Adieu au langage, Jean-Luc Godard. Il trailer e le foto

Jean-Luc Godard sul set di Adieu au langage

Il regista torna su un tema capitale di tutta la sua opera: le (in)capacità di rappresentazione del linguaggio, il suo nesso con l'immagine e con l'esperienza della vita. "Un uomo e sua moglie, che non parlano la stessa lingua. Nel discorso interverrà un cane". Un lungo teaser e le nuove foto

--------------------------------------------------------------
INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA POSTPRODUZIONE, CORSO ONLINE DAL 17 GIUGNO

--------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DOCUMENTARIO DAL 24 GIUGNO!

--------------------------------------------------------------

 

----------------------------
UNICINEMA QUADRIENNALE:SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

Jean-Luc Godard torna su un tema capitale di tutta la sua opera con Adieu au langage: le (in)capacità di rappresentazione del linguaggio, il suo nesso con l'immagine e con l'esperienza della vita. "Un uomo e sua moglie, che non parlano la stessa lingua. Nel discorso interverrà un cane".

 

Adieu au langage, Jean-Luc Godard. Il trailer e le fotoLe riprese di Adieu au langage (le prime foto dal set) sono iniziate due anni fa, con una piccola crew armata di Canon 5D, smartphone e piccole videocamere tecnologiche adatte alle riprese in movimento – lo sport estremo del girare per Godard – leggiamo nel report dal set in Svizzera di Libération; con alcune pause produttive e personali, il tempo necessario per lavorare a 3-Désastres, cortometraggio all'interno di 3X3D, con Peter Greenaway e Edgar Pêra, presentato alla Semaine de la Critique di Cannes 66.

L'impressione più calzante, racconta il giornalista, è quella di trovarsi in un laboratorio nel centro di un piccolo bazar artigiano, al tempo stesso calzolaio, pittore, scultore. Durante la visita, Godard propone una proiezione: alcune scene già montate di Adieu au langage e un documentario di 26 minuti, composto da 26 sequenze, ciascuna di un minuto, realizzato per la tv svizzera, Quod erat demonstrandum, nel quale la voce off richiama Derrida: «Où habitez-vous? Le langage?».

Fabrice Aragno, direttore della fotografia di Film Socialisme e Adieu au langage, ma già collaboratore del cineasta dai tempi di Notre musique (2004 – in particolare per il segmento Paradis),  racconta così quest'ultimo progetto in un'intervista rilasciata a Adam Cook e pubblicata su MUBI: "questo non è un film "su" Godard. La televisione svizzera mi ha chiesto di fare un film "su" di lui, mettendomi in imbarazzo. Ho già lavorato con Jean-Luc, credo di non poter fare un film obiettivo su di lui. E poi, tutto ciò che è "su" di lui, documentari, libri, non sono "su di lui" ma semplicemente "con" lui. Così l'ho raggiunto e gli ho proposto di lavorare insieme".

Jean-Luc Godard sul set di Adieu au langageNel film, compare anche ma materiale proveniente da Adieu au langage e Aragno chiarisce anche la genesi del lungometraggio: "Il 3D è stato il nostro pretesto per sperimentare. Forse, alla fine del film non ci sarà nulla in 3D, non lo so, ma è quello che ci ha motivato, come un' equazione con variabili sconosciute. 3D è il valore "n", come incideranno l'uomo e la donna?"

Zoé Bruneau e Richard Chevallier sono una coppia, incarnata, in un altro spazio-tempo, da un'altra coppia di attori, Héloise Godet e Kamel Abdeli. Nel cast anche Alexandre Païta, Jessica Erickson e Dimitri Basil.

Nella nostra gallery, le nuove immagini e alcune foto dal set di Adieu au langage di Jean-Luc Godard. Il distributore è Wild Bunch.
 

----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative