Acque profonde, di Adrian Lyne

Malgrado le improvvise sterzate della sceneggiatura, un cinema ancora caldo e seducente dove Ben Affleck e Ana de Armas funzionano benissimo proprio nel loro essere stranianti. Prime Video.

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

Da Claude Chabrol a Michel Deville. A distanza di vent’anni dal suo ultimo film, il travolgente Unfaithful. L’amore infedele, Adrian Lyne guarda nuovamente verso le atmosfere torbide del polar/thriller/noir francese. Dal remake di Stéphane. Una moglie infedele passa ad Acque profonde di Michel Deville, film del 1981, dove Jean-Louis Trintignant interpreta un uomo continuamente tradito dalla moglie (Isabelle Huppert) in maniera plateale che decide di vendicarsi. Tra il film francese e quello di Lyne c’è di mezzo il romanzo omonimo di Patricia Highsmith del 1957. Il nuovo Acque profonde del 2022 mantiene lo stesso impianto narrativo. Il personaggio del marito, Vic, ha il volto di Ben Affleck, quello della moglie Melinda di Ana de Armas. Il matrimonio della coppia è in crisi. Entrambi sono legatissimi alla figlia Trixie e forse per questo decidono di non separarsi. Lei però lo tradisce alla luce del sole. Cerca il suo sguardo mentre si trova in dei party con dei giovani amanti. Si lascia guardare dalle finestre, dal piano di sopra della sua abitazione dove la complicità di Melinda è sotto i suoi occhi.

----------------------------
OPEN DAY SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Difficile trovare un’accoppiata così straniante come quella tra Ben Affleck e Ana de Armas. Eppure funzionano. Nella nervosa impassibilità di lui. Nella discreta provocazione di lei. Anche se da una parte c’è la mano di Sam Levinson, che ha scritto la sceneggiatura insieme a Zach Helm, soprattutto nel modo in cui lascia consumare la crisi di coppia in un interno (Malcolm & Marie) e pone i protagonisti alla continua ricerca della propria identità (Euphoria). Quelli di Affleck e Ana de Armas sono due personaggi che appartengono fin da subito all’universo di Adrian Lyne. Il cineasta avrebbe già, ipoteticamente, potuto girare questa storia negli anni ’80. Il fatto che tra i produttori ci sia Arnon Milchan potrebbe essere un segno. Probabilmente, nel suo cinema, il tempo non si è mai fermato. A cominciare da quei fasci di luce blu che arrivano direttamente da Flashdance o Unfaithful e gli specchi (Melinda che si guarda allo specchio mentre si prova il vestito rosso è già una fiammata hot) che deformano, mettono a nudo, rivelano come in Attrazione fatale e Proposta indecente. Proprio come in quest’ultimo film, Affleck può essere la reincarnazione di Woody Harrelson che assiste impotente a un tradimento in atto. Come in Attrazione fatale poi c’è una famiglia composta da padre, madre e figlia piccola. Se in quel caso l’armonia veniva distrutta da una donna che aveva perso la testa per il protagonista, in questo caso già sono presenti i segni di deterioramento nel rapporto di coppia.

Pur in una sceneggiatura con troppe, improvvise, sterzate come nel finale, il cinema di Lyne è ancora caldo e seducente. Non ha perso nulla della sua carica passionale, erotica, di desiderio. Basta guardare il modo in cui Vic mette la scarpa a Melinda o la scena in piscina sotto la pioggia. C’è la rabbia, la provocazione, ma anche tutti i tentativi impossibili di ricostruire tutto quello che si è rotto. È ancora un cinema di illusioni, di visioni, di frequenti apparizioni (la lumaca come il percorso lento, sospeso, di una storia alla continua ricerca di quale possa essere la direzione giusta). Un thriller erotico senza tempo che ancora sa raccontare la gelosia, il desiderio e i segreti nascosti. Chabrol e il polar francese sono ancora le passioni nascoste, Schrader il riferimento sempre presente per dare forma alle proprie ossessioni. Che un cineasta del genere possa restare fermo 20 anni resta un mistero.

 

Titolo originale: Deep Water
Regia: Adrian Lyne
Interpreti: Ben Affleck, Ana de Armas, Tracy Letts, Grace Jenkins, Dash Mihok, Rachel Blanchard, Kristen Connolly, Jacob Elordi, Lil Rel Howery, Brendan Miller, Finn Wittrock
Distribuzione: Prime Video
Durata: 115′
Origine: USA, Australia 2022

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3.8
Sending
Il voto dei lettori
2.05 (39 voti)
--------------------------------------------------------------
Le Arene estive di Cinema a Roma

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative