Ainbo – Spirito dell’Amazzonia, di Jose Zelada e Richard Claus

Quasi un esempio di cinema pop etico, non solo ambientalista ma anche attento al contesto rappresentato. Peccato che, alla fine, provi a sfidare i blockbuster d’animazione sul loro terreno

In un momento in cui il cinema popolare è sempre più massificato, uniforme, a colpire sono gli scartamenti dal percorso. Raro esempio di film d’animazione realizzato in America Latina, Ainbo – Spirito dell’Amazzonia è diretto e prodotto da Jose Zelada, autore anche del soggetto, oltreché doppiato da un cast di attori locali. A Zelada tuttavia si affiancano il tedesco Richard Clause, in regia ed i fratelli Brian e Jason Cleveland (Ratchet & Clank) a supportarlo nella sceneggiatura.

---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

E così Ainbo si regge su un’idea virtuosa di co-produzione: con l’Europa (ma anche l’America) che supporta non solo il lavoro di un regista ma anche la sua voce, la sua visione peculiare. L’avventura di Ainbo, cacciatrice di una tribù amazzonica, chiamata a spezzare un’antica maledizione è dunque l’occasione perché uno spazio noto venga attraversato da un altro sguardo, nuovo, fresco, non convenzionale. Ripensate da Zelada, le coordinate classiche del fantasy danno corpo ad un racconto ambientalista non soltanto fedele al suo spazio d’origine ma che soprattutto si pone come uno spaccato dello sfruttamento incontrollato delle risorse naturali dell’America Latina. Il racconto si apre su imprevisti toni cupi, la morte irrompe sulla scena e la dimensione soprannaturale riflette le tensioni di un contesto, reale, distrutto dall’avidità umana.

Ainbo

Ainbo rimane, tuttavia, un prodotto di cinema popolare pensato in prospettiva internazionale. E allora i “mecenati” del regista, pur non intromettendosi eccessivamente nell’approccio generale del regista, sembrano funzionare pure da garanti di una griglia di riferimenti a cui il film deve attenersi. Perché deve parlare l’esperanto del cinema pop, dei prodotti Disney, Pixar, di Oceania, le cui atmosfere, Ainbo, pare inseguire.

Ma Ainbo, che è costato troppo poco, è troppo breve e ha un’animazione troppo grossolana per buttarsi nella mischia. Mentre Zelada prosegue sulla sua promettente linea, prova dunque, svogliatamente, ad adempiere ai suoi doveri di regista pop. Ma il racconto si sfilaccia, non riesce a tenere il passo delle linee narrative che vorrebbe gestire e va in affanno nelle sequenze più dinamiche.

Ainbo, pur in uno spazio limitato, ha il pregio di voler ripensare un intero immaginario tutto da solo, prima, tuttavia, di essere schiacciato dalle logiche di mercato. Il film di Zelada e Claus sarebbe potuto essere uno straordinario esempio di produzione “etica”, ma si ferma un attimo prima di concretizzare i suoi propositi. E allora, di fatto, non è altro che la prosecuzione di una colonizzazione di un contesto con altri mezzi.

 

Titolo originale: Ainbo – Spirit Of The Amazon
Regia: Jose Zelada, Richard Claus
Voci Originali: Lola Raie, Naomi Serrano, Rene Mujica, Joe Hernandez, Alejandra Gollas
Distribuzione: Bim
Durata: 84′
Origine: Perù, Paesi Bassi, 2021

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
2.7

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

Sending
Il voto dei lettori
3.5 (2 voti)
---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    Rispondi

    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"