Alice nella Città 2018: ecco il programma

Presentata stamattina a Roma la sedicesima edizione di Alice nella città, sezione autonoma della Festa del cinema di Roma, si svolgerà dal 18 al 28 ottobre 2018. La sezione ha da sempre come prerogativa quella di guardare al cinema di domani, non rimanendo una semplice vetrina ma ponendosi lo scopo di far emergere i nuovi talenti.

Oltre alle proposte del concorso, verranno presentate le ultime produzioni targate Tim Vision: Skam Italia, Dogsitter e Bangla. Anche l’unione tra Alice nella città e Everychild is my child si manifesta fruttuosa, portando in cartellone il documentario realizzato durante il concerto Live for Syria, di cui Anna Foglietta si fa portavoce.

Ecco di seguito il programma:

IN CONCORSO

Measure of a man, di Jim Loach

Jellyfish, di James Gardner

The new romantic, di Carly Stone

Broken Mirrors, di Imri Matalon e Aviad Givon

Behold my heart, di Joshua Leonard

Ben is back, di Peter Hedges

in Your hands, di Ludovic Bernard

For a happy life, di Salima Glamine e Dimitri LInder

Fiore Gemello, di Laura Luchetti

Butterfly, di Aessandro Cassigoli e Casey Kauffman

 

PANORAMA

Prospect, di Zeek Earl e Christopher Caldwell

Friday’s child, di A.J. Edwards

Let me fall, di Baldvin Z.

The harvesters, di Etienne Kallos

Miriam Lies, di Natalia Cabrai e Oriol Estrada

Winter Flies, di Olmo Emerzu

Skate Kitchen, di Crystal Moselle

The Belly of the whale, di Morgan Bushe

The tower, di Mats Grorud

Hot summer nights, di Elijah Bynum

 

PANORAMA ITALIA

Backliner, di Fabio Lovino

Tutte le mie notti, di Manfredi Lucibello

Nevermind, di Eros Puglielli

Mamma + Mamma, di Karole di Tommaso

Go home- A casa loro, di Luna Gualano

Bene ma non benissimo, di Francesco Mandelli

Soledad, di Agustina Macri

Ti presento Sofia, di Guido Chiesa

 

SPECIAL EVENTS PANORAMA ITALIA

Zen sul ghiaccio sottile, di Margherita Ferri

Mignon è partita, di Francesca Archibugi

 

SPECIAL EVENTS

A Kid like Jake, di Silas Howard

Remi, di Antonie Blossier

Dilili in Paris, di MIchel Ocelot

TIto anche the birds, di Gustavo Steimberg, Gabriel Bitar e Andrè Catoto

Up&Down, di Paolo Ruffini

Qui è Ora, di Giorgio Horn

Capernaum, di Nadine Labaki

All you ever wished for, di Barry Morrow