Arriva il vero cinepanettone. Parenti, De Sica & Co. e le loro Vacanze ai Caraibi

Sono passati quattro anni dall’ultimo puro ‘cinepanettone’ Vacanze di Natale a Cortina. “Poi De Laurentiis ha pensato che i costi di questi film fossero troppo alti rispetto ai ricavi. Per questo il vero cinepanettone si è interrotto”, puntualizza Neri Parenti.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Stavolta a produrre è la Wildside che uscirà in circa 600 copie mercoledì 16 distribuito da Medusa. E a presentarlo al Cinema Adriano di Roma, oltre al regista, c’è anche tutta la squadra: Christian De Sica, Massimo Ghini, Angela Finocchiaro, Dario Bandiera, Ilaria Spada e Luca Argentero. E a lui si aggiungono anche Fausto Brizzi e Marco Martani, che hanno scritto alcuni dei film di maggior successo e che tornano a collaborare entrambi con Parenti in un cinepanettone dopo quasi 10 anni; l’ultimo film di Natale che avevano scritto insieme è stato Natale a New York.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

christian de sica e massimo ghini in vacanze ai caraibiE Parenti si sofferma subito sul rinnovato sodalizio: “Come Spielberg e Lucas si incontrano ad Hollywood, io mi sono incontrato con Fausto e Marco in un bar di Prati per riformare la vecchia squadra”. E Martani aggiunge: “E’ bellissimo e faticoso tornare sul luogo del delitto. Non smetto mai di imparare da Neri”. E Brizzi si accoda: “Era un gruppo che voleva tornare a lavorare insieme”.

Intanto un microfono è disturbato dalle interferenze di un telefonino. Tutti gli occhi vanno su Dario Bandiera che nel film è un catanese che vive solo di smartphone, tablet e app.

Poi interviene De Sica: “Erano due anni che non facevo un film di Natale. Quindi quando me l’hanno chiesto ho detto subito di sì. Per l’occasione Massimo (Ghini) si è fatta bionda per me. Come Rhonda Fleming”.

luca argentero e ilaria spada in vacanze ai caraibiLa concorrenza al box office sarà spietata. E l’attore lo sa. E quindi azzarda una battuta: “Speriamo che il film di Lillo & Greg vada male. No, scherzo, loro sono amici. Speriamo che tutti i film italiani vadano bene”. Il nemico numero 1 è quindi Star Wars ma un outsider potrebbe essere anche Il ponte delle spie di Spielberg. Poi lancia un’altra stoccata: “Ultimamente ho avuto l’impressione che gli attori comici avessero paura di far ridere”. Infine sottolinea l’importanza dei film di Natale: “Se li vedi tutti insieme, ti accorgi che disegnano un po’ la storia del nostro paese. Cosa che molti film autoriali non sono riusciti a fare”

E a questo punto il ‘biondo’ Ghini (“nasco biondo, figlio di un biondo e una rossa”) rivela un aneddoto: “Una volta Liliana Cavani mi ha detto che avevo una grande responsabilità perché i cinepanettoni la facevano ridere”.

Per Luca Argentero si tratta di una prima volta: “E l’ho vissuta con lusinga e con terrore”. E mentre Dario Bandiera parla ancora del suo primo film della serie, Vacanze di Natale a Cortina, aggiungendo che ai Caraibi “ha piovuto tutto il tempo e Neri ha girato come se ci fosse il sole” e poi che “era bellissimo guidare ubriachi”, Angela Finocchiaro ha rivelato che “è stata una telefonata di Christian che mi ha convinto a fare questo film”.

Ilaria Spada ifine racconta Neri Parenti sul set: “E’ instancabile. Non si siede mai. Non ti molla. E’ a metà tra un grande professionista e uno psicopatico. Scherzo, è un grande conoscitore della comicità”.

La strada del ritorno del cinepanettone è stata segnata. Ora la parola al botteghino.