Alain Resnais, due Orfeo, due Euridice: Vous n'avez encore rien vu

Vous n'avez encore rien vu - Alain Resnais si ispira all'Euridice di Jean Anouilh

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Dal 25 aprile 2012 sarà nelle sale francesi Vous n'avez encore rien vu, nuovo film del maestro Alain Resnais, una rilettura personale del mito di Orfeo e Euridice, liberamente ispirata alla pièce del 1941 Eurydice, di Jean Anouilh. L'adattamento è firmato dallo stesso Resnais insieme a Laurent Herbiet (già cosceneggiatore per Gli amori folli e assistente alla regia per Cuori).

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

Resnais ha riunito un grande cast, composto da Michel Piccoli (La polvere del tempo, Habemus Papam) Mathieu Amalric (Poulet aux prunes, Cosmopolis) Denis Podalydès (sarà Paul Claudel nel nuovo film di Dumont, La Créatrice) Anny Duperey (Due o tre cose che so di lei) Anne Consigny (Lo scafandro e la farfalla, Gli amori folli, Racconto di Natale, Nemico pubblico N. 1 – L'ora della fuga) Lambert Wilson (Uomini di dio) Hippolyte Girardot (I re e la regina, Caos Calmo) Michel Robin (Grazie per la cioccolata, Verso l'eden, Les adieux à la reine) e due attori amati da sempre, fin dai tempi di L'amour à mort e La vita è un romanzo, Pierre Arditi e Sabine Azéma.

La Azéma e la Consigny saranno due Euridice, mentre i due Orfeo saranno Arditi e Wilson.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Lambert Wilson incarna Orfeo per la seconda volta: nel 1991 era a teatro in Eurydice per la regia di George Wilson, accanto a Sophie Marceau (premiata con il Molière per la miglior rivelazione teatrale).

Alain Resnais sul set con Sabine AzémaDalle prime informazioni sembra che Resnais, recentemente celebrato da una grande retrospettiva al British Film Institute, riprenda in parte le ossessioni di L'amour à mort, in parte le dinamiche amorose di Cuori.

Ecco la sinossi: vicino alla morte, il drammaturgo Antoine (Podalydès) ha convocato nella sua casa alcuni suoi amici, tutti attori che hanno interpretato diverse versioni della sua pièce Euridice. Prima di morire, ha registrato una dichiarazione in cui chiede loro di assistere alle prove di una nuova versione: una giovane troupe infatti ha chiesto il permesso di rimettere in scena la pièce  e ha bisogno dei loro consigli…

La fotografia è di Eric Gautier, attualmente al lavoro su Après mai di Olivier Assayas.

Qui una videointervista sul film a Jean-Louis Livi (produttore veterano del cinema francese – Un cuore in inverno, Il sorriso, Sulle mie labbra, Gli amori folli, Où va la nuit; – nella sua lunga carriera ha lavorato anche con Alain Corneau, Bertrand Blier, Claude Sautet).