Amori e Inganni. Incontro con il regista With Stillman

Abbiamo incontrato a Roma With Stillman, il regista di Amori e Inganni, film da Jane Austen con Kate Beckinsale e Chloë Sevigny. Con il cineasta era presente Silvia Orgier, presidentessa della JASIT

Arriva in sala il 1 dicembre Amori e Inganni (Love & Friendship), ultimo film del regista statunitense With Stillman. Tratto da una romanzo giovanile di Jane Austen (Lady Susan, pubblicato postumo nel 1871 dal nipote) scritto in forma epistolare, adattato poi cinematograficamente dal regista stesso. La storia è quella della vedova Lady Susan Vernon, che per scoprire pettegolezzi e assicurare a se stessa e alla giovane figlia un marito ricco, si reca a Churchill nella tenuta del cognato.

Oggi all’incontro con la stampa romana oltre a With Stillman era presente anche Silvia Ogier, presidentessa della Jane Austen Society of Italy.
Lady Susan“, ha spiegato la Ogier, “è un racconto poco conosciuto, datato 1794/95, e questo è un peccato perché oltre a essere molto divertente rappresenta un’opera di transizione fra gli scritti giovanili e quelli maturi. È l’unico romanzo epistolare della scrittrice in linea con le mode letterarie del tempo. La cosa straordinaria però sta nel fatto che Lady Susan è l’unica eroina (sempre anticonformista) cattiva della produzione della Austen, è una vera dark lady egoista e manipolatoria, ma descritta con estrema ironia.

With Stillman, spiegando la genesi del progetto, ha raccontato di come esattamente dodici anni fa ha scoperto la storia di Lady Susan:All’epoca lavoravo su un adattamento più serio della Austen, ma quando ho scoperto questa storia sono rimasto colpito dall’umorismo che la caratterizza e che la rende sorprendentemente vicina ad un opera di Oscar Wilde. Non è stato facile passare dalla forma epistolare a quella cinematografica, e anche questo rende l’adattamento molto teatrale. Ho scritto molto lentamente e diciamo che due terzi del film rappresentano la storia della Austen e  un terzo è costituito da nuovi personaggi da me inventati e resi perfettamente grazie alla capacità di alcuni attori di misurarsi nella commedia.

---------------------------------------------------------------
SCRIVERE PER LA TV: il workshop sulla sceneggiatura per la serialità


---------------------------------------------------------------

Ad interpretare Lady Susan, Stillman ha chiamato l’attrice Kate Beckinsale che aveva già diretto in passato nel film The Last Days of Disco, accanto a Chloë Sevigny, che in Amore e Inganni recita la parte di Lady Johnson, confidente di Lady Susan. “Quando ho scoperto questa storia volevo assolutamente che Lady Susan fosse Kate. Ma era troppo giovane, perché all’epoca aveva solo vent’anni. Visto che sono stato molto lento, ho avuto finalmente la possibilità di farle interpretare Lady Susan.

amore-e-inganni-2016-movie-still-2-chloe%cc%88-sevigny-e-kate-beckinsale

Nel film c’è una particolare attenzione ai dettagli, sia per quel che riguarda i costumi che per quel che riguarda le musiche. Effettivamente si nota che a differenza degli adattamenti dei romanzi più famosi di Jane Austen, i costumi qui sono più sfarzosi. Stillman ha spiegato che essendo un’opera giovane il romanzo è ancora legato alle mode georgiane e non a quelle in stile regency, caratterizzata da abiti più informi e meno attenti alle forme femminili.
Anche le musiche hanno un ruolo chiave: “Ho scelto apposta delle musiche nello stile di quel tempo per dare ritmo alle scene. La colonna sonora è già stata pubblicata da Sony Classical, ed è stata tutta registrata appositamente in studio

Stillman ha infine ammesso di aver avuto dei problemi riguardanti la produzione:”Pensavo che Jane Austen avesse un grande richiamo commerciale e invece no. All’inizio ho avuto a che fare con una grande produzione europea che però voleva un determinato cast e quindi ha rinunciato al progetto. Ma in fondo è stato un bene perché con questa coproduzione Irlanda, Olanda, Francia, abbiamo tutti potuto fare a modo nostro e con i nostri tempi.  Io comunque amo mettere in scena storie anacronistiche, ma soprattutto sono stato attratto da personaggi stravaganti e malvagi, ma in questo caso anche molto divertenti. La caratteristica che da sempre amo nella Austen è la materia sotto la superficie cioè la sua capacità di osservare con acutezza e ironia la natura umana.

Il film uscirà in 50 copie ed è distribuito da Academy Two.

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative