’edizione 2016

La tradizione cui si faceva appello già lo scorso anno è la linea guida doverosa dell’edizione che permette a Lucca Comics & Games di tagliare il prestigioso traguardo dei 50 anni: una “Gold Edition”, quindi, e non a caso l’oro è proprio il colore dominante dell’annata 2016, a partire dai monili al collo di Lu, il personaggio disegnato da Zerocalcare per la tradizionale locandina della fiera, che rimanda al numero 50 con le mani.

L’obiettivo è quello di creare un crossmedia show, che prosegua quindi il lavoro di transizione verso una forma più capace di andare incontro al momento storico attuale, dove l’industria dell’intrattenimento, nelle sue più complesse articolazioni, ritrova una centralità assoluta nell’immaginario giovanile (e non solo): ma, senza nasconderlo, stavolta sono le celebrazioni a tenere principalmente banco. Si parte quindi con la “Lucca Experience” all’interno del Golden Globe, una cupola dorata che, a mo’ di museo, conterrà segni e sogni dei cinquant’anni lucchesi, con la Walk of Fame e gli spazi dove acquistare il francobollo e la moneta commemorativi. A questa si collega idealmente l’altro grande anniversario, quello per i 30 anni di Dylan Dog, di cui sarà presentato in anteprima l’albo scritto da Tiziano Sclavi, intitolato strategicamente Dopo un lungo silenzio.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

E poi naturalmente il parterre degli ospiti, davvero ricchissimo e attento a unire l’incontro con i nuovi talenti all’omaggio ai grandi maestri. Pertanto, non si fa torto alcuno, a vedere nella presenza del maestro Frank Miller il punto d’intersezione migliore fra le varie anime della manifestazione: sceneggiatore, disegnatore e regista, Miller ben rappresenta l’attuale trasversalità dei linguaggi che fanno capo all’industria dell’intrattenimento, cui unisce una autorialità pura, espressa attraverso i suoi memorabili cicli a fumetti, dove emerge la predilezione per epopee chiaroscurali, in bilico fra la problematicità del noir e l’afflato epico del racconto supereroistico: Sin City, 300, Il ritorno del Cavaliere Oscuro, il memorabile ciclo di Daredevil, Batman Anno Uno e Devil Rinascita sono capolavori che hanno aggiornato il modo di intendere la nona arte trent’anni fa, e ancora sono acclamati dagli appassionati (l’autore è ospite dell’editore RW Lion). Miller sarà protagonista anche di un prezioso incontro con il nostro Milo Manara. A lui colleghiamo idealmente la figura Terry Brooks, amato autore della letteratura fantasy, creatore del ciclo di Shannara, che di recente ha dato vita anche a una serie tv.

Fra le nuove leve, invece, troviamo Frank Cho, talento estetico e ironico nato in Corea del Sud e poi emigrato negli Stati Uniti, fra i massimi cantori odierni della rappresentazione femminile, nonché autore della striscia Liberty Meadows e, di recente, dell’apprezzato ciclo Marvel del Fichissimo Hulk. E poi Charlie Adlard, disegnatore del fenomeno The Walking Dead.

La ricca offerta di autori spazia tra generi e forme espressive: si va dall’illustratore Luis Royo ai disegnatori Marvel Marko Djurdjevic e Goran Parlov, a John Cassaday, che ha firmato il primo numero della nuova serie a fumetti dedicata a Star Wars, il fumetto più venduto in America nel 2015, ai maestri disneyani di ieri (Giorgio Cavazzano) e di oggi (Casty). Una nota particolare anche per la presenza del maestro svizzero Thomas Ott, da Logos Edizioni, con la sua tecnica di linee bianche “graffiate” su carta nera per dare forma a una rappresentazione horror in grado di raggiungere una qualità espressionista. A rappresentare il mondo dei videogame, invece, arriverà Hajime Tabata, che presenterà in anteprima “Final Fantasy XV”, e Takeshi Nozue, regista di “Kingslaive: Final Fantasy XV”. A corollario anche gli spazi musicali, con il nuovo concerto-evento di Cristina D’Avena.

Naturalmente uno spazio particolare va dedicato alle mostre di Palazzo Ducale, già aperte al pubblico e da sempre fra gli spazi più esaltanti e curiosi per varietà dell’offerta e capacità di costituire un’autentica esperienza immersiva nei mondi del fumetto e della fantasia: forse lo spazio che più di ogni altro è capace di lavorare con discrezione e al contempo entusiasmo sulla memoria e sulla costruzione del nuovo patrimonio espresso dalla contemporaneità. La scelta dei nomi, in tal senso, è sempre eclettica e capace di tenere insieme i maestri con le nuove leve, unendo la celebrazione alla scoperta. Oltre all’omaggio a Kazuo Kamimura di cui si è già scritto, ci sarà spazio per le personali dei già citati Frank Cho e Casty, e per Joan Cornellà, superstar del fumetto spagnolo che rielabora con spirito eclettico e irriverente temi adulti e violenti ribaltandoli in una forma infantile e pittorica, capace di spiazzare il lettore in modo geniale, con un occhio alla scena underground. Infine una mostra dedicata al fenomeno tutto italiano di Zerocalcare.

Le sezioni dedicate al cinema e alla serialità televisiva si proiettano soprattutto sul presente, ma senza dimenticare, anche qui, gli spazi per la rievocazione: si va dall’incontro con Gabriele Salvatores per presentare gli effetti speciali de Il ragazzo invisibile 2, al maestro Bruno Bozzetto, che presenzierà alla proiezione del documentario Bozzetto non troppo, insieme al regista Marco Bonfanti; a celebrare 50 anni è anche la saga di Star Trek, che sarà rappresentata dall’attrice Marina Sirtis, vista nell’epopea di The Next Generation. Si oscilla quindi dal profano al sacro, con l’incontro tra Rocco Siffredi e Rocco Tanica; e non mancherà la consueta anteprima firmata Studio Ghibli, con il nuovo La tartaruga rossa, di Michaël Dudok de Wit (presentato da Bim Distribuzione). Due anteprime “culinarie” infine riguardano La mia vita da Zucchina, lungometraggio in stop-motion diretto da Claude Barras e scritto da Céline Sciamma, visto all’ultimo festival di Cannes, e il divertente Sausage party: Vita segreta di una salsiccia, ultima bizzarra invenzione di Seth Rogen sulle avventure di una salsiccia che scopre – con orrore – cosa succede agli alimenti quando lasciano il supermercato. Warner Bros, dal canto suo, risponde con le anteprime delle sue serie supereroistiche e con la mostra dedicata al nuovissimo spin-off di Harry Potter, Animali fantastici e dove trovarli. Da citare anche un altro compleanno, quello di South Park, l’irriverente serie animata che compie 20 anni, che sarà celebrato allo stand di Comedy Central con una Experience a tema.

Di fronte a una simile mole di possibilità, l’evento si espande, e arriva quest’anno a coprire cinque giorni di attività, da venerdì 28 Ottobre a Martedì 1 Novembre.

Il programma generale di Lucca Comics & Games 2016