Addio alla regista Valentina Pedicini

La regista Valentina Pedicini si è spenta il 20 Novembre dopo una grave malattia. Il suo ultimo film è il documentario Faith.

Ci ha lasciati il 20 novembre a 42 anni, dopo una grave malattia, la regista Valentina Pedicini.

--------------------------------------------------------------------
Torna il BLACK FRIDAY di SENTIERI SELVAGGI


-----------------------------------------------------

Diplomata alla Zelig International School Of Documentary, con il documentario Dal profondo sull’unica operaia nelle miniera di Nuraghe Figus, vince il Premio Solinas 2012 ed entra nella cinquina dei David di Donatello. Tra il 2016 ed il 2017 gira prima il corto Era Ieri, che le vale la Selezione alla Settimana Internazionale della Critica al Festival di Venezia e successivamente il lungometraggio Dove cadono le ombre, con Elena Cotta e Federica Rossellini, esordio nella finzione in cui si ricostruisce il tentativo di genocidio della popolazione nomade dei Jenisch negli anni ’40.

---------------------------------------------------------------------
RIFF AWARDS 2020

---------------------------------------------------------------------

Il suo ultimo progetto è Faith, documentario su una setta di monaci guerrieri che vivono su un eremo nelle colline marchigiane, presentato alla Berlin Critic’s Week 2020.

Per “Variety” Faith è “una potenziale esplosione internazionale per la docmaker Pedicini” mentre secondo Chiara Valerio “La prima cosa che impressiona di questo splendido lavoro è la sensazione che il primo occhio che guarda sia il nostro. Valentina Pedicini ci regala il mantello dell’invisibilità”.

Donatella Palermo, produttrice di Faith, ha ricordato la regista attraverso le immagini del suo ultimo film e di Dal profondo: “Penso al suo film Dal profondo: comincia con una discesa nell’oscurità della terra, un’immagine che si fa sempre più buia e una voce di donna che dice: ‘Respira, respira piano, non aver paura; presto i tuoi occhi si abitueranno al buio’. Alla fine del film una donna cammina sull’orizzonte e appare una scritta: E non so passare ora a nuoto la notte | ho fatto qualcosa contro la paura | mi sono seduta a scrivere | per chi vorrà sedersi. Ecco, Valentina non ha passato la notte, ma ha scritto i suoi film. Noi possiamo sederci a guardarli e qualcosa di lei c’è ancora, per citare una battuta da Faith “e la notte adesso fa meno paura”.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7


Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *