America oggi. Sette minuti da Promised Land di Gus Van Sant

Sette minuti da Promised Land di Gus Van Sant

In attesa dell'uscita USA di Promised Land (28 dicembre 2012, in distribuzione estesa dal 4 gennaio 2013) l'ultimo film di Gus Van Sant (info, trailer e poster, foto ufficiali) in anteprima europea e in concorso alla 63° Berlinale.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

--------------------------------------------------------------------
Il Black Friday prosegue ancora solo per Sentieriselvaggi21st, fino al 4 dicembre!


-----------------------------------------------------

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

---------------------------------------------------------------------
RIFF AWARDS 2020

---------------------------------------------------------------------

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"


Altri 5 estratti sono visibili qui

Sette minuti da Promised Land di Gus Van SantIn attesa dell'uscita USA di Promised Land (28 dicembre 2012, in distribuzione estesa dal 4 gennaio 2013) l'ultimo film di Gus Van Sant (info, trailer e poster, foto ufficiali) in anteprima europea e in concorso alla 63° Berlinale.

The Film Stage ha pubblicato sette estratti video, che ci permettono di conoscere meglio i protagonisti, interpretati da Matt Damon, John Krasinski, Frances McDormand, Rosemarie DeWitt, Scoot McNairy, Titus Welliver e Hal Holbrook.

La vicenda di una piccola comunità americana che si oppone alle mire di una multinazionale è stata scritta dagli stessi Damon e Krasinski a partire da un'idea dello scrittore Dave Eggers (il progetto iniziale si chiamava Gold Mist, ironico riferimento al colore di un'auto di lusso acquistata da un agricoltore arricchito).

 "L'America è un paese grande, a volte è difficile definire quale sia la nostra identità" ha detto Gus Van Sant. "Quello che ho amato della sceneggiatura John e Matt è che hanno affrontato grandi temi, ma con un sacco di umorismo e di umiltà. È una storia di persone reali, con tutte le loro debolezze e la loro grandezza".

Gus Van Sant sul set di PROMISED LAND con John Krasinski e Matt Damon"Il mio personaggio, Steve Butler, è un uomo contemporaneo come tanti" aggiunge Damon. "Ha lasciato la comunità agricola in cui è cresciuto, perché la sua città stava morendo". Agisce in buona fede, convinto di svolgere bene il suo lavoro e di poter convincere le persone del luogo a salvarsi dal declino finanziario accettando l'offerta di trivellazione del territorio da parte della sua azienda, proprio perchè le conosce e "parla la loro lingua". Ma questo punto di forza si rivelerà anche una debolezza, e Steve sarà costretto a fare un bilancio della propria esistenza e a subire un profondo mutamento.

"L' evoluzione di Steve è una metafora per l'intero paese", dice Rosemarie DeWitt, che interpreta Alice, un'insegnante del posto. L'evoluzione di cui si parla è infatti quella dell'agente Butler, ma anche quella dei valori americani in generale. E Hal Holbrook, nei panni dell'insegnante di scienze Frank Yates, a capo della "rivolta" spontanea che si crea tra gli abitanti, aggiunge: "ho 87 anni, e penso che stiamo vivendo in un momento straordinariamente critico. L'idea stessa della democrazia dipende dal lavoro comune di persone che agiscono senza compromessi. Altrimenti non ci può essere democrazia".

"La posta in gioco è alta come non mai, per tutti noi" aggiunge Damon "il film riflette su come i nostri genitori o nonni hanno gestito tutto ciò che oggi abbiamo di fronte, e come i nostri nipoti hanno intenzione di agire".

John Krasinski in PROMISED LAND di Gus Van SantIl giornalista irlandese Phelim McAleer, noto per la sua posizione anti-ambientalista, e al lavoro su un documentario chiamato FrackNation, a favore della tecnica del fracking, gioia per tutti gli estrattori di petrolio, ha addirittura accusato la Apple di aver censurato una sua "domanda scomoda" durante un incontro con Krasinski e Damon (ma semplicemente, non tutte le domande della serata compaiono nel montaggio finale del Q&A).

Il film di Van Sant, comunque, non cavalca semplicemente un tema alla moda, quello del fracking.
"Chiamare Promised Land un film sul fracking sarebbe come definire Good Will Hunting un film sulla matematica" dice il produttore James Schamus, di Focus Features "è un film sulle persone, e questo è il segno distintivo di ogni lavoro di Gus Van Sant".

 Intanto il regista di Portland ha annunciato un nuovo curioso progetto, un film "tra arti marziali e supereroi", apparentemente meno impegnato, che però potrebbe essere un altro modo di affrontare il tema così attuale della crisi economica.
 

Nella nostra gallery, le nuove foto di Promised Land.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7