Abbraccialo per me, di Vittorio Sindoni

Non vi è niente di incredibile o particolare a livello “cinematografico” nel film di Sindoni, che punta piuttosto ad essere un resoconto fedele a realtà ignorate.

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

Il film di Vittorio Sindoni è il ritratto di Francesco “Ciccio” Gioffredi, un ragazzo esuberante e pieno di vita, che nel passaggio dall’infanzia alla prima adolescenza comincia a rivelare gradualmente una serie di problematiche legate al suo disagio psichico. Di fronte ai primi sintomi, la comunità della cittadina siciliana dove vivono Ciccio e la sua famiglia diventa sempre più ostile, e all’interno della stessa famiglia si creano delle scissioni. Se il padre inizia a vedere il ragazzo come un nemico a causa del rapporto simbiotico madre-figlio creatosi e consolidatosi negli anni, per Caterina, sua moglie, Francesco è al contrario un ragazzo prezioso, le cui particolarità sono da valorizzare piuttosto che stigmatizzare.

----------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ, per Fare Cinema

----------------------------

Dall’inizio del film osserviamo dunque il peggioramento dello stato mentale del ragazzo, ed il conseguente inasprirsi dei rapporti familiari, oltre alla graduale presa di coscienza ed accettazione da parte di Caterina dell’impossibilità di aiutare suo figlio da sola. Francesco “Ciccio” sembra essere inizialmente solo un ragazzo con un proprio ritmo interiore, accelerato rispetto al contesto che lo circonda: il ritmo frenetico della batteria che suona a tutte le ore, il ritmo dei pensieri ossessivi attorno a tematiche religiose o filosofiche, l’intensità degli affetti che prova e le cui manifestazioni non riesce a contenere. Tali manifestazioni lo alienano sempre più dai compagni di scuola e dalla cittadina intera, ed in tal modo il film si snoda seguendo in maniera dettagliata lo scivolamento nella follia e nell’isolamento di Francesco e di sua madre, il cui rapporto esclusivo inasprisce invece di alleggerire le difficoltà del ragazzo.

----------------------------
SCUOLA DI SCENEGGIATURA: LA SPECIALIZZAZIONE

----------------------------

Non vi è niente di incredibile o particolare a livello “cinematografico” nel film di Sindoni, che punta piuttosto ad essere un resoconto fedele a realtà ignorate. Tornano alla mente più celebri “pazzi” della cinematografia anche italiana, come il Saverio di Senza Pelle, ed il fil rouge che sembra emergere nei due ritratti, è quello di un’incredibile solitudine, uno stigma che aliena i personaggi da un reale avvicinamento verso un mondo ostile, che si fa schermo delle sofferenze altrui con la propria indifferenza. In tal senso le conclusioni dei due film mostrano delle rare isole felici nelle comunità di accoglienza, situazioni come quella del Teatro patologico, realtà tanto uniche quanto preziose.

Regia: Vittorio Sindoni

Interpreti: Stefania Rocca, Vincenzo Amato, Moise Curia, Giulia Bertini, Pino Caruso, Paolo Sassanelli, Luigi Diberti

Distribuzione: Zenit Distribuzione

Durata: 103′

Origine: Italia 2015

--------------------------------------------------------------
CORSO ONLINE DI SCENOGRAFIA CINEMATOGRAFICA

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative