"Antichrist", di Lars von Trier

“Where are you”, anticristo di von Trier? Il regista persevera da Cannes 62 nel suo abituale accanimento sul sesso, solo per preparare uno pseudo porno e una pseudo violenza pensati con anni luce di anticipo, rovescio dell’emozione, là dove la provocazione, ormai quasi impossibile, richiederebbe una soglia minima di intelligenza. Restiamo, quindi e sempre, felici orfani di Friedkin

Dov’è l’anticristo di Lars von Trier? Solo una porta chiusa sul niente, finalmente aperta – dopo il montare dei vari rumors e il sapiente dosaggio delle anticipazioni – nella 62esima edizione del Festival di Cannes. E siamo tutti orfani di Friedkin, di quella meravigliosa capacità di non mostrare il Male, di quel lungimirante rispetto per la paura che fanno ancora chiudere lo stomaco se si ripensa alla relazione tra diavolo e invisibilità messa in scena dal regista nel lontano 1973. Siamo orfani di Friedkin, col bisogno di guardare in faccia l’anticristo. Ci ritroviamo davanti a una serie di simboli sparsi (la piramide, il corvo, la volpe, gli alberi del male, “la natura è la chiesa di satana”), di fotogrammi della nuca dei protagonisti, di istantanee d’orrore subliminale e di filosofie spicciole: il male è dentro, il male è sopraffazione, chi dà la vita dà anche la morte. Peccato che i riferimenti siano arcinoti (qualcuno ha già vinto la Palma d’oro fotografando l’inconoscibilità dell’animo umano attraverso la nuca dei suoi protagonisti; per non parlare della versione integrale dell’Esorcista), altrimenti non avremmo mai capito, senza von Trier, questi aspetti fondamentali della natura umana…
Chissà se sarebbe andata meglio se, invece di impuntarsi sul più bieco voyeurismo che presuppone nel suo pubblico, von Trier avesse mantenuto il film su quel registro psicologico che rende Antichrist interessante per un attimo, nella parte iniziale, quando “lui”, psicologo, decide di aiutare “lei” (sua compagna, con un figlio in comune appena morto) con una terapia. Diverse piste aperte in quel punto avrebbero potuto portare il film nella dimensione sospesa tra passionale e mentale, amore e odio, cura e crudeltà. Una declinazione nera del doppio rapporto marito-moglie/medico-paziente. Poteva essere interessante. Ma von Trier preferisce il suo abituale, rinsecchito accanimento sul sesso, prosciugato di ogni passione possibile per la vita e per il cinema: un accanimento che serve solo a preparare le immagini di uno pseudo porno e di una pseudo violenza pensati con anni luce di anticipo, pensati solo per cercare di provocare là dove la provocazione diventa ogni giorno più difficile – nel mondo delle immagini – e richiede dunque una soglia minima di intelligenza, razionale ed emotiva. Nella migliore delle ipotesi, si tratta quindi dell’ennesimo tentativo gratuito di un regista che gode a sguazzare in un finto male, in una triade dolore-angoscia-disperazione falsa come le statuine del penoso prologo del film, che gode a fare male a quella frangia di pubblico masochista che esplode in grida di giubilo sui titoli di coda. Ma è un tentativo di provocazione – perdonate l’aggettivo così semplice – stupido, senza pensiero se non quello di colpire lo spettatore passando sempre per la strada più semplice, con immagini troppo pensate che non hanno l’effetto voluto, piuttosto fanno ridere (con la battuta “chaos reigns” von Trier è riuscito nel miracolo di superare la comicità involontaria del leone parlante nelle Cronache di Narnia). Fortunatamente il pericolo che la coscienza avverte (avendo comunque in mano un mestiere, von Trier è capace di costringere lo sguardo fino alla fine) svanisce, come il film, dopo poche ore. Possono restare – purtroppo, per due attori di talento – solo la capacità di Charlotte Gainsbourg di assumere le sembianze di una bambina, e l’intensità magnetica del volto scavato di Willem Defoe. Se von Trier fosse davvero misogino (se anche questo non fosse un altro tentato sollevamento di parole da spendere sul film, con radici sempre, altrettanto false), anche il pubblico femminile si sarebbe divertito di più. “Where are you”, anticristo di von Trier? Solo una porta aperta sul niente, che per fortuna si richiude subito. Persino Tarkovskij, più che rivoltarsi nella tomba, starà ancora ridendo.

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Regia: Lars Von Trier
Interpreti: Willem Dafoe, Charlotte Gainsbourg
Distribuzione: Key films
Durata: 100’
Origine: Danimarca, Germania, Francia, Italia, Svezia, Polonia, 2009

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7


8 commenti

  • Avatar

    Oh, che Dio vi abbia in gloria! Il mio intelletto fremeva di impazienza, quella sublime impazienza che reclama giustizia dentro un universo culturale dominato dal reality-sciatteria.<br />Soprattutto quell'incauto riferimento a Tarkovskij mi creava un dolore incommensurabile. Sto scrivendo un libro-finzione sul Cinema di poesia (se ancor così si può chiamare!…) e Tarkovskij vi compare come l'Unico che sia riuscito a… eccetera. ("Solo uno ce l'ha fatta!", diceva di lui un suo grande contemporaneo come K.K.)… Quindi: grazie! Posso ora "vegliare" con maggior sollievo.

  • the_big_bertoski
    Avatar

    Il film, più che del male, parla di misoginia. E della complessa natura di una donna sopraffatta dal dolore. La protagonista va infatti rapportata ad altre due "eroine" del cinema di Von Trier, Bess (le onde del destino) e Selma (dancer in the dark), le quali diventano simbolo di un amore profondamente cristiano che si manifesta con il sacrifico più alto di tutti, la propria morte. Ed ecco il senso del titolo del film, la protagonista è incapace di amare, sprofonda nel suo dolore e distrugge se stessa e l'uomo che le sta accanto. L'anticristo non è satana o il male, ma l'assenza d'amore nel cuore degli uomini e delle donne.

  • Avatar

    Ma vogliamo dire una volta e per sempre che Von Trier è un bluff, il più grande bidone della (presunta) cinefilia contemporanea?

  • Avatar

    Il mio commento è: meglio che non vi commento.<br /><br /><br />

  • Avatar

    deficere, dal latino

  • Avatar

    che commenti sono? se volete comunicare con gli altri lettori, indipendentemente dal giudizio sul film, fatelo con le vostre opinioni, non con frasi inutili e sibilline. A che servono? Qualcuno dice che il film è bello, altri che e' un bluff. Dite la vostra anche voi, possibile che si debba usare la grande risorsa del commento dei lettori così? A me Von Trier non piace, ma avrei piacere a consocere le motivazioni dei suoi sostenitori, non laconici commenti inutili. grazie.

  • Avatar

    Meno male che ci sono persone che capiscono cosa vuol dire 'commentare' e, incredibile, rispettano le opinioni degli altri anche se contrarie alle proprie! Incredibile: invece ci sono persone che non sanno cosa vuol dire 'argomentare'…

  • Michele Centini
    Avatar

    L'ho visto finalmente, dopo due anni di titubanza, reticenze varie, ho detto perché no? Un po' per disintossicarmi dal lerciume italiano, l'ultima Strega di Von Trier rimette quasi in vita. Un uso del digitale da far spavento, quasi pittorico della Phantom Hd e della Red One. Il percorso estetico operato da Von Trier è del tutto coerente al suo cinema precedente. In questo epocale Anitchrist ho visto echi dal primo Lynch. Antichrist non è affatto un film depressivo, e "non attacca la depressione", semmai è un film opprimente, è un horror sapiente e addirittura abbastanza divertente. Mai un film di Von Trier era stato tanto bello esteticamente. Forse è la prima volta. L'ossessione formalista di Antichrist va insieme con quella di un altro horror come Black Swan di Aronofsky. Avevo paura di vederlo l'ultimo film di Von Trier, invece è un monumento cinematografico, una cattedrale di immagini purissime e devastanti. Un film pieno zeppo di invenzioni visive.